Prosegue il lavoro del GdL Charlie del Pra’lmarium su cicalini, rumori, banchine elettriche, barriere arboree e dune

Luciano Bozzo –

Tra il settembre 2020 ed il gennaio di quest’anno si sono tenute tre riunioni in videoconferenza del Gruppo di Lavoro (GdL) Charlie del Tavolo Tecnico Pra’lmarium con il compito di perseguire nuove azioni di mitigazione dell’inquinamento acustico ed ambientale prodotto dal bacino portuale di Pra’; queste azioni si vanno naturalmente ad aggiungere a quelle che l’Autorità di Sistema Portuale (AdSP) sta già portando avanti da tempo, ovvero l’elettrificazione della banchina del porto per l’attracco delle navi mercantili portacontenitori e l’innalzamento ed il potenziamento delle dune di separazione tra il porto e la Fascia di Rispetto. A queste riunioni organizzate dall’Assessore comunale allo sviluppo economico, portuale e logistico Francesco Maresca insieme ai rappresentanti delle associazioni locali e del Consiglio di Comunità Praese hanno preso parte dirigenti e delegati dell’AdSP, di Rete Ferroviaria Italiana (RFI) e dei tre concessionari portuali: PSA Genova-Pra’, Gruppo Spinelli, Nuovo Borgo Terminal Container oltre allo stesso assessore, al presidente del nostro Municipio Claudio Chiarotti, a diversi tecnici del Comune, di ARPAL e delle associazioni praesi. Molteplici i temi trattati e le azioni concordate per le quali si è verificato lo stato di avanzamento. Il primo argomento ha riguardato i cicalini delle gru che operano nel nostro porto, una fonte di rumore particolarmente fastidiosa per gli abitanti di Pra’-Palmaro e non solo. Fermo restando che l’impiego dei cicalini è inevitabile, in quanto risponde a precise norme di sicurezza a salvaguardia dei lavoratori, si è convenuto di procedere con la sostituzione dei cicalini tradizionali con quelli a rumore bianco, meno fastidiosi e disturbanti per i residenti, su tutto il parco mezzi (gru stacker, cavaliere e muletti) di PSA Genova Pra’, Gruppo Spinelli, Nuovo Borgo Terminal Container che si sono dichiarati d’accordo previa verifica e nulla osta da parte della ASL. Per avvalorare la bontà di questa azione nella serata del 17 giugno dello scorso anno si è condotto un test in tre diversi punti dell’abitato praese nei sestieri di Sapello, Palmaro e Longarello; il test ha visto impegnati un gruppo di cittadini residenti insieme ad ingegneri e tecnici di PSA, AdSP, ARPAL Liguria e del settore Igiene a Acustica del Comune di Genova.
Nel corso del test si è effettuato un confronto tra la percezione del rumore generato dai cicalini tradizionali delle gru stacker e a cavaliere con quello emesso dai nuovi cicalini a rumore bianco nelle zone del porto più vicine ai punti di ascolto precedentemente individuati; parallelamente alla verifica uditiva da parte degli ascoltatori si è anche provveduto alla registrazione e misurazione del rumore con gli strumenti di misura messi a disposizione da ARPAL Liguria. L’esito del test ha confermato che i nuovi cicalini a rumore bianco, pur generando sempre un alto livello di intensità sonora, per il fatto di non impiegare un suono modulato risultano meno disturbanti e fastidiosi per l’orecchio umano. Il minore impatto risulta poi particolarmente evidente nelle ore notturne quando, in assenza di altri rumori di fondo, i cicalini a rumore bianco risultano assai meno disturbanti del sonno e del riposo dei residenti.  A questo punto per poter procedere alla sostituzione dei cicalini sulle gru oggi operative nel porto occorre prima avere una autorizzazione ed un controllo da parte della ASL e di ARPAL che devono attestare che i cicalini a rumore bianco siano equivalenti a quelli tradizionali montati sulle gru per quanto attiene la sicurezza dei lavoratori. Non dovrebbero esserci problemi ma è un passaggio formale che va comunque affrontato e al quale stanno lavorando AdSP e PSA. Intanto PSA ha informato che per gli stacker di piazzale si è già arrivati all’85% delle installazioni con cicalini a rumore bianco grazie all’arrivo di nuovi mezzi che già montano i nuovi cicalini opportunamente certificati; per i restanti mezzi si stanno facendo le dovute verifiche sia con il costruttore che con ARPAL per avere il benestare all’installazione definitiva. Nel frattempo i cicalini sono già stati acquistati e sono pronti per essere installati non appena arriverà il nulla osta da ARPAL e ASL, nulla osta che occorre anche a Gruppo Spinelli e Nuovo Borgo Terminal per poter procedere con la sostituzione anche sui loro mezzi.
E anche se le restrizioni dovute al Covid complicano seriamente le cose secondo quanto affermato dal”ingegner Marco Ferrari di PSA Genova Pra’ si cercherà di ottenere il nulla osta da parte della ASL entro la fine di marzo.

Il GdL Charlie si è poi occupato di altre fonti di rumore provenienti dal porto; i rappresentanti del Consiglio di Comunità Praese hanno portato all’attenzione le lamentele di molti cittadini relativamente all’uso di altoparlanti molto potenti che gli operatori di PSA utilizzano per comunicare tra loro sia di giorno che in ore serali. Questa fonte di rumore impatta in particolare i residenti della zona centrale di Pra’ e chi frequenta la Fascia di Rispetto e la stazione ferroviaria; è addirittura capitato che gli altoparlanti siano stati usati anche per insultarsi vicendevolmente. Si è richiesto di evitarne o comunque di limitarne l’utilizzo e l’intensità in modo che le “conversazioni” degli operatori portuali non siano percepite dalla Fascia di Rispetto né tantomeno dai residenti nelle loro abitazioni.
Si è chiesta inoltre una maggiore attenzione per limitare i rumori causati dalla movimentazione dei contenitori, specie quando questi vengono poggiati a terra con forti tonfi e rumori metallici che sono uditi dai residenti anche a grande distanza dal porto e che risultano particolarmente disturbanti nelle ore notturne; a tal fine si è suggerito di valutare l’opportunità di un adeguato percorso formativo per gli operatori portuali su questo tema e sul rispetto del diritto al sonno dei cittadini. L’ingegner Ferrari
si è impegnato a riportare queste lamentele e questi suggerimenti a chi si occupa della formazione e del training degli operatori portuali all’interno di PSA Genova-Pra’ ed a verificare ed approfondire la questione degli altoparlanti per cercare una soluzione.

L’ingegner Giuseppe Canepa dell’AdSP ha parlato poi dei lavori di elettrificazione della banchina portuale che stanno procedendo bene con la collaborazione di PSA. Entro il prossimo mese di marzo si potrebbe avere l’impianto con un primo punto di allaccio completato. L’altro arriverà a seguire nel corso di quest’anno mente il terzo ed il quarto punto di allaccio sono previsti in seguito. Intanto è importante partire con la prima postazione di alimentazione e ad aprile potrebbe già arrivare la prima nave di MSC con la quale inaugurare il primo accosto elettrificato. Si sta portando avanti anche il dialogo con il ministero dei trasporti per arrivare a garantire le opportune agevolazioni agli armatori che utilizzeranno le banchine elettrificate; già sono stati approvati tagli sulle accise e ora il governo sta valutando ulteriori sgravi. PSA dal canto suo ha confermato che tutte le opere civili nella parte di levante sono completate e che si stanno tirando i cavi per il primo accosto in quella zona, cioè dove normalmente attraccano le navi che creano più problemi in quanto a rumorosità. Non è invece in grado di fornire ad oggi tempistiche precise per il completamento e la realizzazione degli ulteriori accosti. Tutti hanno poi ribadito la necessità e l’importanza di incontrare e raggiungere un accordo con i principali armatori che attraccano a Pra’ affinchè si avvalgano della banchina elettrificata spegnendo così i rumorosi gruppi elettrogeni diesel    delle navi che sono oggi una delle principali fonti di inquinamento acustico e gassoso del nostro porto. La cosa positiva è che al porto di Pra’ attraccano normalmente sempre le navi delle stesse grandi compagnie; raggiungere un accordo dovrebbe quindi essere un pò più semplice. Si può pensare sia ad incentivi rivolti agli armatori che al deterrente di controlli da parte della Capitaneria di porto per la verifica del rumore prodotto.
AdSP sta lavorando in questa direzione con l’obiettivo di organizzare nei prossimi mesi l’incontro con gli armatori alla presenza anche della Capitaneria di Porto, di Comune e Regione e di PSA, la cui collaborazione nell’opera di sensibilizzazione degli armatori che utilizzano la navi più rumorose è assai importante e determinante. L’assessore Maresca ha anche parlato di
una futura riunione di Commissione comunale proprio sul tema della elettrificazione delle banchine a cui parteciperanno l’Autorità Portuale, la Capitaneria di Porto e gli armatori e a cui intende invitare anche i rappresentanti del Consiglio di Comunità e delle associazioni praesi oltre che i comitati di Sanpierdarena. Si tratta di una riunione pubblica nella quale dibattere tutti i temi legati alla realizzazione e all’utilizzo delle banchine elettriche.

Un altro obiettivo del GdL Charlie è la creazione di una prima barriera naturale costituita da alberi tra il porto e l’abitato del sestiere di Pra’-Palmaro (prima fase di un più ampio progetto che persegue la creazione di una fila di alberi tra la piattaforma portuale e tutto l’abitato praese da Longarello a Ca’ Nova). A seguito di alcuni sopralluoghi congiunti con personale e tecnici di AdSP, PSA e associazioni locali si erano stabilite le prime 3 zone da cui iniziare la piantumazione per le quali AdSP e PSA sono pronte a destinare circa 20 mila euro. Dopo un confronto con l’ingegner Raffaele Spina di RFI sono state confermate le prime due di queste tre zone. Per la zona 1 si parla di infoltimento e prolungamento dell’area alberata già esistente in prossimità della foce del torrente Branega e dell’estremità di ponente della pisto ciclo-pedonale; la zona 2 si estende subito a ponente della 1, dal passaggio a livello portuale fino all’edificio della stazione ferroviaria di Pra’ Mare. La zona 3 inizia da questo edificio e prosegue verso ponente fino all’inizio della pista pedonale protetta dal guard-rail che corre lungo il lato nord di via dei Canottieri; questa però, così come gli ulteriori spazi a ponente fino alla ex Verrina va invece ri-verificata quanto prima per renderla compatibile con gli sviluppi futuri del progetto di RFI. Intanto per le prime due zone si è deciso di piantumare lecci e pini marittimi già abbastanza cresciuti. C’è già un preventivo che tiene conto anche delle necessità di irrigazione e manutenzione degli alberi e si tratta ora di stabilire a chi affidare i lavori. Giuseppe Canepa ritiene che nel giro di qualche mese, molto probabilmente già nel primo semestre di quest’anno, si dovrebbe partire piantumando nella zona a ridosso della foce del Branega e dietro la stazione ferroviaria di manovra (di Pra’ mare) in attesa poi di avere da RFI maggiori dettagli sulle aree effettive del cantiere ferroviario e di capire quindi dove e come poter proseguire anche verso ponente con la piantumazione degli alberi. Tra l’altro la piena collaborazione ed una maggiore chiarezza e disponibilità nelle informazioni da parte di RFI risulta anche essenziale per riuscire a finalizzare il progetto “Ridiamo il mare a Pra’-Palmaro” per partecipare al bando inter-ministeriale ed estendere la Fascia di Rispetto a ponente al posto dell’attuale linea Genova-Ventimiglia, obiettivo per il quale si è mobilitato l’assessore comunale ai Lavori Pubblici (nonché ViceSindaco) Pietro Piciocchi.
A tal fine il Vicesindaco ha già convocato più volte un tavolo ristretto con Comune, Municipio, AdSP e RFI; occorre infatti che RFI fornisca il prima possibile i piani dettagliati dello spostamento a mare della Genova-Ventimiglia se si vuole disegnare con la necessaria precisione il progetto della Fascia di rispetto da collocare negli spazi che si andranno a liberare. Val la pena ricordare che anche già alla fine degli anni ’90 le ferrovie con il loro atteggiamento ondivago e attendista circa lo spostamento a mare della linea Genova-Ventimiglia nella parte centro-orientale di Pra’ furono alla fine l’ultimo ostacolo alla realizzazione della Fascia di Rispetto che poi venne peraltro fatta pochi anni dopo. Oggi le incertezze di RFI creano problemi per poter procedere celermente sia con la progettazione della prosecuzione della Fascia di mitigazione tra abitato e ferrovia che con la realizzazione di una barriera di alberi a sud di questa e più precisamente tra ferrovia e porto.
In conclusione si è parlato dei lavori di innalzamento e potenziamento delle dune tra porto e Fascia di Rispetto. AdSP ha annunciato
che la Duna 1 (che corre lungo la pista ciclabile a sud del Canale di Calma fatta salva la parte centrale) è di fatto terminata e che adesso si stanno completando anche gli ultimi dettagli. E’ prevista la manutenzione, compresa la vegetazione, per un anno a carico della ditta che ha fatto i lavori.
Al di là di quanto detto nel corso di questi incontri, osservando però il cattivo stato di parte degli alberelli piantumati sulla parte alta della duna solo poche settimane fa, appare però lecito porsi qualche dubbio e chiedersi come si sia proceduto con la piantumazione degli stessi e come si stia procedendo e si vorrà procedere con la loro manutenzione. A parte questa considerazione, dettata dalla stretta attualità, AdSP ha riferito di essere in attesa dell’autorizzazione del magistrato per rimuovere il terreno ancora sotto sequestro e poter così affidare i lavori di realizzazione della Duna 2, che si estenderà nella parte centrale a sud del Canale di Calma, si svilupperà maggiormente in altezza rispetto alla Duna 1 ed avrà le caratterisitche di un’area di parco urbano fruibile dalle persone con percorsi pedonali ed aree di sosta. Nonostante le restrizioni dovute al Covid si sta andando avanti con la fase di verifica del progetto che riguarda anche le alberature. A seguito di un confronto con la FondAzione PrimA’vera ed i cittadini locali si è deciso di piantumare anche alberi di ulivo, leccio e pino marittimo oltre ai già previsti ginepri, cipressi e ailandi variando così le essenze previste in quest’area.
Da parte sua la FondAzione PRimA’vera ha portato chiaramente all’attenzione due problemi che AdSP ha promesso di affrontare e risolvere. Il primo riguarda la necessità di distanziare maggiormente i tanti ginepri piantati nella prima fila e posti sulla Duna 1 ad altezza intermedia, ad esempio raddoppiando la attuale distanza, mettendone uno si ed uno no; altrimenti nel giro di pochi anni, crescendo, arriveranno a formare una barriera tale da impedire ai raggi del sole di raggiungere la sottostante pista ciclo-pedonale per buona parte dell’anno.
Si è ribadita poi la preoccupazione e la conseguente protesta per l’altezza dei contenitori di Nuovo Borgo Terminal Container impilati fino alla quarta fila e quasi attaccati alla recinzione della Duna in alcune zone di essa. Questo vanifica tutta la positività del potenziamento della Duna 1; per poterne invece sfruttare a pieno l’effetto di mitigazione ambientale i contenitori dovrebbero non superare la seconda fila di altezza, come già oggi accade in un’altra zona sempre a ridosso della stessa duna. In risposta a queste raccomandazioni Giuseppe Canepa di AdSP ha recepito la proposta di distanziare maggiormente le piante ed ha affermato che la si perseguirà con attenzione per soddisfare sia l’esigenza della presenza dell’irraggiamento solare che quella di schermatura della vista dei contenitori posti dietro la duna. Quanto all’altezza dei contenitori che non deve ovviamente superare quella delle dune AdSP solleciterà in tal senso il concessionario.

3 Comments

  1. Lavoro e grande impegno dei gruppi di lavoro del Pra’lmarium per un porto sempre più compatibile con l’abitato ed i cittadini…

  2. Innanzitutto grazie delle info e del lavoro….
    Piccola notazione relativamente alle specie vegetali: l’ailanto è un albero allergenico, invasivo e tossico. Danneggia sia per la facilità di propagazione, sia per la tossicità a livello radicale nei confronti della vegetazione limitrofa. Ormai è nella black list degli alberi da tempo e non andrebbe assolutamente piantumata.

  3. Grazie per l’impegno e per la puntuale informazione. Spero vivamente che la prossima estate il rumore del porto sarà un po’ meno pesante ( cicalini a rumore bianco e qualche nave alimentata da terra). Come ho detto ai funzionari della Regione nella riunione del Progetto RUMBLE il rumore è dannoso per la salute, infatti causa disturbi al sistema nervoso e cardiocircolatorio.
    Circa i “cipressetti” spero che saranno distanziati e che magari affiancati da qualche nuovo albero simile a quelli già presenti nelle dune originarie. Per il resto dei progetti non ci resta che confidare nella buona volontà delle parti coinvolte e nella sollecitudine e costante stimolo delle Associazioni che tanto si stanno adoperando per il bene comune

Rispondi a Elisa Annulla risposta

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*