Una (ri)fondazione per Pra’ Viva

Guido Barbazza –

Come purtroppo noto, ormai da anni i cittadini di Pra’ assistono perplessi alle varie vicissitudini dell’associazione Pra’ Viva che tra conflitti interni, continue elezioni, successive repentine dimissioni di consigli direttivi e perduranti problematiche nella manutenzione degli spazi pubblici di competenza, sembra aver “perso la bussola”. La cosa preoccupa non poco in quel di Pra’, in considerazione del fatto che la Fascia di Rispetto, di cui Pra’ Viva ha la responsabilità, costituisce la contropartita ai cittadini locali per la perdita della loro bellissima spiaggia a seguito della costruzione del Bacino Portuale di Pra’, sulla quale si basano le sacrosante aspirazioni di miglioramento, sviluppo e rilancio del litorale della Delegazione nella visione di una “Pra’ Futura”, che ritorni ad essere bella, seppur in modo diverso, come la Pra’ di un tempo. Sembrano esserci tre chiare ragioni alla base del “naufragio” dell’associazione “della Fascia”: Primo: una realtà divenuta così grande e complessa è difficile da gestire completamente in modo dilettantistico e “dopolavorista” come ai tempi della sua fondazione, seppur con la massima buona volontà e sforzo da parte dei soggetti che si sono fino ad oggi alternati alla sua guida ed amministrazione, cosa che va riconosciuta ed apprezzata. Secondo: la sua natura di “associazione di associazioni”, stabilita nel passaggio da “Consorzio Pra’ Mare” ad “Associazione Pra’ Viva” presenta un modello di “governance” di difficile controllo e stabilità, visto che prevede l’elezione dei membri del Consiglio Direttivo da parte di tutti i soci di tutte le singole società che la compongono, che sono veramente tanti. Terzo: nella scrittura dello statuto di Pra’ Viva si sono quasi esclusivamente persi, nel senso che non sono stati sufficientemente e chiaramente scritti, elencati, e normati, i motivi della sua creazione e la sua missione, che risultano essere nella storia e nei fatti ben diversi e più complessi di quelli di una normale associazione sportiva o ricreativa. Le tre ragioni sopraelencate hanno condotto l’associazione nell’odierno “bailamme” in cui a volte prevalgono interessi e ragioni che sembra abbiano poco o niente a che fare con gli ideali dei fondatori, e che si potrebbero tradurre in un “tirare a campare”, con poca attenzione al mantenimento “al top” degli spazi comuni, minimale coinvolgimento ed interazione con la Delegazione e carenza di visione per portare “La fascia” ai livelli di eccellenza che meriterebbe. Ringraziando tutti coloro che hanno operato e si sono dati da fare per far nascere e sopravvivere Pra’ Viva, sembra oggi irrinunciabile ed improcrastinabile cambiare la rotta e ri-fondare, magari attraverso 3 mosse chiare: Uno: modificare la ragione sociale da “associazione” in una più idonea ad avere una governance efficace, ad esempio una “fondazione di comunità”, con un consiglio direttivo snello, composto da membri nominati dalle società storiche fondatrici, dalle società della nautica da diporto, dal Comune, dal Municipio e dalla Comunità Praese, utilizzando professionisti per la gestione e manutenzione della Fascia. Due: scrivere chiaro e tondo sullo statuto che la fondazione o qualsivoglia nuova forma (che potrebbe battezzarsi “Pra’ Marina” per sottolineare continuità ma anche allo stesso tempo discontinuità con le precedenti esperienze), esiste ed opera in quanto contropartita per la Delegazione di Pra’, che ha come obiettivo lo sviluppo ed il supporto delle attività sportive e ricreative, il mantenimento degli spazi assegnati ai più alti standard qualitativi, di avere particolare attenzione e garantire uno status speciale per i soci residenti a Pra’, di operare in favore della Delegazione di Pra’ con opere e contributi. Tre: riconoscere uno status speciale alle  società storiche che si sono opposte al degrado della discarica sulla spiaggia, sono rimaste e hanno tenuto duro nei momenti più difficili e sono state le forze propulsive determinanti per la creazione del Consorzio Pra’ Mare e della Fascia di Rispetto, ad esempio: S.M.S. Pescatori Pra’, G.S. Aragno, G.S. Speranza Pra’… E’ venuto il tempo che Pra’ Viva si guardi allo specchio (…ammettere i propri errori è bello…ci si ritrova sempre più forti…disse un tal Gandhi…) faccia autocritica e trovi il coraggio per cambiare, per ritornare alle origini, migliorarsi, innovarsi, spontaneamente, autonomamente, prima che si trovi obbligata a farlo con condizioni dettate da altri, in caso di definitivo fallimento o insanabile ingovernabilità, condizioni che potrebbero divergere, e non di poco, dagli interessi locali, da quelli dei propri associati e dalla sua missione storica. C’è da stare sicuri che un processo “ri-fondativo” di tale genere rigenererebbe la storica associazione praese, ricongiungendola alla sua gente e territorio di riferimento, quelli di Pra’, e la vedrebbe affettuosamente supportata dal Consiglio di Comunità Praese, in proattiva e sinergica collaborazione con Comune e Municipio.

20 Comments

  1. sono pienamente d’accordo con quanto detto sarebbe ora di cambiare e lasciare il posto a chi effettivamente cure gli interessi della nostra delegazione. Via tutti compresi glia attuali che si sono sempre fatti belli anche con il Sindaco ma che in realtà coprono interessi personali.
    Grazie Guido io sono con te

  2. Riflessione condivisibile in quasi tutti i suoi punti.
    Però il riconoscimento di uno status speciale dovrebbe essere per tutte quelle società storiche che, come citato nel punto TRE, hanno tenuto duro e sono state le forze propulsive determinanti per la creazione del Consorzio Prà Mare e della Fascia di Rispetto, e non solamente a tre di esse.
    Altrimenti si rischia di cadere da subito negli ” interessi e ragioni che hanno poco a che fare con gli ideali dei fondatori ” come giustamente riportato nella Riflessione.

    Pinuccio

  3. articolo equilibrato e chiaro che va alla radice del problema e che mi piace molto spero proprio che in Pràviva lo ascoltino e lo trasformino in pratica nell’interesse di tutta Prà e dei soci di praviva tutti

  4. Sono daccordo e spero che praviva cambi e si rinnovi sarebbe buono per tutti a partire dai praini fino anche a quelli di fuori che tengono la barca a Prà se salta praviva salteranno anche loro

  5. D’accordo al cento per cento. Tornare alle radici è sempre utile specialmente in questo caso. Prà ha tanto bisogno di una Fascia che si riunisce alla delegazione e diventa una cosa unica bellissima eccezionale di cui andare fieri, per il bene di noi praesi e di tutta Genova

  6. Sicuramente un cambiamento VERO sarebbe positivo, giù ad iniziare dal nome: ottimo Pra’ Marina o anche Pra’ Nuova…non ne so molto, ma stimo Guido per le sue visioni, e so che ha sinceramente a cuore il bene del nostro territorio, sul quali in troppo accampano diritti ed allungano le mani.
    Pertanto mi piace la società che prefigura, nei suoi obbiettivi e modalità operative… e spero che ci sia un effettivo miglioramento, soprattutto, da più parti si chiede, un’autentica TRASPARENZA!

    • Forse qualcuno ha bevuto una birra rossa a doppio malto!
      Quanti sproloqui!
      Tanto a Prà nessuno comanda su Prà. Ve lo ficcate in testa o no?

  7. In PràViva c’è più gente di fuori che gli interessa solo tenere la barca e spendere poco e di Prà non importa niente che cittadini di Prà. Attenzione ci può anche stare che ci siano tanti soci di fuori ma lor signori devono stare molto attenti a non tirare troppo la corda e fare saltare tutto perchè la conseguenza sarà che per le loro barche dovranno pagare il triplo o il quadruplo quindi farebbero meglio a capire PERCHE’ esiste Pràviva tenerla bene e fare qualcosa per Prà.

  8. Questa “Pra’ Viva” acefala e ritorta su se stessa, solo occupata a difendere interessi di cortile non ha più senso. Il canale di calma e la fascia di rispetto appartengono a Pra’ ed ai Praesi, basta con l’egemonia delle società della nautica, occorre nominare un commissario che gestisca la transizione è necessario riformulare un nuovo Statuto che (ri)porti Pra’ con i suoi abitanti e col suo territorio al centro dell’interesse e del bene comune, occorre uno statuto che esprima chiaramente questi concetti chiaramente e nelle votazioni del consiglio indichi che ogni società esprime un voto; ciascuna società conta uno. Occorre uscire dal ricatto, non è concepibile che le tre società storiche che si sono battute per ottenere e difendere la fascia di rispetto: G S Aragno, G S Speranza e SMS Pescatori debbano sottostare agli interessi privati di chi pensa di essere padrone di una realtà che appartiene a tutti.
    Questa Pra’ Viva non rappresenta più i valori per cui è stata fondata, non rappresenta più Pra’. Spero che tutti i Praini di buona volontà si adoperino per dare il Via alla RiFondazione

  9. Io che sono anziano ricordo che le società che avevano sedi degne di questo nome sulla spiaggia quando è iniziata la discarica erano proprio (da levante a ponente) Soxietà Mutuo Soccorso Pescatori, Speranza e Aragno. La SMS aveva la casa con la statua di San Pietro con il bar dal passaggio a livello, lo Speranza e l’Aragno avevano gli chalet di cemento fatti dai loro soci. Il resto erano bagni, scaletti e baracche di pescatori. Le tre società sono rimaste a fare attività sulla spiaggia diventata discarica e hanno evitato il peggio poi sono arrivate le altre società certo tutte le società devono avere pari dignità in Pra’Viva ma mi sembra anche giusto dare un occhio particolare per quelle che cerano sul serio sulla spiaggia con tanti soci e attività, non si toglie niente a nessuno si fa solo chiarezza

  10. Ho letto con attenzione il pezzo di Guido: è scritto “con il bilancino”, è equilibrato, non toglie niente a nessuno, anzi tratta Pra’Viva con affetto anche superiore a quello che si meriterebbe. Secondo me tratta anche troppo bene chi la Prà Viva l’amministra non benissimo. Sopra tutto fa chiarezza e individua BENE BENE i motivi del caos che porta a elezioni dimissioni rielezioni di consigli e liti fratellicide in continuazione senza uscire mai dal guado. Io che a Prà ci sono nata e ci tengo spero proprio che PràVIVA si RIFONDI.

  11. Finalmente una “PAROLA CHIARA”… è di chiarezza c’è parecchio bisogno, così come c’è bisogno di memoria… La Fascia e il Canale di Calma non sono piovuti dal cielo: sono il frutto di una lunga battaglia che noi cittadini praesi abbiamo combattuto insieme alle nostre storiche realtà associative legate alla nostra spiaggia… Ho usato volutamente più volte il termine ” nostro” perché è stata proprio la nostra compattezza, il nostro sentirci “insieme” a darci la forza di combattere per riuscire ad avere almeno una striscia di terra e di mare (…seppure un mare addomesticato…) che ci consentisse un minimo di respiro e per non perdere completamente le nostre radici.
    Per noi praini la Fascia è sacra e per me che ho sempre vissuto in simbiosi con il mare e la spiaggia, per me che continuo a dire “vado alla spiaggia” quando vado a passeggiare sulla banchina, la Fascia è un pezzo del mio cuore.
    Io, come tanti altri, ho aderito all’Associazione Pra’ Viva fin dal suo nascere e purtroppo ho dovuto prendere atto che questo strumento non ci ha consentito di attuare pienamente la sua missione. Guido chiarisce benissimo la situazione è suggerisce una soluzione che ci consentirebbe di realizzare finalmente ciò per cui la Fascia è stata concepita.
    Bene anche l’idea di cambiare il nome…Pra’ Marina va benissimo e segna un passo avanti, un cambiamento, un miglioramento.
    Attiviamoci tutti e facciamo in fretta perché la nostra Fascia fa davvero gola a molti e non vorrei davvero trovarmi, un giorno, a passeggiare “in casa d’altri”….!

  12. Ha ragione Maria Luisa, e Guido naturalmente; la Fascia per noi praini E’ SACRA. GIUSTO E SACROSANTO RIMETTERE AL CENTRO LE SOCIETA’ STORICHE CHE ERANO SULLA SPIAGGIA AI TEMPI DELLA DISCARICA E CHE HANNO FATTO SI CHE OGGI ESISTA una Pra’Viva.

  13. Difficile non trovarsi d’accordo con quanto scritto, spero che PRA’VIVA sopravviva e ritorni ad essere in sintonia con PRA’ e anche che le società storiche, che hanno soci di Pra’ e hanno a cuore Praà ritornano al centro di Pra’Viva.

  14. Grazie per l’articolo. Sono certo che la maggioranza dei oraesi non sia a conoscenza del fatto che i più importanti spazi pubblici siano gestiti da un’associazione. Non dal comune. Parchi,fascia, verde pubblico, passaggi e illuminazione pubblica.
    Trovo quindi non adeguato l’attuale sttauto che lrevede un consiglio eletto e votato dai soci delle associazioni e che quindo possono porre loro interessi prioritari sul servizio pubblico.
    Concordo con Guido sulla necessità di un cambio statutario per far fronte alle variate esigenze territoriali.

  15. La Fascia di Rispetto deve finalmente mostrare tutto il suo potenziale inespresso, non dimentichiamoci che, dopo il Porto Antico, a Pra’ abbiamo a disposizione uno dei più vasti spazi pedonali della nostra città, comprensivo di impianti sportivi di primissimo livello come la piscina, il campo da regata con il centro remiero, il campo da calcio e la pista di atletica con annesso skate park in via di realizzazione. Ogni giorno centinaia di ragazzi e bambini con le loro famiglie si recano da noi per praticare sport, come centinaia sono le persone che praticano footing o passeggiano lungo il canale, o passano il tempo nel Parco Dapelo. Ormai è difficile nascondersi dietro a un dito, la Fascia è una realtà nota agli occhi di tutti, realtà che deve guardare avanti, fermo restando le basi da cui è partita, per diventare finalmente un fiore all’occhiello che i Praini mostrino con orgoglio a tutti quelli che da fuori si ritrovano in Fascia a passare il proprio tempo libero o per via di qualche competizione sportiva. A mio parere abbiamo tutte le potenzialità per spostare a Pra’ il baricentro dell’offerta ludico /sportiva dell’intero comune di Genova, e la Regata delle Repubbliche Marinare ne è stata la più lampante dimostrazione. Che diventi una zona ben gestita che possa portare anche dei posti di lavoro con un ritorno anche economico dal quale ne benefici anche il nostro municipio. Mi auguro che in una futura gestione possano trovare spazio anche tutte quelle buone realtà associative di Pra’ che sono sorte in questi anni, che il Civ abbia finalmente più voce in capitolo, e che finalmente si riesca a lavorare in sinergia con i produttori di basilico affinché la Fascia diventi il teatro ideale di tutti quegli eventi che valorizzino e facciano conoscere il nostro territorio e la nostra gente con gli attori sopra citati. Ci sono veramente tutte le condizioni per poter finalmente vedere nascere una Pra’ Futura, speriamo si riesca ad arrivare una volta per tutte a un tavolo di confronto aperto e imparziale.

  16. Prà viva era viva, ora non più. Le Società devono rispettare i vincoli di pareggiamenti e di equity.
    Non si può pensare a sbilanciamenti. Dietro c’è sempre la politica, come trent’anni fa. Prà è diventata un contenitore per interessi estranei, ma non tutto è in vendita. Fascia, e tutto il resto sono dei Praesi.
    Rifondiamo tutto e riazzeriamo cariche e incarichi.
    Le società sono la gloria per Prà ma ci vuole management. Camminare su un pezzo di terra chiamata fascia di rispetto diventa una cosa così complicata?
    Ma cosa ci stanno a fare le istituzioni?
    Cosa conta il Municipio di Prà.
    E tutti i pareri e gli applausi sopra scritti sono più di compiacimento che di sostanza: gente che dice sempre sì e bravi a tutti.
    Siamo capaci a ripartire da zero o ricominciamo da tre anche noi come Troisi?
    Una volta parlavamo di pesci , a Prà. Ora parliamo di fogne e monnezza.
    Troppo difficile mettere insieme tre o quattro teste pensanti?

  17. Sono d’accordo con Elio. Come dice l’articolo bisogna rifondare. Forse non servirebbe neanche una fondazione ma basterebbe che i rappresentanti del consiglio di Pra’Viva fossero indicati delle società che sarebbero regolarmente eletti dalle loro associazioni più quelli di comune e municipio a cui come dice l’articolo andrebbe aggiunto un rappresentante della comunità di Pra’. Così sarebbero rappresentate tutte le società presenti sul territorio e non solo alcune a seconda di come vadano le votazioni.

  18. E’ vero che SMS Speranza e Aragno sono le società storiche ma a questo punto sarebbe difficile dare a loro uno “status” speciale però secondo me se con status si intende dedicarle attenzione speciale sarebbe una bella cosa anche perchè sono le società che sono rimaste con il maggior numero di soci di Prà e quindi più connesse con la delegazione

  19. La Regata delle Antiche Repubbliche Marinare ha calato definitivamente il velo sulle reali potenzialità della Fascia di Rispetto. Un cambio di passo nella gestione della Fascia deve avvenire quanto prima. La rifondazione di Pra’-Viva è necessaria per scolpire nello statuto la nuova “mission”, sgombrando il campo da logiche di gestione “da dopo lavoro”, facendo VIVERE la FASCIA come polo attrattivo 365 giorni l’anno e sbarrando la strada a possibili logiche di profitto che potrebbero essere attratte da uno spazio così appetibile.

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*