Per mandare la mail compila il form in fondo a ciascun testo

*************************************************

ATTENZIONE ABBIAMO RILEVATO UN PROBLEMA CON L’INVIO DELLE E-MAIL QUANDO MANDATE DA INDIRIZZI DEL PROVIDER LIBERO. A VOLTE NONOSTANTE LA SEGNALAZIONE DI E-MAIL INVIATA CON SUCCESSO, LE E-MAIL NON PARTONO. STIAMO CERCANDO DI RISOLVERE IL PROBLEMA.  SE POSSIBILE USATE INDIRIZZI MAIL DI ALTRI PROVIDERS (gmail, Hotmail, fastwebnet, alice, ecc…) OPPURE SE NON DISPONIBILI INSERITE IL VOSTRO INDIRIZZO DI MAIL LIBERO DOPO IL VOSTRO NOME E COME MAIL INSERITE: fondazioneprimavera@gmail.com

*************************************************

Testo e-mail per il prolungamento del Canale di Calma e Fascia di Rispetto e Porto Isola – Porto Amico

Rendering grafico colline alberate della Fascia di Rispetto di Pra'
Rendering grafico colline alberate della Fascia di Rispetto di Pra’

 

 

 

 

 

 La Mail sotto sarà inviata in automatico ai seguenti destinatari: Presidente Regione Liguria Toti, Assessore Regione Liguria Rixi, Sindaco di Genova Marco Doria, Vice-Sindaco di Genova Stefano Bernini, Presidente Municipio VII Mauro Avvenente, Commissario Autorità Portuale Contrammiraglio CP Giovanni Pettorino, Il Secolo XIX, Primocanale e Tele Nord.

Io sottoscritta/o, NOME COGNOME, cittadina/o di Genova / Genova – Pra’ o simpatizzante di Genova Pra’,

CONDIVIDO LA VISIONE DI “PORTO AMICO” PER IL PORTO DI PRA’ proposta dalla FondAzione PRimA’vera per completare la riqualificazione, il risanamento, la valorizzazione del litorale di Pra’, devastato dalla costruzione del porto, e la riduzione delle emissioni acustiche ed in atmosfera derivanti dalle operazioni portuali senza pregiudicare lo sviluppo, l’economia ed i livelli di occupazione portuali.

CHIEDO VENGA UTILIZZATA, in ogni tipo di comunicazione scritta e/o verbale riguardante il Porto di Pra’, la denominazione corretta ed ufficiale, che è PORTO DI PRA’, così come stabilito dal Decreto dell’Autorità Portuale di Genova n° 764 del 4 settembre 2014, cessando definitivamente di utilizzare riferimenti impropri e fuorvianti relativi ad altri territori limitrofi dove il porto in oggetto non si trova.

CHIEDO VENGANO REALIZZATE CON LA MASSIMA URGENZA le dune alberate di separazione Porto / Fascia di Rispetto di Pra’, l’elettrificazione delle banchine del Porto di Pra’ ed il prolungamento della pista ciclo-pedonale e delle dune alberate lungo tutto il lato di levante del terrapieno portuale, completandolo così sul fronte attuale, tutte opere indispensabili, urgenti ed indifferibili per un primo livello di mitigazione dell’impatto ambientale del porto.

CHIEDO VENGA REALIZZATO QUANTOPRIMA il progetto “Ridiamo il mare a Pra’- Palmaro e Pra’- Cà Nuova” secondo la proposta della FondAzione PRimA’vera, che prevede, a seguito dello spostamento a mare di un tratto dell’attuale linea ferroviaria Genova – Ventimiglia, la realizzazione di una passeggiata con relativa lama d’acqua e dune alberate di separazione ferrovia/terrapieno portuale dall’abitato e dalle ville storiche dei due sestieri praesi, con contestuale spostamento delle opprimenti pile di container posizionati in prossimità di via Pra’, zona villa de Mari e villa Adorno, in altri spazi del terrapieno portuale lontani dalle civili abitazioni.

SONO A FAVORE, E CHIEDO VENGA REALIZZATO il più presto possibile il PROLUNGAMENTO DEL CANALE DI CALMA E DELLA RELATIVA FASCIA DI RISPETTO DI PRA’ lungo tutto il litorale praese, fino al Rio San Giuliano, come previsto dal Piano Regolatore Portuale per quanto riguarda il Porto di Pra’, in modo da realizzare il “Porto Isola”, OPERA FONDAMENTALE per riqualificare le aree maggiormente impattate dalla realizzazione del porto e per garantire la sostenibilità e lo sviluppo delle attività portuali in sintonia con il tessuto urbano di riferimento.

CHIEDO PERTANTO ALLA REGIONE LIGURIA di supportare e di facilitare il percorso di approvazione delle opere per il prolungamento del Canale di Calma e della relativa Fascia di Rispetto di Pra’ lungo tutto il litorale praese nell’ambito del processo di valutazione ambientale, rifinitura ed approvazione del Piano Regolatore Portuale per quanto riguarda il Porto di Pra’, RECEPENDO LE VARIANTI MIGLIORATIVE proposte dalla FondAzione PRimA’vera.

SUGGERISCO E RACCOMANDO alla Regione Liguria ed alle altre istituzioni competenti di mettersi e tenersi in contatto con la FondAzione PRimA’vera, che sostengo, per ricevere ulteriori informazioni in dettaglio sull’argomento e collaborare / interagire per la progettazione e la realizzazione delle opere di cui sopra.

Distinti saluti.

Il tuo nome e cognome (richiesto)

La tua email (richiesto)

 

Testo e-mail a sostegno del progetto del Palazzetto dello Sport sulla Fascia di Rispetto

untitled

 

 

 

 

 

 La Mail sotto sarà inviata in automatico ai seguenti destinatari: Presidente CONI Liguria, Professor Ottonello, Vice-Sindaco di Genova Stefano Bernini, Assessore Comunale Gianni Crivello, Presidente Municipio VII Mauro Avvenente, Consigliere Comunale Salvatore Caratozzolo, Presidente Regione Liguria Giovanni Toti,Secolo XIX, Primo Canale, TeleNord

Io sottoscritta/o, NOME COGNOME, cittadina/o di Genova / Genova – Pra’ o simpatizzante di Genova Pra’,

CONDIVIDO LA VISIONE DI “PRA’ CITTADELLA DELLO SPORT” proposta dalla FondAzione PRimA’vera nell’ambito del progetto/visione “PRA’ FUTURA”, per completare la riqualificazione, il risanamento, la valorizzazione del litorale di Pra’, devastato dalla costruzione del porto, ed in particolare la proposta per il palazzetto dello sport “PALAPRA’ “.

CHIEDO CHE IL PROGETTO PALAPRA’ SIA  INSERITO TRA I BENEFICIARI DEI FINANZIAMENTI, previsti dal D.L. n°185 del 25 Novembre 2015 la Comma 3, Art. 15  – Fondo “Sport e Periferie” (G.U. 23/1/2016 n°18) secondo la proposta formale inviata dalla FondAzione PrimA’vera al CONI il 15 Febbraio 2016.

CHIEDO AL COMUNE DI GENOVA di attivarsi e di operare in tal senso, e/o perseguire ogni possibile percorso per finanziare e realizzare quantoprima l’opera del PalaPra’, secondo il progetto concettuale della FondAzione.

SUGGERISCO E RACCOMANDO al CONI, al Comune di Genova  ed alle altre istituzioni competenti di mettersi e tenersi in contatto con la FondAzione PRimA’vera, che sostengo, per ricevere ulteriori informazioni in dettaglio sull’argomento e collaborare / interagire per la progettazione e la realizzazione dell’opera di cui sopra.

Distinti saluti.

Il tuo nome e cognome (richiesto)

La tua email (richiesto)

 

Testo e-mail a sostegno del cambio del nome del casello autostradale

casello-autostrada-2

 La Mail sotto sarà inviata in automatico ai seguenti destinatari: Autostrade, Sindaco di Genova Marco Doria, Presidente Municipio VII Mauro Avvenente, Difensore Civico Dott. Lalla

Gentilissimi Signori

io sottoscritta/o, NOME & COGNOME, cittadina/o di Pra’ o simpatizzante di Genova Pra’,

AMAREGGIATA/O nel vedere come il casello autostradale sito a Genova Pra’, costruito solo ed esclusivamente nel territorio della Delegazione, peraltro sacrificando pregiate colture di basilico, continui ad essere denominato in modo errato “di Voltri”, apportando enormi danni alla identità di Pra’ che, proprio a causa di tale marchiano errore di attribuzione, sta sparendo dalle carte geografiche e vede la propria, particolare, identità e peculiarità degradata e cancellata.

CONSIDERATO CHE

  1. il consiglio municipale, che rappresenta istituzionalmente sia i cittadini di Pra’, sia quelli di Pegli e Voltri, il 25 gennaio 2010 si è espresso in modo chiaro ed inequivocabile, in forma scritta, confermando che il casello in oggetto è situato solo ed esclusivamente a Pra’ e come tale deve essere denominato, e sulla base di ciò anche il Comune di Genova, in data 4 maggio 2010, ha chiesto alla vostra Direzione di Roma di modificare la relativa segnaletica stradale in “Genova-Pra’”.
  2. tramite il decreto n°764 in data 4 settembre 2014, l’Autorità Portuale di Genova ha provveduto ufficialmente alla correzione del nome del porto situato proprio di fronte al casello in oggetto, in “Porto di Pra’”, anche a seguito dell’intervento del Presidente della Repubblica, Giorgio Napolitano, a cui i cittadini si sono rivolti chiedendo aiuto e supporto per risolvere finalmente e positivamente l’annosa vicenda degli errori toponomastici di porto e casello.

CHIEDO gentilmente ma fermamente, di provvedere subito alla modifica ufficiale e definitiva del nome del casello autostradale in: CASELLO DI GENOVA PRA’, e di provvedere contestualmente alla modifica di tutta la relativa segnaletica e documentazione.

AUSPICO che quanto sopra si attui in stretto coordinamento con il Comune di Genova, Municipio VII Ponente (Pegli – Pra’ – Voltri) che rappresenta istituzionalmente i cittadini di Pra’.

SUGGERISCO E RACCOMANDO alla Società Autostrade di mettersi in contatto al più presto con la Fondazione PRimA’vera, che sostengo, per acquisire ulteriori informazioni e per cooperare affinché l’operazione di correzione del nome venga effettuata il più presto possibile e nel rispetto dell’identità e del territorio di Pra’.

Distinti saluti.

Il tuo nome e cognome (richiesto)

La tua email (richiesto)

Testo e-mail per sensibilizzare il PSA a contestualizzare la delegazione di Genova Pra’

 

Cattura1

 

 

 

 

La mail sarà inviata in automatico al VTE

Io sottoscritta/o, NOME COGNOME, cittadina/o di Genova / Genova – Pra’ o simpatizzante di Genova Pra’,

CONDIVIDO LA VISIONE DI “PORTO AMICO” PER IL PORTO DI PRA’ proposta dalla FondAzione PRimA’vera per completare la riqualificazione, il risanamento, la valorizzazione del litorale di Pra’, devastato dalla costruzione del porto, e la riduzione delle emissioni acustiche ed in atmosfera derivanti dalle operazioni portuali senza pregiudicare lo sviluppo, l’economia ed i livelli di occupazione portuali.

CHIEDO CHE IL PSA UTILIZZI, in ogni tipo di comunicazione scritta e/o verbale riguardante il Porto di Pra’, la denominazione corretta ed ufficiale, che è PORTO DI PRA’, così come stabilito dal Decreto dell’Autorità Portuale di Genova n° 764 del 4 settembre 2014, cessando definitivamente di utilizzare riferimenti impropri e fuorvianti relativi ad altri territori limitrofi dove il porto in oggetto non si trova.

CHIEDO CHE IL PSA, essendo situato presso il Porto di Pra’, completi il percorso di contestualizzazione e ricongiungimento con il territorio di riferimento, che è quello di Pra’, attraverso la visione “PRA’ PORTO AMICO”, tra le varie cose completando la modifica del suo brand in: PSA PRA’, cessando così definitivamente di utilizzare riferimenti impropri e fuorvianti relativi ad altri territori limitrofi, dove il porto in oggetto non si trova, e tantomeno lo stesso terminal PSA, che continuano a generare ogni giorno confusione, errori ed equivoci, danneggiando l’immagine e l’identità della Delegazione di Genova – Pra’ e dei suoi cittadini che da decenni sopportano tutti i disagi sia per la realizzazione del porto, sia per la sua operatività.

Distinti saluti.

NOME COGNOME

Il tuo nome e cognome (richiesto)

La tua email (richiesto)

40 Comments

  1. Certo che sono (anche) questi i problemi gravi da risolvere,e con priorità assoluta: il nome sbagliato del casello ha fatto sparire Pra’ dalle carte geografiche e ne ha sempre minato l’identità e la visibilità, cose fondamentali per contare e portare avanti le partite che contano. Forse proprio il fatto di aver sottovalutato queste apparentemente banali questioni ha condotto Pra’ ad essere il “vaso di coccio” tra quelli di ferro di Pegli e Voltri che, alla loro identità e visibilità hanno sempre, invece, fatto molta più attenzione. E i risultati sono sotto gli occhi di tutti. Quindi, abbattiamo anche l’ingiustizia del casello ed andiamo avanti a far risorgere Pra’ dalle sue ceneri. Non è mai troppo tardi.

  2. AISCAT . . . a che cosa serve . . .? . .. sarà mica una di quelle società dello stato che servono solo a creare poltrone e debito sulle pelle dei cittadini. Potremmo iniziare una campagna per farla abolire. Manate questo mio commento all’AISCAT, che tanto si danno da fare per non far parlare la gente che gli paga gli stipendi e . . le poltrone. Mi piacerebbe tanto toglierle da sotto il culo . . . così all’improvviso.

  3. Rivendicazione sacrosanta. Altre localita’ fanno carte false pur d’apparire sulla cartellonistica autostradale!! Meditate, una ragione ci sara’. Vi pare?

  4. Operazione di giustizia per ridare identità ai Praini ed al territorio che non è Voltri ma è Prà e adesso Prà pretende il suo giusto riconoscimento.

  5. Grazie FondAzione. Sono decennia che Pra’ paga il conto per tutte le opera pubbliche e servitù ed oneri vari, è finalmente ora che I cittadini ricevano le giuste, sacrosante, contropartire, tutte condivisibili. Anche quella dell’ìidentità toponomastica e territorial, per troppo tempo dimenticata in zona e che ha contribuito a fare Danni gravissimi a Pra’ ed ai Praesi Io ci sono !

  6. Anche io ci sono. Passiamo tutti parola, questo passaggio è importantissimo per Pra’. Facciamo finalmente sentire le nostre voci. Basta subire in silenzio.

  7. DOBBIAMO ESSERE IN TANTISSIMI , PER SOLLECITARE COLORO CHE CI HANNO BISTRATTATO E TUTTORA SONO INERTI, A FARE IL BENE DI PRA’. PER FORTUNA NON TUTTI SONO COSI’, GLI AMMINISTRATORI ILLUMINATI ESISTONO ED A LORO NOI CI RIVOLGIAMO,AFFINCHE’ CI AIUTINO AD AIUTARE PRA’.
    CMQ, HO GIA’ RICEVUTO UNA RISPOSTA SULLA MIA CASELLA…INCREDIBILE!
    Manda e fai mandare una valanga di mail!

  8. Da molti anni i Praesi aspettavano una iniziativa di questo genere: globale, mirata, istituzionalizzata, competente. Dobbiamo gratitudine a chi si è speso in prima persona per mettere a punto la strategia delle istanze e manifestare solidarietà e condivisione per chi la sostiene, per vincere l’indifferenza, la rassegnazione e a volte persino l’ignavia. “PRIMA di TUTTO PRA'”: oltre le singole appartenenze, i retaggi del passato, ciò che resta delle ideologie. Guardare avanti, guardare oltre, con coraggio, senso civico e determinazione. Se non ora… quando?

  9. Ammiro le persone che non si limitano a “mugugnare”, come spesso si è fatto e si fa tuttora anche a Pra’, ma si impegnano per migliorare il posto in cui viviamo. Approvo quindi questa iniziativa, che almeno riporterà l’attenzione sulla nostra martoriata delegazione. Non dobbiamo, però, solo aspettarci interventi dall’alto ma dobbiamo, in prima persona, darci da fare, cominciando dalle “piccole cose”, ad esempio evitando di far sporcare strade e marciapiedi ai nostri cani e astenendoci di portare via le piante dal parco, come purtroppo qualcuno ha fatto…

  10. Giusto…quando Pra’ sara’ finalmente tornata ad essere la graziosa delegazione del Ponente di Genova, va mantenuta anche col nostro apporto e valorizzata.
    Ho mandato le mail!

  11. Vivo e lavoro in una grande capitale europea, ma ogni volta che vengo a trovare i miei…mi incavolo fortemente per come è ridotta Pra’.
    Perciò ho scritto le mail! Sperem…

  12. Concordo con Francesca: “aiutati che Dio ti aiuta”,…qualcuno diceva. Francesca per tua informazione, la FondAzione ha avviato la collaborazione con RFI e Amiu per un re-styling della Stazione di Pra’ e per “Pra’ Delegazione più pulita di Genova”. Project Manager Stefano, della FondAzione. Sarà dura come per tutto zil resto, ma ce la faremo anche per questo. Ciao a tutti e per favore spargete la voce e fate partecipare alle 4 mail quanta più gente possibile. Può e deve essere la volta buona per un cambio deciso di trend per Pra’ e per continuare a costruire PRA’ FUTURA, bella, (seppur in modo diverso) come un tempo. Guido

  13. Anch’io sottolineo l’importanza di quanto messo in evidenza da Francesca e Guido. Diciamo che questo aspetto è un mio cavallo di battaglia e non mi stancherò mai di farne un appello all’intera comunità praese. Non so se quando i lavori saranno finiti ci sarà l’inaugurazione del nuovo “status”, con partecipazione delle istituzioni, taglio del nastro e tanti bei discorsi. Presumo di si. Per l’evento, strade, marciapiedi, aiuole e quant’altro saranno tirati a lucido e bellamente esposti a cineprese e fotografi per le celebrazioni di rito. Il giorno dopo comincerà l’avventura del mantenimento e qui non aspettiamoci che accadano miracoli. Esempi di quanto potra’ accadere ne abbiamo in quantita’. Giusto pretendere che Comune, Amiu, Aster e i soggetti preposti per ruolo facciano la loro parte, ma mettiamoci in testa che la nuova Pra’ siamo NOI e quanto abbiamo ottenuto è roba di “CASA NOSTRA”, per cui: non sporchiamo e insegnamo a non sporcare, raddrizziamo un cartello se è storto, dissetiamo una pianta se ne ha bisogno, spendiamoci ogni giorno per innescare un cambiamento che promuova una cultura di “qualità del territorio”. Ci vorranno tempo e fatica, ci vorranno buona volontà e persino la fiducia di riuscire a sconfiggere abitudini radicate, ma se cominciamo dalle “piccola cose” di cui parla Francesca, tutti insieme, con tenacia, possiamo mantenere il cambiamento di Pra’ e continuare a spingerlo verso il meglio.

    Ottimo e importante il progetto di cui parla Guido. Ognuno di noi può integrarlo con l’esempio personale e l’impegno “sociale”.

  14. Buongiorno,

    sia io che mia moglie abbiamo inviato e – mail…sono nato e cresciuto a Prà…tutto quello che posso fare lo farò nelle sedi più opportune.
    Ringrazio tutti per l’impegno che da anni state spendendo per questa giusta causa. Grazie Guido e a tutti i tuoi collaboratori. G

  15. ringrazio tutte le persone che si sono date da fare e che tanto più lo stanno facendo per cambiare il modo di pensare dei praesi grazie Fondazione!

  16. I MIEI FIGLI SONO CITTADINI PRAESI VOGLIO CHE VIVANO IN UN POSTO PULITO E
    SICURO E PRA’ LO STA DIVENTANDO CON L’AIUTO DI TUTTI

  17. Da quarant’anni vivo a Milano, ma il mio cuore è rimasto a Prà. Un cuore sempre più sofferente. Prà non è mai stata elegante come Pegli, né superba come Voltri. Era un piccolo borgo semplice, genuino, meraviglioso. Da casa mia vedevo la spiaggia, il mare, ora solo cemento. Ho mandato le mail nella speranza che, passando da Prà, non mi venga un assalto di rabbia o un groppo in gola.

  18. se i progetti andranno a buon fine Prè sara ripagata almeno in parte del tremendo danno subito in questi anni speriamolo e lottiamo insieme

  19. Come Presidente del Volare Volley e praino di nascita aderisco volentieri e con speranza alle iniziative che con una mobilitazione forte ed intelligente possono migliorare con semplicità il nostro territorio!

  20. Attualmente abito a Pegli Lido, ma sono Palmarese nel cuore essendovi arrivato a 4 anni nel 1957 ed avendovi trascorso i migliori anni fino agli anni ’90 circa. Nel cimitero di via dell’oratorio sono seppelliti alcuni dei miei migliori amici. Riguardo all’iniziativa dico solo questo: “Era ora!!”. Ho molto tempo libero se servo chiamate e dedicherò del tempo più che volentieri. A cosa? Qualsiasi che sia inerente all’iniziativa. Saluti.

  21. Grazie, caro Claudio, della tua incondizionata offerta di collaborazione…Sicuramente, la Fondazione ha bisogno di persone come te, motivate, Praesi e…Palmaresi nel cuore e’ bellissimo, lo sono anche io, e non manchero’ di contattarti. Magari, visto gli anni cui ti riferisci, ci conosciamo pure!
    Nel frattempo, continua a diffondere la Petizione tra i tuoi contatti, ricordo che è consentito anche inviare piu’ nomi dalla stessa casella di posta, ad esempio se un amico e’ favorevole, ma non usa il pc, invio io per lui, scrivendo il SUO nominativo, seguito dalla MIA casella. A presto!

  22. Condivido quasi tutto delle vostre proposte,quasi perchè abito in via Porrata di fronte ai caselli dell’ autostrada e al cavalcavia per il porto e più che fare battaglia per il nome di Prà o Voltri, cosa alquanto superflua, preferirei battermi per sentire meno rumore e meno inquinamento (entrano in porto in media 5.000 autoarticolati al giorno che devono pure uscire e si sale a 10.000)quindi ritengo più opportuno che vengano installate coperture e barriere fonoassorbenti anche in prossimità dei caselli e sul cavalcavia.

  23. Caro Luciano,
    grazie per aver accolto il mio invito a sottoscrivere la petizione, dopo la nostra conversazione per Palmaro. Sicuramente il nome non e’ tutto, ma e’ cmq MOLTO e da una corretta identificazione del porto, Pra’ non puo’ che averne ricadute positive.
    Per quanto attiene le barriere fonoassorbenti sullo svincolo e all’imbocco del cavalcavia verso il porto, sono pienamente d’accordo, è necessario e sicuramente la tua proposta verra’ recepita dalla Fondazione. Una cosa alla volta, del resto, come sai perfettamente, il cavalcavia in questione e’ in attesa di rifacimento, e sul nuovo sara’ certamente piu’ facile progettare quanto ti sta a cuore.
    Continua a diffondere la P.P.online, grazie ancora!

  24. Pur essendo un palmarese adottato, pegliese di nascita, devo ammettere che e’ il momento propizio per chiarire vecchi dubbi e pretendere tante cose sia quelle mai avute ma necessarie e sia quelle che sono state casualmente sottratte, magari grazie ad aiuti esterni. Inutile ricordare della spiaggia che non abbiamo piu’ per consentire la costruzione del VTE, delle fabbriche Nuova Utensileria e Fonderia San Giorgio che davano lavoro e benessere a molte persone ed a tutto l’indotto che le stesse generavano.
    Speriamo che tutti insieme si riesca in questo meraviglioso progetto che sara’ utile a noi ma ancora piu’ utile per i ns figli e nipoti. Infine un ringraziamento infinito alla Fondazione ed a tutti quelli che collaborano….
    Angelo Agrofoglio

  25. Gli alberi fanno qualità urbana!! Facciamo in modo che gli alberi previsti a progetto fra le QUATTRO (!!) corsie di via Prà vengano messi!!!! Pensate cosa sarebbe Corso Torino se in allora non avessero piantumato i platani!!!!!!!

  26. Caspita! Un’amante degli alberi come me! (smile).

    Solo una piccola osservazione fuori tema rispetto all’editoriale: gli alberi lungo le corsie e fra le stesse sarebbero tanto piaciuti anche a me, ma pare non si possano inserire per questioni di sviluppo aereo/radicale e per il rapporto costi/manutenzione. Personalmente, penso si sarebbe potuta trovare una soluzione diversa rispetto a quello che vediamo oggi lungo Via Pra’ e in generale trovo che il “verde” proposto sia piuttosto risicato quantitativamente. Basta guardare l’effetto dei gelsi antistanti Via Taggia per capire quanto sarebbe stato bello inserirne altri. Della funzione degli alberi abbiamo parlato spesso e questo è uno spazio dedicato a un’eccellenza sportiva di Pra’, ma invito tutti ad adottarli, gli alberi nuovi, con un po’ di attenzione e anche piccoli gesti di cura. Ne beneficeranno loro, ma anche noi e molto.

    Tanto tempo fa, R. Tagore scrisse che “Gli alberi sono lì sforzo infinito della Terra per parlare al Cielo in ascolto”. È un pensiero incantevole e io lo trovo assolutamente vero.

  27. Ho visto il bellissimo link del “Regina Margherita”, con l’invito a partecipare alla petizione online, e la locandina del saggio finale di questa splendida, storica societa’.
    Anche noi ci auguriamo che si risolva presto il problema della sede per fare esibizioni: nell’attesa che venga edificato il PALAPRA’, confidiamo in un recupero della “Quasimodo”, vedi articolo dedicato in qs giorni.
    Grazie al Presidente Massimo che sostiene la Fondazione, noi a nostra volta tifiamo Regina Margherita!

2 Trackbacks / Pingbacks

  1. Mandando tre mail puoi fare tanto per Pra’ | SUPRATUTTO
  2. SAGGIO DI FINE ANNO 2016 « GSD Regina Margherita

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*