Pra’rte

Guido Barbazza #

Oggi, per tutti, è semplicemente “Villa Ratto” sede della scuola Secondaria di Primo Grado (ex scuole medie) dell’Istituto omnicomprensivo di Pra’ ma, come riporta la didascalia di una cartolina del primo Novecento, l’edificio che domina il sestiere di Sapello era noto come “Palazzo del Cavaliere Felice Ratto”. Ricordiamo che i Ratto erano una famiglia di industriali praesi, proprietari delle Ferriere Ratto, diventate poi in tempi recenti le “Fonderie San Giorgio – Pra’ “. Il palazzo è architettonicamente riconducibile allo stile rinascimentale manieristico, con richiamo all’impianto tripartito di carattere Alessiano. Residenza verosimilmente concepita, così come fu nel XVI secolo, quale simbolo della posizione

Villa Ratto ieri
Villa Ratto ieri

sociale del proprietario, è indubbiamente un insediamento rilevante, nonostante penalizzato nella sua originale estensione da un intervento di urbanizzazione nelle aree limitrofe, una delle tante scelte scriteriate anni ‘60/70 che hanno deturpato i parchi e le aree pertinenziali di quasi tutte le ville e residenze nobiliari storiche praesi. Il palazzo si sviluppa su tre piani, su cui svetta una torretta belvedere che assolve anche alla funzione di lucernario per le scale, ed è conservato in tutto e per tutto nella sua configurazione originale. Mancano, in quanto demolite per la costruzione di un palazzo di via Sapello, la bellissima scalinata che scendeva fino alla via ed il maestoso ed elegante complesso delle scuderie i cui portoni e finestre si

Uno dei bellissimi affreschi di Villa Ratto
Uno dei bellissimi affreschi di Villa Ratto

affacciavano direttamente proprio su via Sapello. Nel piazzale di fronte all’ingresso principale, proprio di fronte alla scalinata c’era una grande fontana, anch’essa non più esistente. Degli sfarzosi ambienti ed allestimenti interni è rimasto ben poco, anche se l’adattamento a sede scolastica ha rispettato in buona parte le suddivisioni originali. Nonostante il mediocre stato di manutenzione, la bellezza e l’eleganza dello scalone che conduce ai piani superiori lascia a bocca aperta, così come i bellissimi affreschi che ne ornano i soffitti. Unica nota veramente negativa è lo sfregio

Villa Ratto soffitto deturpato del salone piano nobile
Villa Ratto soffitto deturpato del salone piano nobile

subito dal soffitto affrescato del salone nobile, devastato dall’inserimento di una putrella d’acciaio a rinforzo del pavimento del piano superiore e del maldestro pasticcio di rifinitura che ha coperto tutta la parte centrale dell’affresco con stucco e pittura bianca. Un vero orrore che reclama giustizia. Chi ha concepito una tale bruttura è semplicemente inqualificabile. Pensate che si dice che ai muratori che, qualche decina di anni fa, hanno eseguito il lavoro piangesse il cuore nel devastare un così bell’affresco. Si poteva e si doveva

trovare una soluzione idonea, e ciò si può fare ancora, rimuovendo la putrella, consolidando il solaio in modo professionale e restaurando l’affresco, riconducendolo al suo originario splendore. Operando anche sul soffitto del transetto adiacente, che dà sulla balconata, costellato in più punti da mattoni rotti. E’ auspicabile che Villa Ratto venga presto sottoposta ai lavori di restauro che merita uno dei più belli ed eleganti edifici scolastici della città di Genova, vero gioiello Praese.

2 Comments

  1. Si, piange il cuore nel constatare come Pra’ sia stata più e più volte deturpata e privata delle sue bellezze….! Mi auguro, con tutta la speranza che ancora ho conservato, che sia finalmente iniziata una decisa inversione di tendenza grazie alla volontà e alla determinazione dei suoi cittadini “di buona volontà” che non si rassegnano e che si attivano per il bene di tutti.

  2. Villa Ratto ha bisogno di interventi per riportarla alla sua antica bellezza. Villa Ratto ha soprattutto bisogno di vedere definito un progetto a lunga scadenza: sarà per quanto ancora sede della Scuola Secondaria di I grado? Per quanti anni? Per sempre? I cittadini di Pra’ sono molto affezionati a questo edificio, ma un po’ di chiarezza sulla sua destinazione d’uso futura non guasterebbe, al fine di programmare interventi di manutenzione e restauro. Se continuerà ad essere utilizzata come edificio scolastico sono necessari interventi per la sicurezza e per la mobilità al suo interno. Poichè le risorse non sono infinite, chiarire la destinazione d’uso aiuterà a definire le priorità.
    Quando abbiamo tolto il controsoffitto ed è apparso l’affresco siamo rimasti a bocca aperta per lo scempio che era stato fatto, ma – purtroppo – se mi dovessero dire che ci sono fondi a disposizione e di preparare un elenco di lavori da svolgere, l’affresco non sarebbe ai primi posti e non per insensibilità culturale. Comparirebbero: il rifacimento dei controsoffitti, il rifacimento dei bagni dei maschi, la collocazione di un ascensore o di un elevatore per poter salire al primo e al secondo piano (per gli alunni disabili, ma anche per alunni infortunati), la collocazione della mensa a piano terra, il rifacimento della soletta del terrazzo, il cablaggio delle aule, per citarne alcuni. Mi piace ricordare che sono stati fatti i seguenti interventi: tinteggiature aule, collocazione tende, costruzione bagni disabili, sistemazione infissi, rinforzo di una parte del tetto. Dove ci sono i nostri ragazzi è importante garantire sicurezza e vivibilità degli ambienti. Se oltre a questo si riuscisse a recuperare anche gli affreschi, sarebbe un bel traguardo, anche educativo, ma la speranza è ormai un lumicino. Non si spegnerà, ma lumicino rimane. Grazie per l’articolo. Ivana Ottonello

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*