“Ti saluto, Maria”

Piera Canale

Una serata all’insegna dell’arte, tenutasi venerdì 9 agosto alle 21 nella chiesa di Santa Maria Assunta in Palmaro, ha dato inizio alle celebrazioni per la festa patronale della Parrocchia. La professoressa Anna Maria Anfosso ha condotto il nutrito gruppo di persone intervenute all’evento in un percorso di scoperta della vita di Maria attraverso le numerose opere d’arte custodite nella Pieve di Palmaro. Gli affreschi, i dipinti e le sculture, davanti ai quali saremo passati sicuramente moltissime volte, narrano la vita di una donna semplice, vissuta in umiltà, pronta a donarsi totalmente per donare al mondo il suo Salvatore, diventata essa stessa dono del figlio all’umanità nell’ora più dolorosa della propria vita ed infine Assunta in cielo, rapita dagli angeli in un tripudio di regalità ma sempre con le mani spalancate, segno di accoglienza e accettazione del proprio destino.  La scelta dei brani proposti e magistralmente eseguiti all’organo dal maestro Salvatore Semilia ha voluto ricordare la figura della Madonna più conosciuta nella tradizione popolare, dalle celebri “Ave Maria” di Bach – Gounod e Schubert alle più semplici e ben note “Vergin Santa” o “Andrò a vederla un dì”.

Anna Maria Anfosso stata professoressa di Storia dellArte, dapprima al Liceo Scientifico Statale Enrico Fermidi Sampierdarena e poi alla succursale a Voltri, divenuta poi autonoma con il nome di Liceo Luigi Lanfranconiche tutti conosciamo. In questi ultimi anni si è dedicata allinsegnamento della Storia dellArte al Centro Universitario del Ponente avvicinando decine di persone, anziane e meno anziane, al meraviglioso mondo della bellezza. 

Salvatore Semilia, nato a Vittoria in provincia di Ragusa, è stato sin da piccolo rapitodalla musica. All’età di 15 anni ha iniziato a suonare con diverse band e già a 16 gli è stata affidata una corale di 56 persone, formata da 42 cantori e 14 strumentisti, tra cui fiati e percussioni. A 17 anni ha iniziato e continuato a dirigere per 2 anni il coro cittadino e quello della diocesi di Ragusa. A 20 anni ha allargato i suoi orizzonti musicali suonando durante le crociere, nei villaggi turistici ed in molti locali della Sicilia. Dal 2007 suona il pianoforte nella Corale del Rinnovamento nello Spirito e nel 2009 si è diplomato al Conservatorio di Messina con 110 e lode. Nel 2014 è stato chiamare a suonare in Vaticano per lincontro mondiale dei sacerdoti e nel 2015 ha suonato al concerto di Andrea Bocelli, sempre in Vaticano Dal 2018 si è trasferito a Genova ed ha iniziato il suo servizio per far conoscere ed amare la musica anche nelle nostre Comunità e il 21 dicembre 2018 ha diretto il concerto di Natale del coro Parrocchiale di S. M. Assunta “… e danzando canteranno”.

2 Comments

  1. Piacevolissima serata fra arte e musica! Sarebbe bello riuscire ad inserire la nostra bellissima parrocchia all’interno di un tuor artistico, magari unitamente alle due parrocchie di Voltri, anch’esse depositarie di preziose opere d’arte! Se nell’antichità, come ha ricordato la Professoressa Anfossi, i quadri erano l’unico linguaggio comprensibile dalle persone umili che non sapevano leggere, oggi bisognerebbe rieducarci ad apprezzare e salvaguardare ciò che di bello e di grande valore, ci hanno lasciato i nostri avi! Io personalmente amerei sentire suonare più spesso il nostro magnifico organo antico, specialmente se suonato da valenti musicisti come il maestro Semilia che ormai fa un po’ parte anche della nostra Comunità!

  2. La chiesa storica Santa Maria Assunta va certamente valorizzata in ogni modo, e le idee espresse da Rita sono la testimonianza di quanto il vetusto edificio sacro, millenario e ricco d’arte, sia amato tra la gente…complimenti a tutti i fautori di questo evento, sperando ne seguano altri ancora.

Rispondi a Elisa Annulla risposta

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*