4 Comments

  1. Buongiorno. Mi inserisco nella comunicazione di servizio per proporre ai lettori l’articolo apparso su “Italia oggi” del 29 settembre u.s.che qui testualmente replico e riporto .”Al porto di Trieste si parlerà tedesco. Hamburger Hafen und Logistik Ag (Hhla), operatore del porto di Amburgo, d’accordo con i soci Icop e Francesco Parisi, diventerà a fine anno, con la sottoscrizione di un aumento di capitale, primo azionista della piattaforma logistica di Trieste, una delle più grandi opere marittime costruite in Italia negli ultimi 10 anni la cui realizzazione è appena terminata.
    Il progetto della Piattaforma Logistica ha consentito di recuperare all’utilizzo portuale un’area di 12 ettari, che è stata successivamente integrata con l’adiacente Scalo Legnami realizzando un terminal di 27 ettari, dotato di un doppio attracco e raccordato alla ferrovia. Questo progetto, con un investimento di oltre 150 milioni reso possibile dall’apporto finanziario dell’Autorità di Sistema Portuale del Mare Adriatico Orientale, è stato sviluppato dalla società PLT, costituita dalla impresa di spedizioni internazionali Francesco Parisi S.p.A., dall’impresa di costruzioni Icop S.p.A. e dall’interporto di Bologna.
    L’integrazione della Piattaforma Logistica con le aree circostanti è stata ulteriormente rafforzata con la firma il 27 giugno 2020 del secondo Accordo di Programma per l’attuazione del progetto di riconversione industriale e sviluppo produttivo nell’area della ferriera di Servola – Trieste. Le parti pubbliche intervenute sono ministero dello Sviluppo economico, il ministero dell’Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare, il ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti, l’Agenzia nazionale per le politiche attive del lavoro, l’Agenzia del Demanio, l’Autorità di Sistema Portuale del Mare Adriatico Orientale, la Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia, il Comune di Trieste.
    Le parti private sono state il Gruppo Arvedi e Icop. L’accordo di Programma rappresenta un passaggio fondamentale verso una fase di nuova industrializzazione del territorio, in cui vengono coniugati sviluppo avanzato e sostenibilità. In base all’accordo è prevista la bonifica e lo sviluppo delle aree dell’area caldo della ferriera di Servola per una superficie pari a 25 ettari con investimenti pari a € 98 milioni”.
    Questo articolo fa il paio con un intervento dell’editorialista del Corsera Dario Di Vico su Il Punto del Corriere della sera. In esso il giornalista conferma l’interesse della Germania per il porto di Trieste – il che vuol dire acquisto di quote azionarie e investimenti- per un progetto che interessa i traffici commerciali da Trieste verso il nord Europa.
    Ora, poichè Trieste e Genova erano state individuate come terminali portuali della “Via della seta” nel Memorandum Italia-Cina del marzo 2019 è di tutta evidenza una potenziale uscita del porto di Trieste da questo accordo, se prevarrà- come sembra dalle intese in via di definizione – un interesse prevalente della Germania.
    A questo punto Genova (porto antico e PSA di Prà) resterebbe l’unico dei dei due porti a rimanere nell’alveo progettuale italo-cinese della citata via della seta.
    Ciò intuitivamente potrebbe significare che questo asset strategico interesserebbe la parte mediterranea dei traffici commerciali import-export dell’Europa, facendo capo a Genova che rimarrebbe. se si intende bene il senso della bipartizione, unico terminale europeo marittimo della via della seta.
    Sarebbe interessante una delucidazione da parte delle autorità competenti e della politica locale e nazionale rispetto al seguito ipotizzabile, poichè riguarderebbe anche il futuro del Porto di Prà.
    Sempre che la lettura degli articoli sia corretta e ipotizzi scenari nuovi che sarebbe quindi utile conoscere, ove possibile.
    L’evidenza parla da sè: Genova passerà a poco a poco in mani cinesi?
    E’ questo i nostro futuro?
    Qualcuno può occuparsi di capire e chiarire?
    Meritiamo risposte!
    Nell’interesse di Genova, di Prà e del Paese.
    Ringrazio se qualcuno potrà illustrare le prospettive future dell’accordo della Via della seta per l’area portuale di Genova, in relazione ale notizie di stampa che riguardano Trieste. Con anticipata gratitudine.
    Il nostro futuro riguarda tutti noi. E’ un dovere sapere in anticipo, prevedere, essere presenti, capire. Non possiamo essere in vendita al migliore o peggiore offerente.
    Che ne sarà dunque di PRA-PSA?

  2. Mi sembra il minimo della correttezza avvisare la cittadinanza di potenziali sforamenti nei rumori…niente di speciale, ma magari un po’ di tempo fa non l’avrebbero fatto, adesso Fondazione e Supratutto diventano interlocutori per una certa collaborazione.

  3. Interessante osservazione.
    Sarebbe ancora più interessante per noi di Prà avere delle risposte precise e concrete ai quesiti posti da Francesco nel suo intervento.
    Altro che rumori.
    Qui ne va del futuro e di chi lo gestirà.
    La solita poca chiarezza senza nessuna previsione.
    Eppure accidenti riguarda la gestione del porto di Genova in Europa e nel mondo.
    Se Trieste passa in mano tedesca e Genova resta nelle mire cinesi un motivo ci deve essere. Ma nessuno ne parla naturalmente

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*