Un marzo di strepitosi successi per lo sport praese

#Luciano Bozzo

Il mese di marzo ha gratificato lo sport praese con una bella serie di formidabili successi nel campo del pattinaggio artistico, del canottaggio e della danza sportiva.

In primo piano va sicuramente collocato il grande exploit dell’ Artistic Roller Team che sabato 23 marzo ha conquistato il titolo italiano ai campionati nazionali per Gruppi Spettacolo di Pattinaggio Artistico su rotelle, patrocinati dalla FISR e andati in scena al Mandela Forum di Firenze.

Le ragazze della squadra Platinum, campionesse d’Italia a Firenze

La squadra “Platinum” composta da dieci giovani atlete dotate di grande tecnica, affiatamento e straordinarie capacità interpretative e guidata da coach Marchitelli ha letteralmente incantato la giuria con una fantastica interpretazione di una coreografia molto suggestiva intitolata “Phobia”.

L’esibizione artistico sportiva delle ragazze della società praese ha rappresentato le più comuni piccole “paure” che le persone spesso tengono nascoste ed ha coinvolto ed impressionato magistralmente sia il pubblico che la giuria.

Il team praese ha dimostrato la propria preparazione atletica e le proprie doti artistiche ricevendo in modo unanime la valutazione più alta dei cinque componenti della giuria e laureandosi in questo modo campione d’Italia nella categoria Piccoli Gruppi – Divisione Nazionale.

<<È un successo che inseguivamo da diversi anni>> ha affermato Marco Marchitelli, il quale, oltre che allenatore, ricopre anche i ruoli di coreografo e costumista -. <<Per raggiungerlo la società ha investito anche economicamente e soprattutto abbiamo attivato collaborazioni con diversi professionisti vicini al nostro sport. Adesso ci godiamo questo trionfo, ma ci auguriamo che sia solo il primo di una lunga serie!>>.

Nello stesso fine settimana di Sabato 23 e Domenica 24 marzo una bella pioggia di prestigiose medaglie ha impreziosito anche la partecipazione del G.S. Speranza di Pra’ al primo Meeting Nazionale Giovanile di canottaggio, nella splendida cornice del Lago di Candia. Vi hanno partecipato ben 60 società che hanno schierato 1.321 atleti fisici che sono diventati 2.053 atleti gara per 1.126 equipaggi e circa 230 gare.

Il sodalizio praese ha portato 13 atleti che hanno formato 15 equipaggi tutti con i colori dello Speranza; inoltre Lorenzo Iaia ha fatto parte dell’otto arrivato secondo nella gara per rappresentative regionali.
E nelle 15 gare disputate i canottieri praesi sono andati sul podio per ben 14 volte.

Oro per Davide Zini ed Emanuele Rocchi

Le prime medaglie sono arrivate nel singolo 7.20 categoria Cadetti con Matteo Budicin e Mattenu Fenu entrambi bronzo; poi è stata la volta di Davide Campanini oro nel singolo 7.20 e nel singolo categoria Allievi C.

Oro per Filippo Brena e Marco Cullari

A seguire l’argento per le giovani Lucia Cambiaso (argento anche nel singolo 7.20) e Alice Mantero (anche bronzo nel singolo 7,20) nella specialità del doppio categoria Allievi B2. Nella categoria Ragazzi il doppio di Davide Zini e Emanuele Rocchi e quello di Filippo Brena e Marco Cullari (tutti e quattro anche argento sul quattro) hanno conquistato l’oro mentre Luigi Bozzano e Gabriele Ferrari sono saliti sul terzo gradino del podio sia nel singolo che nel doppio categoria Ragazzi.

Oro anche per Davide Campanini

 

 

 

Un momento di preparazione alle gare

E per finire ricca messe di coppe e medaglie anche per l’Imponente Danza di Pra’ ai Campionati Europei di Danza Sportiva che si sono svolti in Polonia nella settimana precedente. Una nuova bella esperienza agonistica ricca di soddisfazioni e successi per la società praese che già si era distinta recentemente in maniera eccellente con la conquista del titolo nazionale nella categoria “Latin Show Open” ai Campionati Italiani di Rimini a luglio dell’anno scorso.

Ricca messe di coppe e medaglie per Imponente Danza ai campionati europei.

1 Comment

  1. Ma che bravi i nostri ragazzi!
    Straordinari davvero, magnifici in ben tre discipline sportive!
    Pra’ to sport non e’ certo un modo di dire, ma la splendida realtà di questi giovani atleti che si impegnano, si sacrificano,con i loro bravi coach, per portare in Italia ed in Europa, il nome di Pra’.Leggendo l’articolo e vedendo le immagini, mi sono commossa ed inorgoglita, anche per il tono di entusiasmo che il bravo cronista ci ha trasmesso.
    Avanti così, anzi, ad maiora.

Rispondi a Elisa Annulla risposta

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*