Un’ “App” per Pra’ Pulita

Clicca per ingrandire

Velocifero –

Alcuni inqualificabili individui hanno devastato una delle nuove aiuole realizzate nella parte pedonalizzata di via Pra’, in prossimità della ex-stazione ferroviaria. Hanno strappato e sradicato un paio di piante e le hanno trascinate in via Ausiliatrice, lasciando ampie chiazze di terra lungo il loro sciagurato percorso, per poi buttarle nei bidoni della spazzatura. E’ solo un piccolo episodio di vandalismo, ma da non sottovalutare, su cui bisogna meditare e mobilitarsi per evitare che si possa ripetere, ma anche per cominciare a pensare molto, molto più in grande sul livello di manutenzione e pulizia delle aree pubbliche in quel di Pra’. Specialmente nel momento in cui la nostra Delegazione, a seguito dell’intenso lavoro di lifting e cosmesi del “P.O.R. – Pra’ Marina”, sta cominciando a ritornare, seppur in modo diverso, bella come un tempo. Bisogna che i cittadini civili e rispettosi delle regole, che sono la stragrande maggioranza, escano dalla passività e dal mugugno e “scendano in campo”, in modo attivo e deciso, per esigere che ognuno faccia il suo dovere, per quanto di propria competenza, per garantire la massima pulizia, sicurezza, ed il massimo decoro agli spazi pubblici, al verde ed agli impianti ed infrastrutture. A Pra’ i cittadini pagano tasse e balzelli comunali nella stessa misura di altre zone cittadine, e persino in misura maggiore di comuni limitrofi e rivieraschi dove pulizia e manutenzione sono percepiti essere decisamente migliori. La FondAzione lancia perciò la campagna di sensibilizzazione e di movimento culturale “Pra’ Pulita”, con l’obiettivo di mobilitare i cittadini affinchè si provveda a pulire, falciare, manutenzionare, ma anche a sorvegliare, vigilare prevenire e anche a perseguire a termini di legge maleducati e vandali che non rispettino le regole più basilari di educazione civica e di buon comportamento. E proprio per portare i cittadini, i Praesi, al centro della scena 1 La aiuola devastatala FondAzione sta valutando l’opportunità di creare una “App” specifica, funzionante con ogni tipo di smartphone, per consentire a chiunque di segnalare agli enti ed organi competenti in modo rapido, semplice ed efficace le necessità e criticità relative alla pulizia, al decoro, alla sicurezza ambientale di Pra’, ma anche e soprattutto per inviare idee e suggerimenti, per una “Pra’ Pulita”, appunto. Con un semplice tocco sarà possibile scattare una foto esplicativa della problematica ed inviarla a Municipio, Polizia Municipale, Carabinieri, AMIU, Aster, etc., con una brevissima descrizione da 140 caratteri, “alla twitter”. L’utilizzo delle più recenti tecnologie informatiche vuole risultare familiare e comodo in modo particolare per la componente più giovane della popolazione praese, a partire da adolescenti e studenti, che potranno così impegnarsi in modo diretto per fare qualcosa di concreto per il luogo in cui vivono in modo “smart” e moderno. Stefano Silvestri, Project Manager dell’ Operazione Pra’ Pulita crede molto nel coinvolgimento dei giovani e delle scuole e si sta prodigando in una capillare campagna di informazione e coinvolgimento. Seguiranno ulteriori informazioni. Idee e suggerimenti benvenuti.

9 Comments

  1. Buona idea. Tempo fa avevo suggerito di affidare la pulizia e il decoro aiuole a ditte e commercianti di Genova in cambio di una targa pubblicitaria. Il comune non spenderebbe un euro e queste sarebbero bellissime perché devono attirare l attenzione sulla pubblicità. Invito inoltre gli esercenti dei bar di collocare fuori dalla porta i raccoglitori di cicche. Le aiuole in fondo a via taggia ne sono piene. Forse i ciottolini non sono indicati per queste aiuole. Sono sparsi dappertutto. Purtroppo i cani se ne servono per coprire i loro bisognini… Non vedo mai un vigile che faccia multe . Oltre le cicche e i bisogni sono piene di carte e altro

  2. Non buona ma OTTIMA idea. Chi rispetta ancora le regole? Troppo buonismo.
    Ci vogliono multe severe perchè manca l’educazione civica. Veramente siamo circondati da egoismo e schifezza, non esiste più un bene comune. Prà è di tutti e va rispettata come la propria casa

  3. Intanto … ben tornata informazione e un plauso all’idea, davvero ottima. Perfetto il poter inserire immagini a corredo delle segnalazioni, descrivono meglio di qualsiasi buona penna.

    Sono molto dispiaciuta di apprendere quanto racconta il nostro Amministratore. Avevo sperato che le piante nell’aiuola non avessero attecchito e fossero state rimosse e invece … siamo all’ennesima dimostrazione di inciviltà, con conseguente scempio di risorse comuni. Sono dispiaciuta, ma assolutamente non sorpresa. Anch’io sono convinta che la stragrande maggioranza dei cittadini praesi si composta di persone perbene, oneste e consapevoli di quanto prezioso sia il bene collettivo. Ma purtroppo bastano due imbecilli per far danni pesanti. Quando si scatena il vandalismo in un luogo che offre tante “nuove” occasioni di divertimento, la vena di follia impiega tempo per esaurirsi. Uno dei nuovi alberi lungo il vialetto più o meno all’altezza della piscina è stato tranciato all’altezza della chioma, lasciata a terra. Non ci sono parole … o meglio, le avrei. Forse, avrei in mente anche qualche punizione corporale che rendesse non operativi questi geni del male. Per quanto l’idea non mi piaccia per niente, rimango dell’avviso che il Parco dovrebbe essere chiuso la notte, quando il vandalismo colpisce più facilmente con la copertura del buio e comunque penso dovrebbe essere sorvegliato, quantomeno con telecamere. Che portino, però, all’assunzione di doverosi provvedimenti. Detesto le recinzioni, chiudono e ostacolano la mente, prima che la vista e le gambe, ma forse avrebbero costituito un deterrente. Davvero sono dispiaciutissima e arrabbiata. Vi, anzi “ci” invito tutti ad essere presenti e pronti a segnalare lacune, disservizi e cattive azioni anche e “suprattutto” attraverso il nuovo canale offerto dalla Fondazione.

    Grazie per l’ennesimo impegno. Stamattina, avrei scattato un’immagine dello scempio, ma la fotocamera non voleva saperne. Mi piangeva il cuore … peccato, quelli appena messi sono alberi bellissimi, simili alle mimose, con grandi ciuffi di fiori bianchi e amaranto … purtroppo, al momento sono esili e quindi facili da aggredire. Ce ne sono ancora quattro o cinque … speriamo vengano risparmiati.

  4. Ho dimenticato di aggiungere che sono assolutamente d’accordo con Alex. I danni sono il frutto di un binomio di potenza devastante: inciviltà, cattiveria e ottusità abissale ignorate, sottovalutate quando non comprese e spesso giustificate da troppo lassismo. Tutti aspetti che denunciamo da tempo, sui giornali, nei talk show, a scuola, al bar, sul divano di casa, ma … chiacchiere. Che restano tali senza mai contemplare il concetto di “azione”. Non ho ancora capito se si tratta di buonismo o di totale incapacità di reagire. Non ho ancora capito se di prendere provvedimenti con ce ne frega niente e quindi facciamo opportunamente quelli sordi, ciechi e muti o se siamo inetti al punto tale che la parola “reazione” è finita fuori dal vocabolario italiano. Mi secca tutto questo, mi secca intimamente e tremendamente. Come se mi entrassero in casa e vandalizzassero le mie cose, magari quelle che ho faticato a mettere insieme o quelle che mi hanno regalato dopo anni di desiderio. Perché, alla fine, parlando di Pra’, si tratta proprio di questo. Di una casa violata e offesa. Di fronte alla preziosità del nuovo e del bello … CHE L’INSE, sempre e oggi più che mai. Altrimenti, torniamo indietro. Anche cominciando da una pianta strappata.

  5. Anche secondo me il parco andava quanto meno contato. Io ogni tanto mi munisco di sacchetto e raccolgo qsa me è una goccia nel mare..
    bella l’idea della app ma poi qno deve intervenire. .altrimenti é inutile, come con le telecamere…se sono a registrazione non servono…

  6. In realtà, credo che anche il Comune di Genova contempli la possibilità di dare aree verdi in adozione ai privati. So per certo che alcune aiuole di Corso Sardegna sono mantenute in ordine dai cittadini … non so se è questo che intendi, Nicolina. Del resto, anche un po’ del verde che langue, lasciatemelo dire, nei dintorni della piscina e del campo di calcio pare affidato alla buona volontà di persone che hanno espresso il desiderio di occuparsene. Certo, si fa quel che si può e come si può, compatibilmente con i propri impegni e il tempo libero che resta. Purtroppo, non mi stancherò mai di dirlo, il verde di Genova, dopo un passato aureo, versa in uno stato indecoroso e perennemente in affanno, sull’orlo del tracollo. Nella fattispecie, a Pra’, il Parco sembra resistere nella sua nuova veste, ma tutto il resto ha un aspetto veramente penoso … i giardini ex Elah, le aiuole antistanti la sede dei Carabinieri, gli alberi e la striscia verde presso la stazione ferroviaria, la zona del gattile, non parliamo poi del verde lungo la pista ciclabile. Un vero peccato … tanta potenzialità sprecata, tanto “bello” di cui non possiamo godere. Ora vediamo come si concluderanno, sotto questo profilo, i lavori della riqualificazione … per adesso, non me ne vogliano gli ottimisti, sono un pianto che si allinea allo status “ante”: quasi tutto è passato a miglior vita e speriamo venga sostituito tenendo conto che possono esser fatte scelte diverse e magari migliori.

  7. Ben venga tutto il volontariato di questo mondo, ma le aiuole affidate a ditte o commercianti in cambio di una targa pubblicitaria sarebbero sicuramente più curate …devono attirare l attenzione dei passanti, altrimenti la targa non servirebbe a nulla. Questo è il mio modesto parere. Inoltre il comune non spenderebbe un soldo! È magari ci sarebbe qualche stipendio in più per un giardiniere..

  8. A proposito di verde … nell’aiuola a ponente della vecchia stazione ferroviaria, da qualche giorno, fa bella mostra di sé l’ennesima palmetta californiana di cui i vivai del Comune paiono abbondare senza fine. Non capisco perché insistiamo con queste piante che finiscono sbrindellate dal vento e non garantiscono la frescura di cui ci sarebbe bisogno specialmente laddove si inseriranno panchine per la sosta. Ma perché, volendo utilizzare una palma, non mettere (almeno) una pianta identica a quella presente al lato opposto o magari un gelso, con la prospettiva che sarebbe diventato un bel gigante fresco e ombroso come quelli nel parco … Davvero non capisco la motivazione di certe scelte e perché tutto debba essere sempre così risicato e ripetitivo … che ragioni ci sono, economiche, logistiche, manutentive? Che altro, qualcuno può dirmi?

Rispondi a Barbara Annulla risposta

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*