Pra’lmarium: subito gli interventi per abbattere il rumore del viadotto verso il porto

Luciano Bozzo

Martedi 5 novembre si è tenuta a Palazzo Bignami Doria D’Angri, il vecchio palazzo municipale di Genova-Pra’, la prima riunione del Gruppo di Lavoro (GdL) denominato Bravo, del Tavolo Tecnico Pra’lmarium.
Il Tavolo è stato istituito dall’Assessorato del Comune di Genova Francesco Maresca e dal Consiglio di Comunità Praese, su richiesta delle associazioni e dei residenti di Pra’, con l’obiettivo di essere un Tavolo Tecnico capace di prendere decisioni e di intraprendere azioni concrete che riducano l’impatto ambientale del terminal container e delle altre servitù industriali ed infrastrutturali che gravano sullo storico e popoloso sestiere praese di Palmaro e che avviino la riqualificazione del quartiere.
Il GdL Bravo in particolare si occupa dei temi relativi alla presenza autostradale ed alla rumorostà ad essa collegata, soprattutto per il viadotto che collega l’autostrada al bacino portuale di Pra’.
Assente l’Assessore allo Sviluppo economico, portuale e logistico Francesco Maresca, impegnato in una contemporanea seduta del Consiglio Comunale, a questa riunione erano presenti:
per il Comune di Genova: Elisa Gosti (Sviluppo economico e innovazione strategica), Grazia Mangili (Ambiente, igiene, acustica), Stefano Bertoncini ed i tecnici acustici Daniele Concas ed Ezio Gerdoni; per il Munipio VII Ponente (Pegli, Pra’, Voltri): il Presidente Claudio Chiarotti;
per l’Autorità di Sistema Portuale del Mar Ligure occidentale: Giuseppe Canepa (Direttore del Servizio ambiente, impianti e manutenzioni) e l’ingegnere Sara Arri; per PSA Genova Pra’: Antonella Campanini; per Autostrade per l’Italia: Massimo Merigliani (Direzione Tronco di Genova); per ARPAL Liguria: Federica De Barbieri; per il Consiglio di Comunità Praese: Guido Barbazza, Luciano Bozzo, Niclo Calloni, Renato Polidoro di FondAzione PRimA’vera e Maria Cristina Brenta e Rosa Angela Filiberti del Comitato Palmaro.

La riunione ha affrontato inizialmente il tema della Riduzione del rumore causato dal passaggio dei TIR sul viadotto che collega l’autostrada al porto di Pra’. Ogni giorno infatti fin dalle primissime ore del mattino si ha il transito di migliaia di camion su questo viadotto; il passaggio continuo dei pesanti mezzi unito all’evidente deterioramento dei giunti del viadotto e dell’asfalto intorno ad essi causa un rumore incessante, motivo di profonda invivibilità ai residenti in particolare di via Porrata.
I rappresentanti del Consiglio di Comunità Praese hanno focalizzato il problema proprio sull’asfalto intorno ai vari giunti del viadotto che si viene a trovare ad una altezza diversa rispetto ai giunti stessi; il passaggio dei TIR su questi dislivelli provoca il rumore continuo. Livellando l’asfalto con i giunti quindi si dovrebbe ridurre di molto il problema. Anche i successivi interventi dei tecnici comunali e di ARPAL hanno confermato che per abbattere il rumore appare necessaria sia la sostituzione dei giunti, già decisa e programmata da PSA ed Autorità Portuale, sia il livellamento dell’asfalto intorno ai giunti stessi.
Si è poi discusso anche sull’efficacia dell’autovelox, ora attivo nei pressi del viadotto, per ridurre la velocità dei camion in transito sul cavalcavia, e di eventuali pannelli trasparenti fono-assorbenti da collocare ai lati della strada. Si è anche parlato di una diversa soluzione tecnologica per i giunti del viadotto (quella dei giunti a tampone) che potrebbe forse essere adottata per il nuovo viadotto che nei prossimi anni andrà a sostituire quello attuale.

Al termine della discussione si sono concordate le seguenti azioni:

  • PSA ed Autorità di Sistema Portuale effettueranno quanto prima la manutenzione straordinaria del viadotto tra il porto ed il casello autostradale di Pra’, in particolare nella parte più vicina alle case, che prevede la sostituzione dei giunti ed il livellamento stradale intorno ad essi.

  • Entro due/tre settimane Autorità di Sistema Portuale fornirà al GdL precise informazioni sulla programmazione e l’esecuzione di questi lavori.

  • Autorità di Sistema Portuale fornirà al GdL informazioni e dati circa l’efficacia dell’autovelox posto in prossimità del viadotto e del fatto che questo copra anche il tratto più vicino alle case.

  • Studio di valutazione da parte di PSA ed Autorità di Sistema Portuale per l’installazione di due pannelli luminosi posti sul viadotto alle estremità del tratto vicino alle case, per i due sensi di marcia, che riportino la velocità misurata dei mezzi in transito (come deterrente per limitare la velocità) e che forniscano informazioni sulle condizioni atmosferiche.

  • Autostrade per l’Italia formirà ad Autorità di Sistema Portuale informazioni più precise circa la soluzione tecnologica dei “giunti a tampone” in luogo dei tradizionali giunti in acciaio.

Al secondo punto all’Ordine del Giorno c’era la Realizzazione di schermo e copertura fono-assorbente per il viadotto autostradale di collegamento tra Bacino portuale di Pra’ e casello autostradale di Pra’

Il Dirigente di Autorità Portuale Giuseppe Canepa ha comunicato che, secondo la tabella di marcia concordata da Autorità Portuale e Autostrade per l’Italia, il vecchio viadotto sarà sostituito dal nuovo entro la fine del 2023 (con lavori effettuati tra la fine del 2020 ed il 2023). Questo consentirà di spostare anche la ferrovia e di liberare gli spazi per poter creare una Mini Fascia di vivibilità a ridosso delle case di Pra’-Palmaro. Una delle 13 prescrizioni del CIPE per il nuovo viadotto prevede la copertura trasparente fono-assorbente e la sistemazione a verde di tutta l’area intorno alla strada.
Il Presidente del Municipio Claudio
Chiarotti ha però fatto osservare che la progettazione di dettaglio del nuovo viadotto non è oggi in possesso del Municipio e nemmeno, probabilmente, del Comune nonostante le reiterate richieste del Municipio stesso. Ha poi aggiunto che a livello di governo è in discussione il tema del rinnovo della concessione ad Autostrade per l’Italia a cui oggi fa capo il Responsabile Unico del Progetto (RUP) del nuovo viadotto. Autorità Portuale ritiene questa opera essenziale per il porto e conferma l’intenzione di realizzarla in ogni caso.
Dalla discussione è emersa anche l’
importanza di poter conoscere preventivamente come saranno portati avanti i lavori e quale impatto avranno sul territorio e sui residenti e parrebbe una buona idea convocare il direttore dei lavori ed il capo cantiere immediatamente prima dell’avvio dei lavori per informare il territorio sulle modalità e l’impatto che essi avranno.
Al termine della discussione si concorda che:

  • La prima riunione del GdL Delta dovrà avere la possibilità di vedere e valutare in dettaglio gli elaborati progettuali di Autorità di Sistema Portuale, RFI e Autostrade per l’Italia in merito a: A) Rifacimento viadotto autostradale di collegamento tra casello e porto di Pra’ a cura di Autorità di Sistema Portuale e Autostrade per l’Italia; B) Spostamento a mare del tratto della ferrovia Genova-Ventimiglia tra il rio Branega ed il rio San Giuliano a cura di RFI; C) PUC del Comune di Genova per le aree in oggetto a cura del Comune di Genova.

Al terzo punto del GdL c’erano i Miglioramenti estetici dell’accesso al casello autostradale di Pra’.

La FondAzione PRimA’vera, con l’appoggio del Consiglio di Comunità, ha da tempo richiesto un intervento migliorativo dell’accesso al casello autostrale da via Pra’ (riportato nell’immagine). La soluzione proposta è stata gradita dall’ingegner Nanni di Autostrade per l’Italia ed ha già ricevuto un parere favorevole anche dalla Giunta Municipale per quanto di sua competenza.

Anche in questa occasione Autostrade per l’italia ha confermato la propria disponibilità a realizzare quanto proposto. Per passare alla fase operativa occorre avere un progetto di un tecnico per poi fare l’affidamento del progetto e dei relativi lavori. Tolta la parte dell’iter progettuale, in un paio di mesi Autostrade per l’Italia sarebbe in grado di fare l’intervento. Viene chiesto al Consiglio di Comunità Praese di produrre un approfondimento di dettaglio su quanto già proposto, da presentare in Municipio, e su cui partire poi con la progettazione esecutiva e la realizzazione dell’opera. Occorre comunque tenere conto del fatto che la realizzazione del nuovo viadotto cambierà almeno in parte la fisionomia dell’area. Ciononostante, visto che parliamo della porta di accesso principale a Pra’ per chi proviene dall’autostrada, e che i cittadini praesi attendono da decenni la sistemazione di quell’area assai degradata e in disordine, Autostrade effettuerà l’intervento immediatamente nonostante sia possibile che parte di esso debba poi essere rifatto in occasione della costruzione del nuovo viadotto autostradale.

Alla richiesta di informazioni da parte delle rappresentanti del Comitato Palmaro circa il ritardato avvio dei lavori di copertura del tratto autostradale tra le case del quartiere, lavori che avrebbero già dovuto partire da qualche mese ma che al momento hanno visto solo alcuni carotaggi preliminari, il funzionario di Autostrade Massimo Merigliani ha invece risposto che i lavori sono ora spostati al 2020.

 

1 Comment

Rispondi a Fabio Annulla risposta

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*