Un “Bartaliano” a Pra’

Ricordi di storia e sport da un Praino

Giuseppe Bruzzone

Il 5 Maggio, una data che per me amante della storia , rammenta due personaggi : Giuseppe Garibaldi e Napoleone Bonaparte. Ma questo giorno riguarda anche uno sportivo, un ciclista: il 5 maggio del 2000 a Firenze morì Gino Bartali, che con uno scatto dei suoi andò in fuga verso il Paradiso. Per chi non lo conosce (credo pochissimi) il Ginettaccio fu ed è uno dei più importanti nella storia del ciclismo mondiale.Nacque a Ponte a Ema (Firenze) nel 1914, persona sanguigna e semplice, dominò le scene del ciclismo a cavallo della seconda guerra mondiale, vinse le corse più importanti del periodo: Giri d’ Italia (3), Tour de France (2), Sanremo (4) e Lombardia (2), forte in salita e allo sprint ebbe avversari di tutte le nazionalità, ma il principale fu Fausto Coppi ,più giovane di 5 anni che partito come suo gregario divenne il suo antagonista e il migliore ciclista del dopoguerra.

Bartali aveva sopranomi di” Uomo di Ferro” e ” l’Intramontabile” avendo gareggiato per 27 anni , Coppi, “il Campionissimo” non lo vidi mai gareggiare. Bartali: quando si ritirò dalle corse dovevo ancora nascere; lo conobbi dai racconti di mio zio Giovanni “u sartu”. Era un appassionato di ciclismo e Bartali il suo preferito; oltre a seguirlo sul giornali, lavorando nel suo laboratorio di sartoria, sentiva tutte le radiocronache: Giro, Tour e classiche, e nel 1947 lo vide vincere a Genova una tappa del Giro d’ Italia; ogni 19 marzo si appostava sulla strada del Turchino quando passava la Milano-Sanremo. Con mio padre, tifoso di Coppi,  ingaggiava discussioni interminabili su chi fosse il migliore: tutta L’Italia era divisa tra Bartaliani e Coppiani Di Bartali ho tante notizie e anedotti raccontatemi dallo zio. Non faceva il saluto romano quando vinceva, e al Duce dopo la vittoria al suo primo giro d’Italia disse che a lui bastava la tessera dell’ Azione Cattolica, quella della gioventù fascista non gli serviva. Addiritura Bartali leggenda o no, con la vittoria strepitosa al giro di Francia nel 1948 calmò gli animi in Italia, sull’ orlo della guerra civile dopo l’attentato a Palmiro Togliatti. Subì rovinose cadute, raramente si ritirò, solo 27 volte su più di 800 gare, un record, ma clamoroso fu il ritiro al tour 1950 con in maglia gialla il compagno Fiorenzo Magni: Bartali fu percosso da spettatori francesi che non avevano perdonato l’aggressione alla Francia durante la II guerra mondiale dall’ Italia, per protesta la squadra nazionale italiana si ritirò dal Tour. Lo zio mi mostrò una foto, l’episodio sul Galibier, legato alla borraccia: Bartali che porge la borraccia a Coppi o è il contrario?

Un’ immagine che è diventata il simbolo della solidarietà. Con lui ho conosciuto un’altra geografia di Italia e Francia : Sestriere, San Pellegrino, le Dolomiti, Rolle Stelvio, Galibier, Izoard, Tourmalet, Briancon, Pau, Lourdes,Vars, Croix – de Fer, l ’Alpe d’Huez e il Galibier. I suoi avversari erano di gran livello, italiani ed europei: Magni, Valletti, Bobet, Poblet, Kubler, Ockers, Robic. Gareggiò dal 1935 al 1954, divenne poi direttore sportivo, e costruttore di biciclette. A lui è dedicata una bella canzone di Paolo Conte. Dopo la sua morte venne a galla una notizia che mio zio purtroppo non conobbe essendo mancato prima. La storia venne raccontata nel 2006 con un telefilm dalla RAI intitolato Gino Bartali l’ intramontabile. Bartali salvò più di 800 italiani di religione ebraica facendo la staffetta tra Firenze e Assisi, nascosti nella canna della sella portava ad Assisi documenti falsi per nuove identità ai fuggiaschi. Fervente cattolico, faceva parte di una organizzazione clandestina, la Delasem, (fondata a Genova) a favore delle famiglie perseguitate dalle leggi razziali del 1938. Pedalava per più di 300 km, superava, gli Appennini e i posti di blocco nazifasciti rischiando la vita. Venne a Genova per portare a Firenze fondi per gli ebrei in fuga. Sospettato dai repubblichini fu arrestato,ma superò tutto grazie alla sua forte tempra, e ne parlò solo in vecchiaia a suo figlio Andrea che, dopo la sua morte rese pubblica la sua attività antinazista.“Il bene si fa, ma non si dice. E certe medaglie si appendono all’anima, non alla giacca”. Nel 2006 il Presidente della Repubblica Azeglio Ciampi gli assegnò la medaglia d’oro al merito civile alla memoria. Il suo nome è iscritto fra i “Giusti delle Nazioni” (26mila Giusti) allo Yad Vashem, il Sacrario della Memoria a Gerusalemme, insieme con altri italiani (di cui 682 in Italia e 4 a Genova), tutti non ebrei, che ebbero il coraggio di dire di no ai nazisti.

 

2 Comments

  1. Una bella paginadi storia Italiana…anche io non ero ancora nata a quei tempi ma mi ricordo che i mieii parlavano di qs rivalità…
    E la bellissima canzone di Paolo Conte, cantautore di scuola genovese…
    Quanto poi all azione antinazista è un merito immenso, si puo dire che Bartali fu lo Shlinder italiano.
    Grazie Giuseppe per questo contributo che pubblichiamo com un po di ritardo, ma certi grandi personaggi sono sempre attuali!

  2. Un grande esempio di forza e umanità! Avremmo bisogno anche oggi di personaggi così “alti” che agiscono per il bene comune senza sbandierare ai quattro venti i loro meriti! Grande Gino!!!!

Rispondi a Elisa (redazione) Annulla risposta

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*