Ridiamo il mare a Pra’ – Palmaro: Atto Primo

Prolungamento-del-POR-a-Pra-Palmaro-Bozzetto-FondAzione-PRimAvera

Velocifero –

In considerazione del successo dell’appello per Pra’ – Palmaro lanciato da SuPra’Tutto e che ha visto in poche settimane l’entusiastica partecipazione di poco meno di un migliaio di cittadini praesi, il Consiglio di Comunità Praese ha chiesto formalmente un incontro specifico sul tema con il Sindaco Marco Bucci. L’ordine del giorno sarà far ripartire il visionario progetto targato FondAzione di “Ridare il mare a Pra’ – Palmaro” dopo la sosta forzata imposta dal cambio di amministrazione comunale. Il Consiglio di Comunità Praese, che ha recentemente e con piacere registrato anche l’adesione del “Comitato per Pra’ – Palmaro” però non si limiterà a chiedere l’inizio di un percorso fattivo per il prolungamento del POR PRA’ – Marina lungo tutto il litorale praese di ponente, fino al Rio San Giuliano, con dune alberate di separazione dalla ferrovia e “lama d’acqua” ma si appellerà al Sindaco anche per la realizzazione in tempi brevi di un “Atto Primo”. Atto Primo che dovrebbe consistere in un’estensione dello “Stile POR” lungo tutti i marciapiedi lungo il lato Nord della via Pra’, dalla Rotonda “Scoglio dell’Oca” fino alle ex Officine Verrina di Pra’, con nuove pavimentazioni in blocchetti di porfido, panchine, contenitori per rifiuti, alberi, palme, giochi per bambini, ringhiere e pali di illuminazione stradale identici a quelli utilizzati per il recupero e la valorizzazione della sezione di via Pra’ tra le rotonde “Pontile” e “Scoglio dell’Oca”. Un’opera dai tempi di realizzazione e costi contenuti e ragionevoli, che può essere realizzata senza alcun inconveniente per la circolazione stradale e che conferirebbe all’antico sestiere di Pra’ – Palmaro un “look” decisamente più decoroso. In attesa dello spostamento a mare del tratto ferroviario e della realizzazione della passeggiata a mare. Contestualmente si solleciterà l’installazione da parte di Comune e Municipio delle targhe dei monumenti e delle ville di Pra’ – Palmaro, finanziate e realizzate dalla FondAzione PrimA’vera e che incredibilmente giacciono da mesi nel palazzo del Municipio, a Voltri, imbarazzante spettacolo di inefficenza comunal-municipale. La FondAzione ha cominciato a realizzare bozzetti e viste in rendering grafico di come potrebbe essere il look di Pra’ – Palmaro secondo l’ “Atto Primo”, che saranno piubblicati a breve su SuPra’Tutto.

9 Comments

  1. E vai….Velocifero…col vento in poppa per una Pra’ bella dal Rio San Michele al San Giuliano, senza soluzione di continuità.
    Atto primo è una proposta che entusiasma perché il tempo delle attese è finito e tutti vogliamo iniziare a vedere qualcosa di concreto e positivo!

  2. Ottimo. Grazie per la puntualità e la precisione delle informazioni. Continuiamo a monitorare questo processo di avvicinamento all’obiettivo e speriamo per il meglio. Ancora grazie.

  3. Benissimo… Via all’Atto Primo…! È doveroso prolungare lungo tutta via Pra’, fino all’exVerrina, il recupero migliorativo che già è stato realizzato con i fondi del POR. In attesa della lama d’acqua e della passeggiata lato mare, questo sarebbe un bel passo avanti.
    Speriamo di trovare alleati per questo progetto…

  4. Ottimo progetto per far respirare il quartiere.
    Pra’ bella dall’inizio alla fine.
    E se si trovasse il modo di arrivare a est alla passeggiata di Pegli e a ovest da quella di Voltri?

  5. Che meraviglia se questo progetto si avverasse. ..Non abbiamo più da tempo le nostre belle spiagge ma potrebbe essere un buon risarcimento delle perdite subite! Sarebbe proprio ora di passare dalla teoria alla pratica! Non vediamo l’ora!!!!

  6. Il nostro mare,le nostre spiagge…un dolcissimo ricordo del passato.il presente è una Palmaro nuova che possa rendere dignità ai suoi abitanti.Avanti atto primo….magari si spera nell attesa,di una pulizia da parte di RFI, di tutto il materiale “dimenticato” davanti alle abitazioni tra Palmaro e l inizio di Voltri.

  7. L osservazione di Giuseppina è esattamente l obiettivo finale: un litorale continuo da Multedo alla Verrina poi Voltri ed anche Arenzano ci sta….la Liguria è un arcobaleno affacciato sul mare è deve ritornare ad essere così.
    Ho letto anche qualcosa relativamente al ripristino del waterfront a Sestri…Cornigliano…ne parlava Renzo Piano
    Sarebbe un sogno che si avvera!!!
    Grazie Giuseppina.

  8. Dal Bbranega fino al Rio S.Michele non una lama d’acqua ma un canale dove l’acqua scorra, navigabile da Kajak e circondato di verde con pista ciclabile. Il porto deve essere un’isola separata da Palmaro.Porti costruiti così sono anche in paesi del terzo mondo.

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*