Tribuna Elettorale Praese: La Cronaca

Redazione –  Sabato 20 maggio nella sala consiliare del palazzo municipale di Pra’ si è svolta la Tribuna Elettorale Praese che ha messo a confronto quattro dei cinque candidati alla presidenza del nostro Municipio e precisamente Alessio Boni (Lista Chiamami Genova: Putti Sindaco), Claudio Chiarotti (Partito Democratico e Centro-Sinistra), Massimo Currò (Movimento Cinque Stelle) e Paolo Fanghella (Lista Vince Genova: Bucci Sindaco e Centro-Destra).  Una sala gremitissima ha ascoltato le risposte date dai candidati alle domande poste da SuPra’Tutto e dal pubblico presente su temi, problemi, programmi propri del nostro territorio praese ed anche un buon numero di persone all’esterno del palazzo municipale e nella sottostante Piazza Bignami ha potuto ascoltare e seguire il dibattito grazie all’efficace sistema di amplificazione installato dalla FondAzione PRimA’vera editrice di SuPra’Tutto.  Era assente il solo candidato Fabiano Debarbieri (Lista  Ge9si).

Dopo l’introduzione di Guido Barbazza, Direttore editoriale di SuPra’Tutto ha preso avvio la Tribuna condotta e moderata da Ernesto Soressi.Le prime risposte dei candidati sono arrivate ai tre temi sollevati e comunicati da tempo da SuPra’Tutto ai candidati stessi:

 

1) Come si intende favorire e perseguire il concetto di Porto Amico attraverso una efficace elettrificazione delle banchine, la ricollocazione dei container lontano da case e pista ciclabile, la prosecuzione a ponente di Canale di Calma e Fascia di Rispetto ed il progetto “Ridiamo il mare a Pra’ Palmaro ?”; queste le risposte dei candidati:

 

Chiarotti: “Il Municipio su questo obiettivo ha già fatto molto, per arrivare ad esempio all’elettrificazione delle banchine che dovrebbe essere operativa dal 2018 e all’innalzamento delle dune di separazione tra porto e Fascia di Rispetto.  Una eventuale espansione del porto deve prima essere preceduta dall’ottimizzazione degli spazi già esistenti e da opere di compensazione per la cittadinanza.  La Giunta municipale uscente ha stabilito ed io stesso ho espresso più volte all’Autorità Portuale la necessità di utilizzare meglio gli spazi a disposizione e ad oggi inutilizzati per allontanre i container da Pra’ Palmaro e dalla pista ciclo-pedonale, portando a tal fine anche progetti ad hoc scritti insieme alle associazioni locali, finora però senza ottenere risposte chiare. I primi impegni della nuova Giunta dovranno essere l’apertura immediata di un tavolo tecnico con l’Autorità Portuale per ottimizzare gli spazi del porto e realizzare la prosecuzione del Canale di Calma fino al Rio San Giuliano al confine con Voltri. Questo per assicurare in particolare la riqualificazione dei sestieri di Palmaro e Cà Nuova; questo tavolo tecnico permanente sul territorio servirà anche a controllare l’avanzamento dei lavori già messi in cantiere dall’Autorità Portuale attinenti alle dune e alle banchine elettriche.”

Currò: “Il Movimento 5 Stelle si è già espresso chiaramente in questi anni per contrastare ogni ipotesi di espansione del porto e per restituire invece vivibilità in particolare ai Praesi.
Anche l’Amministratore Delegato di P.S.A. Gilberto Danesi ammette che il porto già oggi è pronto a raccogliere le sfide del futuro con il pescaggio adeguato, lo spazio per le manovre delle grandi navi e le nuove gru e non ha bisogno di nuovi spazi. L’elettrificazione delle banchine, naturalmente benvenuta, si deve però accompagnare a politiche che favoriscano l’arrivo di navi di nuova generazione in grado di utilizzare l’alimentazione elettrica. Favorevoli al potenziamento delle dune e all’allungamento del Canale di Calma, verificandone prima la fattibilità. Il nostro programma prevede lo spostamento del District Park, fonte di rumore e disagio oltre le soglie tollerate e del muro dei container di Spinelli in un’area più interna del porto e lontano dalle abitazioni di Pra’ Palmaro.”

Fanghella: “Per efficentare il porto di ..Voltri (lapsus subito corretto a gran voce dal pubblico e quindi dallo stesso Fanghella in  porto di Pra’. N.d.R.) occorre migliorarne la viabilità.  I container devono essere movimentati in uscita dal porto in maniera più veloce, come avviene ad esempio nel porto di Rotterdam e su questa cosa il Comune può e deve intervenire, altrimenti come di fatto non si è ottenuto niente finora non si otterrà nulla neppure in futuro.  E’ essenziale l’elettrificazione delle banchine ma è altrettanto importante la riqualificazione del territorio e la cura dell’arredo urbano. I milioni spesi per il P.O.R. ad esempio non hanno portato ad una vera riqualificazione e ad un reale miglioramento della vivibilità ma si sono ridotti ad una risistemazione della viabilità, peraltro deficitaria.”

Boni: “Le banchine elettrificate, le dune alberate di separazione, il prolungamento del Canale sono opere imprescindibili; quest’ultima cosa poi era stata dichiarata un diritto della cittadinanza già nel 2005. Massimo impegno per far realizzare queste opere e monitorare l’andamento dei lavori. Il porto di Pra’ è poi il porto italiano che rende meno per ogni metro quadrato proprio perchè gli spazi sono sfruttati male e addirittura si guadagna stoccandovi e tenendovi i container vuoti. Per la loro movimentazione poi dentro al porto ci sono 8 binari ma soltanto uno per farli entrare ed uscire e vent’anni di tavoli tecnici tra Autorità portuale, ferrovie ed amministrazione pubblica non sono serviti a risolvere questo problema per non parlare poi della bretella ferroviaria incompiuta ed inutilizzata da molti anni. Porto, ferrovia, mobilità, Terzo valico sono tutti elementi intrecciati che vanno pianificati in una visione globale che però è mancata a chi ha governato negli ultimi vent’anni.”

 

2) secondo tema il miglioramento del progetto P.O.R. con una maggiore presenza di alberi e la fasciatura in pietra delle superfici e dei muretti oggi in cemento a vista; quindi la realizzazione del progetto del PalaPra’, il palazzetto dello Sport di atletica per completare l’area di “Pra’ to Sport” nel sestiere di Longarello.

Currò: “Siamo aperti a qualsiasi opera e progetto che vada incontro alle esigenze dei cittadini e che sia però condiviso con loro attraverso l’apertura di tavoli di discussione e proposta con associazioni e comitati. Il nostro programma e la nostra esperienza in questi cinque anni di politica sono  chiarissime in tal senso.”

Boni: “Riteniamo che Pra’ abbia tutte le potenzialità per diventare un centro di riferimento per lo sport a vantaggio di tutta la città ed in grado di offrire una opportunità di sviluppo per Pra’. Ci impegnamo a portare avanti l’idea progettuale del PalaPra’ avanzata dalla FondAzione PRimA’vera anche se dovremo però confrontarci con la situazione del bilancio del Comune, ancora da scoprire ed approfondire.”

Chiarotti: “La copertura estetica dei muri è già in programma, bisognerà ora aumentare la presenza di alberi e curare il mantenimento del verde pubblico. Il progetto del P.O.R. è stato seguito da un tavolo di monitoraggio continuo che ha recepito le richieste e le modifiche proposte dai cittadini. Ci sono ancora delle situazioni di sofferenza perchè i lavori non sono ad oggi terminati ma si è aumentata notevolmente l’area di pedonalizzazione. Siamo pronti a proseguire per migliorare ulteriormente la vivibilità della Delegazione. Per quanto riguarda i bilanci economici del Comune, sono stati tutti approvati e Genova è invece considerata una delle città virtuose in Italia.”

Fanghella: “La viabilità collegata al P.O.R. è stata fatta in maniera disastrosa con problemi di transito nelle rotatorie ad esempio per i trasporti diretti al porto; l’arredo urbano deve migliorare decisamente secondo le richieste indicate nella domanda.  Se Marco Bucci diventerà Sindaco il Municipio potrà avere più risorse da investire direttamente sul territorio. Trovo poi assurdo aver impiantato un’Isola Ecologica nel bel mezzo del tracciato di quella passeggiata a mare continua da Multedo a Vesima che si intende fare.  Sei anni fà c’era la disponibilità di Decathlon sia a realizzare che a mantenere poi a proprie spese una Cittadella dello sport con tanto di Palazzetto proprio qui a Pra’ ma il Comune non lo accettò: cercheremo invece di riprendere il contatto con Decathlon per ritornare a quel progetto che è già stato realizzato in altri tre centri in Europa.”

 

3)  Par condicio municipale:  favorire una migliore e più ampia rappresentanza di Pra’ negli organi del Municipio (in primis il Consiglio) e mantenere l’anagrafe e gli altri servizi alla cittadinanza anche nel palazzo municipale di Piazza Bignami.

Fanghella: “Il candidato non va giudicato sulla base della sua residenza ma per le capacità e le idee che esprime: un Consigliere deve perseguire l’interesse di tutto il territorio del Municipio come ho fatto io nel precedente mandato. Concordo poi con l’obiettivo di mantenere gli uffici ed i servizi  pubblici aperti nelle tre ex Delegazioni e non solo a rotazione visto sia la vastità del territorio del nostro Municipio che la grande presenza di anziani con evidenti problemi di mobilità.”

Boni: “Neanche a me appassiona il tema della provenienza geografica e mi pongo l’obiettivo di tutelare e migliorare tutto il territorio da Multedo a Vesima. E’ vero che a  Pra’ gli uffici pubblici offrono meno servizi rispetto a Voltri e a Pegli; si potrebbe risolvere il problema dovuto alla diminuzione degli impiegati comunali con una rotazione del personale in modo tale da garantire i servizi essenziali in tutte e tre le sedi per favorire in particolare le persone anziane. Anche la digitalizzazione dei servizi della pubblica amministrazione potrebbe rendere più facile la vita alla gente.”

Chiarotti: “Ho fatto il Consigliere municipale per 10 anni; ovviamente si lavora a vantaggio di tutto il territorio del Municipio ma si è anche un punto di riferimento continuo per le persone che vivono più vicino a noi.  Con la mia candidatura, peraltro, Pra’ aspira finalmente, dopo vent’anni, con un suo cittadino alla presidenza di questo Municipio che è composto da tre ex Circoscrizioni che rivendicano e difendono giustamente le proprie peculiarità.  La conservazione dell’anagrafe a Pra’ è stata difesa in questi ultimi tempi anche con l’aiuto di persone presenti qui in sala contro il forte rischio di chiusura per la mancanza di personale comunale e continueremo a difenderla fino all’ultimo centimetro”.

Currò: “Questa domanda è rivelatrice del fatto che Pra’ evidentementemente in questi anni si è sentita trascurata rispetto alle altre realtà del Municipio. La Par Condicio è un nostro obiettivo ma io vi invito a scegliere non tanto le persone ma le idee che vengono proposte. La vastità del Municipio rende importante mantenere i servizi per i cittadini in tutti e tre i palazzi municipali di Pegli, Pra’ e Voltri.”

 Fabiano Debarbieri si è candidato alla presidenza del Municipio VII Ponente per la lista “Ge9si- Noi siamo Genova” che sostiene la candidatura a Sindaco di Genova di Arcangelo Merella.

Non ha potuto essere parte del confronto con gli altri candidati presidenti andata in scena con la Tribuna Elettorale Praese di sabato 20 maggio a causa di uno spiacevole disguido.

Pubblichiamo quindi volentieri le sue risposte alle prime tre domande poste da SuPra’Tutto a tutti i  candidati per la presidenza del Municipio..

1) Come si intende favorire e perseguire il concetto di Porto Amico attraverso una efficace elettrificazione delle banchine, la ricollocazione dei container lontano da case e pista ciclabile, la prosecuzione a ponente di Canale di Calma e Fascia di Rispetto ed il progetto “Ridiamo il mare a Pra’ Palmaro ?”

“Concordo con il vostro progetto “Ridiamo il mare a Pra’ Palmaro” per consentire alla delegazione di Prá di poter convivere al meglio con l’impatto ambientale creato dall’Autorità portuale ed ai cittadini di avere luoghi e aree a disposizione. E’ infatti importante che non vengano ulteriormente deturpati l’ambiente ed il paesaggio marino a cui i Praesi erano da sempre abituati.”

2) secondo tema il miglioramento del progetto P.O.R. con una maggiore presenza di alberi e la fasciatura in pietra delle superfici e dei muretti oggi in cemento a vista; quindi la realizzazione del progetto del PalaPra’, il palazzetto dello Sport di atletica per completare l’area di “Pra’ to Sport” nel sestiere di Longarello.

“Qualora io ed i candidati della mia lista venissimo eletti porteremo avanti tutti i progetti innovativi per la tutela delle persone e sopratutto delle nuove generazioni in quanto attualmente dal punto di vista sportivo, e non solo, questa città offre ben poco; quindi il vostro progetto della Cittadella dello sport e del PalaPra’ rappresenta un’ottima opportunità per tutti i nostri giovani, Genovesi e non.

3)  Par condicio municipale:  favorire una migliore e più ampia rappresentanza di Pra’ negli organi del Municipio (in primis il Consiglio) e mantenere l’anagrafe e gli altri servizi alla cittadinanza anche nel palazzo municipale di Piazza Bignami.

Indubbiamente sono d’accordo con voi sul fatto che Prà non debba essere da meno delle altre realtà che costituiscono il Municipio: Pegli, Prà e Voltri devono offrire gli stessi servizi per tutti i cittadini; anzi dobbiamo far si di ripristinare i servizi tolti da una sbagliata gestione amministrativa di questi ultimi vent’anni, valorizzando i Municipi in modo da creare un unico asse d’intesa con il Comune in funzione di una città metropolitana efficace per tutte le esigenze dei nostri cari cittadini.

 

 

Tornando alla Tribuna Elettorale Praese sono state quindi poste le domande raccolte attraverso il sito di SuPra’Tutto e quelle presentate in forma scritta dalle persone presenti in sala.

 

4) La collocazione nella struttura di Villa Caterina di detenuti con problemi psichiatrici  ha generato un grande problema di sicurezza. Si chiede un impegno per la chiusura della struttura e la riconversione in un centro di assistenza per anziani.

Currò: “Questa cosa va effettivamente ripensata e bisogna stabilire come poter cercare di arrivare a questa soluzione”.

Fanghella: “Ammetto di non essere informato sull’argomento.”

Boni:  “Questa cosa non è di competenza del Municipio.  La struttura non appare però idonea perchè in pochi giorni ci sono stati più casi di evasione; si può avviare un confronto con l’obiettivo o di spostare i detenuti in altro luogo o di migliorare la sicurezza all’interno di Villa Caterina.”

 Chiarotti: “Ogni regione deve individuare una struttura per ospitare malati psichiatrici con precedenti penali. La precedente Giunta regionale ligure ha individuato per questo l’area di Calice nello spezzino che però è ancora in fase di allestimento; nel frattempo l’attuale Giunta Toti ha deciso di ospitare queste persone a Villa Caterina a Pra’ nonostante il parere negativo del Municipio che si è opposto per ragioni di inadeguatezza e di scarsa sicurezza della struttura; tra i tanti episodi accaduti un uomo (proprio di Pra’ tra l’altro – N.d.R.) è scappato ed ha poi trovato la morte. Per di più i 20 malati che erano precedentemente in cura lì sono stati forzatamente trasferiti a Savignone.  Questa situazione dovrebbe durare non più di un anno ma voglio rimarcare che la Lega Nord (presente all’interno della Giunta regionale con l’Assessore Viale che ha deciso su Villa Caterina) parla tanto di sicurezza ma non la garantisce quando dovrebbe farlo.”

 

5) Domanda sulla posizione dei candidati riguardo alla Gronda di Ponente.

Fanghella: “Il porto di Genova ha bisogno di collegamenti più efficienti e ben fatti, diversamente ad esempio dalla bretella ferroviaria che parte da Pra’ ma che, a causa della pendenza, non riesce a trasportare treni pesanti. La Gronda appare come una necessità.”

Boni:  “Già il Terzo Valico può rappresentare una possibile minaccia per l’assetto idrogeologico del territorio; trovo irresponsabile pensare ad un’altra grande opera come la Gronda che attraversi le nostre vallate”.

Chiarotti: “La Gronda è già un percorso in essere e non tornerà più all’esame del Municipio. Deve essere anzi una occasione per mettere in sicurezza le nostre colline.”

 Currò: “Il nostro Movimento è decisamente contrario alla Gronda, una bretella autostradale che costerà 3,6 miliardi di Euro, che andrà da Vesima a Bolzaneto e che non sarà utilizzata dai Genovesi. La maggior parte del percorso sarà in galleria e tutta la terra degli scavi rischia di finire smaltita qui nel nostro territorio.”

 

6) Domanda sulla posizione dei candidati riguardo alla Nave bus portata anche a Pra’ e Voltri.

Fanghella: “La Nave Bus è costosa e d’inverno non funziona quasi mai. Dovrebbe essere forse ripensata in funzione turistica per portare i turisti nel Ponente di Genova a visitare le Ville storiche e le altre attrattive del territorio.”

Boni:  “La Nave Bus è un bellissimo servizio che può dare molto in termini turistici per il nostro Ponente e la sua riccchezza rappresentata ad esempio dalle Ville storiche. Chi l’ha creata (il Centro-Sinistra) non ha poi saputo dirci se potevamo mantenerla e oggi bisogna ammettere che è la giunta regionale di Centro-Destra a garantire i finanziamenti per portarla avanti.”

Chiarotti: “Con i finanziamenti del P.O.R. si è fatto il molo di attracco della Nave Bus nel Canale di Calma. Ora deve essere effettivamente rilanciata anche come vettore per far arrivare i turisti dal centro città.”

Currò: “Siamo favorevoli a prolungare la tratta della Nave Bus fino a Pra’ e Voltri.”

 

7)   Impegno per favorire in tempi brevi la realizzazione del Centro Civico e Culturale nella ex stazione ferroviaria, progetto lanciato dalla FondAzione PRimA’vera e ora finanziato dal Comune e co-finanziato da P.S.A.”

 Boni: “Credo sia un ottimo progetto; sentiamo l’esigenza di creare una biblioteca nel nostro territorio.”.

Chiarotti: “E’ un buon progetto accolto dalla Civica amministrazione, finanziato con 600 mila euro ed i cui lavori partiranno già quest’anno. Dovrebbe diventare un importante centro di aggregazione e cultura. Una biblioteca peraltro esiste anche in Via Martiri del Turchino.”

Currò: “Ribadisco la massima apertura a tutti i progetti che migliorino la vivibilità del tessuto urbano e che siano condivisi con la cittadinanza.  Vorrei anche che P.S.A. prima di dare soldi sul territorio rispettasse le regole.”

Fanghella: “Quando due mandati fà ero Consigliere del Municipio mi sono opposto all’idea di demolire la vecchia stazione ed ora mi fa piacere che sia al centro di un progetto di riqualificazione e di restituzione ad uso pubblico per la città.  Il programma del candidato Sindaco Bucci prevede anche un aiuto da parte del Comune nei confronti delle associazioni locali per ottenere possibili finanziamenti dalle banche per iniziative al servizio della cittadinanza.”

 

8)   Quali misure di monitoraggio dell’inquinamento del porto, misure oggi assenti, si intendono perseguire e rendere poi fruibili per i cittadini ?

Currò: “I dati relativi alla mortalità quartiere per quartiere sono abbastanza problematici per Pra’; noi vorremmo avere centraline per il monitoraggio settate correttamente per rilevare l’inquinamento di tipo industriale.  A Pra’ la servitù del porto provoca problemi alla salute dei residenti; serve una rete di monitoraggio sull’inquinamento e la salute. L’Autorità Portuale genovese fa indotto per 10 miliardi di euro l’anno grazie a questo porto e dovrebbe favorire la creazione di questa rete che, per quanto riguarda le centraline, resta di competenza della Città Metropolitana e quindi del Sindaco di Genova. Abbiamo poi presentato delle mozioni perchè i dati sull’inquinamento siano resi pubblici.”

 Fanghella: “Esistono già delle centraline sul territorio ma i dati comunicati da ARPAL sembrano poco affidabili e poco attendibili. I controlli vanno intensificati e resi più continui e meglio adeguati alla realtà industriale del porto.”

Boni: “Il Municipio deve farsi maggiormente parte attiva nel garantire un buon monitoraggio sul porto. I controlli effettuati dagli enti pubblici non hanno evidenziato problemi; ma quando le stesse verifiche sono state fatte dai cittadini (come ad esempio la FondAzione PRimA’vera – N.d.R.) gli sforamenti del livello di rumore sono emersi. A livello comunale c’è poi un piano per smantellare la Polizia ambientale, cosa che va decisamente impedita.”

Chiarotti: “Mi trovo d’accordo con quanto detto finora anche se non è vero che gli enti pubblici danno dei valori sballati. Qualcosa per il monitoraggio è già stato fatto ma non è ancora sufficiente; mi sento di garantire massimo impegno e trasparenza per potenziare i controlli e renderne pubblici i risultati.”

 

9)   Avete messo in programma la realizzazione di un’area per i cani ?

Fanghella: “Un argomento così specifico non è, per la verità, nel nostro programma perchè avremmo dovuto allora metterne parecchi altri. Abbiamo già un gattile sul territorio e non vedo perchè non possa essere prevista anche un’area per i cani.”

Boni: “L’Italia è la nazione con il più alto numero di cani per abitanti.  L’unica area cani nel Ponente è sopra Pegli, alla Vetta; non aver previsto a Pra’ un’area per i cani è stata una grave mancanza della politica del Municipio.”

Chiarotti: “Argomento giusto, ma osservo che Boni ha nella sua lista un assessore del Municipio che ha amministrato negli ultimi cinque anni e che quindi avrebbe potuto fare qualcosa.  A Pra’ c’è a Villa Fiammetta una zona per i cani e ne sarebbe già stata realizzata una seconda nel Parco di Ponente se intoppi burocratici legati alla mancanza di permessi non l’avessero temporaneamente bloccata; verrà comunque completata prossimamente e se ne può forse prevedere anche un’altra nella zona di Levante.”

Currò: “Direi che un’area per i cani si può tranquillamente prevedere, è anch’essa un segno di civiltà.”

In conclusione è stato dato spazio ai candidati per un messaggio generale ed un invito agli elettori come in ogni Tribuna elettorale che si rispetti.

 

Boni: “Bisogna potenziare i Municipi dando loro maggiore autonomia decisionale e più  potere di spesa. Ci consideriamo con Paolo Putti, nostro candidato a Sindaco, l’unica lista di Sinistra e vogliamo cambiare le dinamiche che hanno governato Genova in questi ultimi vent’anni creando grossi problemi. Vi invito per questo a leggere il nostro programma. La mia lista per il Muncipio è composta da quasi tutte persone alla loro prima esperienza elettorale e pensiamo che la politica si faccia sul territorio senza imposizioni da Roma o diktat dall’alto come abbiamo invece visto recentemente per altre forze politiche”

Chiarotti: “Il decentramento va sicuramente rilanciato e già la Giunta Doria ha aumentato il trasferimento di fondi ai Municipi da 280 a 680 mila Euro. Ricordo poi che Putti è lo stesso politico che aveva dichiarato che la divisione tra Destra e Sinistra è cosa superata e che anche l’Anti-fascismo è una cosa vecchia. Da candidato dello schieramento progressista, io spero invece che Genova non finisca nella mani di Salvini perchè la nostra città ha una storia di Resistenza e valori importanti da difendere. In questi dieci anni ho cercato con umiltà e passione di rendermi utile alla città ed al territorio; ora vorrei mettere questa esperienza al servizio di tutti continuando quello che abbiamo incominciato a fare ed avendo un occhio di riguardo particolare per il sestiere di Palmaro e per i quartieri collinari.  Pra’ è l’esempio di come una buona amministrazione possa trasformare e riqualificare positivamente una Delegazione che per troppo tempo è stata considerata la cenerentola del territorio.”

Currò: “Mi sorprende sentire il candidato Boni che rivendica il fatto di guidare l’unica lista di Sinistra quando in realtà guida una lista civica. Il Movimento 5 Stelle l’avete conosciuto sulle vostre strade. Abbiamo raccolto ad esempio 5 mila firme per fermare l’espansione del porto ed abbiamo spinto la Giunta regionale a prendere posizione contro questo scenario. La salute dei cittadini deve essere messa sempre più al centro della politica, sempre più come una competenza essenziale dell’amministrazione pubblica ed è quello che vogliamo fare. Non vi chiedo il voto per la mia faccia ma vi prego di fare attenzione ai contenuti del nostro programma ed alla coerenza che sui vari temi è stata dimostrata in questi anni. Noi ci poniamo in discontinuità con la politica amministrativa del recente passato e lo possiamo fare perchè abbiamo le mani libere.”

Fanghella: “Vogliamo fare dei Municipi dei piccoli Comuni con una capacità autonoma di decisione e di spesa che non debbano elemosinare soldi all’Assessore di turno per far fronte alle proprie esigenze.  Il nostro Municipio è il più vasto di Genova ma siamo penalizzati dal fatto che i finanziamenti vengono invece ripartiti sulla base della densità abitativa anzichè su quella dell’ampiezza del territorio: questa cosa va cambiata. Continuare a dare fiducia alla stessa parte politica di questi anni significherebbe continuare con una linea che ha dato poco peso e spazio ai Municipi, regalando tanto fumo e poca sostanza; nel programma scritto da me insieme al candidato Sindaco Bucci si prevede invece di potenziare le risorse e le competenze dei Municipi per venire incontro ai cittadini.”

2 Comments

  1. Io c’ero ed e’ stato molto, molto interessante, la partecipazione calda e vibrante, penso sia stato utile a tutti questo confronto tra uomini, visioni e programmi. Il nostro Ernesto ha portato avanti una conduzione di stile, e tutta l’organizzazione e’ filata via liscia come l’olio. Da Fondatrice, mi sento di essere soddisfatta di quanto abbiamo cercato di fare, con spirito di servizio ed entusiasmo…sicuramente, vi sono possibilita’ di ulteriore miglioramento, ma per ora va bene cosi’!

Rispondi a Elisa Annulla risposta

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*