Quel pasticciaccio brutto della premiazione presso i Veterani dello Sport

SPORT

Cattura
Estratto dalla Rivista dei Veterani dello Sport

Certamente non ha cominciato bene la sua avventura in terra praina la società di canottaggio Canottieri Genovesi Elpis ed il suo presidente Marco Dodero probabili futuri gestori del Centro Remiero di Pra’ per conto della Federazione Italiana Canottaggio nell’ottica di rendere il nostro impianto un Centro Federale Periferico. Il giorno 8 Dicembre 2013, infatti, la Società Canottieri Elpis, ha partecipato alla 54^ Edizione della “Giornata del Veterano dello Sport” presso la sezione genovese “Emilio Lunghi” per ritirare uno speciale premio in virtù del fatto che, vincendo la  gara dell’otto, si è aggiudicata il  “Trofeo delle Regioni”. Fin qui nulla di male, anzi complimenti ai giovani e valorosi atleti, il problema, e non da poco, è che l’equipaggio che ha vinto il trofeo non era un equipaggio Elpis ma un equipaggio della selezione regionale del Comitato Ligure della Federazione Italiana Canottaggio e che quindi doveva essere presentato come tale visto che anche la foto  pubblicata sul bollettino dei Veterani che annuncia il premio, ritrae gli otto vogatori con i body da gara del Comitato Ligure e non della società remiera genovese. Ma anche in questo caso forse l’errore potrebbe essere imputabile ai Veterani dello Sport che facendo confusione hanno preso fischi per fiaschi. C’è però un altro aspetto che invece inchioda alle proprie responsabilità la società Elpis e quindi il suo presidente: su quell’otto c’erano cinque  vogatori dell’Elpis, due vogatori del Rowing Club Genovese e un vogatore del GS Speranza (Matteo Varacca). Magicamente i due vogatori del Rowing e il vogatore dello Speranza sono spariti dall’equipaggio, pur figurando nella foto, per far posto ad altri tre vogatori Elpis fra le altre cose non coerenti per età con l’equipaggio vincitore. Ovviamente come nelle migliori saghe italiane il comportamento furbetto è stato velocemente sgamato e la cosa si è saputa con proteste, come era ovvio,  da parte di coloro che sono stati ingiustamente esclusi. Marco Dodero si è dichiarato all’oscuro di tutto manifestando l’intenzione di restituire il premio e la colpa dell’accaduto è inverosimilmente ricaduta su un giovane allenatore che fra le altre cose è uno dei selezionatori del Comitato Tecnico Regionale che allena proprio questi otto  ragazzi e che quindi difficilmente poteva sbagliare i nomi e non invitare alla premiazione i “suoi atleti”. Certamente non è un buon inizio di Marco Dodero nell’avventura praina che già tanti dubbi alimenta (si veda l’articolo precedentemente scritto su Supra’tutto:  “Pra’ è capitale del remo: Ora trasparenza e rispetto per lo Speranza”).

Luca Cambiaso

 

5 Comments

  1. Dispiace leggere queste cose….importante, però vigilare, segnalare e chiedere chiarezza e verità… grazie a Luca Cambiaso e a “Supra’tutto”

  2. Stando a ciò che dice il “responsabile” di quella Società, la colpa è da addossare al tecnico, e non capisce l’accanimento di tutti nei suoi confronti… sono senza parole e non resta che stare in guardia per il futuro

  3. Rispondo al sig. paolfree.
    Il tecnico che ha dato i nomi è lo stesso che ha scelto l’equipaggio per gareggiare, poichè è aiutante della CTR. (commissione tecnica regionale) Mi sa invece che qualcun altro vuole coprirsi addossando la colpa ad un ragazzo poco più che ventenne.
    Poi ritengo che un Presidente è sempre responsabile.

Rispondi a Riccarda Annulla risposta

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*