PSA Genova – Pra’: nuovo record di TEU per il 2019

La notizia

Velocifero –

Il conferimento della nuova e corretta denominazione, del nuovo brand e della nuova ragione sociale ha portato fortuna al PSA Genova – Pra’, che nel 2019, con 1.604.305 TEU movimentati (+1,8 % sul 2018) ha registrato un nuovo record “all times”. Il Porto di Pra’ ha movimentato il 60 % dei container dei porti di Genova e Savona, ed è risultato essere il più grande porto di destinazione (Gateway) italiano. Con il suo 1,6 MTEU il porto di Pra’ ha movimentato il 20% di tutto il traffico italiano, supera tutti gli altri scali container nazionali e si aggiudica la medaglia d’oro di Campione Italiano dei Container. A seguire La Spezia & Carrara (1,5 MTEU), Genova & Savona (1,1 MTEU), Livorno (0,8 MTEU), Trieste (0,75 MTEU), Napoli (0,7 MTEU), Venezia (0,6 MTEU), Salerno (0,4 MTEU). Un porto di tale importanza e rilevanza economica, oltre ad essere motivo di orgoglio per Pra’, non può non aumentare anche il suo contributo alla riqualificazione ed all’investimento sulla riduzione dell’impatto ambientale per il territorio e la comunità di riferimento. Si auspica quindi che le richieste dei cittadini, veicolate attraverso il Consiglio di Comunità Praese e la FondAzione PRimA’vera, si tramutino finalmente e rapidamente in realtà, con il prolungamento della Fascia di Rispetto e delle dune alberate di separazione porto-abitato lungo tutto il litorale praese, dal Castelluccio di Pra’ al Rio San Giuliano, con il prolungamento della pista ciclo-pedonale e delle dune lungo il lato di levante del terrapieno portuale e con l’elettrificazione completa di banchine e mezzi operativi portuali. I praesi se lo meritano.

2 Comments

  1. Sicuramente le richieste dei cittadini devono essere ascoltate vista la devastazione del nostro territorio,per la quale io mi permetto di non sentirmi orgogliosa

  2. Questi numeri e il business che ne deriva sono veramente notevoli. Per essere orgogliosi di questi risultati (non dimentichiamo certo che dietro i numeri ci sono persone che lavorano…) abbiamo bisogno di verificare che veramente la nostra qualità di vita sta migliorando. Per il momento non siamo in grado di verificarlo. Quando non si saranno più né fumi, né rumori di generatori, quando i cicalini saranno dotati di “rumore bianco”, quando la Fascia di Rispetto sarà prolungata lungo tutto il litorale di Pra’, allora sì che saremo orgogliosi del Porto di Pra’…. (anche se per quelli della mia età aver perso la spiaggia e il mare è un dolore che non si allevierà mai…)

Rispondi a Maria Luisa Annulla risposta

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*