Santa Maria Assunta 2019: il sestiere di Palmaro in festa, tra devozione e solidarietà

Molti eventi hanno punteggiato la settimana , in primis l'esordio del nuovo Parroco, dopo tanta attesa

Elis@Provinciali

A Palmaro, da sempre, la data del 15 , Ferragosto, coincide con i festeggiamenti dedicati all’ Assunzione di Maria, protettrice della sua Comunità e patrona della chiesa a Lei dedicata: un’ Assunta popolare, acconciata con i “cicciuin”, ovvero i capelli come li portavano le donne i secoli scorsi, e la cui immagine si discosta dalla classica icona della Madonna,composta, col lungo velo azzurro. Piuttosto una Madre, con le braccia tese per accogliere i figli,ma anche protesa verso il cielo. Ecco quindi, un ricco programma che consenta a tutti di partecipare, iniziato con le riflessioni guidate del giorno 9, di cui abbiamo già scritto, per proseguire sabato 10 e domenica 11, con momenti di meditazione, e la S.Messa al cimitero, per tutti i defunti.

Lunedì 12, funzione per gli anziani ed i malati, con ‘”L’unzione degli Infermi”, somministrata dal parroco subentrante, Don Luciano, insieme a Don Giorgio della Parrocchia di Ca’ Nova, che in questi mesi ha supportato la nostra chiesa, ancora priva di un ministro. A seguire, un’ allegra tombolata, nei locali della palestra, ed una cena a buffet, squisita ed abbondante: molta partecipazione, i fedeli contenti di questa occasione d’ incontro, tanto più che i sacerdoti si sono fermati sino alla fine, condividendo ogni momento comunitario.

Martedì13, Rosario Meditato, mentre la vigilia abbiamo avuto Mons. M.Canessa che ha concelebrato ed alla sera, una significativa Veglia di preghiera, che ha richiamato l’anniversario della tragedia del Morandi ,“Costruire ponti”, ovvero unire le persone che nell’attuale società non sanno più comunicare in modo autentico. Sul sagrato erano accesi 43 lumini, in suffragio dei morti sotto il crollo; abbiamo ascoltato alcuni brani significativi, Stefano ha suonato e cantato “The sound of silence”,, poi tra la commozione generale il gruppo è entrato in chiesa per l’Adorazione. A finire, gelato per tutti sulla piazza.

Giovedì 15, tutta la giornata di festa: al mattino, S. Messa solenne celebrata da S.E.Cardinale Bagnasco ed ingresso ufficiale in comunità del nuovo parroco, Don Luciano, che già aveva parlato in varie occasioni ai fedeli, narrando di giungere dalla piccola chiesa di Coronata…di aspettarsi la pensione, ma il Vescovo lo ha chiamato con decisione più volte qui all’Assunta. “Ed ho fatto la volontà di Dio…vi ringrazio per come mi avete accolto, siete una bella comunità attiva!”. All’uscita, focaccia e bibite, banchetti allestiti dal Borgo, mentre funzionava la pesca di beneficenza. Alle 12.30, pranzo aperto a tutti i parrocchiani, vi erano oltre cento persone, bella partecipazione.Ore 18, Messa vespertina, in piazza vendita di basilico fresco e torte casalinghe.Alla sera, dalle 20.30, canto Solenne dei Vespri ed inizio della processione tradizionale.

Ancora una volta, l’effige di Maria Vergine sul carro illuminato ci ha toccati dal profondo, mentre i “Cristi” venivano issati sulle capaci spalle dei portatori, ed il corteo si snodava per le vie del Quartiere. Ringrazio Piera, Rita, Ninetto, Remo e tutti fedeli che hanno contribuito con parole ed immagini ad arricchire questo resoconto, cui seguiranno, a breve,alcuni approfondimenti. Ecco l’audio della canzone interpretata da Stefano e Dario, talentuosi ragazzi che danno un apporto giovanile di freschezza e spontaneità.

Si allega il link della loro esibizione.      https://youtu.be/QIpKD6ASpLk

 

2 Comments

  1. Grazie a te Elisa per aver sottolineato ancora una volta che il 15/8 è una grande festa per la parrocchia S.M.Assunta di Palmaro! Purtroppo quest’anno la stessa ha coinciso con il primo anniversario della tragedia che ha colpito la nostra bella città …Per cui come comunità parrocchiale, abbiamo dato ampio spazio alla preghiera e alla meditazione! La partecipazione è stata notevole e la presentazione del nuovo parroco che a breve si stabilirà a Palmaro, è stata un’ulteriore incentivo a partecipare alle funzioni e alle iniziative che, anche se giustamente più dimesse, ci hanno permesso di celebrare la festa più importare del nostro sestiere!

  2. A dire il vero ho notato grande presenza in chiesa ed alle funzioni pero’ durante la processione non c erano come tradizione luci alle finestre o lumini…
    Forse appunto in segno di lutto per l anniversario del ponte?

Rispondi a Rita Annulla risposta

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*