Pra’ porto verde

Periscopio –

Velocifero-

Dopo venticinque anni di operatività portuale altamente invasiva ed inquinante a danno dei cittadini e dell’ambiente praesi, si intravvede una luce in fondo al tunnel: il “Pra’ Green Port”, o “Pra’ Porto Verde”. Infatti, grazie all’impulso dato dal Presidente dell’Autorità di Sistema Portuale, Paolo Emilio Signorini, e dal Sindaco di Genova, Marco Bucci, si percepiscono finalmente azioni concrete per la realizzazione delle dune alberate di separazione Terminal PSA – Fascia di Rispetto e per l’elettrificazione delle banchine. Certo l’elettrificazione delle banchine consentirà alle navi di spegnere i motori diesel durante la sosta al Bacino Portuale di Pra’, ma non tutte le navi sono o saranno dotate, almeno nel breve periodo, di sistemi atti a ricevere l’alimentazione elettrica da terra. Inoltre, in caso di eventuale arrivo di navi diverse dalle portacontenitori, ad esempio di Ro-Ro o Traghetti, che saltuariamente in passato hanno ormeggiato al “Pennello di Pra’”, nella zona di Ponente del porto, l’alimentazione da banchina in molti casi non sarà possibile in considerazione dell’ingente assorbimento elettrico di tali navi. Consola il fatto che, per tali problematiche, il progresso tecnologico sta rendendo possibile l’accelerazione dello sviluppo di sistemi navali di propulsione e di generazione elettrica che minimizzano l’impatto ambientale.

Una prima soluzione già completamente disponibuile è costituita dall’utilizzo, quale combustibile, del GNL, o Gas Naturale Liquefatto, che azzera le emissioni di Ossidi di Zolfo (SOx) e di particolati (PM). Nel mondo risultano già in esercizio diverse grandi navi traghetto alimentate a LNG, prima la Cruiseferry “Viking Grace”, da 57.000 Tons., che dal 2013 opera sulla rotta Turku (Finlandia) – Stoccolma (Svezia) e molte altre, incluse navi da crociera, sono in ordine ed in costruzione, anche se la loro diffusione è condizionata dalle reti di distribuzione e di rifornimento del gas. C’è però un altra soluzione che sta prendendo impetuosamente campo e che potrebbe risultare molto più agevole e rapida diffusione, la propulsione e/o generazione elettrica “ibrida”, basata sull’utilizzo di batterie. Il repentino sviluppo di accumulatori elettrici di grande potenza (1 -2 MWh) a costi accessibili, sta infatti consentendo la realizzazione dei primi rimorchiatori ibridi, che potrebbero tra non molto operare anche al Porto di Pra’. Tali rimorchiatori consentiranno di poter operare in modalità completamente elettrica, quindi ad emissioni zero, sia durante la sosta sia durante la navigazione di trasferimento, ma anche l’eliminazione totale delle fastidiose “fumate” nere in occasione dei picchi di potenza durante il tiro o la spinta delle navi portacontenitori. I sistemi ibridi si estenderanno presto anche alla navi di grandi dimensioni. Ad esempio, solo pochi mesi fa, il gruppo Grimaldi di Napoli ha annunciato di avere ordinato, primo al mondo, 10 navi traghetti “Ro-Ro”, che inizieranno ad entrare in servizio nel 2020, che ridurranno a zero le emissioni inquinanti in porto, proprio grazie ad innovative batterie al Litio, che saranno ricaricate dai motori termici durante la navigazione in alto mare. La stessa Grimaldi, in occasione dell’allungamento dei due traghetti Cruiseferry (passeggeri-merci) “Roma” e Barcellona” ha previsto l’installazione a bordo di mega-batterie, sempre per lo stop dei motori in porto. Già risultano in servizio in vari paesi europei e nord americani piccoli traghetti ibridi costieri, ma tra due anni ne sarà varato uno di quelli grandi, da 2.000 passeggeri e 450 veicoli, il “Color Hybrid”, che opererà sulla linea Svezia – Norvegia, attrezzato sia per il funzionamento a batterie sia per il “cold ironing” (alimentazione elettrica da terra). Se sul versante navi si percepisce molta innovazione, anche sotto la pressione generata dalla prevista estensione nel 2020 dell’ “ECA”, o “European Emission Control Area” anche alle acque costiere dei paesi dell’Unione Europea che si affacciano sul Mediterraneo, qualche movimento comincia a vedersi anche sui moli, visto che il PSA operante nel Porto di Pra’ ha recentemente annunciato l’arrivo, a settembre del 2018, di 21 nuove gru di piazzale alimentate elettricamente, che dovrebbero gradualmente andare a sostituire altrettante gru inquinanti a motore termico. A questo punto, guardando al futuro, diventa fondamentale ragionare bene e a fondo sull’indirizzo di Autorità Portuale di realizzare accosti per traghetti nella zona di Ponente del Bacino Portuale di Pra’. La FondAzione PrimA’vera, molto attenta ed attiva sul tema Piano Regolatore Portuale, si è da subito dichiarata fermamente contraria all’ipotesi, non tanto per quanto riguarda le navi, per cui, come si vede, la tecnologia porterà prima o poi all’azzeramento delle emissioni in porto, quanto per i TIR addizionali che si troverebbero a transitare attraverso il Casello Autostradale di Pra’, da e per il relativo bacino portuale, che si aggiugerebbero a quelli, già troppi, generati dalla presenza del Terminal Container. Nella visione di Pra’ Porto Amico la visione della FondAzione prevede il trasporto dei containers interamente su ferro, anzichè su gomma, sia utilizzando le normali linee ferroviarie, sia perseguendo l’idea del “Bruco”, o ferrovia sotterranea dedicata. Solo un “Bruco” che venisse utilizzato per portare i TIR sotto bordo ai traghetti potrebbe rendere l’ipotesi traghetti a Pra’ accettabile, fermo restando la ferma presa di posizione sia della FondAzione, sia del Consiglio di Comunità Praese, sia del Municipio VII Ponente sul concetto «prima le contropartite per il territorio e la cittadinanza, poi le eventuali opere, da concordarsi, di miglioramento portuale». Più in dettaglio, prima l’allungamento del Canale Navigabile e della Fascia di Rispetto lungo tutto il litorale Praese, fino al Rio San Giuliano, e la realizzazione del progetto “Ridiamo il mare a Pra’ – Palmaro”, e poi si potrà anche discutere di altre navi, con modalità ed operatività ecologica ed a limitato impatto ambientale, in porto a Pra’, che può e dovrà essere, un “Porto Verde”.

7 Comments

  1. Spero che quello che dici si avveri al più presto ma manca permetti un elemento
    Il sistema di controllo e monitoraggio dell’aria e del rumore un complesso di centraline che registrino inequivocabilmente se la qualità dell’aria e della vita è normale oppure no.
    Questa è la cosa più importante la salute !
    Tenendo conto che arriveranno a 5 milioni di Teu all’anno forse qualche precauzione è doverosa
    Con le centraline li inchiodiamo se sforano i parametri dovrebbe scattare allarme rosso come succede a milano a Torino in cui viene fermato il traffico qui devono fermare i Motori delle navi ma da subito senza aspettare che la.tecnologia diventi conveniente per chi ci stà distruggendo guadagnando Milioni sulla pelle dei Cittadini.
    Quando sentirò parlare di centraline e di Asl che controlla la qualità dell’aria sarò tranquillo anche se non ci saranno dune bruchi o canali per capirci.

  2. Il Progetto e Meraviglioso,e se verrà attuato restituirà Finalmente Dignità, Decoro,e Vivibilità al nostro Sestiere che tanto ha pagato in questi decenni,ma mi sorgono due domande spontanee : una e Ma come mai non ci si e pensato prima,il Porto non e li da un giorno ma da decenni,eppure niente in tale direzione si e mai mosso se non adesso Misteri della Politica.( vuoi vedere che non era stato fatto nessuno studio serio di impatto ambientale in proposito)
    Due, vuoi vedere che proprio adesso che per una diecina di anni ci accolleremo anche il disagio e le problematiche della costruzione della Famigerata Gronda che devasterà irrimediabilmente il nostro territorio e il ponente tutto, vuoi proprio vedere che le migliaia di metri cubi di materiale di risulta dei lavori finiranno ancora una volta a Palmaro, migliaia di metri cubi di Smarino,altamente inquinante ( Amianto) verrà ancora una volta sotterrato assieme a chissà quali altre porcherie nel passato a casa Nostra.
    Mi auguro che tutto ciò non accada, sarebbe un ulteriore conferma che esistono cittadini di serie A e cittadini di serie B,a cui non e consentito sindacare, esporre la propria volontà ,decidere, ma solo subire e dire ancora Grazie.

  3. Concordo pienamente con quanto evidenziato da Fabrizio ed ognuno dovrebbe essere messo difronte alle proprie responsabilità, a tale proposito il Sindaco, per legge, è il garante della salute dei cittadini di cui è rappresentante. Personalmente lo ringrazierò quando noi cittadini avremo finalmente, nelle zone che abitiamo, un sistema di centraline di controllo rumore- qualità dell’aria soprattutto rivolto alle emissioni e rumori provenienti dal porto. Qui a ponente, è l’unica realtà “industriale” che produce tanto inquinamento, rumore e pensando al porto petroli aggiungo puzze se non di peggio, ma a monitorarla permanentemente ( ribadisco dove abitiamo),anche se lo chiediamo da anni ed anni, se ne sono guardati ben bene ed al momento, che io sappia, non ci sono cambiamenti a riguardo .

  4. Grazie a SuPratutto per essere l unica fonte di informazione affidabile e qualificata per Pra, certe informazioni non si trovano facilmente e per noi di Pra che abbiamo pagato un prezzo altissimo anche e proprio per la disinformazione e la manipolazione queste informazioni le dobbiamo usare. Concordo con tutti che bisogna che le centraline di monitoraggio della qualita dellaria vengano subito installate. Certo viene da pensare come scrivono gli altri amici dove erano comune e municipio quando si facevano le porcate ambientali e quando non si facevano le opere di mitigazione ma questa e un altra storia.

  5. Articolo interessantissimo almeno adesso le cose le sappiamo direttamente senzai politici che ci hanno sempre e solo contato delle balle e fatto danni paurosi

  6. Il Sindaco nuovo dimostri di essere tale e non come quelli che lo hanno preceduto che se ne sono sempre fregati imponendosi con il porto: andare a fare foto trionfalistiche al porto a Pra con i responsabili dei mucchi di container davanti a PraPalmaro non risulta rispettoso nei confronti dei praesi. Che si dia da fare per spostarli lontano i mucchi di container per fare le dune mettere le centraline eccetera eccetera

Rispondi a Fabrizio Annulla risposta

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*