Ricorre il 23 aprile la festa della Bandiera di Genova, lanciata dalla Giunta Comunale lo scorso anno

Elis@Provinciali – Giuseppe Bruzzone

Purtroppo, non sono giornate di feste e celebrazioni, l’emergenza covid 19 ci impedisce di riunirci attorno al nostro glorioso vessillo, ed il dolore delle tantissime perdite di vite umane in Italia offusca lo stato d’animo di tutti i cittadini. Ma ricordarla, questo si, perchè, la bandiera ha un potente significato ed una storia secolare: croce rossa in campo bianco, era l’orgoglioso simbolo delle antiche crociate, che vennero intraprese dopo la conquista di Gerusalemme da parte di turchi e pagani. Genova armò la prima Crociata, utilizzando l’insegna nei combattimenti per liberare la Terra Santa, intorno al 1099 d.c. Le nostre Chiese, i nostri arcaici Oratori, nella Prà di allora, quella Pieve millenaria Santa Maria Assunta, costituivano il punto di partenza, transito e ritorno per molte spedizioni di valorosi, tra cui ricordiamo il conterraneo Embriaco “Testa di maglio”, intrepido comandante delle sacre milizie. Insieme alla bandiera, alla coltivazione delle palme, ed altre piante officinali, giunse a noi, dal medio oriente, anche quel basilico che diventerà il nostro, prelibato pesto genovese per merito, si dice, dello speziale Bartolomeo Decotto. Ma questa è un’altra storia. La Bandiera genovese percorrerà in lungo ed in largo i mari, issata su imbarcazioni, e decorerà molti palazzi patrizi, al tempo delle Repubbliche. Nella sua semplicità, due colori soli, appare fortemente simbolica: segno della passione di Gesù e simbolo del cristianesimo, ma anche di vittoria, liberazione, supremazia ed orgoglio venne utilizzata dalle navi britanniche per tenere lontani gli attacchi di pirati e potenziali nemici. Fonti non confermate riportano che sua maestà, la Regina d’ Inghilterra, Elisabetta II, abbia lanciato questo messaggio: << Gud mornig zeneixi, sono in debito per l’affitto della vostra bandiera, venderò il castello di Uind sor, per saldare all cash. Gud sev de quin, de state and de city of Genoa. Kisses littles Coloumbus.>>

Cenni storici e curiosità

l 23 di aprile è dedicato a San Giorgio, Genova lo scorso anno era addobbata di bandiere e gran pavè nelle principali vie e piazze. La bandiera di San Giorgio e la sua croce rossa in campo bianco sono il simbolo di Genova, dai tempi della Repubblica marinara fino a diventare stemma del Comune.  Questa la storia: Durante il Medio Evo le navi genovesi erano temute dai pirati, e dai saraceni che non attaccavano mai le navi genovesi. Per questo il re di Inghilterra,attorno al 1190 chiese il permesso di alzare la bandiera di Genova sulle sue navi che entravano nel mar Mediterraneo. La repubblica di Genova lo concesse dietro un pagamento annuale di una tassa, così nacque la  bandiera inglese. A fine 1200 fu adottata definitivamente. Attualmente è una delle tre bandiere assieme a quella scozzese ( Croce bianca a X di San Andrea in campo blu) e dell’ Irlanda del Nord, (croce rossa a X in campo bianco). E’ anche la bandiera della città di Londra, quindi siamo cugini dei londinesi.  Il sindaco Marco Bucci nel luglio del 2017, in visita a Londra alla Regina Elisabetta, simpaticamente ricordò che sono circa 250 anni che non pagano l’affitto della bandiera! Con l’occasione fu consegnato il Grifo di Genova a Walter Arnold, lo scultore americano che, dal 2010, si dedica a preservare e promuovere il Cimitero di Staglieno, uno dei più grandi cimiteri monumentali al mondo.

4 Comments

  1. Che storia eh ragazzi!!!
    A volte mi immagino di vivere ai tempi del Doge e delle Repubbliche Marinare, ad esempio l anno scorso col Palio dei Galeoni a Pra’…oppure quando i bravi figuranti del centro Culturale rievocano quell epoca straordinaria.
    E ‘ pur vero che Genova e’ la citta’ piu londinese al mondo, per una certa classe, stile, atteggiamento nel vivere. Ci sono tanti passaggi, nella nostra storia, che hanno il potere di emozionarmi sempre…

  2. Sempre bello approfondire la storia della propria città ed Elisa con estrema chiarezza e conoscenze in merito ci ha regalato un sapere che, almeno io, non tarderò a condividerlo, che si sappia quanto sia stata forte e dominante la.nostra bella città nei tempi passati!! Appena sarà finita questa brutta situazione sono certa che una delle.prime tappe del mio vagare sarà proprio Lei!!

  3. Bellissimo articolo. Almeno abbiamo trovato qualcuno che sa valorizzare le nostre origini e quanto sia stata importante la Repubblica di Genova. Non dimentichiamoci che il nostro vessillo era anche sulle vele delle tre caravelle di Colombo e su tutte le monete coniate dalla repubblica, nonché logo del Banco San Giorgio: prima banca ed importante finanziatrice delle più importanti signorie e persino del Papa.

  4. Complimenti Pino per il bel articolo in cui hai raccontato la vera storia della bandiera della nostra città. Città di mare dura e un Po burbera ma forte e gloriosa. Grazie

Rispondi a Adele Annulla risposta

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*