Quale Ponente vogliamo

Francesco Provinciali#

La mia generazione ha conosciuto un ponente cittadino diverso da quello attuale: territorio, luoghi di vita e di incontro, relazioni umane esprimevano una fisionomia d’insieme sostenibile e normale.  Ancora per poco: le folate del post-moderno, il degrado ambientale, la devastazione della natura, lo spazio sottratto al mare, l’incuria e la superficialità della politica e – insieme – una mentalità di vita degli abitanti votata ad una soccombente accettazione di tutto ciò che arrivava dal “centro” hanno radicalmente modificato in senso peggiorativo l’iconografia del contesto e i suoi stili di vita.
Il ‘fermo immagine’ del presente descrive una realtà ben diversa e solo nella mente e nel cuore di chi ha vissuto qui il suo passato resta la traccia di quella che Manzoni chiamerebbe “una bellezza passata ma non trascorsa”.
Solo chi fosse pervaso da dogmatismo ideologico e da assenza di pensiero critico non avrebbe l’onestà intellettuale di ammettere gli errori e l’evidenza delle cose.   Pra’, Voltri, sono rumorosi e polverosi luoghi di transito, chi vi sosta e risiede fatica a ritrovare identità perdute, persino le età della vita – essere bambini, adolescenti, adulti, anziani – non trovano qui gli spazi e le occasioni per esprimere la pienezza della propria condizione esistenziale e antropologica.
Tutto questo non è accaduto per caso ma per scelta di chi ha progettato questo tipo di ecosistema e per accettazione di chi in qualche modo ha subito – con una mentalità pregiudizialmente ubbidiente e supina – il vistoso, inarrestabile declino.  Nel più vasto abbandono del ponente da parte della politica, l’estremo territorio cittadino rappresenta la prova più eloquente di quanto lo stravolgimento urbanistico e ambientale possa sostituirsi rapidamente e in modo ormai quasi irreversibile a consuetudini e contesti di vita millenari.
Il nostro bacino di utenza elettorale e di cittadinanza è stato un pozzo senza fondo dove si potevano acquisire consensi fiduciari in nome delle diverse appartenenze ideologiche senza che i vari esponenti eletti da queste parti ed elevati al Parlamento nazionale abbiamo restituito un pur minimo valore aggiunto, un decoro alla nostra delegazione.
Rifletto spesso su questa circostanza e trovo più inspiegabile il fatto che nessuno – tra chi poteva – abbia fatto qualcosa per fermarla, per opporsi alle “importazioni” di “onorevoli” imposti dall’alto, piuttosto che al fatto in sé. Senza contare che la politica espressa in loco non ha evidentemente avuto una capacità e una forza negoziale, anche in sede comunale o regionale per arrestare il declino.

Pra' - Anni 30 del secolo scorso
Pra’ – Anni 30 del secolo scorso


Rifletto e sono intimamente colpito dalla capacità di resistenza di chi è rimasto, dall’intenzione di opporsi al saccheggio, dalla generosità di chi si sta rimboccando le maniche – da tempo – per tamponare lo sfacelo, per recuperare spazi di agibilità, per ricontestualizzare il presente, per renderlo dignitoso, gradevole e vivibile.
Qui una consapevolezza di quanto stava accadendo alla delegazione non è mai mancata, la lealtà di chi ha organizzato la protesta non è venuta meno, la volontà di ricostruire, rimediare, trasformare, ripartire è sempre stata ed è tuttora generosa e commovente. Ma mi chiedo e chiedo a chi meglio di me conosce questa lunga deriva di declino urbanistico, culturale e ambientale, se questo sia sufficiente o se non sia venuto il momento di ripensare tutto da capo, di riscrivere le regole per poi farle rispettare a partire da “qui”, di rivedere le cose con l’orgoglio antico delle nostre bellezze e delle nostre tradizioni per abbandonare una mentalità di accettazione, compromesso e aggiustamento.  Se non sia venuta l’ora di immaginare che esistono alternative in tema di “cittadinanza attiva” che muovano attese, idee, speranze e interessi tangibili verso una sostenibile e dignitosa autonomia municipale della nostra delegazione.

9 Comments

  1. Mi colpisce l’analisi di Francesco, quando dice che ammira la resistenza di chi, a Pra’, continua pervicacemente a lottare per opporsi al degrado e non si rassegna allo sfacelo…Questo fanno moltissimi cittadini ed,alla lunga, sono certa che il Ponente 2.0 sarà MIGLIORE.

  2. Sig. Provinciali, trovo nella Sua amara riflessione uno specchio quanto più attuale ed ahimè reale della situazione di degrado della nostra amata delegazione.
    Per chi, come noi (mi permetto di aggiungermi a Lei, considerata la mia ormai non più tenera età) ha avuto sotto gli occhi quella realtà ormai lontana, è ancora più struggente.
    Ma cosa sarà dopo di noi, quando sarà perduta anche la memoria storica, ottenebrata dal qualunquismo delle generazioni attuali?
    Che sarà di ciò che i nostri papà e mamme faticosamente hanno cercato di costruire, per le generazioni future?
    Sarebbe interessante e forse anche doveroso, mi passi il termine, comprese le ragioni di questo impauperimento, dar seguito a riflessioni propositive e costruttive per confrontarsi e comprendere meglio quali eventuali strade poter ragionevolmente intraprendere.
    RiangraziandoLa per il bellissimo spunto, tornerò con piacere a leggere un Suo eventuale seguito alla mia proposta.

    Paolo

  3. siamo stati praticamente “presi per i fondelli” per decenni e l’incuria, l’incompetenza, l’indifferenza, l’ignavia e la genovese mentalità attendista e del rinvio hanno radicalmente mutato l’ambiente di vita dove siamo nati e cresciuti e – prima di noi – i nostri genitori.
    Lo sfacelo è proseguito per anni e anni e i risultati sono quelli che abbiamo sotto gli occhi.
    Il Suo è soprattutto (SUPRATUTTO!!!!) un invito a svegliare le coscienze e a riprendere in mano i destini della nostra “terra” che ci sono stati espropriati, anzi rubati…
    Non posso che approvare ed unire il mio, al Suo grido.
    Questi sono i luoghi delle nostre radici!

    Anita Pittaluga

  4. Che nostalgia la Prà e la Palmaro dei tempi andati.L’articolo dice semplicemente la verità,cioè quello che tutti pensiamo e che spesso non si ha il coraggio di dire. Gli anziani penso che sono quelli che soffrono di più il degrado perchè ricordano quanto era bella questa delegazione, una bomboniera affacciata su un mare pulito e pescoso. E i bagnanti la preferivano per la naturalezza dell’ambiente.

  5. Articolo interessante e ben scritto…mi colpisce quando Francesco parla di coloro che strenuamente resistono e si oppongono al degrado che avanza: a Pra’ siamo moltissimi cittadini attivi nel perseguire la riqualificazione del nostro territorio, e ce la faremo!

  6. Mi unisco a coloro che hanno manifestato condivisione per questa analisi retrospettiva che “spiega” il presente. Prà Municipio? Magari! L’avessimo fatto tempo addietro non saremmo qui a rimpiangere il passato. Ma c’è ancora tempo: i corsi e ricorsi storici non si fermano mai, nemmeno il cuore antico della gente, le tradizioni che restano, la speranza che dura a morire. Deve maturare il senso civico e devono essere abbandonate le pregiudiziali ideologiche: questa è una battaglia per l’ambiente, la vita , il futuro. Ce lo chiedono i nostri giovani.

  7. Negli ultimi venti anni sono stati fatti dei guai ambientali irreversibili.
    Porto, urbanistica, verde, spiaggia: neanche i pirati e i corsari avevano distrutto così il territorio. Indietro non si torna purtroppo ma bisogna continuare sulla strada aperta dai coraggiosi praesi che pazientemente ricostruiscono una dimensione più umana del presente. Grazie per questa bella e forte sollecitazione.

  8. Caro Sig. Paolo, la Sua cortese condivisione e sollecitazione mi impone il dovere di una pur provvisoria risposta. Non esiste un intervento risolutivo, che cancelli miracolosamente gli errori compiuti in questi ultimi venti-trenta anni: indietro non si torna. Ma non si può essere considerati cittadini solo al momento del voto. Occorre una lunga opera di documentata e lungimirante sensibilizzazione della gente, ciò che magistralmente sta facendo “Supratutto”, grazie al volontariato dei suoi collaboratori, guidati da un grande “praese” come il Dott. Barbazza. Bisogna vincere remore che ci portiamo dietro da decenni, forse da secoli: il timore di cambiare (quella che io chiamo la filosofia del “…maniman?”), la logica perdente dei “tappulli”, di rimediare piccole cose perdendo di vista un progetto di insieme, l’assenza di luoghi di condivisione e confronto. Ci vuole molto coraggio e molta coerenza, soprattutto molta coesione sociale (non metto la mano sul fuoco sulla loro sussistenza, ora come ora) Una proposta? Un referendum rivolto ai cittadini Praesi e dell’estremo Ponente cittadino : stare con Genova a queste condizioni o voltare pagina e andare per conto proprio? Un azzardo? Può darsi: ma bisogna ricominciare a pensare in grande ed avere la presunzione di contare qualcosa di più di ciò che ci viene concesso.

  9. Sig. Provinciali La ringrazio molto non soltanto per avermi dedicato l’attenzione di una Sua risposta ma per il contenuto propositivo che essa reca.
    Mi auguro (ed auguro al Nostro ponente), che il futuro sia meno grigio del presente.

Rispondi a Antonino Annulla risposta

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*