Progetto “Quasimodo”: una risorsa preziosa per la Delegazione

http://video.repubblica.it/edizione/genova/viaggio-nella-scuola-abbandonata-da-quattro-anni/234813/234479?ref=search

http://ricerca.repubblica.it/repubblica/archivio/repubblica/2016/04/10/occupy-quasimodo-i-gruppi-sportivi-vogliono-devastataGenova02.html?ref=search

http://ricerca.repubblica.it/repubblica/archivio/repubblica/2016/04/22/un-futuro-nuovo-per-la-scuola-quasimodo-lok-di-tursiGenova13.html?ref=search

Elisa Provinciali – Renato Polidoro

Attraverso i link sovrastanti, puo’ essere ricostruito il travagliato percorso di questa struttura scolastica, dismessa dal suo uso di Istituto Media Secondaria nel 2012, abbandonata per quattro lunghi anni, e “scientificamente” distrutta nel corso del tempo, a piu’ riprese.

Il redattore di Repubblica, Massimiliano Salvo, ne ha seguito in modo accurato le vicissitudini,testimoniando lo stato attuale di degrado dell’edificio,anche con un video, che è possibile vedere collegandosi al primo indirizzo. Non si sono salvati alcun tipo di annessi: pareti, caloriferi, servizi igienici, estintori, strumentazioni, divelte e sbriciolate, arredi e rottami sparsi lungo tutti i 4 piani, porte e vetri, banchi gettati nella tromba delle scale , un recente incendio che ha devastato ulteriormente la costruzione.

Sino a circa il 2013, la palestra al pianterreno, pur essendo priva di acqua corrente e riscaldamento, veniva utilizzata da da due societa’ sportive del territorio, “Regina Margherita” di Pra’ e “Volare Volley” di Voltri-Arenzano, i cui presidenti, rispettivamente Massimiliano Bisi e Gianfranco Tamburini , consapevoli del valore e dell’utilita’ della struttura, avevano persino proposto al Comune un piano di ristrutturazione di 250 mila euro, in collaborazione con il “Club Twirling” di Mele.

La palestra era rimasta relativamente indenne dai vandalismi, ed inoltre la presenza quotidiana degli sportivi scoraggiava altre incursioni, il Municipio era favorevole e consentiva a tale utilizzo parziale, ma dopo gli ultimi atti di distruzione e teppismo, anche le societa’ sportive hanno dovuto lasciare la “Quasimodo”, per motivi ovvi di sicurezza.

Tuttavia, il pressing e’ continuato, nei confronti delle pubbliche amministrazioni, per superare difficolta’ burocratiche e poter assicurare ai cittadini del territorio il ripristino di una struttura dalle molteplici potenzialita’.

E veniamo quindi, ad un incontro fermamente promosso e voluto da societa’ sportive e cittadini.

Il 26 aprile ’16 , alcuni esponenti della Fondazione Primavera” si sono recati a visionare la suddetta scuola in previsione di un possibile riutilizzo per attività sportive.

La presenza era quanto mai varia e numerosa :

Il Presidente del municipio Mauro Avvenente, l’ assessore Rosa Morlè, tecnici del Comune in gran quantità, tanto da perdere ogni possibilità di capirne nomi e funzioni, volontari di varie associazioni,

e infine incaricati delle società sportive, quali Gianfranco Tamburini e Massimo Bisi già conosciuti per il progetto del futuro PalaPra’ e altri.

Il vice sindaco Bernini era purtroppo assente, per impegni legati all’approvazione del bilancio Comunale

La visione dell’edificio è stata a dir poco sconsolante, vandalizzato in modo pesante, tuttavia la struttura nel suo complesso è assolutamente ricuperabile.

Avvenente ha spiegato che l’unica strada a suo vedere percorribile è lo scorporo dal patrimonio comunale delle parti quali palestra, uffici al piano rialzato e servizi igienici con affidamento al Municipio VII Ponente , in modo che si possa affidare alle società tali locali, che esse potranno sistemare ed usare con un affido ventennale a fronte dell’impegno economico e del lavoro di volontariato.

La cosa sembrerebbe ragionevole, ma par di capire che in ambito comunale i pensieri contemplino altre destinazioni: del resto, data la grandezza dell’edificio, molte ipotesi potrebbero convivere: da un Polo sanitario, di interesse dell’associazione “Gigi Ghirotti”, ad uffici destinati a sostituire il centro per l’impiego di Pra’ Palmaro, a rischio chiusura, mentre i piani bassi potrebbero continuare ad essere destinati alle Societa’ sportive, in primis la Regina Margherita, che rilanciano la loro offerta di adozione/gestione ed impegno finanziario.

Cosa importante, e condivisa a tutti i livelli, e’ il concetto di riuso e di recupero di una struttura ben posizionata e fruibile, mentre i vincoli burocratici relativi al cambio di destinazione d’uso paiono superati. L’ Assessore comunale allo Sviluppo Economico, E. Piazza, dichiara l’importanza di tale riutilizzo, per finalita’ positive per i cittadini.

Ci terremo aggiornati e riferiremo ai lettori, l’evolversi del “Progetto Quasimodo”, fiduciosi che sia un percorso virtuoso

5 Comments

  1. Molto bene. Anche in questo caso, dobbiamo e possiamo dire “era ora”. Spero vivissimamente che interesse e volontà non vengano meno e soprattutto non finiscano imbrigliati da ottuse pastoie burocratiche, né gambizzati dalla cronica penuria di risorse. Se sul territorio ci sono strutture che possono essere recuperate a fini sociali, ben vengano nuovi progetti, ne abbiamo tanto bisogno. Lo stesso dicasi per impianti e luoghi di aggregazione sportivi, perché quelli sono gli “incubatori” dove coltivare, soprattutto nei giovani, i valori di una cultura “sana”. È con quelli che possiamo pensare di sconfiggere anche il vandalismo. E con il presidio del territorio, che resta fondamentale per uscire dall’abbandono. Speriamo (e adoperiamoci) per un altro passo avanti. Grazie per le informazioni!

  2. Grazie a te, cara Paola, che con la tua costante attenzione al Sito, ci gratifichi, stimolandoci a dare il meglio, per i lettori e per PRA’!!!!

  3. Grazie per l’attenzione che avete dedicato a questa importante risorsa della nostra delegazione ora lasciata all’abbandono vittima di vigliacchi atti vandalici ….speriamo in una veloce ed efficace soluzione!

  4. Si rimane sgomenti nel vedere quanta distruzione riescano a produrre dei balordi, e mi preoccupa anche parecchio pensare a quanta rabbia coltivino dentro di sé per raggiungere simili risultati! Per fortuna qui le strutture sono ancora sane e solide, come la buona volontà degli operatori e dei volontari delle Associazioni Sportive che si sono offerti di lavorare per risanare e rilanciare gli spazi della Quasimodo. Spero ardentemente che il Comune aderisca all’ipotesi lanciata dal Municipio VII Ponente ….direi che questo è l’ultimo treno disponibile…..!

  5. Hai ragione, M.Luisa. Spero riusciate ad aprire il video, primo link, qualora Repubblica lo avesse archiviato, passando i giorni, basta digitare nella ricerca parole chiave come “Quasimodo”, occupazione, vandalizzata ecc.
    Ebbene, visualizzando questo documento, si fa proprio un viaggio nella devastazione, dal pianterreno, al tetto, dentro e fuori l’edificio…impressionante.

Rispondi a Paola G. Annulla risposta

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*