Pra’ Viva spaccata

Ennesime dimissioni ed elezioni surreali: le tre società fondatrici dissentono e “vanno sull’Aventino”, l’associazione annaspa perdendo la bussola

– Antonella Freri –

Come descrivere se non con il termine “spaccatura” ciò che è successo Domenica 4 Novembre presso la sede di Pra’ Viva in occasione delle ennesime “elezioni anticipate” del Consiglio Direttivo. Alle palazzine del remo, in un ambiente confuso e approssimativo, si potevano vedere pochissimi praesi delusi e contrariati, ad assistere al circolare di “pizzini” e suggerimenti di voto pronunciati a bassa voce da “foresti”, a testimoniare che ancora una volta il destino della fascia di rispetto sarebbe stato deciso da persone che con Pra’ poco o nulla hanno a che fare, e che vogliono continuare imperterrite a dimenticare la missione di Pra’ Viva (che è quella di contropartita sociale per Pra’ per la devastazione del litorale) per mantenere le loro barche a costi irrisori a dispetto di tutto e di tutti, e soprattutto di Pra’ e dei Praesi. I Praesi, questa volta, non in pochi, riuniti in piccoli gruppi, manifestavano il proprio dissenso non votando. Le società storiche di Pra’ Viva, quelle grazie alle quali oggi esiste la Fascia di Rispetto, SMS Pescatori, GS Aragno e GS Speranza, deluse e contrariate dalla deriva presa dall’associazione, hanno ritirato le candidature dei propri rappresentanti, non hanno partecipato alla votazione e si sono simbolicamente “ritirate sull’Aventino”: le stesse Società Storiche e Sportive che sono l’essenza di Pra’! Nel loro comunicato si legge: «Una scelta sofferta che, costretti a prendere atto di una situazione associativa, peraltro degna di miglior causa, perlomeno inquietante, riteniamo non abbia alternative. Per la seconda volta in meno di un anno si torna a votare per l’organismo dirigente dell’associazione. Varrebbe davvero la pena di riflettere come sia possibile riproporre gli stessi candidati la cui unica prerogativa è l’indiscussa appartenenza, ritenuti dopo pochi mesi inidonei a guidare Pra’ Viva, riproposti in una lista bloccata, “prendere o lasciare”, come se nulla fosse avvenuto. Una palese violazione del diritto democratico che condiziona la libera candidatura, cosciente espressione di voto dei singoli Associati. E’ con viva preoccupazione che sottolineiamo come sia pregiudizievole per il futuro dell’associazione un tale comportamento. Bloccare una lista con tanto di riserve, per evitare sorprese, si dice da parte dei promotori, liquidando concetti fondamentali quali partecipazione e solidarietà, non ci consente, in coscienza, di partecipare ad una tornata elettorale in cui non siano tutelati appieno i nostri diritti di Associati». a firma congiunta di: Giandomenico Monaco, Oscar Capocci, Giovanni Buzzi, Mario Mastroianni. Il Presidente uscente Giuseppe Tortomasi, si è astenuto da dichiarazioni.

Il messaggio che le Società Sportive hanno lanciato è stato forte e chiaro, ma purtroppo le società della nautica da diporto, forti del maggior numero di soci, e quindi di votanti, hanno imposto la loro visione, per ottenere questa loro “vittoria di Pirro”, che spacca Pra’Viva in due e le fa perdere credibilità, andando ad approfondire il solco che la vede sempre più separata dal territorio e dalla gente di riferimento, quella di Pra’, che da anni assiste stupefatta al declino di quello che dovrebbe essere uno dei più importanti strumenti per il rilancio ed il progresso della delegazione praese. Su tutto incombe l’ombra del Decreto Legge “Genova” che, includendo la sdemanializzazione delle aree della Fascia ed il loro passaggio in concessione trentennale gratuita al Comune, una volta attuativo potrà indebolire non poco Pra’Viva, fino a renderla una scatola vuota, e forse quindi queste elezioni risulteranno vane, oltre che inguardabili e controproducenti. Ma questa è un’altra storia! Alla prossima puntata sul tema di questa inqualificabile vicenda.

9 Comments

  1. Ma se a Pra’ non ci si accorda tra 3 società sportive come si può pretendere di giudicare il governo del Paese?
    Le beghe di campanile prevalgono sempre sul buon senso comune e TUTTI difettano di misura , umiltà, equilibrio e chiaroveggenza.
    Questo vuol dire una cosa sola: ci siamo meritati quello che ci è stato imposto contro la nostra volontà (porto &c) visto che non siamo capaci a gestirci da soli.
    Capirai! Che gran potere è in ballo!

  2. E’ scandaloso che le tre società fondatrici di Pra’ Viva siano emarginate da chi è venuto da fuori, dovrebbe ringraziare proprio le tre società e Pra’ per tenere la barca a basso costo e invece pretende di continuare a fare i fatti propri

  3. A quanto ne so le tre società sportive di Prà sono perfettamente d’accordo tra loro il fatto è che sono state di fatto estromesse da Pra’ Viva dalle associazioni della nautica piene zeppe di gente di fuori e a cui di Prà non gliene importa proprio niente: è uno scandalo.

  4. Incredibile allucinante questo è il risultato del malgoverno di PràViva degli anni (o anche decenni) scorsi fatto dall’innominabile e i suoi compari che hanno scritto uno statuto ridicolo e si sono venduti i posti barca per interessi moooolto opachi e che di fatto ha condotto l’associazione al caos allontanandola sempre più da Pra

  5. Scandalo a Prà. Incompetenza , lungaggini, beghe da latteria, invidie, sospetti, sgambetti ecc.
    Non meritiamo nulla non siamo capaci a gestirci, ha ragione da vendere Elio.
    Chi viene da fuori capisce che non siamo all’altezza e la fa da padrone.
    Le parole giuste le hanno dette Pietro e Giorgio: scandaloso, allucinante, incredibile. Arrivano e comandano, per interessi privati.
    Ne aggiungo un’altra vergognoso.
    C’è sempre chi ci treppa nei casini.

  6. e sentire tutte le campane non solo quella della scrittrice dell articolo?
    Noi della SAPELLO vi spiegheremo bene tutto.

  7. Buongiorno, sig presidente di pra viva, mi sembra che le accuse che le si rivolgono siano PESANTI? Non si giustifica? Vuole mica raccontarci che le elezioni non siano state magistralmente pilotate? Le società nautiche quasi tutte consenzienti? Non è ora che questo schifo finisca? Si giustifichi sig presidente.

  8. Ringrazio Antonella per la sua cronaca, puntuale e precisa e purtroppo assai dolorosa per me, che ho creduto tantissimo nell’idea di una Associazione che gestisse ciò che era rimasto della nostra bellissima spiaggia: la Fascia di Rispetto. Una striscia di terra e acqua conquistata dai cittadini a caro prezzo è con tante, tantissime battaglie… Si, perché l’idea progettuale di quei cervelloni che hanno deciso di fare qui un porto commerciale era di interrare TUTTO….e di tombare anche il Branega e il San Pietro…allucinante!!!
    È dobbiamo proprio ringraziare le Associazioni storiche, quelle che ora si sono “ritirate sull’Aventino”, se la Fascia e il Canale di Calma esistono… La Fascia, come ha ben ricordato Antonella, nasce come risarcimento parziale per i danni subiti dai cittadini di Pra’ e questo suo SIGNIFICATO non deve essere dimenticato: lo scopo finale è dare a tutti i cittadini, praesi in primis e poi anche agli altri, la possibilità di fruire di uno spazio ludico/sportivo.

  9. Il commento di Maria Luisa, nella sua lucidità e nei suoi termini pacati, descrive perfettamente la mistificazione del senso e del valore di Pra’ Viva: risarcimento alla cittadinanza praese per i danni subiti e per quelli che continuano aa subire giornalmente per la presenza del porto. La Fascia di Rispetto appartiene a Pra’ e non agli interessi privati di alcune società di nautica che con arroganza e poca chiarezza approfittano di uno statuto pensato e voluto per coprire nefandezze e loschi affari. Sono molto curioso di sentire la campana della ASDPS Pra’ Sapello 1952, così tanto per capire perché pare che da quelle parti non siano stati poi così limpidi.

Rispondi a Maria Luisa Annulla risposta

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*