RIAPRE LA STAGIONE CINEMATOGRAFICA AL CINEMA PALMARO. “La pazza gioia” – di Paolo Virzi’.

Elisa Provinciali – Non e’ facile parlare di sofferenza mentale al femminile, con sensibilita’ ed onesta’ intellettuale, rispettando la complessa realta’ del disagio psicologico, ma Paolo Virzi’, con quest’ultimo lavoro, grazie anche alla collaborazione di Francesca Archibugi, ci e’ riuscito in pieno.Il regista toscano dimostra, con “La pazza gioia”, presentato a gran richiesta alla mostra collaterale a Cannes,” La Quinzaine”, di evolvere sempre piu’ verso l’eredita’ della Commedia Italiana dei migliori anni, dove si ride, si sorride, ci si commuove e si riflette su realta’ problematiche e concrete, con occhio attento alle sfumature caratteriali dei personaggi ed estremo realismo delle situazioni.

pazza-gioia-4Nel film conosciamo due donne, diversissime tra loro, ma accomunate da un passato doloroso: Beatrice , una maniacale Valeria Bruni Tedeschi, benestante e sedicente contessa, mitomane ed eccessiva, con un fondo di esplosioni violente e Donatella, giovane ragazza madre, con tratti di anoressia e depressione, coperta di tatuaggi ed intensa nella sua maschera di profonda tristezza. Il caso le mette insieme, presso Villa Biondi, una struttura nella campagna vicino Livorno, dove vengono detenute e curate donne che sono state oggetto di sentenze della magistratura per i loro atti inconsulti.

Nasce una particolare alchimia, anzi, dapprima e’ Beatrice, incuriosita ed attratta da Donatella, a prenderla sotto la sua ala protettrice, ed in seguito, si sviluppera’ una forte amicizia, anzi, quasi una cura vicendevole e reciproca, benefica per entrambe… Gli operatori sanitari lo notano ed incoraggiano il loro sodalizio, finche’ pero’ un’occasione favorisce la fuga delle due donne, per un viaggio folle , la “pazza gioia”, appunto, a ritroso negli angoli oscuri del loro passato. Ne usciranno piu’ forti e consapevoli, affronteranno i demoni della malattia che le ha portate a gesti scellerati, che non svelo, per mantenere il pathos…

pazza-gioia3

Il tema del viaggio, come metafora di un percorso nella vita ed in se’ stessi, e’ ampiamente illustrato nella cinematografia, alcuni fotogrammi delle due in fuga su un auto scoperta rimandano immediatamente a “Thelma e Louise”, anche se l’autore preferisce un parallelo con “Qualcuno volo’ sul nido del cuculo”, cult- movie su matti e manicomi, per dirla semplice.

In effetti, Beatrice e Donatella sono “catartiche” anche per le altre pazienti della struttura, (che peraltro, non sono attrici professioniste, ma vere donne in terapia), ed anche gli operatori sanitari acquisiranno una maggiore sensibilita’.

Il il film di Foreman concludeva in modo amaro la sua opera, mentre qui si puo’ sperare, per le protagoniste, in una vita migliore.

Cosa ha contributo,oltre alla bravura del regista, a fare di questo, un delizioso, divertente ed apprezzabile bel film? L’ambiente, famigliare a Virzi’, quella Toscana, la natia Livorno, i suoi panorami ed il suo linguaggio, le attrici, la Bruni Tedeschi gia’ ottima interprete ne “Il Capitale umano”, dello stesso regista e Micaela Ramazzotti, sua moglie nella vita e musa ispiratrice nell ‘arte (“Tutta la vita davanti” e “La prima cosa bella”).

A tal proposito, Paolo Virzi’ in un’intervista narra come avvenne l’idea pazza-gioia-2della storia e della coppia: sul set appunto del precedente film, Micaela Ramazzotti ando’ a trovarlo, ma si girava in esterni, v’era del fango al suolo e l’attrice, in stato avanzato di gravidanza, si muoveva con difficolta’: ecco allora Valeria, nel cast, giungere in suo aiuto, sorreggendola per camminare insieme. Si vedevano per la prima volta.

Vederle tenersi per mano, cosi’ diverse fisicamente e di carattere, mi ha fatto scoccare il lampo di un soggetto con esse protagoniste. Il contrasto era funzionale ad un nuovo film”. Curioso, ma ottimo fiuto, insieme sono molto brave, ed efficaci nei loro personaggi “estremi”.Sono agli antipodi, si cercano, a volte confliggono, hanno bisogno l’una dell’altra.

Anche una profonda attenzione all’argomento della malattia mentale, vista con affetto e delicatezza,e la completa adesione e veridicita’ del cast al progetto, nonche’ la bellissima colonna sonora, con canzoni italiane senza tempo, rendono, secondo me,“La pazza gioia” un film da vedere, infatti ha ottenuto a Taormina tre “Nastri d’Argento”, miglior film e migliori attrici protagoniste.

Il Cinema Palmaro e’ passato alla nuova programmazione, ma ha cominciato alla grande…

Grazie alla promozione, in vigore nelle giornate del 14 settembre, 12 ottobre, 9 novembre, 14 dicembre 2016, 11 gennaio e 8 febbraio 2017, si potranno acquistare al costo unitario di due euro tutti i film in programmazione, in ognuno degli orari previsti, con la sola esclusione delle visioni in 3D, che godranno comunque di una tariffa agevolata, comunicata direttamente alla cassa.

3 Comments

  1. Non ho ancora visto il film, ma ho letto diverse recensioni e ascoltato le emozioni che ha saputo suscitare. Penso sia da non perdere.

    Brava Elisa, come sempre, a tratteggiare con abilità e delicatezza la trama di una storia che affronta un tema difficile, quello del disagio mentale, spesso ancora un tabù nel suo immaginario di angoscia e inquietudini. Bella e toccante l’amicizia imprevedibile fra queste due donne. Entusiasmante e struggente al tempo stesso questo loro desiderio di evadere a quattro mani nel mondo dei “sani”, legandosi l’una all’altra in un sodalizio forte che spesso, non me ne vogliano gli uomini, riesce solo alle donne colpite dalla sofferenza profonda. Una “chicca” cinematografica, coraggiosa nella scelta dell’argomento e interpretata da ottime attrici nei panni di due donne che sono fiori d’acciaio, fragili e innamorate della vita. Da vedere, riflettendo sul dolore e sull’amore che palpitano in queste “case d’accoglienza” e sulla condizione della donna, oggi così particolarmente offesa nel corpo e nella mente nel mondo oltre quella porta. Quello, come si diceva, dei “sani”.

  2. Peccato l’ho perso ma conto di vederlo perché Virzi’ e’ bravissimo.
    complimenti per la recensione fatta molto bene e invoglia chiunque ad andarlo a vedere.

Rispondi a Betty Annulla risposta

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*