images2TJ2OGCM
Totò e Peppino nella famosa truffa della Fontana di Trevi

La concorrenza tra diversi fornitori di energia elettrica e gas nel cosiddetto mercato libero spinge le compagnie ad utilizzare  ogni mezzo di comunicazione e di promozione per potersi guadagnare nuovi clienti da strappare all’azienda rivale a suon di tariffe  che vengono sempre presentate come le più convenienti in assoluto.
Questa “guerra delle tariffe e delle promozioni”, che avviene anche per la telefonia mobile, si combatte ogni giorno nelle tv,  nelle reti radiofoniche, sui siti internet,  sui giornali e deborda in maniera seccante anche direttamente a domicilio.
Per chi ha il telefono fisso, sfuggire alla persecuzione delle chiamate telefoniche delle varie compagnie è diventata impresa  pressochè disperata e anche chi il telefono fisso non l’ha più deve comunque fare i conti con il porta a porta che le aziende fornitrici  di luce e gas utilizzano in maniera sempre più ampia.
Questo metodo di promozione e di vendita che sa un po’ di antico e di anacronistico  nell’epoca della rete, del digitale e degli smartphone  sta invece conoscendo un nuovo periodo di boom e ci sono giorni in cui capita di sentire suonare il campanello di casa più volte per trovarsi  di fronte ogni volta al venditore di turno.
Una buona parte di questi venditori lavorano proprio per le compagnie fornitrici delle utenze domestiche di luce e gas.
Il copione in questi casi è più o meno sempre lo stesso.  Ci si presenta una persona di solito cortese, ben vestita, magari un po sudata  o infreddolita, a seconda della stagione, che ci interroga su quale compagnia ci fornisca l’energia elettrica o il gas e che ci chiede  di fargli leggere una nostra bolletta; in tal caso sarà in grado di dirci se può farci rispiarmiare qualcosa ed in che modo.
Certo il porta a porta non è un lavoro facile o di grande soddisfazione e  nemmeno tra i meglio pagati, però in questo lungo periodo di crisi  economica e di elevata disoccupazione è uno dei pochi lavori disponibili.
Per esperienza personale ho potuto verificare che la gran parte dei promotori porta a porta si comporta in maniera professionale  indicando subito per conto di quale compagnia lavora, dando le giuste informazioni relative alla promozione che propongono  e non insistendo oltre quando rispondiamo loro che non siamo interessati a cambiare fornitore o ad acquistare il prodotto.
Ho però incontrato anche persone che non hanno un approccio altrettanto corretto  e che anziché chiarire subito che sono incaricati  di una determinata compagnia preferiscono giocare sull’ambigua promessa di una diminuzione dei costi della bolletta per usufruire della quale  occorre però firmare un foglio e che vogliono strapparci un passaggio ad un nuovo fornitore senza però mai indicare in maniera esplicita  che dovremmo appunto cambiare l’azienda di fornitura e senza nemmeno illustrare  esattamente le nuove condizioni tariffarie e contrattuali a cui andremmo incontro.
Si tratta di un comportamento non solo assai poco professionale e scorretto ma anche ingannevole e quasi truffaldino perchè tende  in maniera volutamente subdola e poco chiara a fare firmare un vero e proprio contratto di cambio di fornitura senza che il malcapitato  interlocutore se ne renda conto.
Bisogna fare quindi molta attenzione a queste situazioni  in quanto oltre a trovarci con una differente compagnia e non per nostra scelta,  potremmo poi scoprire che le condizioni tariffarie promesse non sono proprio così  vantaggiose e dover perdere quindi del tempo  per disdire quel contratto.
Tanto più che se il vostro fornitore decide di abbassare le tariffe non ha certo bisogno di mandare un proprio incaricato  a casa vostra per avere il vostro consenso: le nuove tariffe saranno automaticamente comunicate ed applicate attraverso una lettera  o comunque una comunicazione scritta.
Attenzione poi a quei presunti incaricati dell’azienda del gas che si presentano a casa nostra e dopo una lettura di una bolletta  intendono risarcirci direttamente sul momento di una fantomatica cifra in più che avremmo erroneamente pagato; qui l’imbroglio è palese  in quanto anche per i rimborsi le aziende fornitrici si avvalgono solo di comunicazioni per iscritto e non certo di incaricati  che vengono a suonare a casa.  Si tratta di truffatori che vogliono introdursi a casa delle persone, quasi sempre anziani,  per poter aprofittare della situazione e derubarle.
Quello dell’incaricato del gas o della luce è un metodo classico di truffa che continua sempre a mietere vittime, specie in una città  come Genova così ricca di persone anziane e sole.
Anche la lettura del contatore da parte degli incaricati, come ben sappiamo, viene adeguatamente comunicata  con un avviso nel portone e non sono possibili letture del contatore in un periodo diverso da quello indicato nell’avviso.


Luciano Bozzo

 

 

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*