20131119_082907_rid

Senso unico alternato è questo che i pedoni devono fare, volendo passare sul marciapiede, davanti al Municipio della nostra delegazione. Proprio davanti allo storico edificio, a causa della scalinata che porta ad esso, il marciapiede è ridotto ad una larghezza paragonabile, in modo un po’ estremo, a quella della fune di un funambolo. I pedoni che arrivano nei pressi della scalinata da direzioni opposte, solitamente si guardano fino a quando una delle due parti decide di fermarsi far passare l’altra e solo successivamente occupare lo stretto marciapiede. E dire che in quel tratto di via Sapello il marciapiede sarebbe largo e agevole per tutti.
Questo accade ai pedoni che, con fatica, comunque passano mentre le mamme con i passeggini e i disabili su sedia a rotelle sono costretti a cambiare marciapiede o a passare in mezzo alla strada. La beffa i disabili la subiscono in modo eclatante se, provenienti da levante, devono andare in Municipio. La scalinata del Municipio, infatti, ha il sollevatore per le sedie a rotelle sulla parte di ponente che per essere raggiunta da chi proviene da levante costringe a passare sullo stretto marciapiede o più semplicemente in mezzo alla strada.
Per risolvere il problema le soluzioni sono due: demolire la scala del municipio oppure allargare il marciapiede in corrispondenza della scalinata. Se la prima soluzione presenta dei problemi architettonici oltre che di  buon senso, la seconda comporta la “catastrofica” rinuncia a ben due o tre parcheggi che in una delegazione come la nostra in cui i parcheggi scarseggiano è un vero disastro.
La soluzione poi più interessante sarebbe stata quella di ripensare il pezzo di via durante la “ristrutturazione” della viabilità connessa con i POR per realizzare un prolungamento di Piazza Bignami fino al palazzo del Municipio restituendo ai cittadini un angolo di Pra’. Ad ogni modo pare impossibile che in una società dove tutti devono essere tutelati, messi a norma di legge, dove ci dicono che a noi Praini, per la nostra migliore qualità della vita, servono assolutamente quattro inutili corsie sull’Aurelia, nessuno dei nostri rappresentanti in Municipio pensi di allargare il marciapiede. Le persone d’altra parte pungolate da Supratutto dicono in modo schietto la loro e se non ardiscono pensare alla piazza tutti all’unisono lamentano il marciapiede. Francesca, giovane mamma  ci dice «abito in via Sapello e percorro la strada tutti i giorni, purtroppo questo non è l’unico punto in cui mi tocca effettuare un arduo percorso con il passeggino. Prima mi scontro con la maleducazione della gente che parcheggia in modo selvaggio e qui con il marciapiede microscopico. Solitamente passo in mezzo alla strada». La signora Ninni aggiunge «anche per gli adulti quando si passa con le borse della spesa è una scomodità notevole». Municipio se ci sei batti qualche volta un colpo!

Luca Cambiaso

Foto: Supra’tutto

 

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*