Sabato 9/XI/2013

QUANDO RITIRARE UNA RACCOMANDATA DIVENTA UN’IMPRESA raccomandata_zpse88cf1e0

La posta raccomandata è uno dei pochi retaggi del passato che resistono all’avvento della posta elettronica e di internet. E’ da tempo immemore che l’arrivo di uno di questi prodotti postali provoca un po’ di agitazione, forse perché la maggior parte delle volte, le raccomandate sono foriere di cattive notizie o di bollette. Chi, nel nostro paese, oggi ne riceve una, deve sperare di essere a casa a riceverla, altrimenti si deve armare di pazienza e di un paio di scarpe buone. C’è stato un tempo in cui, prelevato dalla cassetta delle lettere l’avviso di mancata consegna della raccomandata, ci si doveva recare all’ufficio postale in Via Airaghi, per prelevarla non senza aver prima pagato un piccolo tributo in termini di tempo. Oggi le raccomandate che il postino non è stato in grado di consegnare vanno ritirate al nuovo CPD , che sta per Centro Primario di Distribuzione, di Via Ratto. L’orario è dal lunedì al venerdì dalle 9:00 alle 17:30 e il sabato dalle 9:00 alle 12:00. Raggiungere il CPD non è facilissimo, bisogna percorrere tutta via Ratto., svoltare a sinistra e tornare indietro, inerpicandosi per una stradina che porta ad una nuova palazzina rosa. Le Poste Italiane hanno inaugurato anche alcuni servizi che dovrebbero evitare il tragitto, ad esempio il servizio “Chiamami”, che garantirebbe la consegna della raccomandata e delle assicurate inesitate presso il proprio domicilio, dietro pagamento di un ulteriore piccolo contributo di circa un euro. Per usufruire del servizio si deve chiamare il numero 803.160 dal lunedì al sabato dalle ore 08:00 alle ore 20:00. Al numero indicato risponde un call center che però, ad oggi, informa l’utente che il codice di avviamento postale 16157, quello di Pra’, non è coperto dal servizio. Quindi i praesi, che trovano in cassetta un avviso di ricevimento di una raccomandato o di una assicurata, devono recarsi in via Ratto. Il percorso è tutt’altro che breve e agevole, soprattutto per gli anziani che non dispongono di un mezzo di trasporto. C’è ancora una piccola speranza che il servizio possa però migliorare, il Sig. Cristian Fiorito, il responsabile dei servizi innovativi del CPD, contattato da Supratutto, si è dimostrato sensibile al problema. Si potrebbe riattivare il servizio “Chiamami”, chissà perché disattivato per i praesi, o c’è chi, come Alfredo Ponte, segnala che la realizzazione di una apertura tra la chiesa di S.Rocco e la palazzina del CPD potrebbe abbreviare di molto il tragitto degli utenti. In effetti la palazzina della Posta è a circa 150 metri dalla chiesa ma il tragitto attuale per raggiungerla, dovendo percorrere tutta via Ratto è di più di 700 metri. Per suggerimenti si può sempre mandare una raccomandata alle Poste.

Ernesto Soressi

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*