Trasformiamo le “Lavatrici” in “Belvedere Praese”

Lo zolfanello

Velocifero-

E’ stato da poco pubblicato il bando per l’affidamento dei lavori di demolizione della “Diga di Begato”, l’orribile e tristemente noto insediamento di edilizia popolare genovese, mentre vanno avanti i traslochi dei 340 nuclei familiari residenti nella “Diga Bianca” e in quella “Rossa” secondo il piano del Comune, che sta mettendo a disposizione alloggi in altri quartieri. La conclusione dei traslochi è prevista per il prossimo mese di aprile, quando si aprirà il cantiere per la demolizione, che comporterà un costo di circa 7,5 milioni di euro. La demolizione della “Diga” fa parte di un progetto di riqualificazione urbana senza precedenti, che va ad abbattere edifici degradati di edilizia popolare. Dopo la demolizione, che durerà 18 mesi, si procederà alla riqualificazione del quartiere, che tra le varie cose prevede la costruzione di “smart home”, sul modello nordeuropeo. Considerato che a Pra’ esiste un’altro orrore urbanistico, realizzato più o meno nella stessa epoca, quello del complesso delle “Lavatrici”, è logico domandarsi se non sia il caso di pensare ad una simile soluzione anche per il singolare mega-edificio praese. Negli anni ’80, mentre la costruzione del Bacino Portuale di Pra’ distruggeva la spiaggia ed il litorale, la realizzazione delle Lavatrici ha devastato e sommerso sotto il cemento quella che era una bellissima collina, che si protendeva verso il mare, consentendo una visuale privilegiata che spaziava dal Monte di Portofino a Capo Noli. La collina, prima del barbaro ed invasivo intervento del Comune di Genova, era interessata solo da un paio di piccole case di contadini, ed era dedicata in toto alla coltivazione di pregiati ortaggi ed alle colture di alberi da frutta. L’ammasso di cemento grigio e triste delle Lavatrici, oltre ad essere poco funzionale, poco confortevole ed esteticamente inguardabile, per come è stato progettato e costruito ha comportato e comporta ingenti costi di manutenzione. Nell’ambito di questa nuova ed inedita visione urbanistica della città, che vuole sostituire il brutto con il bello, sarebbe ora da prendere seriamente in considerazione la demolizione delle Lavatrici per sostituirle con delle casette a schiera del tipo di quelle realizzate a “Quarto Alto”, riconvertendo parte delle aree a coltivazioni di pregiato basilico praese e realizzando sul punto più a mare della collina un parco-belvedere con percorsi attrezzati per il fitness e la ginnastica. Trasformiamo le Lavatrici in “Belvedere Praese”.

Foto aerea da ponente discarica Porto di Pra- Anni 80
Le Lavatrici di Pra in costruzione -Anni 80

8 Comments

  1. Velocifero e’ la nostra penna ” di punta”, una ne pensa e cento ne scrive: incisivo, ficcante, creativo…adesso arriva con questa proposta che, pur essendo di lungo respiro, ha un suo perche”, giusto guardare sempre avanti!
    Splendida e desolante la fotoripresa dall alto della malefica DISCARICA, cosi si chiamava ai tempi.

  2. Riteniamo Supràtutto un importante strumento per la delegazione dei Praesi che coniuga il diritto di informazione e i pensieri liberi e di buon senso dei cittadini in modo gradevole. Abbiamo oltremodo il piacere di leggere articoli e considerazioni su quanto si possa migliorare il ponente genovese. Nel merito, in estate, avevamo incontrato alcuni esponenti della Fondazione Primavera in quanto ci occupiamo di riqualificazione aree verdi e spazi di civica proprietà. Il nostro grande desiderio era presentare un progetto ludico-sociale riguardante il Giardini Dapelo, per la poca cura e gli atti di vandalismo che aveva subito. Credevamo opportuno fosse giusto incontrare prima i rappresentanti di una parte dei praesi e c’eravamo dati appuntamento proprio nel verde di questo luogo, vicino ai giochi rotti (recentemente si lamentava l’incuria dei giardini su questo portale). E’ stato di fatto un incontro freddo, fatto solo di no e accompagnato, poco giorni dopo, da una mail scortese e di definitiva chiusura. Chi desidera riceverla mi scriva pure (didde.angelo@hotmail.it). Crediamo sia corretto passare sempre dai residenti prima di promuovere istituzionalmente delle trasformazioni, anche se di carattere ludico-sociali. Insomma non ci è stato concesso il diritto di informazione che citavo all’inizio, decidendo per tutti che era meglio non informare e non presentare nulla… Mi piacerebbe dare un’occhiata allo Statuto di quella Associazione, non credo parli di chiusura, negazione, disinformazione, antidemocraticità, ecc. I Giardini Dapelo sono di civica proprietà – quindi di tutti – e nessuno si può arrogare il diritto di decidere chi e cosa può e non può presentare idee e progetti. Oggi leggiamo un articolo che cita la riqualificazione del Quartiere Diamante e lo paragona al Quartiere San Pietro (Lavatrici). Anche qui ci sono idee e progetti (sanciti dall’Art. 118 della Costituzione) che favoriscono le proposte della Cittadinanza Attiva. Crediamo opportuno ricordare ai lettori che i quartieri di Edilizia Residenziale Pubblica citati e altri del territorio genovese, hanno delle politiche abitative molto complicate e difficili da risolvere solo con fitness ed altro; configurano circa il 14% della popolazione e sono rappresentati, fin dalla loro costruzione, da almeno un Comitato di Quartiere per comprensorio. Queste organizzazioni di volontari, sono riconosciute istituzionalmente e sono riunite in Unione dei Comitati di Quartiere Genovesi. Negli anni, sono diventati strumenti di proposte e competenze. Pertanto ci piacerebbe immensamente essere contattati dai praesi democratici e solidali che credono invece nella condivisione d’intenti e di progetti… Magari qualcuno potrebbe anche affermare: “Però, non ci avevamo pensato!”. Cordialmente. Angelo Di Fede
    Presidente Unione dei Comitati di Quartiere Genovesi
    Presidente APS/ASD Cerchio Blu

  3. Desidero far presente al redattore dell’articolo che gli edifici del quartiere San Pietro “Lavatrici” stanno subendo ingenti lavori di restauro da parte della proprietà (Arte) e costituiranno una delle destinazioni di residenza riservate a coloro che dovranno abbandonare la Diga di Begato che verrà demolita. Ritengo pertanto che quanto fantasiosamente auspicato in merito alla demolizione delle Lavatrici sia indicativo della lontananza dalla realtà di chi esprime questi propositi.

  4. “La FondAzione PRimA’vera ringrazia il Signor Di Fede per il commento e per i positivi commenti sul giornale SuPra’tutto. Riguardo alle sue idee per il Parco Dapelo la FondAzione, grata al signor Di Fede per essere stata interpellata, dopo averle ascoltate, ha espresso parere contrario, anche a nome dei sui membri e sostenitori, per i seguenti motivi:

    1) Il Parco Dapelo fa parte del processo di recupero e valorizzazione del territorio di Pra’ a seguito della distruzione del litorale per la realizzazione del Porto di Pra’. Non si trova in condizioni degradate, ma sicuramente migliorabili. Il miglioramento delle condizioni del parco può e deve passare attraverso un miglioramento della manutenzione a cura e spese della realtà portuale, e non attraverso gestioni di associazioni private, Il Parco Dapelo è patrimonio dei cittadini di Pra’.

    2) Una delle caratteristiche di pregio del Parco Dapelo è proprio il fatto di essere uno spazio aperto, libero e senza cancelli ed inferriate. Il Parco è intrinsecamente sicuro in considerazione del fatto che si trova sotto le finestre di centinaia di residenti nelle case che si affacciano sulla via Pra’.

    3) A Pra’ la priorità più grande ed importante riguarda l’estensione del recupero e valorizzazione del litorale di Pra’ realizzato con il POR – Pra’ Marina, lungo tutto il litorale Praese, in particolare tra il torrente Branega e il Rio San Giuliano e tra la Rotatoria Pontile ed il Castelluccio di Pra’. Il Parco Dapelo è un elemento di pregio e positività ed ha solo bisogno di un po’ più di cura e manutenzione del verde da parte del Comune.

    Segreteria Fondazione PRimA’vera

  5. Il Forum del Terzo settore e Celivo, sia nei corsi di formazione periodici che per le buona attuazione collaborative in rete tra associazioni territoriali, ha sempre più constatato la difficile collaborazione tra le varie O.N.P. Le cause sono riconducibili al concetto egoistico “io, mio” molto lontano dal democratico “nostro, vostro”. La chiusura è determinata da vecchi strumenti, ramificati nel tempo da servitù mai scordate. Attualmente, favorire le politiche territoriali e di salvaguardia del bene comune è diventato una questione di pochissimi, è considerato di proprietà esclusiva solo perché è nel territorio di resdidenza di alcune associazioni e/o comitati. Dal nostro punto di vista, la solidarietà e socialità sono diverse vedute da unire, quando si discute di bene comune! Conciliarle in una politica del consenso opportuna alla più ampia condivisione, soprattutto quando è riferita alla civica propietà… proprio per migliorarla.
    Presidente UCG
    Presidente APS/ASD Cerchio Blu

  6. La Fascia di Rispetto , il Parco Dapelo , come tutto li territorio Praese sono spazi aperti, liberi e fruibili da tutti e da chiunque abbia piacere di goderne a qualunque ora ed in qualunque momento ne abbia voglia.. Mi sembra ipocrita giocare col concetto egoistico (io, mio) e quello democratico (nostro, vostro) da parte di chi vorrebbe chiudere con cancelli ed inferriate spazi che sono sempre stati aperti ed a disposizione dei cittadini senza limite alcuno. Comunque una cosa è certa e sicura: Pra’ sa cosa vuole, conosce i suoi bisogni, ha chiare le sue priorità e, soprattutto, si è messa in gioco per ottenere tutto ciò che ritiene giusto le spetti. Grazie, ma capisca bene, Pra’ è la nostra casa ed alla nostra casa, per cortesia, lasci che ci pensiamo noi. Democraticamente

  7. Grazie, Mio Capitano, hai proprio centrato nel segno. I nostri spazi sono aperti e liberi e devono continuare ad essere tali. No a cancelli, inferriate e orari .La nostra vecchia spiaggia era aperta per tutti e gli spazi che ne hanno preso il posto devono essere aperti e liberi…

Rispondi a Angelo Di Fede Annulla risposta

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*