Via i container davanti alle case di Pra’-Palmaro…ed ora?

Elis@ Provinciali –

Quello che non avresti mai creduto potesse accadere, un bel giorno succede: dopo il sopralluogo del Difensore Civico, azione a lungo concordata tra Fondazione Primavera e Municipio, nel giro di poco tempo le pile incombenti sull’abitato hanno preso la strada della nuova area assegnata al Gruppo Spinelli, nella zona all’ estremo ponente del terrapieno portuale, all’incirca davanti all’ ex Verrina.

Un grosso passo in avanti, sopratutto in termini di maggiore luce ed ariosità all ‘avamporto, e per gli abitanti, un sollievo tangibile: le cataste di metallo provocavano persino aumento della temperatura, in estate, la loro movimentazione era fonte di inquinamento acustico insopportabile, e dal punto di vista paesaggistico, erano un indecoroso elemento industriale, un orizzonte difficilmente accettabile dai residenti, ed il segno di una servitù penalizzante.

Pra” mare Ottobre 2017

Ascoltando Niclo Calloni, presidente della Fondazione Primavera, certamente il risultato di vedere spostate le pile di containers di fronte a Palmaro c’è stato, ma se vado ad analizzare le dinamiche per cui è arrivato non posso essere completamente soddisfatto. Infatti questo spostmento non è venuto per una presa di coscienza delle parti coinvolte (PSA, Spinelli e Autorità Portuale) del disagio causato ai cittadini bensì da una necessità interna di disporre di quelle aree per loro interessi di utilizzo. Ricordo a tutti che se non ci fosse stato l’intervento risolutivo del Difensore Civico sollecitato dal Municipio con la Fondazione Primavera, il Comitato di Palmaro e altre associazioni del territorio, i terminalisti con la benedizione di Autorità di Sistema Portuale avrebbero occupato le nuove aree e non avrebbero spostato i containers davanti a Palmaro. Quindi quanto avvenuto deve essere di monito a tutti i Praesi (da Longarello a Cà Nuova) sulla necessità di essere uniti ( nella forma e nella sostanza) e coesi per dare maggior forza alle nostre richieste con la consapevolezza che tutto quanto ci spetta dovrà essere guadagnato con pazienza ed intelligenza.”

Dino Brigida, presidente del Borgo di Palmaro, sia personalmente, che a nome degli associati dichiara la propria “felice constatazione di questa spostamento: la nostra sede fronteggia proprio il district park,e la presenza delle alte pile di container era una costante fonte di disagio, sicuramente possiamo vedere un inizio positivo per la riqualificazione del sestiere…Parecchi soci avevano perso la speranza, hanno accolto l’ avvenimento con gioia e quasi increduli.

Davide Siviero, (Consorzio Associazioni per Villa de’ Mari), vede nello spostamento “ una cosa assolutamente positiva, ci auguriamo che cio’ sia il primo passo affinche’ i cittadini possano riconquistare quell’area davanti alle case che dovrebbe fungere da separazione col porto, ed essere convertita, con lo spostamento a mare delle ferrovia, in una passeggiata con fronte verde, come era gia’ previsto da decenni. Il sestiere di Palmaro non dispone, a parte Villa de’ Mari, di altre zone pubbliche di libera fruizione per i cittadini, ed Autorità Portuale dovrebbe farsi carico di finanziare opere di riqualificazione che compensino il disagio arrecato.

Roberto Di Somma, presidente del Comitato Palmaro, osserva che “sicuramente l’impatto visivo è un elemento fortemente migliorato, inoltre i cittadini lamentavano che le pile di containers impedivano del tutto, soprattutto alla sera, il ricambio della brezza dal mare, provocando afa notturna ed aria torrida ferma sull’abitato. Ora ciò non si verificherà più, ma nella zone prospicenti il nuovo district di Spinelli, dove i containers sono posizionati anche al sesto tiro, alcune abitazioni hanno definitivamente perso la vista mare, e mi pervengono molte lamentele relativamente agli assordanti rumori, anche notturni, che si propagano verso l’alto, allarmi, cicalini, tonfi, motori accesi dei Tir in coda per accedere all’area portuale e quant’altro. Inoltre, davanti alla foce del Branega, sono iniziati i lavori per la posa in opera dei binari, senza aver cura di schermare con pannelli fonoassorbenti provvisori,come è stato fatto per La Spezia, ad esempio.”

Pra’ mare Maggio 2018

Insomma, se Atene piange, Sparta non ride, ovvero aleggia la preoccupazione che misure come questa possano rivelarsi la classica ”coperta troppo corta” ed i cittadini del sestiere piu’ penalizzato dal Porto, finchè non sarà posto allo studio un progetto di riqualificazione complessivo ed integrato in tutte le sue parti, continueranno a soffrire: recentemente, il Difensore Civico, in un incontro ristretto al presidente del Municipio Chiarotti, alcuni esponenti delle associazioni cittadine ed il dott. Canepa di Autorità Portuale, ha ammonito ed esortato al rispetto delle regole nella movimentazione , evitando se possibile gli orari notturni, e ponendo in essere ogni misura di contenimento del disagio. Da parte del Municipio, continua il pressing per ottenere il tavolo condiviso con gli “attori”coinvolti sul territorio e porto praese, in primis il grande assente, ovvero RFI (ferrovie), come già osservato e promesso dal Sindaco , la Regione , l’Osservatorio sanitario, i terminalisti, gli stessi rappresentanti degli abitanti di un paese lacerato, Autostrade, Asl, Aster. ovviamente , osserva Chiarotti, “di volta in volta si individuera’ la composizione del tavolo tecnico più idonea alle molteplici tematiche affrontate, ma credo che la presenza del Difensore Civico sarebbe una fondamentale garanzia.”

Ci troviamo di fronte ad un primo, importante tassello verso la riqualificazione, ma attendiamo tutti un forte segnale di continuità ed evoluzione. Da più voci, non si esclude il ricorso ad azioni dimostrative che diano visibilità e risonanza mediatica alle legittime istanze della gente, la cui tolleranza ha ormai raggiunto un preoccupante livello di guardia.

Il tempo dell’attesa è finito, occorre passare rapidamente all’azione, e continuare fino alla risoluzione definitiva del problema: ciò che è accaduto ed accade ogni giorno a Pra’ non è degno di una città che si dice Superba.

9 Comments

  1. Felicitazioni vivissime a quanti in prima persona si adoperano per la riqualifazione della nostra bella delegazione…con la speranza che altri praini si aggiungano alla cordata per una dignitosa e piacevole vivibilità della zona…

  2. Un primo passo è stato finalmente fatto, tanti altri sicuramente ce ne sono da fare.. Grazie alla fondazione, ai consorzi e alle associazioni che si sono battute egregiamente per ridare a Palmaro un po’ di vita!

  3. La strada è certamente ancora lunga…ma se non si inizia da qualche parte , non so può andare avanti!
    Con tutte le riserve del caso, meglio così.

  4. Sono assolutamente d’accordo riguardo alla consapevolezza che il lavoro da fare perché la vivibilità del nostro quartiere, in particolare, sia ancora tanto ma…Un primo passo è stato fatto Grazie all’impegno di tante persone che si danno da fare per il bene comune! Aspettiamo i prossimi miglioramenti…sperando di non dover attendere all’infinito!

  5. Un primo passo sarebbe stato rendere Palmaro migliore.ma questo nn è successo.i container sono stati spostati perché a LORO comodava cosi.almeno ora nell area fronte ex verrina i container
    possono tranquillamente arrivare fino al settimo tiro.sapete cosa succede quotidianamente in linea d aria davanti Villa DE MARI? Smistano tutte le merci in arrvo e partenza,svuotano e caricano i container,preparano pianali di ferro e li caricano sui camion che sostano e suonano senza tregua a quaksiasi ora,carrelli elevatori e muletti che fannole corse.NO GENTE QUESTA NN È RIQUALIFICAZIONE.questi x l ennesima volta ci hanno preso in giro.volete vedere dei filmati? Volete sentire la registrazione del rumore quotidiano?
    Assurdo.i primi passi si muovono in modo diverso.

  6. A ma senza l’opprimente catasta di contenitori che soffocava chi transitava lungo la strada sembra meno brutta, certamente in quel tratto bisogna chiedere lo spostamento verso sud della ferrovia almeno di un centinaio di metri. Che tutti i praesi e le persone sensibili al giusto rispetto degli abitanti unite non si arrendano allo sconforto. Incalzare il porto (Autorità portuale) e la ferrovia affinché riconoscano il sacrosanto diritto dei praini privati moltissimo.

  7. Un primo tassello è stato messo. Le cose si ottengono poco alla volta e la bacchettata magica non ce l’ha nessuno. Piccoli passi alla volta portano agli obiettivi prefissati. Grazie a chi si intere ssa per la nostra Palmaro e ricordiamoci che dobbiamo ancora fare molto.

  8. La mia mamma, che era persona molto saggia, mi diceva: “il poco si conta…” Si perché poco é meglio di niente! Ciò detto ricordiamoci sempre che siamo solo all’inizio e che nulla è ancora conquistato e soprattutto che, per raggiungere gli obiettivi che ci siamo proposti, occorre la mobilitazione e l’attenzione di tutti i cittadini di Pra’. La debolezza di Pra’ è la sua conformazione geografica, lunga e stretta, tale per cui è più difficile coltivare un’idea di comunità…piuttosto siamo tante piccole comunità quanti sono i nostri sestieri e allora tutte le piccole comunità, tutti i sestieri, devono farsi parte attiva per sostenere quella parte che ad oggi è la più danneggiata. Sosteniamo le associazioni e le loro iniziative, sosteniamo il nostro Municipio nel chiedere fermamente il Tavolo di Confronto. Sono pienamente d’accordo con chi sostiene che non è tollerabile vedere i container in sesto tiro, veri muri di metallo che nascondono il mare, così come non è tollerabile dover sopportare rumori “industriali” che giungono fino alle nostre finestre. Costruire qui un porto così vicino alle abitazioni è stata una scelta cieca e scellerata…ora dobbiamo ottenere almeno il rispetto della reciproca convivenza. Il Difensore Civico sarà una figura fondamentale… E se non basterà cercheremo altre strade e altre forme per farci ascoltare!

Rispondi a Ariel Annulla risposta

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*