Semi-pedonalizziamo via Airaghi e via Sapello

Velocifero #

 

Via Airaghi semipedonalizzata
Via Airaghi semipedonalizzata

Finalmente è stato re-istituito il doppio senso nel tratto iniziale di via Cordanieri e via Airaghi può cessare di essere l’imbuto intasato dove negli ultimi mesi è stato convogliato tutto il traffico proveniente da via Cordanieri, via della Torrazza, via Finale. Con il P.O.R. Pra’ Marina che sta rivalorizzando la parte litoranea del centro della delegazione praese, è giunto il momento di migliorare ulteriormente la parte interna, il centro storico, per rilanciarne la vivibilità e la vitalità delle attività commerciali, riprendendo in considerazione una proposta lanciata a febbraio del 2010 da “Il Praino”: la semi-pedonalizzazione di via Airaghi, appunto. La pedonalizzazione di via Fusinato ha portato grandi vantaggi per Pra’, creando un’area tranquilla, senza traffico, che ben si presta al passeggio, al ritrovo, ed è evidente come ciò abbia apportato beneficio anche alle attività dei commercianti, i cui negozi sono notevolmente migliorati in qualità ed offerta. Proprio a seguito del successo di tale operazione è opportuno valutare l’opportunità di estendere la pedonalizzazione alla adiacente via Airaghi, che di via Fusinato è il naturale prolungamento. E’ però evidente come ciò non sia tecnicamente completamente possibile, vista la necessità di garantire il passaggio dei veicoli diretti a e da via Rovereto e via Villini Ambrogio Negrone. Ciò ha fino ad oggi impedito ogni tipo di progetto in merito. Esiste però una soluzione che costituirebbe un buon compromesso, e cioè lastricare la sede stradale di via Airaghi, da Piazza De Cristoforis a Piazza Bignami, allargando i marciapiedi ai due lati della strada, mantenendo solo una carreggiata centrale larga lo stretto necessario per il passaggio dei veicoli, con slarghi in punti opportuni per il carico e lo scarico delle merci destinate ai negozi. Così facendo la larghezza dei due marciapiedi, oggi assai stretti, potrebbe essere raddoppiata, consentendo un più agevole “passeggio” per i cittadini ed i passanti, e migliorando così sensibilmente l’attività dei commercianti locali. Fioriere e panchine potrebbero essere posizionate in punti opportuni per favorire l’aggregazione e la conversazione. Gli alunni che si recano alla Scuola Materna, alla Scuola Thouar ed a Villa Ratto troverebbero un più agevole e sicuro percorso. I pochi posteggi di libera sosta che si andrebbero ad abolire nella via sarebbero compensati da quelli, addizionali, che si stanno realizzando sulla via Pra’nell’ambito del P.O.R. Pra’ Marina, subito dietro, a pochi passi dagli stessi palazzi di via Airaghi. L’operazione potrebbe essere estesa anche lungo la via Sapello, fino a Piazza Laura, realizzando un unico percorso semi-pedonale da piazza Sciesa a piazza Laura che, attraversando il centro storico praese, costituisca una zona originale e pregiata di passeggio e di shopping in tranquillità, schermata dal rumore e dal traffico. Una grande opportunità per il rilancio di un sestiere, quello di Sapello, che ha visto negli ultimi anni l’inaridimento della presenza dei negozi e l’invasività delle auto in sosta che ne opprimono la genuina essenza di borgata popolare. L’operazione potrebbe essere facilitata dalla realizzazione, lungo la via Pra’ e sulla Fascia di Rispetto, di posteggi riservati ai residenti. E’ infatti evidente come buona parte dei posteggi sulla Fascia di Rispetto, che sono molti, siano utilizzati gratuitamente da persone che giungono da fuori Pra’ per prendere il treno. Sembra equo che una quota opportuna di tali posteggi vengano riservati, sempre gratuitamente, agli abitanti della zona.

6 Comments

  1. Bello! Concordo con Velocifero, via Fusinato è diventata un gioiellino, il salotto buono di casa: adoro i maxi vasi fioriera, mi sembra di stare a Lilliput! E poi, davvero i negozi danno il meglio di sè ed è bello “vascheggiare” e darsi appuntamento con un’amica in uno dei suoi bar per un caffè…abbiamo anche noi la nostra via Sestri, anzi, più carina perchè appunto, molto tranquilla ed easy.
    Pensare ad una soluzione come quella prospettata anche per via airaghi, mi trova oltremodo favorevole e mi chiedo:perchè no anche in via Alla Chiesa di Pra’?..mi salteranno addosso i residente per il parcheggio sotto casa,ma se effettivamente, le nuove aree generate dai POR possono ospitare molte auto, credo si possa fare!
    Magari, via alla Chiesa è un pò distante dal parcheggio nuovo di Sapello, allora, visto che si può pensare liberamente, perchè non ricavare un analogo, grande posteggio sulle vaste zone inutilizzate del Porto, piene di detriti e degrado, di fronte a via Porrata, all’incirca?
    In questo modo avremo un’unica, grande via pedonale da p.zza Sciesa alla fine dell’abitato a ponente…salvaguardando il transito ed i posteggi per disabili e carico/scarico,la maggior parte delle auto posteggiate “a mare”, ci possiamo trasformare in una delegazione all’avanguardia! Aggiungo che lo stesso tipo di concetto e’ previsto anche sull’ex litorale, da Pegli a Vesima, e quindi sarebbe veramente il massimo.
    Mi sono lasciata prendere un pò la mano, ma sperare è lecito:siate affamati, siate folli!

  2. Grazie Barbara…sai, io credo che sognare per sognare, tanto vale puntare il più in alto possibile! Ci penserà poi il tempo, la politica, la burocrazia a ridimensionare, ahime’, le ambizioni. Ma, se devo prefigurare Pra’ secondo il mio gusto, così la vedo: green friend, macchine, ferrovie, contenitori tutto a mare il più possibile, ed un percorso ininterrotto tra siepi verdi, l’acqua del Canale di calma, ed all’interno, uno “struscio” tra negozi e locali carini, con panchine, altro verde urbano di qualita’.L’Aurelia,esclusivamente per la viabilità locale, quindi poche auto, niente camion, zero emissioni.
    Monitoraggio costante dell’aria e dei rumori, le ville storiche restaurate, il Palazzetto dello Sport operativo…Hai ragione, davvero un po’ ambizioso, ma te l’immagini? Io si.

  3. Un po’ di ambizione non guasta.

    Anche perché nel mare di “scarsita'”in cui il Ponente naviga da decenni, scarsita’ di risorse da investire, di manodopera, di attenzione e di iniziativa, a fronte di una necessita’ pari a 10 dobbiamo chiedere 20 per ottenere 5, 6, 7 … e sarebbe già un risultato.

    La Pieve di S. Maria Assunta, in Palmaro, fu edificata prima dell’anno 1000; è una delle più antiche e insigni della Liguria. Meriterebbe l’affaccio su uno spazio urbano altrettanto pregevole. Invece, è soffocata dal cemento e dalle auto come la stragrande maggioranza delle nostre dimore storiche, basti pensare a Villa Laura, Villa Sauli Podestà, Villa Adorno Piccardo, solo per citarne alcune. Tutte relegate nello spazio delle loro mura, orfane dei giardini di cui godevano un tempo e accerchiate dal traffico. A onor del vero, negli ultimi tempi, c’è stato ed è in corso, per alcune di esse, un recupero architettonico e funzionale che conforta, ma sul contesto che le ospita ci sarebbe ancora molto da lavorare e sicuramente moltissimo da investire. Via alla Chiesa di Pra’ e l’intera Aurelia sino al complesso (fatiscente anche quello) dell’ex Verrina all’inizio di Voltri andrebbero risistemate e riqualificate con rifacimento di marciapiedi e illuminazione, in continuità con quanto viene realizzato sulla Fascia. E magari con l’inserimento di alberature di pregio, importanti, significative, che riducano l’impatto visivo e acustico dell’area portuale e connotino il paesaggio restituendo dignità a ciò che resta del litorale.

    Continuiamo a sognare, ad essere ambiziosi, ad essere … affamati. Non possiamo riavere ciò che ci è stato tolto, ma possiamo chiedere e ottenere che quanto abbiamo oggi sia rivisto al meglio e come tale mantenuto. Questa “fame” è infinitamente positiva. È la madre dell’interesse che si avverte agli angoli delle strade, nella piazze, nei negozi … È una bella sensazione, che soverchia i mugugni e “urla” molto, molto più forte dell’assordante silenzio degli ultimi 40 anni.

    Brava, Ariel. Pra’ “di verde e di blu” è quello che vorrei anch’io. E non è impossibile.

  4. Il prolungamento dell’area pedonale a Via alla Ciesa di Pra’, costituendo un unico percorso pedonale, vivibile, da Piazza Sciesa a Via De Mari è un’idea interessante e che potrebbe essere sviluppara in simbiosi con il progetto della FondAzione “Ridiamo il mare a Pra’ – Palmaro”. Non c’è niente di facile, ma niente, se lo si vuole veramente e si agisce tutti insieme, è impossibile, sicuramente non è impossibile riportare TUTTA PRA’, dal Castelluccio al Rio San Giuliano ad essere, seppur diversamente, bella come un tempo, e forse ancor di più.

Rispondi a Guido Annulla risposta

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*