Zena Strìa : incantati da Genova

Elis@Provinciali –

Ninetto Durante non ha bisogno di presentazioni, il suo talento a tutto tondo, circonda ed impreziosisce Pra’ e non solo: pittore, scrittore, fotografo cantautore e musicista. La sua ultima fatica, il cd “Zena Strìa”, realizzato lo scorso anno, ritorna a concludere la stagione estiva a Villa de’ Mari, con un grande successo, perchè rappresenta un’opera matura ed ispirata, e si avvale della collaborazione della corale “..E danzando canteranno”, un valore aggiunto, per la delicata fusione tra il solista maschile e le vocalist femminili.

Ci racconta l’autore che questo progetto, a partire dal titolo, da interpretare come una dedica d’amore alla nostra città, <che ammalia, avvolge nel suo fascino e non si fa dimenticare, una strega bellissima>, era nel cassetto da tempo, ed anzi il materiale (le nuove canzoni ) era ridondante, quindi queste che abbiamo ascoltato sono il frutto di una selezione.

Il nuovo cd è composto da 12 brani inediti registrati dal vivo che catturano l’attenzione anche di chi il genovese non lo conosce. Il titolo accattivante , che incuriosisce e rievoca <una Genova magica, misteriosa e superba amata da poeti, pittori, scrittori e musicisti come Goldoni, Byron , Wilde, Nietzsche, Rubens e molti altri ancora>, è il primo brano, colmo di struggente innamoramento. Segue “Questu nostro Amu” e “Nostalgia”, in cui altri sentimenti scaturiscono dalle note. “In sciu tramway”, col quale Ninetto bambino andava tutte le mattine a scuola al Don Bosco, insieme agli operai diretti all’Italsider di Cornigliano, è la quotidianità, il senso del viaggio attraverso i quartieri, e la gioia del ritorno, dove a casa la famiglia lo accoglie. Sensazioni semplici, in cui riconoscersi.

In una traccia dedicata al padre, scomparso troppo presto, “E mi papà”, e in “Tempo perso”, che rievoca l’amico Tony, musicista e componenti degli “Aedi”, storica band e prima esperienza di Durante ragazzo, le ispirazioni sono più intime e personali…ma sempre coinvolgenti per l’ascoltatore.

Abbiamo la sorpresa di scoprire inedite musicalità, collegate al tango ed alla danza, con “Viouvetta” e “Innamoame staseja”, cui le voci delle cantanti danno veramente un apporto significativo, ribadito nel brano che chiude il cd, “Ave Maria”. Dice l’autore. < Ho voluto inserire una traccia che rimanda immediatamente al repertorio della Corale, molto spesso incentrato su brani di preghiera e musica sacra,con gran frequenza proposti dalle “…E danzando canteranno”, durante le liturgie religiose. Sono lieto di questa collaborazione, ci siamo esibiti molte volte insieme, abbiamo registrato il cd natalizio “Ti chinni- zu- da e stelle” ed ora, abbiamo realizzato questo disco, il cui ricavato viene devoluto a scopi benefici, sul territorio. Esso si può acquistare al costo di 10 euro partecipando alle nostre serate….La prossima sarà questo mese, sabato 29, in piazza de Cristoforis a Pra’, nell’ambito di un’iniziativa socio culturale per il nostro territorio, con la partecipazione del Civ e del Municipio 7Ponente.> Si può dire che con questa raccolta, celebriamo l’amore in tutte le sfumature? < Beh , si, certo, ma anche un tributo alle nostre tradizioni, ed alla canzone d’autore genovese, sempre un po’ intrisa di malinconia e spesso, nostalgica.>

La lingua genovese non ha segreti per Ninetto Durante, ed egli riesce a modellarla artisticamente, per donarci emozioni sempre nuove. A lui dobbiamo l’inno di Pra’, tantissime presenze agli eventi della nostra terra, compreso il suo ruolo di docente in Genovese, per gli iscritti al Centro Universitario Ponente.

Veniamo adesso all’altra metà del cielo, la parte femminile di “Zena Strìa”. La corale “…E danzando canteranno”, versetto del salmo 86, nasce nel 2008, dapprima come accompagnamento liturgico nella parrocchia di N.S. Assunta, da un gruppo di amiche appassionate, che ben presto espandono il proprio repertorio,dalle musiche di Gen Rosso e Verde, alle piu’ complesse sonorita’ degli Spirituals e Gospel di stampo anglosassone, ovvero una proposta alternativa nell’ambito della musica religiosa. In una recente intervista per un’autorevole testata online genovese, sono state definite le “Sister Act” in versione genovese e laica….Ed infatti, le otto cantanti, durante la Messa domenicale, aggregano ed animano anche altri elementi, i giovani dell’ACR, alcune fedeli appassionate, l’assemblea stessa. Proprio come nel genere musicale citato, che spontaneamente si presta a coinvolgere l pubblico ad unirsi nel canto, vissuto come preghiera comunitaria.

D’estate, la corale cambia repertorio e nelle frequenti serate e feste patronali sul territorio, adotta una serie nutrita di cover pop-rock e revival di musica anni 70 e 80 (senza dimenticare di esibirsi sempre in lungo, anche l’occhio vuole la sua parte….) Eseguono anche canzoni dedicato alle cerimonie matrimoniali, oltre a tutta la serie delle melodie in genovese, insomma si tratta di un gruppo estremamente versatile, pur avendo una propria fisionomia peculiare. In primis, solo voci femminile, e quindi, ci racconta Piera Canale, la coordinatrice <dobbiamo adattare le nostre tonalità vocali e gli spartiti anche di brani che prevedono voci miste : Angela De Luca, contralto, Rita Pezzi soprano, Cristina Timesto contralto, come Federica Lombardo. Gabriella Patrone è soprano, Lina Sabatino contralto Giuliana Marrocco soprano, ma a volte eseguiamo le parti dei bassi e tenori. Io ad esempio ho un’estensione molto ampia, da contralto a soprano, ma spesso preferisco muovermi nell’arco del mezzosoprano, ad ognuna la parte viene attribuita secondo la personale vocalità. Cerchiamo di ottenere un amalgama di voci ed armonioso.>

Sicuramente, ci riuscite! Tuttavia, per la parte tecnica e per la direzione, la Corale non è del tutto sola, fino al 2016 Luca Sorbara, musicista della Banda Colombi di Prà, ha armonizzato i brani, poi a settembre 2017 <abbiamo coinvolto un musicista dilettante, come tutte noi, Fabrizio Ridolfi, che suona diversi strumenti, tra i quali la batteria e le percussioni. In questo momento ci sta aiutando a preparare i nuovi brani per il prossimo concerto di Natale. Sono brani “a cappella”, accompagnati dalle percussioni, o dalla tastiera.>

Ed ora, questa collaborazione con Ninetto Durante, come nasce? <Nel 2013 abbiamo iniziato, con lui, a proporre brani in lingua genovese per solista e coro femminile, abbiamo inciso un cd di Natale intitolato “Ti chinn-i zù da-e stelle” che raccoglie undici brani tradizionali reinterpretati in lingua genovese ed un brano in Italiano – “Nasce da una stella”. A novembre 2017 è uscito appunto “Zena Strìa”, anche qui un brano in italiano, un’Ave Maria, scritta dall’autore , per il rinnovo dell’atto di consacrazione alla Madonna Madre e Regina di Genova. Dal 2013 abbiamo fatto molti concerti di Natale vendendo il relativo cd, adesso speriamo di continuare a diffondere questo secondo, attraverso i concerti in programma, ciò ci consente di coprire le spese e di contribuire in opere di bene nell’ambito parrocchiale e non solo. Abbiamo nel cassetto il sogno di realizzare una raccolta tutta nostra, progetto ambizioso, ma non ci manca la tenacia…>

E’ sempre positivo parlare con questi nostri artisti, cui ci lega un’attenzione speciale, perchè ci sono molto vicini, e durante le loro esibizioni, tanto Nino che le ragazze del Coro, smuovono in noi ascoltatori sentimenti di identificazione e gioia. I migliori auguri di continuare nel successo di pubblico, sorretti dalla loro profonda ed autentica passione.

8 Comments

  1. Bellissimo articolo! Grazie ad Elisa che segue sempre con entusiasmo tutti gli eventi che riguardano il nostro borgo di Palmaro /Pra.

  2. La passione
    muove il mondo…personalmente, ammiro e stimo i musicisti, ho persino provato a prendere lezioni di chitarra, ma sono troppo “digiuna”, fatica improba.
    Invece, per quanto riguarda la Corale, le ragazze sono fantastiche, mi piace ricordare che ho cantato con Rita negli anni 80, “Miosotys” si chiamava il gruppo, ed anche noi esordimmo con la musica sacra (Haendel e molti altri), rigorosamente su spartito, ma avevamo anche le voci maschili ed eravamo piu’ numerosi.
    Il parroco era l’indimenticato Don Gianni Borzone, ed i maestri Causa e Carlevaro, eccezionali e tanto diversi fisicamente, quanto concordi nell’accuratezza di direzione. Anche noi facevamo brevi sortite nei paesi vicini, seguite dagli imancabili pranzi sociali…bei tempi!

  3. Ninetto sei un grande! Ti stimo da sempre con ammirazione sincera e leale amicizia.
    Hai un cuore nobile e una mente intuitiva e ricca di fantasia.
    Sei una risorsa per tutti e un vanto per Pra’.
    Non mi piacciono le smancerie, lo sai: sono sincero.
    Un fraterno abbraccio

    • Grazie Francesco, ho sempre sostenuto che i complimenti, quando li ricevi, rappresentano la vera gratificazione del tuo lavoro e del tuo impegno, quindi, i tuoi, molto bene accetti e qualificati,… me li prendo tutti e me li metto in tasca! E approfitto dell’occasione per sottolineare quanto importante per me sia stata la collaborazione con il gruppo del coro “…e danzando canteranno” (tutte ragazze, rigorosamente! E allora come non si può essere contenti!?) senza le quali forse, ma togliamo pure il forse, i miei ultimi CD (il natalizio in lingua genovese “Ti chinn-i zù da-e stelle” e l’ultimo, oggetto dell’articolo, “Zena stria”) non sarebbero andati a buon fine. Ed è nelle nostre intenzioni continuare su questa falsariga per realizzare, sempre che il Buon Dio me ne conceda il tempo (a 70 anni suonati è lecito pensarlo), ulteriori sogni nel cassetto. E un sentito grazie a Elisa che ha redatto, con consumata professionalità, gli articoli che mi/ci riguardano, un vero toccasana per nuovi stimoli e nuovi traguardi da raggiungere.

      • Grazie a Te, Ninetto. Sei una persona da cui c’è sempre da imparare.
        La tua “sapientia cordis” (che traduco con “bontà dell’animo”) se mi permetti è un esempio per tutti coloro che ti conoscono e ti stimano. Io mi metto fra questi.

  4. Persone come Ninetto Durante ci aiutano a non perdere la nostra lingua e la nostra cultura. Bene fa il Civ a sostenere attività di questo tipo. Per confrontarci con gli altri dobbiamo prima di tutto conoscere noi stessi.

Rispondi a NINO DURANTE Annulla risposta

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*