“…Sei di Palmaro se…”: il gruppo FB di cittadini chiede con urgenza riqualificazione per il sestiere.

Freri/Provinciali-

Giovedì sera, la pioggerellina bagna il borgo, l’atmosfera è triste, come ogni sera di Novembre. Arrivano alla spicciolata gli abitanti di Palmaro, nella pizzeria che ci ospita, sono una trentina: mi soffermo ad osservare i loro volti, non c’è rabbia o minaccia, solo delusione, amarezza, sconforto dalle promesse non mantenute, la sensazione di essere lasciati soli dalle istituzioni.

Hanno pulito Pra’, ma hanno nascosto la polvere sotto il tappeto, ed il tappeto è Palmaro.”

Nessuno di loro alza i toni, sono tutti tranquilli, rassegnati, ma nei loro occhi traspare la speranza, il desiderio di vedere realizzato ciò che meritano di diritto.

Sono presenti tre giovani Consiglieri Municipali del territorio, Iacono, Parodi e Gabutti, che essendo abitanti, vivono il quartiere sulla loro pelle, e desiderano ascoltare questi cittadini.

Taluni ribadiscono quanto di bello racchiude Palmaro, come l’antica Chiesa Assunta e Villa de’ Mari, ma e’ evidente che il sestiere ha pagato carissimo il prezzo dell’insediamento del Porto,e non solo. Il gruppo aspira a raggiungere una riqualificazione di Pra’-Palmaro attraverso una serie di proposte migliorative.

Creare una micro fascia che unisca Pra’ e Palmaro  , spostando solo i due binari lato strada piu’ verso il mare (lo spazio attualmente c’è) “ asserisce Fabio Zappalorti “previa, bonifica così da ottenere una pista ciclabile alberata o ancora meglio un canale di calma che permetterebbe cosi’ di convivere con le realtà terminalistica e portuale , che non verrebbe toccata, ma allo stesso tempo si creerebbe una passeggiata lungo tutto il litorale fino alla Vesima.

Mettere in sicurezza il muro di villa de’ Mari, ed installare lampioni nuovi ed allargamento marciapiedi, in sintonia e proseguimento con l’estetica della parte centrale di Pra’, usando stesse tipologie di materiali. L’opera di riqualificazione non ha mai raggiunto il nostro sestiere e si e’ fermata a via Taggia.

Chiarire a che punto di trova la copertura autostradale. Avere rassicurazioni sui materiali di risulta davanti a Pra’-Palmaro.”

Si e parlato anche di iniziative aventi lo scopo di rivitalizzare il quartiere nell’ottica di una recupero sociale:

Corsa e Marcia podistica : ”Run Palmaro-Pra” (magliette e gadget)

Creare una SAGRA INVERNALE (sagra della ” Salpizza”) con salsiccia e pizza, collaborazione dei negozi.

Cercare di rendere piu’ viva la Sagra attuale dell’Acciuga con l’invito di almeno tre comici (Zelig Lab Genovese).

Questo nucleo di proposte verra’ portato a conoscenza del Presidente del Municipio 7 Ponente, Claudio Chiarotti, gia’ il prossimo 28 c.m.

La necessita’ di attuare un profondo risanamento delle criticita’ che colpiscono Pra’-Palmaro,sono all’attenzione di Fondazione Primavera fin dalla sua creazione,da oltre tre anni si sono esplicitate con documenti sul Magazine, informazione, raccolte firme (2000) ed e-mails dei cittadini (3000) , in particolare per l’abnorme presenza dei containers che incombono sull’abitato, e che a potrebbero trovare una collocazione piu’ idonea in altre aree della piattaforma portuale inutilizzate e lontane dalle case.I patti per una loro limitazione in altezza sono stati infranti, e la cronaca ci riporta da tempo notizie di incidenti che minacciano salute e sicurezza degli abitanti.

Alcuni punti del progetto riqualificativo a cui ambisce il gruppo riunitosi stasera , sono previsti gia’ da tempo nel programma “Pra’ Futura” e Waterfront della Fondazione Primavera,( scaricabili sul sito del web Magazine SuPra’tutto ), la stessa si rende disponibile ad un confronto e collaborazione, poiche’ convinta del valore di affrontare uniti le difficolta’ presenti sul territorio.

E’ in programma un convegno, per il 16 dicembre, nel corso del quale verra’ dato spazio e risalto alle istanze ed esigenze di un sestiere che finora non ha avuto alcun tipo di compensazione per il proprio martoriato territorio.

 

                       

 

 

 

3 Comments

  1. Iniziativa assolutamente lodevole. Palmaro merita di tornare agli splendori di un tempo, e la riqualificazione di Prà dimostra che ciò è assolutamente possibile. Mi spiace solo di non essere a Genova al momento. Appena tornerò metterò subito a disposizione le mie povere forze a favore di qualsiasi iniziativa che si deciderà di tenere a Palmaro.

  2. Mi chiedo se i problemi del nostro quartiere troveranno mai una soluzione ai rumori, allo smog, all’inquinamento radioattivo, Credo che al di la’ delle speranze che attraverso le voci (al momento inascoltate) di chi ogni giorno lavora, e mi riferisco anche alla redazione di questo magazine, per noi cittadini al fine di vedere realizzate le nostre legittime richieste, ci vorrebbe più coesione e cooperazione anche tra chi politicamente la pensa in modo diverso, perché solo se si fa squadra si vince. Lavorare per il bene comune questo e’ vincente.

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*