Suor Elisabetta Provinciali ha raggiunto la Casa del Padre

 

Redazione –

Se n’è andata, a 96 anni , circondata dall’affetto delle consorelle, suor Elisabetta, gemella di Giorgio Provinciali, “U Maeustru “. Praese d’ adozione, entrò giovanissima nella congregazione Figlie della Divina Provvidenza, fondata da Don Daste, il sacerdote buono di Sampierdarena, di cui ricorre quest’anno il 200esimo anniversario dalla morte.

In seguito e ben presto, divenne superiora generale, per 40 anni ed oltre ed il suo spirito evangelico la stimolò a cercare nuove vocazioni oltreoceano: fondò ben otto case filiali a Palchad, nel Kerala, facendo propria la missione della cura dell’infanzia del fondatore…da qualche anno, introdusse l’avvio della causa di beatificazione di Don Daste, tuttora in corso, e cercò in ogni modo, di ampliare e diffondere il messaggio di amore ed accoglienza cristiane; vi sono filiali dell’istituto a Sestri, Chiavari, Santa Giulia, Spotorno, Moconesi, e suore dell’ordine sono presenti in Asili e Parrocchie che ne richiedono la presenza. Moltissime giovani sono giunte dalla lontana India, per prendere i voti, anche qui a Pra’ Palmaro abbiamo un’istituto di “Figlie della Divina Provvidenza”, sito in via Murtola, a Villa Cortese, trasformato dapprima in collegio per orfanelle, poi scuola elementare ed attualmente, scuola materna e dell’infanzia, attivo fin dagli anni ’40.

Suor Elisabetta era fisicamente esile e piccolina, ma emanava una grande energia, vivacissima, sorridente, sempre indaffarata e pronta a confortare, da pochi anni si era fermata, causa l’avanzare degli anni, ma il suo spirito era ugualmente presente come forza interiore che trapelava dalla sua persona, pur nella sofferenza.

Per merito della visione di Suor Elisabetta, illuminata dalla Fede, si è creato tutto un mondo dedito al bene, alla formazione delle giovani generazioni, senza dimenticare l’aiuto verso i bisognosi, l’impegno sociale e culturale, la catechesi e l’istruzione.

Lascia un’ eredità preziosa, con l’esempio di una vita completamente dedita al prossimo. Domani e lunedì, nella Cappella dell’Istituto Casa Madre in Sampierdarena alle ore 18 recita del santo rosario, mentre la Messa di suffragio avrà luogo martedì 5 c.m., alle h 10 nella Parrocchia del S.S. Sacramento.

13 Comments

  1. Ciao “lalla” suorina, abbiamo trascorso molto tempo insiemi. Mi accoglievi a braccia aperte quando venivo a trovarti in Convento, affettuosa e un po’ austera, burbera nonostante la tua esilità, dinamica, sempre in movimento, arrivavi a capire le cose un attimo prima degli altri.
    La tua innocenza e la tua generosità mi sono state maestre di vita, la tua presenza è stata un punto di riferimento per tutti.
    Oggi sali alla Casa del Padre dopo una vita dedicata a fare del bene a tutti, lasci dietro di te un ricordo indelebile per la tua fede incrollabile, la tua opera silente al servizio di tanti giovani e tante ragazze senza famiglia che in te trovavano una Madre affettuosa e sempre disposta a capire , aiutare , sostenere.
    Tutto il bene che hai fatto lo raccoglierai dove non c’è più fretta, tribolazione, cattiveria, ingiustizia sociale.
    Hai cresciuto accanto a te molte consorelle, hai avuto un’idea mondialistica della Chiesa, al passo con il Concilio di Papa Giovanni XXIII, hai saputo sempre guardare oltre, “la provvidenza” c’è sempre stata per tutte le alterne vicende della vita di cui ti sei occupata.
    San Paolo di te direbbe: “Ho combattuto la mia buona battaglia, ho terminato la mia corsa, ho conservato la fede”.
    Spero di rivederti un giorno e riabbracciarti per ringraziarti come non ho ben saputo fare e come avresti meritato.
    Dal cielo prega per me, per noi, per tutti.

  2. Mi ricordo quando dovevi partire con l aereo…per Bombay, per Roma, per Manila, con la stessa tranquillita con cui uno va a fare un giretto sotto casa…ti dicevo” zia , ma come fai a spiegarti…non sai l inglese”…sorridevi, glissavi” beh sai, la Provvidenza!”. Incrollabile la tua fiducia, la tenacia che profondevi nel tuo sogno, portare Don D’aste nel mondo, non far esaurire l ordine, che anzi adesso, grazie alla tua visione illuminata, è prosperato in ogni modo.
    Mangiavo poco, dormivi ancor meno, non ti riposavi, mai, c eri sempre, con affetto, semplicità, discrezione.
    Lasci un esempio smagliante di cosa è la dedizione, la Fede, la rinuncia alle cose materiali.;mi sento persa senza di te e ti voglio tanto bene…zia Betta.

  3. Non ho avuto il piacere di conoscere questa piccola grande donna ma penso che ce ne vorrebbero tante come lei ..
    Il mondo sarebbe senza dubbio migliore di quello che è oggi! Ora Suor Elisabetta può gustarsi il meritato riposo nella gioia più completa.

  4. Questa è la bella storia di Suor Maria Elisabetta, nata Luisa, sorella gemella di mio nonno. Testarda, tenace, ben istruita, figlia di genitori facoltosi, rifiutò di mangiare, bere e parlare per giorni pur di ottenere il permesso di entrare in convento e contro il loro volere prese i voti ancora adolescente. Dotata di una propensione naturale verso i bambini, non abbandonò mai la sua attività di insegnante elementare, nonostante, già giovanissima, fosse diventata Madre Superiora del suo istituto, impegno che mantenne con estrema dedizione per oltre quarant’anni. Alta meno di un metro e mezzo, corporatura gracile da bimba, era un vulcano di energia e vivacità intellettuale e spirituale. I suoi viaggi la condussero in India dove, giunta a contatto con la povertà più estrema, lasciò il cuore e l’anima e dove per tutta la vita tornò appena possibile, fondando e mantenendo negli anni diverse case religiose volte all’accoglienza delle ragazze madri e degli orfani. Ottantenne ancora energica, la ricordo discutere con mio padre: “Francesco, vai tu al consolato indiano, la prossima settimana io non ci sono, vado a Roma!” ed effettivamente, sola soletta, credo spuntando appena dal bancone del check-in, a più riprese se ne andava in Vaticano a racimolare fondi per le sue case di accoglienza. Brillante, vivace, geniale, alla stessa età ed oltre continuava a rivestire il ruolo di economa del convento e delle sue fondazioni. Si muoveva velocissima nel suo abito nero, tra fogli, conti, telefoni e aerei. E intanto, come fosse una ragazzina, si divertiva con i nipoti, soprattutto con mio padre, che da sempre la rese vittima di scherzi telefonici, presentandosi ora come Vescovo, ora come Questore, in cui spesso lei cascava e spesso fingeva di cascare. Non si faceva tempo ad entrare nel suo studio che subito arrivavano the e pasticcini. Non si poteva uscire da lì senza aver ricevuto coroncine del Rosario e immaginette sante che aveva personalmente portato dalle più svariate parti dell’Italia e del mondo. La “Zia Suora” come tutti quanti noi la chiamavamo, oggi, a 96 anni, è partita per il suo ultimo viaggio, quello verso la Destinazione che, son certa, con le sue opere di amore ed infinita bontà, certamente si è meritata.

  5. Madre(come la chiamavo io..) mancherà tantissimo,ma il bene che ha fatto lascia un degno indelebile. Dal cielo ci protegga. Patrizia

  6. Brava Nicoletta, hai tracciato un ritratto fedelissimo della zia Betta.
    Stamattina ero da lei, accolta da tutte le suore in preghiera e ne ho saputo un altra, davvero sconcertante e bella: la zia è mancata ieri, 2 marzo, ovvero la stessa data di nascita diDon Daste, il fondatore dell Ordine e suo mentore…ci vedo un segno soprannaturale in questa coincidenza.

  7. Non ho conosciuto di persona Madre Elisabetta.
    Me ne ha parlato Katia.
    Elisabetta ha riassunto in sé i valori della famiglia Provinciali e ha saputo diffonderli a Genova e nel mondo, passando dove c’ era il bisogno e facendo del bene.
    In lei e riconosco Giorgio che mi ha
    dimostrato affetto e vicinanza nel passato;
    Francesco, ora magistrato di tribunale a Milano, e la sorella Elisa che sono sempre con me in familiare cordialità.
    Giovanni Damele

  8. Carissimi Francesco ed Elisa, ho letto la notizia della scomparsa della vostra cara zia.
    Destino ha voluto che accadesse proprio in occasione della ricorrenza della morte del fondatore.
    Non l’ho conosciuta di persona.ma certamente ero a conoscenza della sua grande fede e capacità organizzativa.
    Non ho potuto partecipare al funerale per motivi di salute ma desidero esprimere la mia vicinanza a voi e a tutta la vostra famiglia.
    Katia Caviglia

  9. Grazie Katia,
    la tua sensibilità umana è rimasta una “cosa speciale”.
    Era una piccola-grande donna, come qualcuno ha scritto più sopra, ha dedicato una intera vita a fare del bene, con impegno, passione, dedizione.
    Ha seminato ciò che altri raccoglieranno….
    Ora ci protegga dal cielo.

  10. Grazie Katia e prof.Giovanni, apprezziamo molto il vostro gentile pensiero per la zia e tutti noi..vi auguro ogni bene e spero vedervi presto.
    Suor Elisabetta nella sua contemplazione beata ci protegga tutti.

  11. Carissimo Dr. Giovanni Damele,
    Ti ringrazio di cuore per la commovente testimonianza di stima della Zia Suora e – immeritatamente – della mia famiglia e persino mia!
    Sei sempre stato un riferimento importante per la famiglia Provinciali: mia mamma, mia moglie, mia sorella e io stesso siamo stati Tuoi dipendenti quando eri Dirigente Scolastico in servizio.
    Poi ho avuto la fortuna di diventare Tuo collega e – lo sai- da Te ho imparato l’abc della gestione di un istituto scolastico.
    La Tua competenza unita ad una umanità davvero speciale Ti hanno reso un riferimento per tutti noi, una stella polare, un’autorità indiscussa e prestigiosa nel mondo della scuola genovese e ben oltre.
    Per questo motivo la vicinanza al lutto familiare – pur se la zia era anziana- ci ha commosso. Esprimo la gratitudine della famiglia e sono certo di interpretare i sentimenti dei miei genitori se fossero ancora in vita.
    Grazie infinite.

Rispondi a Nicoletta Annulla risposta

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*