Una chiacchierata con Caterina Caviglia, “maestra Katia”.

Elis@ Provinciali –

Chissa’ quante generazioni di bambini praesi sono cresciuti nelle sue classi, alla elementare “Montanella”….sorridente, ma severa ed autorevole nell’insegnamento, anche adesso che e’ in pensione da anni, conserva quell’espressione di “ascolto”, che la rende empatica ed amabile, per fare una, non chiamiamola intervista, ma chiacchierata a 360°, e porgere, attraverso “SuPra’tutto”, un caldo saluto a Pra’, ed a tutti coloro (molti!) che la conoscono.

Katia, ci racconti come inizia la tua vita?

Sono nata al Castelluccio in una villa d’epoca, con due cancelli d’ ingresso , che apparteneva all’ Ilva ed era divisa in appartamenti. Lì ho trascorso un’ infanzia meravigliosa tra scorribande, giochi e avventure d’ ogni genere. In estate andavamo ai mitici “Bagni Castelluccio”e ricordo belle nuotate, gite in pattino e tuffi dal pontile. Nelle sere d’ estate non potevano mancare cene alla spiaggia: muscolate, melanzane ripiene e anguria a volontà.

E i tuoi antenati?

Le mie radici sono “praine” perché entrambi i miei genitori discendono da antiche famiglie praesi. Mio nonno paterno era falegname, molti mi dicono di avere una camera matrimoniale costruita da lui. Mia nonna materna era una Servetto , suo padre era conosciuto come “ U Giardiné “. Anche i parenti di mia mamma erano praini Doc . Molto conosciuto era mio zio” Tugnin”, “ mestru d ‘ascia”, che nel tempo libero riparava le barche dei pescatori . Indimenticabili sono le sue acciughe salate preparate nella “casetta” sulla spiaggia di Pra’. Ancora oggi ne ricordo il sapore. Mio padre, insieme ad alcuni amici, fondò l ‘ “Edera” e fu il suo primo presidente: era un grande appassionato di calcio.

Radici che affondano profondamente in una Pra’ ancora incontaminata, vero?

Si, certo, ma per un periodo, fino all’80, abitammo a Sestri, a Pegli, poi, finalmente in quell’anno, tornammo ad abitare a Pra’. Dal 1975 al 2005, per trent’ anni, ho insegnato, prima all’Assunta e poi alla Montanella . I miei alunni sono nati tra il 1969 è il 1994. Li ricordo tutti, soprattutto i loro visi e le loro voci di allora. Quando li incontro e fatico a riconoscerli, dico sempre:”Parla, così ti riconosco più facilmente”. Mi commuovo quando mi mandano foto del loro matrimonio o dei loro bambini o quando mi dicono:”Le cose fondamentali le ho imparate alle elementari ”.

Possiamo azzardare una cifra ipotetica: mi hai detto di aver completato sei cicli scolastici, ed essere stata per alcuni anni, tra le colleghe sperimentatrici del “Modulo”, dove hai lavorato su quattro classi…se moltiplichiamo per una media di 20 alunni per classe, abbiamo un bel numero a tre cifre di bimbe e bimbi: chissa’ quanti ricordi!

Certo Elisa, moltissimi, puoi immaginare…Anche con i genitori dei bambini, e quando casualmente ci incontriamo è come ritrovarci tra vecchi amici. Mi è anche capitato di condividere momenti di dolore che hanno coinvolto i miei alunni; mi è difficile dire ex alunni, per me sono e rimarranno i miei alunni. Nell’abbracciarli per partecipare la mia vicinanza spesso mi hanno detto: “So che saresti venuta”. Di rimando, ricordo che al funerale di mia mamma c’ era una dozzina di chierichetti, erano miei alunni, tutti schierati sull’altare. Il sacerdote mi disse: ”Tanti chierichetti a un funerale non li ho mai visti.” Altrettanto significativo è stato il rapporto con i colleghi . Con alcuni posso parlare di vera amicizia. I nuovi insegnanti che arrivavano dicevano che difficilmente nelle altre scuole avevano trovato un clima così sereno. Ancora oggi, a distanza di molti anni, troviamo occasioni per incontrarci e trascorrere alcune ore insieme.Per me quegli anni di scuola sono stati momenti molto belli, una parte importantissima della mia vita.

E adesso, Katia, che sei in pensione, com’e’ la tua vita?

Mi divido tra la mia casa di Via Taggia e Varazze, ma i ricordi nessuno te li puo’togliere, li porti sempre con te!

Certamente…spesso, in chi e’ stato molto attivo intellettualmente, subentra il desiderio, l’esigenza di mantenere vivi pensieri, parole e sentimenti, attraverso la scrittura creativa…

Beh, si , come tu sai, io amo particolarmente la poesia, mi esprimo con gioia in questo modo e partecipo, da svariati anni, a tutte le edizioni di “Giovani senza confini”, gara letteraria indetta a Varazze. Partecipo dal 2013, anno in cui ho vinto il primo premio. Ecco il mio “Palmares”

2013 “ SE FOSSI” 1° PREMIO e posizionamento della piastrella a CELLE

2014 ”PROFUMI DI LIGURIA” 6° PREMIO

2015 “A TE “ 9° PREMIO

2016 “UN POSTO PER ME “ 2° PREMIO

2017 “GOCCE DI RUGIADA “ 8° PREMIO

Complimenti, cara Katia, riportiamo per i lettori alcune tue liriche. Le trovo molto semplici nell’arrivare al cuore, ed intime…ti sei ispirata a sentimenti e stati d’animo personali?

Beh, direi che e’ evidente, sopratutto ad una collega difficilmente si puo’ nascondere la fonte dell’ispirazione!

Lasciamo parlare le tue composizioni. La mia scelta cade, ovviamente, sul primo premio, e sulle voci della nostra terra.

“PROFUMI DI LIGURIA”

Quando la vita ti porta lontano

e la nebbia ti avvolge pian piano,

ti senti persa senza il tuo mare

e vorresti subito scappare .

Ti mancano gli affetti più cari

anche gli amici sono rari.

Della tua terra non vedi i colori

non senti più i profumi dei fiori.

Se però chiudi gli occhi fiduciosa

ti trovi in collina tra la mimosa,

l’aspro odore ti consola

e così non ti senti più sola.

Puoi correre felice sui prati.

e cogliere fiori colorati,

o sfogliare una margherita

pensando all’amore della tua vita.

Fiori , profumi, odori

della tua terra amati colori.

La nebbia non li può sfumare,

perché il tuo cuore li sa conservare.

Il profumo dei tuoi fiori, Liguria mia,

tutto avvolge e ogni tristezza fugge via.

Un bell’augurio per tutti noi…quando ritorni a Pra’, come valuti i cambiamenti urbani degli ultimi anni?

Tali cambiamenti hanno migliorato la vivibilita’ del quartiere ed hanno contribuito a far riconquistare ai suoi abitanti il senso di appartenenza.

So che conosci ed apprezzi la Fondazione Primavera, ed anche che leggi regolarmente SuPra’Tutto. Dove lo reperisci?

SuPra’Tutto lo leggo online, ed anche se spesso sono fuori citta’, mi aiuta a rimanere sempre presente alla realta’ del territorio.

Cara Katia, in conclusione ti chiedo di formulare un auspicio, una tua speranza, per il futuro di Pra’ e di tutto il Ponente.

Pra’ com ‘ e’ nei nostri ricordi, profumo di salsedine, brezza marina e luci di lampare, non ce la potra’ ridare piu’ nessuno, ma penso, pero’ che grazie all’entusiasmo di molti suoi abitanti ed alla Fondazione, sara’ possibile continuare nell’opera di rinnovamento intrapresa con successo.

12 Comments

  1. Katia e’ stata anche una entusiasmante docente del Cup, il suo corso “Laboratorio teatrale”, molto seguito, e’ stato in alcuni casi, liberatorio dell’espressivita’ nascosta in ognuno di noi. Con lei, siamo ritornati bambini, giocando con i gesti, la voce, la postura.
    Divertentissimo!

  2. Maestra di mio figlio che non l’ha mai scordata e mia ex collega.Una bella persona che ha dato tanto ai suoi alunni. Ciao Katia!

  3. Bravissima Katia, mia “collega parallela di circolo”!!! Anche se in plessi diversi (allora si chiamavano così Montanella- Thouar sede della D.D.) abbiamo spesso collaborato confrontando le nostre esperienze. Siamo addirittura andate in pensione lo stesso anno e ancora oggi siamo in contatto. Ci conosciamo dai tempi della scuola (abbiamo frequentato lo stesso istituto).

  4. Mitica Katia! Lei,io e altre due colleghe abbiamo lavorato in team per anni nel modulo 4 su 3 (quattro maestre su tre classi), sperimentando, sotto la severa supervisione dell’Ispettore, quel modello scolastico che sarebbe diventato legge. Quanti patemi ma quanto divertimento nella sfida! E quante cose ho imparato osservandola nel lavoro in classe! Grazie Katia

  5. Oh Signora del mio congiuntivo! Grazie per avermi dato una padronanza dell’italiano che, mi rendo conto andando avanti negli anni, non tutti hanno.

  6. Katia, una collega pacata e conciliante ma ferrea e decisa quando si trattava di portare a conclusione un’azione tesa a rinnovare la didattica. La ricordo , anni 70 dell’altro millennio, quando gli insegnanti erano i protagonisti della sperimentazione, non dettata certo dal ministero, alla scuola elementare della Branega, seduta in cerchio assieme a molti di noi nei banchi di una classe quinta, a discutere sulla scheda di valutazione che intendevamo sostituire ai voti. Ore e ore di discussioni, fuori dell’orario di lavoro, appassionati e irriducibili e lei mai assente. E poi al collegio dove il confronto con chi si opponeva si faceva pressante e in certi momento duro.Lei sempre calma e convincente. Il Direttore Damele, che ora Katia chiama Gianni, dirigeva la discussione e dava la parola, sempre distaccato e neutrale lui. Apparentemente, come imponeva il suo ruolo. La realtá era un’altra come testimoniato dal número di interventi della Katia e di quelli del suo gruppo. È bello immaginare che in quelle occasioni Cupido, noi ignari, chissá loro due, giá aves se iniziato a scoccare le sue frecce.

  7. Katia, collega per tanti anni nel “mitico” 4 su 3: fatica ma anche tanta allegria e soprattutto condivisione.
    Quante cose abbiamo imparato da te!

  8. Ciao Luigi Bottaro un ricordo da Elisa…
    Nel commento molto appropriato ed anche un po’ malizioso…in modo lieve. Il Direttore Damele che persona squisita.
    Ho ancora la sua lettera di “elogio e compiacimento”, si diceva cosi, per qualcosa che avevo fatto bontà sua con impegno. Maestrina alle prime armi, ma già si preannunciava Elisa che verrà.
    Quanto a Katia era ed è davvero così, una sintesi di dolcezza e decisione.
    Pugno di ferro e guanto di velluto…grazie anche a tutte le colleghe che hanno letto e commentato, restate sempre su SuPratutto!

  9. Che piacere rivedere il viso sorridente della Maestra Katia. Non sono stata una sua allieva, ma la conoscevo per … interposti scolari. E proprio come è stata descritta … severità e rigore, stemperati da grande umanità e capacità d’ascolto. Il tutto sotto l’egida di una passione per la scuola e di una fede nella “missione” dell’insegnamento che erano prerogative meravigliose della persona, ma pure di un’epoca più autentica in cui anche la scuola stessa si riconosceva. Mi ha fatto piacere avere oggi sue notizie. Brava, Ely. Ottima intervista, brillante e abile nel “catturare” il lettore. Ma non è una novità (smile).

  10. Carissimi tutti,
    con grande piacere e commozione ho letto i vostri commenti e desidero rivolgere un pensiero ad ognuno di voi.
    Cara Ariel,
    ricordo un gruppo molto affiatato e sempre pronto a mettersi in gioco. Davvero una bella esperienza in compagnia di tanti amici !
    Cara Viviana,
    abbiamo lavorato e collaborato per molti anni. Io ho sempre ammirato le tue capacità artistiche: con materiali poveri riesci a realizzare capolavori. Brava e grazie!
    Grazie Mariuccia,
    prima colleghe e poi amiche. Anche se lontane, è sempre un piacere sentirci, incontrarci e scambiarci esperienze.
    Cara Norma,
    come possiamo dimenticare quei cinque anni così difficili, ma così strepitosi! Quanti problemi, ma quante risate! Ricordi le ore passate a fare l’ orario? Grazie per le tue toccanti parole; in quegli anni ognuna di noi ha imparato dalle altre, Eravamo un bel team, mai un disaccordo e tanta voglia di realizzare insieme gli obiettivi prefissati.
    Carissima Allegra,
    nessuno mi aveva mai chiamato “Signora del congiuntivo”! Mi piace moltissimo questo appellativo. Grazie per il tuo apprezzamento. Ricordo quando sei venuta a salutarmi l’ ultimo giorno di scuola prima della pensione, abbracciandomi mi hai detto parole simili che non dimenticherò mai.
    Caro Luigi,
    il tuo intervento mi ha fatto molto piacere, anche se vivi spesso in Sardegna abbiamo sempre il piacere di sentirci e, se possibile, incontrarci. Come dimenticare quegli anni? Certo non mancavano l’entusiasmo e il desiderio di rinnovare la scuola. Eravamo giovani e tutto ci sembrava possibile. Grazie anche per il pizzico originale che vi hai inserito.
    Cara Loreana,
    ringrazio anche te per le belle parole che hai scritto, il nostro quartetto era fortissimo, insieme abbiamo superato tante difficoltà, collaborando e rispettandoci e quella era la nostra forza. Ora, di quegli anni, resta una bella amicizia !
    Cara Elisa,
    come posso non ringraziare te che hai avuto l’ idea di questa chiacchierata? Tu sei stata collega, mamma di un mio alunno, corsista al laboratorio teatrale del CUP e soprattutto sei amica da moltissimi anni. Questa tua idea mi ha permesso di risentire tanti amici. Grazie di cuore!
    Cara Paola,
    ti ringrazio per quanto hai scritto sul mio conto. Dici di conoscermi, ti pregherei di farmi capire meglio chi sei precisamente. E’ sempre bello poter ampliare le proprie amicizie.
    Alla fine di questo mio scritto permettetemi di ringraziare la redazione del magazine e tutti gli alunni, colleghi ed amici che dopo aver letto
    l’ articolo mi hanno manifestato direttamente o sul cellulare stima e affetto tramite parole e messaggi.
    Grazie e un abbraccio a tutti!
    Katia

  11. Cara Katia
    ti ho conosciuto all’UNI3 di Varazze al tuo Corso di Scrittura Creativa e ho avuto il piacere di condividere tanti piacevoli momenti. Ci uniscono l’amore per le parole, la gioia di trasmettere le nostre emozioni,i lunghi anni di insegnamento.
    La tua lezione mi dona una piacevole calma:i problemi si allontanano, il tempo si ferma, la mente , spinta dai tuoi imput, si perde in mondi lontani.Entro nel piacevole mondo del mio “pensiero creativo “.
    Grazie Katia!

  12. Cara Caterina,
    il tuo commento è stata una piacevole sorpresa. Ci conosciamo da pochi anni, ma subito abbiamo scoperto di avere molte “passioni “in comune. Tu frequenti con grande impegno il mio corso di “SCRITTURA CREATIVA ” all’ UNITRE di Varazze e ti cimenti con entusiasmo tanto nella prosa quanto nella poesia. I tuoi lavori lasciano trasparire le tue emozioni e sono sempre originali e creativi. Quest’ anno hai avuto il riconoscimento che meriti vincendo il primo premio al concorso di poesia “GIOVANI SENZA CONFINI “. Brava !
    Grazie per quello che hai scritto.
    Katia

Rispondi a ELISA Annulla risposta

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*