Un corso di ingegneria per “Ridare il mare a Pra’ Palmaro”

Redazione –

Da alcuni anni FondAzione PRimA’vera ha avviato con il DICCA – Dipartimento di Ingegneria Civile, Chimica e Ambientale dell’Università di Genova una proficua collaborazione su diversi temi riguardanti il territorio di Pra’. Per questa ragione le Professoresse Francesca Pirlone e Ilenia Spadaro, docenti del Corso di Tecnica Urbanistica e Laboratorio hanno accolto con favore la proposta di Fabio Currò di collaborare al progetto Ridiamo il mare a Pra’ – Palmaro. L’idea progettuale, come noto, era stata lanciata nel 2010 tramite il giornale “Il Praino” dal Direttore Editoriale Guido Barbazza, ripresa poi nel 2014 dal giornale digitale SuPra’tutto e, attualmente, costituisce il punto principale del Gruppo di Lavoro “Delta” del Pra’lmarium, il Tavolo Tecnico per Pra’ – Palmaro, ideato e coordinato dal Consiglio di Comunità Praese in accordo e sinergia con il Comune di Genova, che ha l’obiettivo di focalizzare l’attenzione sulle azioni di recupero e valorizzazione del territorio, tutela della salute e miglioramento della qualità della vita del sestiere praese di Palmaro attraverso il coinvolgimento, la collaborazione e la sinergia di tutte le istituzioni e società che hanno competenze e responsabilità sul territorio. Il Corso di Tecnica Urbanistica, insegnamento del Corso di Laurea Magistrale in Ingegneria Edile-Architettura del DICCA, ha lo scopo generale di portare gli studenti (già laureati triennali) a conoscere e saper utilizzare i Piani Urbanistici Comunali, approfondire i temi prioritari a livello urbano e a predisporre un progetto urbanistico (con elaborati quali relazioni e cartografie); il tutto al fine di creare una sensibilità critica per la progettazione degli interventi sul territorio. Il Laboratorio costituisce la fase applicativa e consiste in una esercitazione progettuale su una parte di città aventi specifiche vocazioni di possibile sviluppo nel rispetto della fattibilità e della sostenibilità (ambientale, sociale ed economica), capace di garantire ai cittadini un buon livello di qualità della vita. Con l’inizio del secondo semestre dell’Anno Accademico 2019-2020, a marzo prenderà il via il Laboratorio di Tecnica Urbanistica e le Professoresse Francesca Pirlone e Ilenia Spadaro hanno scelto come caso di studio per l’attività laboratoriale di quest’anno proprio il sestiere di Pra’ – Palmaro, proponendosi di sviluppare il progetto «Ridiamo il mare a Pra’ – Palmaro». Come noto, il progetto consiste nello spostamento a mare del tratto di linea ferroviaria GE – XX Miglia tra il Rio Branega ed il Rio San Giuliano e nella realizzazione, sul suo sedime, di un prolungamento del POR – Pra’ Marina, ivi inclusa la realizzazione di una “lama d’acqua” in ricordo del mare che lambiva fino a non molti anni fa il litorale. Gli studenti si divideranno in gruppi e, a partire dalle idee fondanti il progetto, studieranno il caso con sopralluoghi, recupero di informazioni, conoscenza del territorio e ricerche e predisporranno un progetto concettuale di dettaglio entro inizio giugno 2020, realizzando elaborati costituiti da un fascicolo (“Book”) e alcuni poster, il tutto illustrato da una presentazione orale. Ai gruppi di lavoro così costituiti verrà anche data la possibilità di partecipare al Grupplo di Lavoro “Delta” del Pra’lmarium, per poter interagire in prima persona con istituzioni e società che sono direttamente coinvolte nella realizzazione del progetto: Comune, Municipio, RFI, Autorità Portuale, Società Autostrade. A conclusione del corso si avranno quindi 4/5 progetti che saranno presentati ai cittadini di Pra’, ed in particolare a quelli residenti nel sestiere di Pra’ – Palmaro in occasione di un evento pubblico. I cittadini di Pra’, attraverso SuPra’tutto avranno anche la possibilità di esprimere la loro preferenza tramite un voto on-line. In base agli esiti della votazione on-line e dei giudizi espressi da una commissione tecnica, verrà selezionato il progetto migliore e gli autori riceveranno un premio gentilmente offerto dalla Farmacia Palmaro, sponsor dell’iniziativa. Il progetto scelto sarà donato dalla FondAzione PRimA’vera al Comune di Genova, che collabora e sostiene l’iniziativa dell’Università, quale input per la progettazione esecutiva dell’opera. Il prossimo 6 marzo, presso il Dipartimento di Ingegneria Civile, Chimica e Ambientale ci sarà l’avvio ufficiale del Laboratorio, che verrà poi presentato ai cittadini di Pra’ la settimana successiva, venerdì 13 marzo, nel Salone Consiliare del Palazzo Municipale di Pra’. Proprio da quel giorno gli studenti inizieranno a lavorare per “Ridare il mare a Pra’ Palmaro”. L’importante iniziativa sarà seguita da SuPra’tutto, il giornale di Pra’, che ne darà ampia informazione sulle sue pagine digitali e cartacee.

7 Comments

  1. Iniziativa di grande valore…forse la volta buona che potrà accadere il sospirato spostamento dei binari, con conseguente ritorno dapprima di una lama d’acqua davanti a Palmaro ed in seguito, del prolungamento del canale di calma sino al rio San Giuliano.
    Complimenti alle Docenti ed Universitari che produrranno progetti per il nuovo watwrfront, grazie grande come il mare alla Fondazione Primavera che produce il progetto, alla Farmacia Palmaro, dott.ssa Francesca Franchelli, sponsor e sostenitrice, a tutti i cittadini ed associazioni del CCP che parteciperanno alla selezione del lavoro piu’ meritevole…e naturalmente, al Comune che sarà pronto a recepirne le istanze, sostenendone la fattibilità.
    Grazie in anticipo a Ferrovie Italiane, speriamo nella piena collaborazione, all’Autorità portuale, a PSA Genova -Pra’, agli operatori del terminal, che con onestà intellettuale siano disposti a vedere l ‘importanza di questa opera.

  2. Una microfascia e una stazioncina ffss davanti a Palmaro è necessaria
    Ben vengano i progetti ambiziosi ma abbiamo anche bisogno di qualche risultato /riqualificazione immediata x PALMARO.

  3. Ottima iniziativa e di grande spessore. Un sentito ringraziamento alla Fondazione Primavera per le sue idee e per la sua capacità di elaborare e concretizzare progetti di qualità e di alto livello, cosa che nessun altro a Genova è in grado di fare. Fondazione Primavera vera forza motrice del rinnovamento di Pra’.

  4. Grazie fondazione essere riuscita a far togliere quello schifo di gabbia è stato un buon inizio fin’ora siete riusciti a far succedere tutto quello che avete detto, se riuscite anche a portare la fascia a PràPalmaro … santi subito

  5. La fretta non è buona consigliera, Palmaro merita di essere rivalutato ad un livello consono alla Sua collocazione storica. Per essere chiari non ci bastano alcune palate di schifoso asfalto, ma progetti di buon senso.

  6. Quanta fatica per ottenere attenzione e migliore qualità di vita in cambio di una “perla” del Ponente quale era Palmaro! Se finalmente si muoverà qualcosa e ci saranno dei cambiamenti concreti sarà valsa la pena di aver “sudato ” tanto! Grazie a tutti coloro che si sono impegnati in prima persona e continuano a farlo senza demordere!

Rispondi a Elisa Annulla risposta

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*