Sopralluogo a Pra’-Palmaro

Elis@ Provinciali-

La mattina del 24 u.s., un misterioso assembramento di cittadini davanti al marciapiede della Farmacia Palmaro, in attesa di qualcuno o qualcosa, incuriosisce i passanti.

In realta’, siamo di fronte ad un incontro assai importante, fortemente voluto dalla Fondazione Primavera, dei cittadini con il Difensore Civico, dott.Francesco Lalla, il quale con estrema disponibilità, aveva espresso la volontà di valutare di persona la situazione di degrado nel sestiere.

Il Municipio, col presidente Chiarotti ed i consiglieri Morlè, Currò e Musso, ha guidato la delegazione all’osservazione dei punti strategici della situazione del sestiere palmarese, sempre più devastato dall’attività portuale, strettamente contigua all’abitato e dall’invadenza dei containers. Era presente , per Autorita’ Portuale, il dott Canepa, che ha seguito ogni fase dell’incontro.

Il Difensore Civico ha ascoltato con attenzione tutti quanti, ed è apparso fortemente colpito dalle problematiche di vivibilità che da anni ormai, stringono in una morsa quest’area della delegazione.

Sono state prese in esame svariate angolazioni lungo il percorso, per completare la visione ci si e’ spostati anche sull’alto di un terrazzamento, un sopralluogo accurato, il quale prelude ad un’ analisi approfondita che il Difensore Civico si e’ riservato di condurre, anche con l’ausilio di documenti e fotografie che verranno messe a sua disposizione.

Infine, la delegazione si è spostata all’interno dell’infrastruttura portuale, mentre i cittadini si scambiavano le loro impressioni: in ognuno, si è riscontrato l’apprezzamento per la disponibilità ed empatia del dott. Francesco Lalla, che ha dato una speranza di risoluzione e miglioramento, ognuno si e’ detto disposto alla piena collaborazione ed impegno, si resta in attesa; taluni non escludono il ricorso a più drastiche azioni rivendicative.

A margine del sopralluogo, il giorno successivo, il consiglio municipale ha infine approvato all’unanimità una mozione per sostenere con forza il ventilato ed più volte promesso spostamento delle enormi pile di containers a pochi metri dalle case: l’area nuova consegnata all’imprenditore Spinelli, più vasta e lontana dall’abitato, era stata indicata da molte fonti come quella destinata, ma lo scenario che si disegna non va in questa direzione, anzi, appare ancora più preoccupante e minaccioso, per un sestiere che va perdendo , giorno dopo giorno, la propria vita ed identità.

Il sestiere più antico, Palmaro, primo nucleo della delegazione, non merita tutto questo, e la popolazione, questa volta , non starà ferma a guardare il proseguire di tale iniqua devastazione.

4 Comments

  1. A fronte dell’acquisizione dell’area da parte di Spinelli temo che il futuro sia ancora un po’ più scuro, speriamo che qualcosa si muova davvero in senso opposto!

  2. Certo, speriamo, ma pronti ad agire…ragazzi, credo che uniti e decisi possiamo invertire questa rotta…e’ incredibile come la partecipazione attiva, se ben orchestrata, possa fare, e poi, avendo il Difensore Civico dalla nostra, possiamo sentirci piu’ tutelati.
    Speriamo, ma intanto facciamo massa critica e manteniamo alto il livello dell’attenzione!

  3. La presenza personale del Difensore Civico e Garante per l’infanzia di Regione Liguria, Dott. Francesco Lalla, già Procuratore della Repubblica di Genova, è garanzia di serietà dell’iniziativa, segno della sensibilità istituzionale del Dr. Lalla e anche un grande onore per Pra’ e Palmaro.
    Quando si riceve una persona “seria” e di alto profilo come Lui ci sono tutte le premesse per proseguire nel lavoro di sensibilizzazione delle autorità e delle istituzioni e mettere a fuoco problemi e proposte di soluzione da sottoporre a coloro a cui ci si rivolge.
    Bisogna dimostrare coesione e unità di intenti. Se ci si divide si rischia di non essere credibili e neanche ascoltati. Spesso chi rovina il porto è il marinaio ( e mai metafora è più azzeccata di questa per Pra’).

Rispondi a Elisa Annulla risposta

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*