Ricordo di Lino Parodi “O Piccin”

Luciano Bozzo –

Il 2021 si è portato via Lino Parodi, Natale all’anagrafe ma conosciuto come “Lino O Piccin”, una figura di grande rilievo per lo sport praese. Lino era nato nel sestiere di Sapello nel settembre del 1938 ed in questo storico sestiere, nella Laviosa, è cresciuto ed ha vissuto per moltissimi anni incarnando perfettamente il ruolo dell’atleta animato dalla passione per la pratica sportiva non limitata ad una singola disciplina e sostenuta da mezzi tecnici notevoli.
Il suo grande amore per lo sport, le sue qualità tecniche ed atletiche, il suo vivo spirito campanilistico, orgoglioso nel rappresentare e difendere i colori delle società praesi, lo hanno portato ad essere infatti una colonna dell’Aragno nella pallanuoto dagli anni ’50 fino agli anni ’70, protagonista di innumerevoli campionati nazionali di serie C disputati prevalentemente nella stagione estiva; e se l’estate era riservata alla pallanuoto nel resto dell’anno Lino era invece impegnato a battagliare come difensore sui campi di calcio genovesi e liguri in anni e anni di campionati dilettantistici e con la maglia di diverse squadre; tra queste anche l’Edera dove ha militato per alcune stagioni a cavallo degli anni ’60 e ’70. Si era distinto nello sport fin dalla più giovane età tanto che già a 13 o 14 anni si era aggiudicato la “Coppa Scarioni” di nuoto, un vero e proprio campionato italiano dedicato ai giovanissimi vincendo proprio a Pra’ nel mare antistante la nostra spiaggia. Quindi ben presto l’inizio della lunga carriera con l’Aragno nonostante agli esordi fosse assai più giovane dei suoi compagni di squadra, da cui il soprannome “O Piccin”, riferito non all’altezza (era infatti di altezza media) ma proprio alla giovane età. Quante epiche sfide lo hanno visto all’opera nel corso di tutti quegli anni in cui l’Aragno giocava le partite casalinghe in mare, nel nostro mare, con gli spettatori a seguire la gara dalla spiaggia o dalle barche; un’infinità i derby liguri disputati, tante le vittorie e le soddisfazioni pur senza mai riuscire a portare l’Aragno in serie B, categoria da lui poi assaporata nelle poche stagioni in cui ha vestito anche

Lino O Piccin al centro in basso

la calottina della Mameli. E in parallelo, come detto, la carriera da calciatore, nella quale si ricordano tante stagioni con il Riva Trigoso ma anche diversi campionati con i colori bianco e verde dell’Edera (rinominata Edera Pra’ Palmaro nel 1972); e proprio con la casacca dell’Edera è stato protagonista anche di uno storico derby-spareggio con la Pra’ Folgore al termine della stagione 1971-72; in palio c’era la promozione dalla seconda alla prima categoria e per la cronaca in quell’occasione ebbe la meglio la Folgore con il punteggio di 2-0. Lino Parodi è morto pochi giorni fa all’età di 82 anni. A Sapello era nato, è cresciuto ed ha vissuto per lungo tempo, a Sapello, raccontano, aveva iniziato a lavorare da ragazzo nella bottega del maniscalco (in genovese “Faeramù” – ferramulo) in fondo a via Taggia (che all’epoca si chiamava ancora via Branega) per poi proseguire nel lavoro dedicandosi all’attività in proprio come saldatore e artigiano. Chi lo ha conosciuto lo descrive negli anni della giovinezza come un atleta dal fisico prestante, dal bel portamento e dall’aspetto sempre ben curato ed anche come una persona dalla battuta pronta, di compagnia e ben radicata a Pra’ e nel sestiere di Sapello in particolare; del resto a Pra’ ha sempre vissuto e per lo sport praese è diventato un personaggio quasi leggendario. L’inesorabile trascorrere del tempo ha privato la nostra comunità anche di questo straordinario personaggio ma certo non può cancellare il ricordo della sua lunga carriera sportiva, una carriera che non è stata costellata, salvo qualche rara eccezione, di grandi ribalte nazionali, nè di imprese o vittorie da prima pagina nè tanto meno da guadagni milionari ma che testimonia pienamente ed in maniera chiara e inconfutabile il significato più vero e sincero dell’amore per lo sport e per la propria terra.

2 Comments

  1. Personaggio da “Hall of fame praese”,sportivo polivalente forte in acqua e a terra, ha portato il nome di Prà in tutta la regione, un bell’esempio per i nostri giovani.

Rispondi a Federica parodi Annulla risposta

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*