Primocanale a Pra’ con “Live on the road”

#Luciano Bozzo –

Mercoledi 21 novembre la trasmissione “Live on the road” di PrimoCanale, condotta da Elisabetta Biancalani,  ha fatto tappa a Pra’, in una giornata fredda e piovosa, accolta ed accompagnata da alcuni dei cittadini che aderiscono alla FondAzione PRimA’vera, che volentieri e con piacere si sono resi disponibili per illustrare le bellezze e gli angoli suggestivi dei nostri sestieri, raccontare curiosità del nostro passato senza peraltro nascondere i problemi dell’oggi per i quali si propongono e si perseguono idee e progetti di soluzione e miglioramento nella prospettiva di una Pra’ futura, nella quale sia sempre più piacevole e facile vivere.

Il titolo della trasmisssione “Pra’ futura: una storia millenaria che guarda al futuro” spiega perfettamente il senso ed i contenuti dei vari servizi che le telecamere della tv ligure hanno realizzato in diversi punti del nostro paese. Si è partiti mostrando alcuni degli autentici gioielli di storia, arte, fede e tradizione che una vicenda pluri-secolare ha creato e che danno lustro non solo a Pra’ ma a tutto il territorio del genovesato: la chiesa e pieve di N.S. Assunta, il vicino oratorio di origini medioevali, autentici scrigni ricchi di opere d’arte (tra le quali il Coro ligneo settecentesco appena restaurato) ed il palazzo Doria D’Angri, per tanto tempo sede del Comune e poi della Circoscrizione praese, quale testimonianza delle tante ville storiche che la nobiltà e l’alta borghesia genovesi hanno disseminato da levante a ponente nei secoli passati.

Il passaggio successivo è stato dedicato ad alcuni elementi di eccellenza del nostro territorio, veri punti di forza di Pra’ e non solo: il basilico, con la singolare storia del capitano Bartolomeo Decotto, uomo d’arme praese che, di ritorno dalla Prima Crociata, per primo importò in Liguria i semi della preziosa piantina, proprio a Pra’, luogo privilegiato dove poi, secoli dopo, sarebbe sorta e si sarebbe radicata la tradizione della coltivazione del pregiato basilico in serra.

Poi la Fascia di Rispetto che sempre più sta diventando un polo di attrazione, polmone ed area di riposo, di sport e di svago per i praesi e per l’intera città di Genova grazie agli eccellenti impianti sportivi di cui dispone, delle passeggiate e della pista ciclabile lungo il Canale di Calma ed all’attiguo Parco Dapelo; una Fascia che chiede solo di essere gestita al meglio e di accrescere ulteriormente la propria vocazione ludico-sportiva dotandosi di nuovi impianti, oggi in costruzione nel Parco di levante, e di collegarsi meglio con gli altri impianti sportivi presenti nell’interno nei nostri vari sestieri e con il circuito delle passeggiate ritempranti tra gli splendidi paesaggi delle nostre colline e delle più impegnative salite verso i profili alpini delle montagne della Baiarda, di Punta Martin e del Monte Penello.

In conclusione uno sguardo ai problemi sul tappeto a cominciare dalla difficile convivenza con il Terminal Container e con le altre ingombranti infrastrutture che pesano in particolare sul sestiere di Palmaro; il Porto deve diventare sicuramente più rispettoso del contesto e del centro abitato che lo ospita, diminuendo il proprio impatto ambientale e contribuendo maggiormente alla ricchezza del territorio, staccandosi in futuro dal centro abitato secondo il concetto di “Porto Isola” che prevede il prolungamento del canale navigabile e della Fascia di Rispetto fino al confine con Voltri.
I progetti già approvati per l’elettrificazione delle banchine, l’innalzamento delle dune alberate di separazione delle attività portuali dalle case e dalla Fascia di Rispetto devono finalmente concretizzarsi così come il tante volte annunciato spostamento a mare dei binari nella parte di ponente deve tradursi in realtà in modo da consentire di creare una mini-fascia di vivibilità davanti alle case del sestiere di Palmaro ed alle ville storiche del sestiere di Cà Nuova, con una passeggiata ciclo-pedonale tra gli alberi ed una “lama” d’acqua corrente.

A completare la parte rivolta al futuro si è poi fatto cenno ad altre interessanti prospettive: un nuovo parco urbano dall’altra parte del Canale di Calma già nei progetti del Comune, un Palazzetto dello Sport davanti al sestiere di Longarello, un Bigo sulla Rotonda San Pietro, il Palazzo del Basilico ed una biblioteca e piccolo museo multimediale a ricordare la ricchezza delle attività che per secoli si sono svolte sulla spiaggia perduta, nei progetti della FondAzione PRimA’vera.  Idee e progetti da realizzare per raccogliere, preservare e valorizzare l’eredità preziosa di un passato ricchissimo e costruire allo stesso tempo e con determinazione la Pra’ futura.

Sul sito web di Primocanale è possibile selezionare e rivedere l’intera puntata:

Pra’ Futura proposte di rinnovamento

Pra’ Futura la fascia di rispetto e il caso Palmaro

Prà futura, un po’ di storia nel palazzo del Municipio

Prà futura, la storia del basilico da capitan Decotto a oggi

Prà futura: prima tappa l’Antica Pieve dell’Assunta

Prà futura, ecco l’Oratorio dell’Assunta

 

2 Comments

  1. Un servizio televisivo molto interessante, dove sono state descritte molto bene: storia antica,recente e le diverse caratteristiche di Prà e i progetti futuri nella nostra delegazione. Peccato per la brutta giornata,dove i nostri “ fondazionisti” stoicamente hanno resistito alle folate di vento, ma del resto e’ una caratteristica di noi praini abituati da secoli a convivere con tutti i forti venti, dalla tramontana al  libeccio. Da ripetere  

Rispondi a Amalia Annulla risposta

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*