Speranza sotto attacco

Antonella Freri

Mercoledì scorso, nel centro remiero di Pra’, incontro Oscar Capocci, il Presidente del “Gruppo Sportivo Speranza”. “Lo Speranza” per quelli che da sempre la conoscono, nasceva a Pra’ nel 1954, e i suoi soci avevano poi costruito per la loro sede uno chalet molto grande, bello ed elegante. Quel bell’edificio, che dominava la spiaggia di Pra’, venne qualche anno fa scriteriatamente demolito dal Comune durante i lavori per il parcheggio della nuova stazione: nessuno ha mai capito perchè, visto che lo chalet poteva tranquillamente rimanere dov’era, insieme alla storica sede della SMS Pescatori. Oggi la sede dello Speranza si trova vicino nelle “Palazzine del Remo”, vicino alla stazione, “due canoe rovesciate” sono l’indicazione della sede della Società Remiera di Pra’. Il Presidente mi porta a conoscere la società, attraversiamo un “hangar” dove ci sono tutte le imbarcazioni e due grandi galeoni di proprietà del Comune di Genova che partecipano alla Regata delle Antiche Repubbliche Marinare (o Palio delle Antiche Repubbliche Marinare) è una manifestazione sportiva di rievocazione storica, istituita nel 1955 con lo scopo di rievocare le imprese e la rivalità delle più note Repubbliche marinare italiane: quelle di Amalfi, di Pisa, di Genova e di Venezia, nel corso della quale si sfidano tra di loro quattro equipaggi remieri in rappresentanza di ciascuna delle repubbliche, anche grazie a Pra’ Viva, questa manifestazione di importanza nazionale si svolgerà a Pra’ nel 2018. Entrando nella palestra vedo alcuni ragazzi che si allenano, è una palestra modesta, con attrezzi e un grande termoconvettore per scaldare l’ambiente la società conta più di 70 atleti e vanta prestigiose vittorie «fuori fa freddo e l’allenamento deve essere “a secco”» afferma il “coach”, Giancarlo Paravidino «nelle giornate di bel tempo si allenano in mare», ci spiega inoltre che il canottaggio è uno sport che si pratica prevalentemente sui laghi, Pra’ con il suo canale di calma è un ottimo compromesso. Il tour prosegue con il Presidente che mi porta in un grande hangar dove vengono sistemate le imbarcazioni delle altre società remiere della Liguria, che nonostante ciò stanno a spingere sulle istituzioni comunali e federali perché vogliono appropriarsi anche della palestra. Che sia un piano per fagocitare la Società di canottaggio ? Oppure una banale dimostrazione muscolare ? Il G.S. Speranza ha proposto di mettere a disposizione i suoi spazi gratuitamente per raduni della Federazione Nazionale ed al Comitato Tecnici Regionale previo preavviso in modo da non osteggiare gli allenamenti dei propri atleti, ma questo sembra non bastare, e si mormora che influenti personaggi del canottaggio genovese molto vicini ad esponenti dell’amministrazione comunale stiano facendo pressioni per ottenere ulteriori spazi che per loro sarebbero un di più alle loro dotazioni e strutture, mentre per lo Speranza sono di vitale importanza. L’undici Dicembre il Consiglio di Comunità Praese presenterà al Sindaco una proposta per lo sviluppo del “Waterfront Praese” che tra le varie cose dovrebbe soddisfare le esigenze di tutti in tema di canottaggio: comune, società sportive genovesi e anche, e soprattutto, il G.S. Speranza. Auspichiamo insieme a tutti gli atleti e ai Praesi che le istituzioni comunali abbiano a cuore la sorte di tutti quei ragazzi che a Pra’ dedicano la loro vita allo sport del canottaggio ed impediscano una simile ingiustizia.

37 Comments

  1. occhio alla società Elpis vicino all’ammne comunale che non si prenda ciò che è nostro
    il consiglio di comunità praese deve mettere i puntini sulle i

  2. Lo SPERANZA è una realtà storica e come tale deve essere tutelata. La stessa società ha contribuito, sia pur tra alti e bassi, al mantenimento della struttura del campo di regata e all’organizzazioni di moltissime manifestazioni sportive. Non sono contrario all’arrivo di altre società, anzi ki farebbe molto felice vedere il NOSTRO campo di regato sfruttato ancora di più. Tutto questo genererebbe traffico di persone e presenza a Pra e sulla Fascia. Tutto questo però dovrebbe accadere tutelando gli spazi vitali dello Speranza. Magari qualche società (vicina all’amm. comunale) potrebbe anche ottenere degli spazi dove erigere una sua seconda sede….. questo favorirebbe ancor piu la frequentazione dello spazio acqueo, una crescita sportiva grazie a una sana rivalità.

  3. Non entro nel merito dell’argomento perché di canottaggio e società non so nulla. Se non, relativamente alla pratica sportiva, che mi piace vedere i ragazzi nel canale e vorrei vederne sempre di più. E il più possibile con “casacche” diverse. Vorrebbe dire che aiutiamo lo sport a diffondersi e ad essere praticato con successo a casa nostra. Peraltro, facendo conoscere tutto l’indotto che possiamo offrire, territoriale, commerciale, ricreativo. Quel che francamente mi lascia esterrefatta è che si parli di possibili manovre e giochetti sulla base di ciò che sembra o può essere. Alla fine … mormorii. Questo dice l’articolo. E voci nemmeno tanto insignificanti. O si sentono le parti e si informa sulla base di situazioni verificate e quindi con cognizione, CERTA, di causa o si evita di gettare nell’acqua un sasso che provoca onde vaghe e non ben definite. Ripeto, non parlo di sostanza. Ne so meno di zero. Parlo di metodo. Che non mi pare corretto.

  4. Certo Paola, il metodo del pettegolezzo e del sentito dire non è corretto e può provocare reazioni contrarie e dannose.
    Prima di scrivere bisogna informarsi sulle notizie, altrimenti si fa del terrorismo gratuito. E questo non fa onore alla Fondazione, che dovrebbe controllare prima di rendere pubblici certi scritti.Non penso alla malafede (sono troppo buono) ma alla disinformazione sì.

  5. Vorrei rassicurare tutti i praesi o non che mi accusano di riportare notizie non vere che prima di scrivere un articolo mi informo, intervisto, cerco informazioni, non è mia abitudine scrivere a caso, forse siete abituati a quotidiani che prendono le parti dei più forti. IO NO, scrivo la verità, fatevene una ragione

  6. E allora, permettimi, non si parla di “mormorii”. O, nel dettaglio, di un assolutamente vago “Societa’” vicine all’Amministrazione. Tanto per estrapolare un passaggio dal testo. Si citano le fonti, chiare e dicumentate. Visto che si parla di giornalismo, non dovrei certo osservarlo io che non scrivo articoli. Così, si fugano le perplessità e non c’è bisogno di invitare i lettori a “farsi una ragione” dei dubbi che sorgono legittimamente.

  7. Beh signora Antonella, io sono un residente di Pra ma sono per far venire persone a pra, nei bar, nei ristoranti e sulla fascia di rispetto. Invece qui non si vuole che vengano altro che accoglierli! Se fossimo furbi faremmo funzionare tutto bene e potremmo incassare da loro i locali che usano. Invece gli ospiti che portano soldi noi praesi, almeno nel centro di canottaggio, li trattiamo a pesci in faccia. In un recente raduno di canottaggio della nazionale, poiché lei si informa, chieda al presidente dello speranza dove si é svolto. Alla società sampierdarena canottaggio. C’era anche una atleta di Pra a quel raduno ma non si é potuto svolgere nel centro della fascia di rispetto per il presidente dello speranza non ha accettato la richiesta . Questo lo sa? È informata che sempre lo stesso soggetto non fornisce le tessere agli atleti di società terze che servirebbero ad entrare negli spogliatoi e che potrebbe ad esempio essere utilizzate per farsi le docce e portare soldi al pra viva? Anche queste mai consegnate. Quindi anche noi locali dovremmo farci delle domande e, nel suo caso, informarsi . Lo dice una che avrebbe da guadagnarci se ci fosse più movimento sulla fascia, invece che fare in modo che gli atleti e le società vadano via!! Ultima cosa: il comune ha scrinteriamente buttato giù la sede dello speranza, come dice lei, che era ricca di significato ma parlandoci chiaro era una baracchetta in mezzo alla polvere. Ora, grazie al comune, abbiamo due palazzine con hangar palestra spogliatoi e servizi.

  8. Cara Freri io segnalano ciò che si dice in giro
    la società Elpis, vicina alla giunta comunale a differenza di Pra Viva, sta tessendo la sua rete occhio a a te di non cascarci noi Praini doc possiamo sono segnalare.

  9. Penso che Antonella Freri nel suo articolo abbia scritto esattamente quello che si sente dire a Pra’ nella fascia e nell’ambito del canottaggio, non sono nè dicerie nè pettegoletti ma un dato di fatto. Criticarla di non fare giornalismo professionale non mi sembra corretto, anzi, a giudicare dal numero e dal tipo e intensità di commenti sembra proprio che abbia colto nel segno segnalando un problema molto di attualità, sentito e molto discusso a Pra’. Suggerisco che ora Antonella intervisti sul tema, ufficialmente il Presidente dello Speranza, il Delegato Comunale Anzalone, il Presidente di Pra’ Viva, il Presidente dell’Elpis, il Presidente della FIC, riportando le loro dichiarazioni ufficiali, in virgolettato, in modo che il quandro sia chiaro. Se qualcuno ha informazioni attendibili e documentate che contraddicono quanto scritto da Antonella Freri è gentilmente pregato di renderle pubbliche, altrimenti il contestare l’articolo della Freri in modo generico è quello sì fare disinformazione. In quanto al modo di riportare le notizie, quello utilizzato da Antonella Freri lo si può trovare tutti i giorni sulla più qualificata stampa nazionale ed internazionale cartacea e digitale.

  10. Antonio … per quanto mi riguarda, io non ho informazioni da rendere pubbliche perché, l’ho scritto, il mio unico momento di condivisione con il canottaggio è quello di godermi il piacere di vedere i ragazzi nel canale. Tant’è che ho opinato sul metodo dell’articolo, non certo sul contenuto. Non ho sicuramente tacciato Antonella di non fare giornalismo di qualità perché non e’questa la mia opinione e, tra l’altro, nemmeno ho gli strumenti per approfondire la professionalità di un articolo. Per contro, ne ho molto apprezzati altri in cui l’ho trovata bravissima, con una grande capacita’ narrativa e col modo di scrivere che piace a me. Sull’inopportunità di fare informazione riportando che “si mormora”, invece, resto della mia idea e certo non mi consola che si informi per sentito dire anche su testate note e prestigiose. È un tipo di giornalismo che non condivido anche quando è siglato dai signori della penna. Perche’ quella, per me’, E’ disinformazione. Che da adito a interpretazioni e fraintendimenti. E genera malumori. Invece, mi trovi pienamente daccordo, sul suggerimento di dar voce agli attori della situazione. Anche perché ora credo sia doveroso dare a chi è o si ritiene interessato la possibilità di argomentare sui fatti. Penso di aver chiarito la mia opinione a sufficienza e lascio la parola ad altri. Buona giornata a tutti.

  11. Sono d’accordo con Pietro. Certo cara Antonella era meglio se scrivevi paro paro quello che ti ha detto il presidente dello speranza senza giri di parole penso che è questo quello che ti fanno notare i lettori e in questo penso hanno una qualche ragione. Puoi però intervistare i protagonisti uno a uno e scrivere parola per parola quello che dicono. Sarà molto utile a noi praesi per capire cosa sta succedendo. Grazie comunque per quello che fai per Prà.

  12. Brava Antonella hai buttato il sasso nello stagno vai avanti ben vengano altre società a Prà se portano qualcosa e se hanno soldi per migliorare la fascia e il canale se però l’idea di qualcuno è solo quella di estromettere lo speranza e farsi la sede gratis è meglio che ci ripensi perchè saranno guai lo speranza non si tocca !

  13. Se a Prà c’è il canale e le palazzine dei rematori è anche grazie allo speranza. Se non c’era lo speranza e i pescatori ora ci sarebbe un rumentaio, una comune di drogati e un campo nomadi ma vi ricordate quando sulla spiaggia c’era la discarica e la baraccopoli abusiva ? Su Supratutto ho visto delle foto di Ginko che mi hanno riportato a quei tempi e mi fanno ancora stare male. Che ci pensino bene quelli che a genova ragionano ancora come capi delle colonie, noi non siamo più una colonia, che facciano qualcosa di buono per Pra una volta tanto e non solo danni la responsabilità di avere distrutto una spiaggia bellissima per farci un porto bruttissimo ce l’hanno loro

  14. Sulla fascia e sul canale di Prà ci possono stare tutti speranza e altre società di genova e anche di fuori la cosa sarebbe buona per Prà ma il comune deve portare qualcosa non togliere allo speranza e a prà viva che magari hanno tanti difetti ma che meritano di essere migliorati aiutati e non dargli addosso

  15. Certamente Anna Maria ed Arius dicono una cosa condivisibile: se vi sono possibilita’ di aggregare altre societa’, rendendo la Fascia ed il Canale di Calma veramente un elemento di richiamo, senza nuocere allo “Speranza”, mi sembra positivo per il futuro e la visibilita’ di Pra’.
    Anche Paola G. correttamente sostiene questo aspetto, ha semplicemente espresso il suo parere riguardo ad un metodo, e nei moltissimi commenti con i quali segue il Magazine, ha sempre dato prova di grande equilibrio ed interesse genuino per il bene di Pra’.
    Non e’ la prima volta che sorgono confronti anche accesi su queste pagine, credo che la moderazione ed il rispetto reciproci dovrebbero sempre guidare i nostri pensieri e di conseguenza, gli scritti.

  16. il mio non era un commento negativo alla giornalista che ha scrittol’articolo né tantomento un chiudersi a riccio agli altri, forse chi ha risposto non ha ben chiaro cosa si è scritto.
    La segnalazione è dovuta perchè altri possono sostituirsi via via allo Speranza e godere dei frutti che con grossi sacrifici noi praini abbiamo fatto per evitare la “spazzatura”. Ma sarebbe utile sapere cosa il Presidente della circoscrizione, che mi rusulta al momento tace, dice in proposito ed in maniera particolare sulla scalata di Pra Viva a favore di “altri” e così pure del nuovo Presidente della Fondazione che al momento anch’esso tace.

  17. Una cosa però è certa che se l’articolo della Freri ha suscitato così grande attenzione e commenti, forse qualcosa di vero c’è. C’è forse del “marcio in Danimarca” ?

  18. Sono d’accordo con Antonio, i sacrifici li abbiamo fatti noi praini con 40 anni di discarica le altre società vengono dopo non facciano i prepotenti e se il canale è a Prà e non a Nervi o a Quinto Quarto Voltri o Murcarolo se ne facciano una ragione, se ne vogliono uno tutto loro possono sempre chiedere di fare un bel porto container davanti

  19. Su andiamo sulla fascia e nel canale c’è un sacco di spazio ci possono vogare tutti basta che smettano di litigare e si mettano daccordo certo chi viene da fuori deve portare rispetto

  20. cara Anna Chiara con tutto il rispetto la prego si documenti forse si confonde con atro lo chalet dello speranza era in cemento armato in buone condizioni e si trovava ben distante da dove sono oggi le palazzine dove era oggi ci sono solo posti macchina vada a vedere le fotografie. Antonella Freri ha ragione. Poi sono daccordo con lei per il fatto che portare gente a Prà sarebbe molto utile a condizione che porti e non tolga

  21. Il sindaco Bucci è una persona seria e competente ha importanti esperienze manageriali anche all’estero e saprà sicuramente trovare una soluzione che metta d’accordo tutti senza prevaricare nessuno io almeno lo spero.

  22. Non facciamo entrare la politica ovunque
    Lasciamo alla federazione e al buon senso trovare una soluzione c

    ondivisa
    Sicuramente gli addetti ai lavori sono più attendibili
    …altri cercano voti come sempre

  23. Carissimi, io ho saputo giusto ieri documentandomomi che effettivamente però lo speranza pra, sta intrancialdo l’arrivo degli atleti che porterebbero soldi e movimento a pra. Nel recente raduno della federazione, tutti i convocati si sono ritrovati ad allenarsi e mangiare e spendere soldi a Sestri ponente a causa del rifiuto del nostro presidente!!! Questo non é giusto!! Abbiamo bisogno di quei soldi e di quel movimento! Non dobbiamo perdere il movimento e rimanere da soli come speranza, senza gare e manifestazioni! Questa sembra la REALE traccia che sta prendendo il canottaggio a pra. Se il problema ŕlé come sembra lelpis, estromettiamo lei é basta ma accogliamo io movimento remiero per evitare che un bel giorno il comune decida anche di toglierci il canale. Più si é a fare canottaggio poi siamo forti sulle istituzioni. Però non facciamo santo il presidente dello speranza perché potrebbe a mio avviso essere più accogliente nei confronti di tutti e questo non vuol dire togliersi e farsi da parte e lasciare tutto alle altre società. Vuol dire definire il proprio territorio (hangar nord, centrale e palestra a proprio uso come adesso !!!) E accogliere gli altri (permettere ad esempio l’uso degli spogliatoi e delle docce a TUTTI, investire insieme all’organizzazione delle manifestazioni locali nazionali e magari internazionali ecc ecc). Invece ultimamente per quanto ne so, é tutto l’opposto. Per certo so che della palestra non interessa a nessuna società esterna !! Ma nonostante questo io non capisco perché il nostro presidente adotti una politica così aggressiva e non funzionale dal punto di vista economico, di movimento ecc ecc. Dovrebbe prendere la situazione in mano e, mettendo al centro lo speranza e pra, gestire tutto il centro e laurea del canottaggio ! Ma ne sarebbe in grado o No?? In passato ha dimostrato dai posti barca (in acqua) a quelli a terra (non regolari !!!), alla gestione della palestra (in origine nel 2003 la gestiva lo speranza), di non essere troppo bravo. Speriamo bene. Non dobbiamo rischiare di perdere tutto il movimento con questa politica aggressiva!

    • Mi scusi signora “Annachiara”, per essere una che non ne sa niente mi sembra troppo informata su cose che i non addetti non potrebbero sapere.

  24. Sappiamo tutti chiaramente che il presidente del sodalizio remiero vuole fare in modo di rimanere da solo sul canale. Questo sara deleterio per il nostro movimento cittadino. Sono d’accordo con Anna Chiara. Bisogna tutelare lo speranza pra ma il presidente sta adottando una politica senza senso probabilmente a tutela della sua incapacità a gestire gli spazi nel rispetto di tutti e tutto (società di pra, posti barca atleti vari, bar della zona, ristoranti ecc ecc). Ripuliamo la dirigenza dello speranza, permettiamo alla federazione di fare i raduni (non come 10 giorni fa!!!) e tuteliamo lo speranza stesso che da solo non riesce a fare nulla.

  25. Ragazzi, il centro remiero di pra é stato costruito con soldi PUBBLICI ED È PUBBLICO !!!!! Ok tutelare lo speranza pra, ma lo stesso o pra viva o comune deve GARANTIRE la fruizione del centro da parte di tutti cosa che non sta avvenendo

    • Mi risulta che tutti i frequentatori di impianti pubblici paghino per l accesso alla società che li gestisce… Vedi la piscina.

    • Mi pare che le società remiere possano usufruire del centro quando vogliono….non mi risulta però che paghino per farlo…e in nessun impianto pubblico entri se non paghi…

  26. tutte le società pagano a Pra Viva un canone indistintamente e alcune esterne dal 2016 non pagano niente questa va evidenziato.
    Sarebbe meglio rinnovare il consigli di Pra Viva e non i soliti noti

  27. Tutte le società di canottaggio pagano. Tutte sono in regola con le tessere anche se, quest’ultime, pur richiedendole, non vengono fornite. Nessuno mi risulta voglia entrare gratis. Io sono spesso nel bar e so per certo che le società pagano e vogliono pagare. Ma il nostro amico presidente speranza pra, non da possibilità di farlo, fa ostruzione e sta facendo, come più volte dichiarato, di tutto per rimanere solo sulla fascia. Andare a vedere per credere. Io credo che sia l’ora di farlo cacciare dalla presidenza. Non ci aiuta e non aiuta i nostri ragazzi praesi, pensa solo a portare avanti la sua stupida guerra contro i foresti facendoci perdere importanti risorse economiche esterne

  28. Per il signore che afferma che gli pare si possa andare al centro quando si vuole, vada a chiederlo alle società le peripezie che devono fare. Spesso li vedo che, non tutte hanno le chiavi codificate e irriproducibili, cercano qualcuno che gli possa aprire e una volta mi capito di vedere e soprattutto sentire il presidente Capocci gridare “io non vi apro, non vi posso aprire, é una questione di principio; ho la mia battaglia”. Questo succede a chi nel bene e nel male contribuisce, in maniera importante, anche alle spese di gestione totale delle palazzine. Questa é l’accoglienza che qualcuno riserva a loro che, ripeto, ci possono portare soldi. Se ben utilizzata é una risorsa importante . Leggo qui sopra del raduno con 20 persone svoltosi a Sampierdarena. Abbiamo perso almeno 200 euro in qualche ristorante praese. Ancora Grazie presidente.

    • Hanno le chiavi eccome… Una le ha perse senza avvisare nessuno..poi pagheranno le docce ma con i canoni di affitto dei locali dove sono le canoe mi dicono siano un po in ritardo con i pagamenti…li c è la sede dello speranza e per accedere ci deve essere un controllo.

  29. Queste società avranno le loro sedi con tanto di palestra immagino e per accedere alle loro strutture non credo basti presentarsi alla porta. Perché a pra dove la società di riferimento sul territorio ha la sua sede si dovrebbe poter accedere a piacimento senza controllare chi entra? Poi per essere persone di passaggio mi sembrate davvero informate….lavorate per la cia…

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*