Un film proiettato al Nuovo Cinema Palmaro fino al 6 Gennaio:”Il ponte delle spie” di Stephen Spielberg

Elisa Provinciali-

In contemporanea nelle sale italiane, sta avendo un ottimo gradimento di pubblico e di critica. Quando un regista di razza, come Spielberg, sceglie un attore altrettanto bravo, come Tom Hanks, e chiama a sceneggiare il suo film i fratelli Coen, per narrare una storia vera, ambientata nel recentissimo passato, l’equazione non può dare altro risultato che tale successo. La pellicola ha collezionato un’infinità di nomination e premi, ed è tra i primi posti per incassi.

Il ponte delle spie” esordisce con l’arresto, a Brooklin, di una presunta spia sovietica, Rudolf Abel, pittore e ritrattista. Siamo nel 1957, in piena guerra fredda USA/URSS,ma l’America vuole dimostrare al mondo che il russo avrà un processo democratico e pertanto viene chiamato a difenderlo un modesto avvocato assicurativo, James G. Donovan. Egli prende con estremo impegno il suo mandato e nonostante lo scetticismo e la contrarietà espressi da famiglia,vicini e colleghi, stampa, pubblica opinione e persino dal giudice, riesce ad evitare al suo assistito la sedia elettrica. Abel, laconico, enigmatico, non lascia trasparire i propri pensieri, ma apprezza il suo avvocato, e si appresta ad una lunga detenzione, senza collaborare in alcun modo con gli americani.

L’azione si sposta nei cieli della Russia, dove un giovane aviatore statunitense, Francis G. Power, in missione segreta su un prototipo ricognitore che fotografa il suolo, viene abbattuto dal nemico e, nonostante le istruzioni di distruggere il velivolo e suicidarsi, si ritrova prigioniero ed interrogato dai sovietici, con torture fisiche e psicologiche, quali l’isolamento e la privazione del sonno. Tuttavia, il militare resiste e non dice parola che possa compromettere la sua patria.

Mentre l’azione legale di Donovan prosegue, cercando di BRIDGE OF SPIESinstaurare un rapporto con il glaciale Abel, il regista ci porta a Berlino est, dipinta con colori lividi, un luogo di terrore e desolazione, dove i soldati stanno erigendo il Muro, e gli abitanti, pallidi fantasmi disperati, tentano di violarne i varchi ancora rimasti. Taluni critici hanno obiettato che si vedono le persone intabarrate, gelo e neve, mentre gran parte della costruzione avvenne in estate…poco male,questa licenza dell’autore è voluta per rendere al meglio il clima ostile, in tutti i sensi, di una città devastata. In questo tragico contesto, incappa un ingenuo universitario americano, sul posto per completare la tesi sull’economia comunista: anch’egli, nel clima di sospetto che caratterizza la guerra fredda, viene arrestato.

Questi, come dire, gli antefatti e lo status quo che ne deriva: abbiamo un russo prigioniero in America e ben due americani, nelle mani di russi e berlinesi, che hanno critici rapporti tra di loro: nessuno vuole che vengano rivelati segreti di stato, nessuno vuol fare la prima mossa o richieste ufficiali, la stampa va tenuta all’oscuro. Interviene quindi la neonata CIA, a coordinare uno scambio di prigionieri, ed a gestire il delicatissimo negoziato, viene chiamato proprio Donovan, avendo rapporti di conoscenza col prigioniero russo. E qui, inizia il film vero e proprio, perchè le insidie sono tante, i luoghi dove l’avvocato è mandato ad operare, pericolosi ed infidi, le persone con cui si trova ad interagire, ambigue e melliflue, ed il nostro è semplicemente un uomo retto, con un forte senso civico e buone capacità empatiche, tuttavia si trova a svolgere un ruolo su uno scenario bellico, oltretutto, all’insaputa della famiglia, che lo crede a pesca di salmoni in Scozia. Sarà un lavoro accuratissimo, sul filo del rasoio, perchè la realtà dei rapporti tesi USA/Urss ostacola in mille modi le azioni di Donovan, e gli individui con cui trattare spesso travisano sé stessi e la verità, per scopi tortuosi.

tom hanks Nonostante la lentezza e la durata di questa parte della storia, lo spettatore è fortemente catturato dall’evolversi della vicenda, fino all’epilogo, con la avvincente sequenza della riconsegna e dello scambio, uno contro due, sul famoso ponte di Glienichke, detto appunto “delle spie” perchè spesso utilizzato a questo scopo.

Ci fermiamo qui, per lasciare allo spettatore il piacere della visione, il cui finale è precisato anche dai titoli di coda, essendo i protagonisti reali ed in taluni casi, tuttora viventi. Di quelli secondari, come il capo della CIA, bridge-of-spies-il-ponte-delle-spie-news-gate-steven-spielberg_ritaglio-860x450_c il suo omologo russo, i vari funzionari e militari, va detto che sono fortemente caratterizzati nei loro ruoli, maschere tragiche senza umanità, perchè prigioniere dei loro ruoli, mentre l’occhio benevolo di Spielberg va, naturalmente, ad un grande Tom Hanks, realissimo nei panni di un uomo tenace e pronto a battersi per il valore della vita umana, ed anche ad Abel, la spia sovietica, di cui Mike Railance offre note di concretezza e grande coerenza: tra essi, scattera’ un certo apprezzamento, perchè entrambi sapranno vedere l’uomo , al di la’ della diversa nazionalità.

Da vedere.

8 Comments

Rispondi a VIVIANA Annulla risposta

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*