Via anche il vespasiano di via S.S. Trinità

Il Pra’lmarium continua a dare risultati

PRA' - Il vespasiano di via SS Trinità in demolizione

Velocifero –

Dopo l’obbrobriosa gabbia di via Pra’, quella di fronte a via NS Assunta, viene finalmente rimossa anche l’altra indecorosa presenza del vespasiano automatico di via della S.S. Trinità, quello piazzato proprio di fianco all’ingresso del Cimitero Storico di Pra’. Era un vespasiano elettrico, di quelli “a monetina”, ed aveva sostituito quello antico “tradizionale” ma, come quello dei giardini Capponi, sempre a Pra’, non aveva riscosso simpatia tra i potenziali utenti, che forse temevano di rimanere chiusi dentro in caso di guasto, ed era rimasto inutilizzato per decenni. Inserito anch’esso tra i punti del Pra’lmarium per la riqualificazione e valorizzazione del Sestiere di Pra’ – Palmaro, è stato demolito e rimosso oggi, 20 gennaio, da una squadra di Aster inviata dal Vice-Sindaco Pietro Piciocchi, secondo quanto concordato con la FondAzione PRimA’vera in occasione di uno degli ultimi incontri per il Progetto “Ridiamo il mare a Pra’ – Palmaro”. «Ringrazio Pietro Piciocchi per aver mantenuto anche questa promessa. Un altro tassello va così al suo posto nel percorso di riqualificazione del sestiere praese su cui da circa tre anni la FondAzione sta concentrando attenzione e sforzi. ha dichiarato Guido Barbazza, Presidente Onorario della FondAzione PRimA’vera – Nell’ambito del Tavolo Tecnico per Pra’ – Palmaro, il Pra’lmarium, abbiamo deciso di agire in parallelo, cioè oltre che sulle tematiche strategiche ed importanti, come lo spostamento a mare del tratto ferroviario, anche su questioni apparentemente di secondaria importanza come la gabbia ed il vespasiano per mantenere “in moto” in modo continuo e tangibile il processo di rinascita avviato. Per dare fiducia ai cittadini per credere che anche le cose grandi e strategiche come il prolungamento del POR Pra’ – Marina, le dune alberate, la passeggiata con la lama d’acqua, la ristrutturazione di Villa De Mari, la fermata ferroviaria di Pra’ – Palmaro diventeranno realtà. Il Pra’lmarium, anche grazie alla sua istituzione formale da parte dell’Assessore Francesco Maresca, sta dimostrando sempre di più di essere lo strumento giusto, in grado di far finalmente succedere quello che i cittadini aspettano da decenni». Maresca ha dichiarato: «La riqualificazione di Pra’- Palmaro parte da un’azione sinergica dell’amministrazione comunale genovese. Con il Vice Sindaco Piciocchi ci siamo subito trovati in grande sintonia nella riqualificazione del sestiere praese. Da parte mia massimo impegno nell’aspetto portuale cittadino, quindi anche per gli aspetti che riguardano il Bacino Portuale di Pra’».

PRA’ – Si demolisce il vespasiano sullo sfondo la chiesa di NS Assunta

11 Comments

  1. Il prossimo step deve essere riqualificazione via alla chiesa il lungo fiume e marciapide lato monte come da progetto ovvero l anello intorno alla chiesa visto che non necessita di nessun intervento che ne possa ostacolare la realizzazione

  2. Finalmente un altro tassello va al suo posto lungo il percorso di riqualificazione di Pra’-Palmaro. Il PRA’LMARIUM si conferma come tavolo efficace. Adesso speriamo di vedere presto una dignitosa sistemazione delle strade intorno all’antica Pieve di N.S.ASSUNTA, poi una Villa De Mari che possa finalmente essere decorosa e ben visibile anche dall’esterno, un’oasi verde in mezzo alle case.
    Il progetto più importante, “Ridiamo il mare a Pra’Palmaro”, avrà ovviamente tempi più lunghi perché coinvolge troppi GIGANTI (RFI, AUTOSTRADE, AUTORITÀ DI SISTEMA PORTUALE) ma la determinazione dei cittadini praesi riuniti nel PRA’LMARIUM è grande e confido che anche questo obiettivo sarà raggiunto.

  3. Io sono un po anziana e mezza orba ma ci vedo proprio bene anche senza le bariccole che da quando c’è il pralmarium sta succedendo quello che qui aspettiamo da anni e ci hanno sempre preso in giro, quello che è scritto in questo articolo è verissimo. Ragazzi andate avanti e per favore vi prego non vi scoraggiate tenete duro abbiamo tanto bisogno di voi qui.

  4. Caro Mauro, sono perfettamente d’accordo con te. Nella riunione di lunedi scorso con il Comune per partecipare al Bando Interministeriale per Pra’ – Palmaro abbiamo chiesto in modo specifico di inserire proprio la riqualificazione delle vie semi-pedonali del Borgo Storico (via della SS Trinità, piazza Palmaro, via NS Assunta) nel primo lotto del progetto. Il punto è previsto nel progetto “Ridiamo il mare a Pra’-Palmaro” che abbiamo consegnato al Comune come input. L’impostazione ovviamente non è quella dell’ “asfalto bianco” ma di pavimentazioni in pietra come fatto nel centro di Pra’ in piazza Sciesa e via Fusinato, con l’aggiunta di mattoni pieni a centro carreggiata e decori con pietre di mare. Incrociamo le dita e continuiamo a lavorarci su. Noi non molliamo. Mai.

  5. Un doveroso grazie va anche al Comitato di Palmaro che da tanto tempo ne sollecitava la rimozione assieme all orribile gabbia di via Pra tolta qualche mese fa. Ora attendiamo anche la riqualificazione di via Pra’ in stile POR e di N.S Assunta tramite una ripavimentazione in mattoni e blocchetti di porfido , degna della ns importante e storica chiesa.

  6. Finalmente potrò passare in piazza Palmaro coi nipotini senza quel mostro di aggeggio. Evviva i praini che sanno darsi da fare col giusto impegno. Leggo sempre Supratutto che informandomi mi fa vedere un futuro di grandi cambiamenti migliorativi.

  7. Sono anni ma cosa dico anche decenni che noi cittadini chiediamo di togliere il brutto vespasiano scassato, lo aveva chiesto il municipio che però non ha combinato niente poi un po’ di tempo fa ne ha parlato anche il comitato palmaro ma bisogna riconoscere che la fondazione ci è riuscita sul serio. Grazie

  8. Era davvero un orrore indecoroso, ad offuscare la bellezza antica di una piazzetta presso la Chiesa Matrice Santa Maria Assunta…e siamo grati al Pra’lmarium che ha posto la parola fine, dopo che in tanti ci avevano provato inutilmente! Adesso, come ricordano Mauro e Guido, la riqualificazione, come previsto, si estenda all’intero compendio del nucleo storico nel sestiere, attorno alla Pieve: cimitero, sagrato, via lungo il Branega ecc.ra, in modo che il tutto sia armoniosamente all’altezza.

  9. Complimenti! altro successo del tavolo Pralmarium!! Finalmente si è trovata la giusta collaborazione con le istituzioni.Questo è l’esempio di quando si uniscono le forze e tutta la comunità ne beneficia… anche chi non collabora disinteressandosi completamente della cosa pubblica, e chi sa solo criticare.

Rispondi a Guido Barbazza Annulla risposta

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*