Saluti da Pra’: un appassionante viaggio emozionale tra immagini e ricordi del nostro passato

Luciano Bozzo –

Il sito https://salutidapra.wordpress.com/ offre una straordinaria ed interessantissima raccolta di cartoline illustrate della Pra’ del secolo scorso; vi si possono ammirare una ottantina di immagini che coprono l’arco di quasi tutto il Novecento dall’inizio del secolo fino agli anni ’70.
Tutte queste cartoline ci restituiscono le immagini di una località turistica ammirata, desiderata e frequentata con al centro il fascino della sua meravigliosa spiaggia ma anche di una cittadina industre ed industriale con le ciminiere fumose delle ferriere che si stagliano contro il cielo.
Ogni cartolina è accompagnata da una veloce ma precisa descrizione con indicazione dell’anno in cui ogni cartolina fu scritta ed inviata ed alcune informazioni e notazioni distintive che ne arrichiscono e ne rendono più interessante la visione. Questa bellissima racolta non mostra solo le immagini ma anche le frasi scritte da chi quelle cartoline inviava ad amici e parenti dal luogo di una serena villeggiatura documentata con immagini di spiagge, bagnanti e pescatori, altra tipicità del luogo assai spesso celebrata, o di panorami di case e colline con lo sfondo del mare. Le cartoline illustrate sono state il modo di comunicare veloce delle generazioni che ci hanno preceduto; un modo per testimoniare di serene vacanze al mare in un tempo in cui chat, sms, e social network non esistevano ancora. Un mezzo semplice e abbastanza rapido per regalare alle persone care una bella immagine del luogo di villeggiatura, accampagnata da una breve frase a testimonianza del tempo piacevole in questo luogo trascorso, di qualche notazione curiosa o ancor più semplicemente delle buone condizioni di salute dello scrivente o di un arrivederci a presto a genitori, consorti ed amici. Scegliere e comprare una cartolina, scriverla, firmarla e poi affrancarla e spedirla rappresentava però anche un atto che presupponeva comunque una certa cura, un dover dedicare tempo e attenzione alle persone a cui erano destinate. Come giustamento fa notare l’autore e ideatore di questo bel sito <<sulla cartolina c’è la firma dello zio, dei figli, dei nipoti, dei genitori: è una comunicazione da un gruppo di affetti verso un altro gruppo e se oggi, pur nei pregi sopra esposti, può apparire anacronistica, nell’arco del secolo scorso, dove i PC, i cellulari e finanche i telefoni non erano di uso comune, era l’unico strumento di saluto e condivisione che portasse presso il destinatario la presenza di amici e parenti lontani. La cartolina era attesa: riceverla o non riceverla faceva una reale la differenza nell’affermare “ci sei e mi ricordo di te” >>. Scorrendo questi settant’anni di storia per immagini della nostra Pra’ tante sono le emozioni e le sorprese che vanno incontro a chi visita con attenzione questo sito; ovviamente in primis la scoperta o il ricordo e il rimpianto, a seconda dell’età di chi guarda, di luoghi e ambienti fisici ed umani che oggi non esistono più o che sono radicalmente cambiati e poi tante curiosità ed informazioni sul nostro recente passato. Guardando le cartoline più antiche ad esempio, quelle dei primi vent’anni del secolo scorso, tra le belle immagini di Palmaro con la spiaggia, la chiesa dell’Assunta e Villa de Mari (allora Collegio ed Educatorio delle Orsoline) scopriamo che la nostra località veniva indicata come Pra’ Ligure, al pari di Cornigliano Ligure e di molte altri luoghi della Liguria.  E per chi non ha vissuto quel periodo rimane sempre abbastanza sorprendente scoprire quanto tutto il litorale praese fosse così incredibilmente ricco di stabilimenti balneari, di turisti (che da queste parti chiamavamo bagnanti) e di gioia di vivere nell’epoca d’oro del turismo balneare degli anni ’50 e ’60. L’autore di questa mirabile raccolta di immagini, di storie e di sorprendenti curiosità è   Sandro Tubino, un “praese acquisito” da non molti anni, dopo che si è trasferito a Pra’ nel 2006 dalla vicina Sestri Ponente anche se ci rivela che Pra’ era già entrata in qualche modo nella sua vita già molti anni prima. Tubino ha voluto portare sul web e quindi condividere le tante cartoline che suo padre aveva raccolto e collezionato nel corso degli anni e ci regala così una testimonianza ricca e preziosa del nostro recente passato. Ma non solo; tra le varie pagine ci racconta anche le origini e la storia delle cartoline postali, la loro evoluzione e le curiosità su come sono cambiate le abitudini delle persone ed anche i costi delle stesse cartoline nel corso del tempo. Anche se poi, come fa notare Tubino, non dobbiamo dimenticare che: << Dietro ogni cartolina c’è un percorso umano, ci sono persone delle quali percepiamo le storie ed i sentimenti da condividere con i destinatari e nei quali forse, a ben guardare, ci riconosciamo un po’ anche noi. >> E allora vale davvero la pena abbandonarsi per un attimo <<a questo piccolo viaggio emozionale sul filo della nostalgia di quel che era Prà attraverso le sue immagini da cartolina; non per vivere di ricordi ma per ricordarci che per vivere occorre memoria, senza la quale non ci è consentito essere cittadini del presente né tantomeno di costruire solide basi per il futuro>>.

5 Comments

  1. Che bella iniziativa, grazie signor Tubino di diffondere le immagini di Pra’ dal 1910 al 1970; si vedono scorci e particolari poco conosciuti. Ho avuto la conferma di quello che mi diceva il nonno Giacomo sui confini di villa Podesta’ con la la casa delle fonti di acqua sulferea, e l’ entrata dell’ autostrada con due caselli, ora molto diversa. Complimenti

  2. Ringrazio di cuore il signor Tubino per aver deciso di condividere le sue preziose testimonianze di quanti hanno visitato e amato Pra’.

  3. Guardando queste cartoline rivivo la mia gioventù quando abitavo in Via Sapello dove,con gli amici,ne usavamo per la discesa con le “carrette” così anche in Via Branega (a quei alla fine della discesa c’era la casa del “ferramù”). Quando in spiaggia c’era troppa gente andavamo a fare il bagno al “Lago Scuro” dove ricordo che c’era fonti di acqua sulfereae, (una aveva un tubo d’uscita cementato con una scritta Sapello ’59) e nel contempo raccoglievamo le pigne per l’inverno. Per me, che ho vissuto la vera Prà dove si giocava con la “sardua” sotto il volto, confrontarla con l’attuale situazione è sconfortante (come penso per tutti gli amici che ancora vi abitano). Spero che si possa riprendere il pranzo annuale dei sapellini. Ti ringrazio di cuore per lo spirito e la testimonianza che hai reso.

Rispondi a Elisa Annulla risposta

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*