Segnali di fumo

Il municipio approva provvedimenti per combustibile navale “green” o quasi

Elis@Provinciali

Il 26 giugno u.s., il Consiglio municipale all’unanimità ha deliberato in materia di protezione dell’ambiente, tema che ha sempre perseguito, schierandosi per la sua pulizia e sanità. SuPra’tutto ha sentito il consigliere Filippo Bruzzone, promotore della proposta che “si aggiunge ad altre, che la maggioranza prima e poi l’intero municipio avanza, con l’intento di migliorare le condizioni di salute della nostra comunità. A gennaio entrerà in vigore la nuova normativa che disciplina la composizione dei carburanti in uso nei porti, meglio farsi trovare informati e pronti. Se poi queste proposte venissero considerate anche dalle istituzioni superiori, sarebbe ottimale, in primis lamento la latitanza del consigliere Maresca, che ha la delega ai porti ed in due anni si è visto una sola volta.” Viceversa, Bruzzone è sempre pronto ad interagire con la stampa ed i cittadini, non mancando di informare circa le molteplici iniziative che promuove. Nelle premesse degli atti municipali, leggiamo che l’Internal Marine Organization (IMO) detta norme più restrittive, imponendo appunto dall’inizio del nuovo anno, il calo della percentuale in zolfo dal 3, 5%, allo 0, 5%, nelle succitate aree ECA è dello 0,1. Tale misura dovrebbe avere ricaduta positiva sull’aria che respiriamo a Prà, nei dintorni della zona portuale, riducendo gli ossidi zolfo con conseguenze importanti sulla salute e sull’ambiente. Il Municipio si impegna così ad attivarsi presso Istituzioni ed Enti preposti ai controlli sull’effettivo rispetto dei nuovi vincoli nella composizione del carburante. Già il nostro Magazine si occupò in modo dettagliato di tale particolare aspetto, ultimo articolo di Velocifero, vedi http://www.supratutto.it/il-drone-che-annusa-lo-zolfo/  insieme a molti altri contributi sul pezzo. Fondazione Primavera e SuPra’tutto accolgono quindi con soddisfazione questa presa di posizione del Consiglio Municipale e saranno in prima fila nel verificare l’attuazione della nuova normativa limitatrice di emissioni nocive.

2 Comments

  1. Ovviamente serviranno ordinanze attuative, a gennaio ed in questo la Capitaneria di Porto avrà la funzione primaria, ma certo anche il cittadino che vedesse dense volute di fumo dipanarsi davanti alle sue finestre, potrà segnalare…ormai la direzione e’ questa, elettrificazione e carburante green, il profitto e lo sviluppo può e deve essere sostenibile.

  2. Mi fa molto piacere che ci sia stata questa presa di posizione da parte del Consiglio Municipale, molto attento alle problematiche di Pra’ e nel contempo mi domando se qualcuno ha posto un’ interrogazione al Presidente relativamente al contenuto dei sacchi bianchi che si trovano in prossimità di Villa de Mari(sito dove in passato sono stati scaricati rifiuti tossici,smarino e quant altro.Mi preoccupa inoltre il container con contenuto esplosivo scaricato al 6° modulo(credo),per il quale e’ stata stoppato dal questore il permesso per i fuochi pirotecnici il giorno di San Pietro.Sostengo fermamente che dovrebbe essere demolito il bunker costruito ca 10 anni fa che fu preposto ad accogliere un container con merce in parte radioattiva.Caso contrario,continueranno a essere sbarcati nel porto di Pra’ containers con contenuti pericolosi x la nostra salute e provenienti da qualsiasi destinazione in arrivo in Italia.Ho sempre sostenuto che le gru del porto, costate milioni di euro, dovessero essere provviste di scanner in modo che , qualora riscontrassero sostanze pericolose, i container dovrebbero essere lasciati a bordo nave e rispediti al mittente.Spero che le istituzioni interagiscano in maniera determinata con Autorità Portuale in modo da risolvere definitivamente queste problematiche, di cui gran parte della popolazione non sa assolutamente nulla.Dovrebbe infatti preoccupare il fatto che a detta degli oncologi la maggior parte dei pazienti genovesi arriva dal ponente cittadino o no????? .

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*