Presepe vivente al Santuario dell’Acquasanta: una sacra rappresentazione che tocca il cuore

Elisa Provinciali-

Pra’ ed Acquasanta hanno avuto ed hanno tuttora, una sinergia che affonda le radici nella notte dei tempi: che la parrocchia di N.S.Assunta fosse sin dalla sua edificazione, chiesa”Matrice”, ossia giurisdizionale su tutte le pievi vicine, comprese nel territorio tra Multedo e Cogoleto ed alture, e’ cosa nota ai più.
Ma, consultando gli archivi storici della nostra provincia, troviamo le prove di un peculiare coinvolgimento ed affezione, appunto, tra le due Chiese, che del resto, hanno in comune la particolare devozione verso Maria Vergine, colta nell’atto di assurgere ai cieli, con il Bambinello tra le braccia.
Un primo cenno risale al 1465, con la nomina, dell’arciprete di Palmaro, Bartolomeo Valdettaro, quale “custode del Santuario e della sacra Effige”. Leggiamo, ad esempio, che nel lontano 1671, Palmaro donò al santuario alcune preziose corone in argento, mentre, alla realizzazione del concerto delle campane, pensò un praese, tale Ferrari Sebastiano. Del tutto unica è la processione annuale che pare concludere le devozioni estive: la nostra parrocchia è la più ricca per arredi, “Cristi”, e presenza di Confraternite, delle precedenti, e maggiore è il fasto della processione di Pra’. Viene condotta la Madonna dell’Assunta detta di “Ciciuin”, dalla foggia dei capelli, ed identica devozione avviene il lunedi’ dell’Angelo, dopo Pasqua, con gran presenza di pellegrini e fedeli praesi.
Ancora adesso, dal punto di vista strettamente territoriale, esiste un itinerario da trekking, che in circa 2ore e mezza di cammino, partendo dalle alture di Pra’ ed attraverso le Basse Lische, raggiunge il Santuario.
Per tutti questi motivi, pubblichiamo lo scritto di una gentile lettrice, relativo, appunto, all’evento di domenica 13 dicembre.

 

Renata Ferrando –
Il 13 dicembre si è svolto l’ormai tradizionale presepe vivente, che dal ’96, due domeniche prima di Natale, anima Acquasanta ricreando l’incantesimo del presepe barocco. Inizialmente, la sacra rappresentazione è stata promossa e curata dal Comune di Genova con la paternità artistica del compianto maestro Mario Porcile che ne ha impostato la dimensione scenografica, cogliendo la naturale e confacente suggestione del luogo. Da anni il presepe vivente è organizzato dai Padri del Santuario insieme al Gruppo dei Volontari, grazie al contributo del Comune di Genova che cede per quest’occasione gli splendidi abiti barocchi per ricreare il tipico presepe genovese.

IMG_20151213_155057

I volontari del Santuario hanno arricchito questo momento con uno stand gastronomico che offre polenta e salsiccia, gli immancabili focaccini, cioccolata calda, vin brulè. Sul piazzale del Santuario, già dal mattino, è allestito un mercatino con prodotti artigianali locali.

Il Presepe vivente si può realizzare grazie alla partecipazione degli abitanti del paese, grandi e piccini, che per un pomeriggio indossano i panni dei personaggi del presepe, a partire dalla Madonna, S. Giuseppe, il Bambinello, un neonato del luogo che non manca mai di intenerire e commuovere. Sfilano, poi, fino all’altare maggiore del Santuario, angeli, pastori, contadini, dame, cavalieri e i Re magi, ognuno con i propri doni e, tipico di Acquasanta, il corteo dei pellegrini a richiamare sia l’idea del viaggio per trovare Gesù che la storia del Santuario meta da secoli di numerosi pellegrinaggi. Tutti insieme, intorno alla mangiatoia, ricreano un sontuoso quadro vivente della natività. Ogni volta durante lo svolgimento di questa, se pur semplice rappresentazione, nasce una suggestione che emoziona e accomuna i partecipanti, nel dar vita insieme ad un avvenimento dai profondi significati religiosi ed umani, contenenti un messaggio di pace e comunione tra gli uomini.

Durante la giornata è possibile visitare la splendida mostra “Presepi dal mondo”, situata al secondo piano, sotto i portici del Santuario.

7 Comments

  1. Ero presente alla rappresentazione della Natività ad Acquasanta, ed era la prima volta:ebbene. come dice Renata, anche io ho provato una forte commozione ed emozione:vedere quel neonato piccolissimo, un frugolino con il ciuccio…buomissimo. sembrava consapevole di prendere parte alla rievocazione di qualcosa di sacro.Ho persino chiesto alla mia vicina di panca se Maria e Giuseppe erano i veri genitori, tanto era a suo agio! Invece no.
    Molto belli i figuranti, in costume barocco, e poi mi ha incuriosito un “pellegrino” con due conchiglie sul mantello: ho di nuovo chiesto:sono le conchiglie Saint Jacques, simbolo di Santiago di Compostela…
    E’ stato un bell’approccio con una tradizione del nostro twerritorio, mi piacerebbe che lo facessimo anche a Pra’.

  2. Una tradizione che emoziona davvero, perchè, grazie ad una Comunità che si riunisce, Vive insieme e si impegna in modo non consueto, fa rivivere Valori importanti, cullati dal sentimento e dall’Arte. Grazie

  3. Era la prima volta che vedevo questo presepe vivente ed è stato molto emozionante (il fatto che conoscessi molti dei figuranti più piccoli ha certamente contribuito). Grazie a tutti di cuore e… arrivederci al prossimo anno (non mancherò di fare pubblicità all’evento).

Rispondi a LR Annulla risposta

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*