L'autostrada a Pra' e il bunker
Il nuovo ponte sul rio San Pietro in via Pra’

La rimozione dei grigliati che delimitavano la zona di lavoro per la costruzione del nuovo ponte stradale sul rio San Pietro e l’asfaltatura della sede stradale sta rivelando quanto ampia ed imponente risulterà la sede stradale della nuova via Pra’ come previsto dalla sciagurata revisione del progetto P.O.R. che Comune e Municipio stanno testardamente portando avanti contro i desideri e le aspettative di riqualificazione dei cittadini. E’ ormai evidente come il P.O.R., se non ricondotto ai concetti iniziali, porterà una vera e propria autostrada che separerà, invece di ricongiungerla, Pra’ alla sua Fascia di Rispetto. Ciò in un tratto stradale che non ha mai presentato né code né ingorghi stradali, mentre la cosa avviene regolarmente a Pegli e a Voltri, dove però il Comune non prevede alcuna operazione “quattro corsie”. Resta comunque la totale mancanza di una chiara informazione ai cittadini su cosa e come si sta facendo e cosa si farà. Sulla futura  viabilità di via Prà è un vero mistero: il comandante dei vigili, Fantouzzo, ha trasmesso la sensazione che «pare che non sia più previsto ristabilire il doppio senso di marcia in via Cordanieri a fine lavori». Intanto la parte iniziale di via Cordanieri è stata asfaltata, pare provvisoriamente; con ciò il livello della sede stradale ha ora raggiunto quello del marciapiede, con pericolo di allagamento dei negozi in caso di forti piogge. Infine, circolano incredibili voci sul muro rettangolare di cemento armato che campeggia ora in mezzo alla strada, e già segnalato da “il Praino” come “bunker”, un vero orrore urbanistico che costituirà purtroppo, grande pericolo di gravi incidenti stradali. Pare sia uno “scolmatore” per il Rio San Pietro nel caso dovesse esondare, ma la cosa pare veramente incredibile in quanto, se ciò avvenisse, si inonderebbe proprio la sede stradale, e l’acqua, per la situazione di pendenze, andrebbe automaticamente ad allagare la via Cordanieri. Comunque, la totale mancanza di chiare, precise ed affidabili informazioni dirette ed ufficiali alla cittadinanza da parte del Municipio, e all’apparente incongruenza di quelle che circolano informalmente, la gente è sempre più preoccupata che i P.O.R., nati con il nobile ideale sottoscritto in soldoni dalla Unione Europea di risanare e valorizzare il litorale di Pra’, vengano maldestramente trasformati da Comune e Municipio in una “P.O.R.cata”.

Alfredo Ponte

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*