IMG_2883 Sono entrati in due. Entrambi con casco integrale  e guanti. Uno con la pistola in pugno, spianata, ed  è rimasto sulla porta. Così è iniziata la rapina  all’edicola tabacchi di Via Cordanieri, portata a  compimento lunedì 4 Novembre verso le 18:40.  Coperto dal complice armato, il secondo  rapinatore si è diretto subito, ignorando gli altri  clienti, verso la titolare, che pure in quel  momento non si trovava dietro il banco, e l’ha  violentemente spintonata. Il malvivente ha  completato poi un giro completo del locale,  cercando contanti e urlando minacce in italiano,  senza un particolare accento. Non trovando i  soldi, praticamente a bocca asciutta, la coppia di  malviventi ha poi inforcato uno scooter,  anch’esso rubato, e si è recata a rapinare l’incasso  del Conad di Via Murtola. Questa è la sintesi del  racconto della disavventura della signora Giuseppina Benasso, la coraggiosa titolare dell’edicola-tabacchi. La signora Giuseppina non è nuova a questo genere di emozioni: in vent’anni ha subito ben tre rapine e un discreto numero di furti e di tentativi di scasso ed è in grado di dare anche altri dettagli su quanto è successo. Nei giorni precedenti, racconta, c’era stato un interessamento da parte di Polizia e Carabinieri, che avevano stazionato davanti o vicino all’esercizio commerciale per parecchio tempo, evidentemente perché avevano sentore che qualcosa sarebbe successo. Sabato e Domenica la signora si era sentita sicura, circondata da un consistente apparato di sicurezza. Peccato che la rapina sia avvenuta il giorno successivo, il lunedì, quando evidentemente qualcuno ha supposto che il pericolo fosse scampato. Le voci dicono che il motorino sia stato poi trovato abbandonato e che i malviventi si siano allontanati in auto imboccando l’autostrada, facendo presumere che i rapinatori siano arrivati “in trasferta”. Non ci stancheremo mai di sottolineare quanto sia fondamentale il presidio del territorio. L’unico modo per cautelare i nostri cari e i nostri averi, nel momento in cui le forze dell’ordine non riescono a coprire il territorio in modo capillare e continuativo, è quello che nei paesi anglosassoni viene definito “neighbourhood watching”, e cioè il monitoraggio del vicinato. Ognuno di noi può tenere gli occhi aperti, segnalando alle forze dell’ordine qualsiasi attività possa destare qualche sospetto.

Ernesto Soressi

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*