STANNE A SENTÎ SEGNÔ, IL GENOVESE VIVE ANCHE NELLA MESSA

Domenica 30 giugno, a San Rocco la Messa in dialetto con Don Sandro Carbone

Chiara Bozzo –

Messa in zeneize? Un momento in cui far vivere il nostro dialetto e apprezzarne la capacità evocativa e coinvolgente senza cadere in una rivisitazione solo nostalgica. Così è stato per il torrido pomeriggio di domenica 30 giugno nella parrocchia di N.S. Del Soccorso e San Rocco, dove, Don Sandro Carbone, noto traduttore e biblista, ha presieduto una celebrazione nella quale si sono alternate parti in italiano e altre in genovese. Infatti, non essendo ancora considerato a tutti gli effetti una lingua, il dialetto può essere utilizzato per alcune specifiche come alcuni canti e le preghiere dei fedeli, espressione delle intenzioni della comunità. La S. Messa, realizzata anche grazie all’aiuto del parroco, Don Andrea Robotti, andava a concludere i giorni di festeggiamenti per la ricorrenza, sabato 29 giugno, dei Santi Pietro e Paolo; il primo tanto caro ai Praini in quanto delegazione di pescatori. «Stiamo traducendo la Bibbia dall’ebraico al genovese, siamo a buon punto» introduce Don Carbone «Questa tradizione della Messa in dialetto ha preso il via quando vi era l’Arcivescovo Bertone e forse potrebbe consolidarsi con l’obiettivo di far diventare il genovese una vera lingua, come merita». E così, con l’aiuto e l’estro di Ninetto Durante, il quale si è occupato di scrivere alcuni testi, dopo alcune brevi introduzioni alle letture, il dialetto genovese ha aiutato a marcare alcuni tratti dell’omelia concentrata sulla necessità di avere una fede forte, capace di far vincere o Segnô nei confronti del Diavolo e della paura in un mondo così complesso. Ninetto Durante, insieme al coro della parrocchia, ha poi suonato e intonato due canti in genovese carichi di significato: l’Ave Maria in zeneize e, al termine, Ma se ghe pensu. Perché il dialetto ha ancora per molti, non solo anziani, la capacità di rendere vicine e quotidiane tanti aspetti della nostra vita.

2 Comments

  1. Bella e originale iniziativa! Se è importante non dimenticate il nostro dialetto perché patrimonio della nostra identità genovese, mi sembra
    ulteriormente lodevole la trasposizione dello stesso nell’ambito religioso a noi così caro!

Rispondi a Elisa Annulla risposta

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*