Se Singapore si compra il porto di Genova

#La Redazione

Pubblichiamo volentieri il link a questo articolo scritto da Francesco Provinciali e
pubblicato dal giornale “Il domani d’Italia”.

L’articolo parla infatti del porto di Pra’ e della difficile situazione relativa alla sua
sostenibilità ambientale ed al rapporto con il nostro centro abitato.

http://www.ildomaniditalia.eu/se-singapore-si-compra-il-porto-di-genova/

 

11 Comments

  1. Ottima iniziativa per diffondere la conoscenza della nostra situazione su scala nazionale. Brava redazione.
    Speriamo che qualcuno in alto legga e si dia da fare. Le prospettive sono di passaggio di mano di proprietà a poco a poco con maggioranza di azioni all’estero.
    L’Italia è in vendita. Anche il nostro porto.
    Vantaggi zero, guai e fastidi restano qui per tutti per noi.

  2. Bene, siamo in vendita al migliore offerente e come scritto nell’articolo aspettiamo che si apra anche la via della seta, per portare altre navi, altri container in terminal sempre più grandi.
    C’è da stare proprio allegri. Potremo migliorare? Mai!

  3. Singapore ha comprato il porto antico e il PSA di Prà: l’affare l’abbiamo fatto noi o loro?
    Ci lamentiamo dei foresti nei posti barca e della chiusura della Speranza ma qui ci comprano tutto. C’è da chiedersi se alla fine resteremo proprietari di qualcosa.Forse della nostra casa.Chissà.
    Ma nell’articolo si capisce che il Governo doveva sapere di questa operazione. Stanno a litigare per le poltrone ma si fanno sfuggire questi piccoli particolari. Ma guarda un po’ che strano.

  4. Il porto di Genova un tempo era il cuore del Mediterraneo. Ora diventerà il terminale della via della seta.
    Un modo di dire per prenderci per i fondelli, altro che padroni a casa nostra.
    La globalizzazione ha portato queste belle scelte: che cosa resta di nostrano, genovese, italiano?
    Arriveranno milioni di tonnellate di prodotti di plastica e in cambio noi manderemo il Barolo e il Parmigiano Reggiano.
    Quanto al Governo neanche se ne è accorto di questo passaggio di proprietà o più semplicemente non gliene frega niente.
    A voi la scelta.

  5. Il colpo di grazia finale che tutti sapevamo ma che nessuno voleva credere fino in fondo.
    Adesso aspettiamo la via della seta.
    Non ci bastavano e nostre strasse
    Ci metteranno anche la bandiera di Singapore e della Cina? No così tanto per sapere.

  6. Ineluttabilmente i grandi della terra si spartiscono denaro e potere e noi possiamo ben poco…almeno saperlo e comportarci di conseguenza, con scelte di vita sostenibili ed acquisti intelligenti.
    Interessante articolo, contenuto che preoccupa, ma nello stesso tempo ci mette in guardia…
    Grazie France.

  7. Vedo solo nero fumo non il rosso del sol levante e neanche quello dell’avvenire. Il. Sol dell’avvenire era quello che ci avevano promesso i compagni del passato. Il rosso porpora che arriverà è quello che ci porteranno i governi del cambiamento

  8. Bello PSA Genova Prà, restituisce il territorio e la titolarità del nome a Prà e non a Voltri. VTE era un falso in atto pubblico.
    Peccato che i padroni di casa non siamo noi ma quelli di Singapore e di Pechino.
    Noi siamo come dire quasi ospitati.
    Non si tratta di un giardino fiorito ma di una fonte di rumori, inquinamento, polveri, traffico.
    Si Sabrina, speriamo bene.
    Troisi direbbe non ci resta che piangere.

    • Caro Marco quoto in toto.
      Era meglio avere la spiaggia senza nome ma da andarci a pescare , a nuotare a giocare, a fare l’amore oppure è meglio avere un bel cartello con scritto PSA Genova Pra’?
      La debolezza di cui parla Elisa quando dice che possiamo ben poco e’ il risultato di anni di lasciare passare tutto, di sperare nel futuro, di dare la colpa a Roma e a Genova.
      Ci sono anche tante colpe qui, tra noi, e sarebbe un gesto di onestà ammetterlo.
      Non piangersi addosso, no. Non basta. rinnegare pubblicamente il passato, questo ci vorrebbe ma nessuno ha il coraggio di farlo.
      E allora teniamoci il PSA ora fuso e ingigantito e gli occhi a mandorla dei padroni del vapore. Tanta parte di quello che ci sta davanti ce lo meritiamo tutto.

Rispondi a Elisa Annulla risposta

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*