Pra’: l’aria che tira. In fondo all’articolo trovi il link della trasmissione

Elis@Provinciali : riceviamo e pubblichiamo.

Genova, 10/10/2017

redazione@primocanale.it ; info@terrazzacolombo.it

Alla cortese attenzione del:

Sindaco di Genova

Presidente Regione Liguria

Presidente Autorità Portuale di Genova

Assessore regionale allo Sviluppo Economico

Presidente Municipio 7 Ponente

Presidente Fondazione Primavera

oggetto: Quale equilibrio tra gli interessi dei porti e le esigenze della città che li ospitano

Illustrissimi Signori,

mi sembra doveroso sottoporvi ad alcune considerazioni fondamentali con il convincimento che Loro possano essere fortemente interessati e coinvolti su argomenti importanti come la salute dei cittadini del ponente genovese . Perdonate se mi dilungherò nella descrizione reale e concreta degli eventi dei quali certamente siete a conoscenza ma sui quali spesso si è sorvolato. Sono argomentazioni che ho già avuto modo di trattare con i loro illustri predecessori ottenendo solo scarso interesse ed inutili promesse. Nella mia piu’ che trentennale carriera di medico sul territorio ho spesso cercato di spiegare ai miei assistiti quali siano le corrette norme igienico sanitarie da seguire per aiutarli a ridurre nel possibile il rischio di malattie respiratorie, digestive, cardiovascolari e tumori. Ma da subito ho capito che queste regole hanno valore solo per i cittadini di serie A ovvero residenti in quartieri piu’ prestigiosi del nostro, diventato ormai quartiere di seconda categoria ed i cittadini di Prà/Palmaro (una popolazione di oltre 20mila abitanti) considerati dalle nostre amministrazioni: ” figli di un Dio minore”.

Negli ultimi 10 anni ho assistito ad una crescita di patologie a carico dell’app. respiratorio (asma e BPCO anche in giovani e non fumatori), patologie cardiovascolari (soprattutto malattie a carico delle coronarie, ipertensione arteriosa) patologie a carico della tiroide, dell’udito, degli occhi e del cervello. Prà/Palmaro, una ex ridente e marinara periferia di Genova e’ diventata un quartiere lacerato e dilaniato. Tra autostrada che passa nel cuore delle case, la stridente ferrovia che decorre a ridosso dell’abitato, la movimentazione di oltre 1 milione di Container/anno,il viadotto per il PSA su cui transitano una media di oltre 4500 TIR al giorno in entrata ed in uscita, pile enormi di Container talvolta estesi sino il sesto piano davanti alle case contro ogni accordo.

Tutto cio’ porta alla formazione di un’enorme quantita’ di particolato sottile, ultrasottile e nano particelle. Queste polveri hanno una particolarita’: – NON SONO BIODEGRADABILI (cioe’ non possono essere distrutte) – NON SONO BIOCOMPATIBILI ( cioe’ non sono compatibili con la vita). Una volta entrate nel nostro organismo non possono piu’ uscirne e neanche essere distrutte con conseguenze talvolta drammatiche. Ne conseguono enormi danni per la salute pubblica derivanti dal modo spietato con cui si usano i mezzi per aumentare i profitti. I piu’ coinvolti sono i bambini, che vengono esposti a cancerogeni, mutageni e sostanze tossiche presenti nell’acqua, aria, suolo, cibo, derivanti dalla sistematica e accanita distruzione del nostro ambiente” ad opera di politici incapaci o corrotti, imprenditori ed ecomafie.

Basta pensare che nel febbr 1982 II Pretore di Voltri autorizzò lo stoccaggio dei residui tossici della Stoppani per 6 mesi nell’area di riempimento del nuovo porto di Genova-Pra’ in attesa di soluzioni che non arriveranno mai e la Stoppani, anziche’ essere sanzionata, chiese e ottenne il rinnovo dello scarico a Pra’ per altri 6 mesi. (Nostop.info – Comitato per la chiusura della Stoppani di Arenzano).

E cosi’ Prà/ Palmaro venne sommersa dal cromo di cui elenco solo alcuni dei numerosi danni che provoca al nostro organismo : dermatiti, perforazione del setto nasale, cancro allo stomaco ed ai polmoni, alterazioni genetiche, morte. E su tutto questo viene costruito il PSA imposto con il consenso degli amministratori locali, dei sindacati e dei partiti in nome del lavoro e di diverse migliaia di assunzioni promessa mantenuta solo in minima parte ( 400 assunzioni a fronte delle 5000 promesse).

Ma con la promozione del lavoro bisogna essere certi di produrre anche salute, tutela per i lavoratori e protezione dell’ ambiente circostante.

A tutto questo aggiungiamo il fastidioso rumore, specie notturno, che ci fa vivere tutte le notti un costante ed inquietante stato di sonno/veglia con ripercussioni sul cuore, sulla pressione arteriosa, sul sistema nervoso. Chi inquina oggi e’ perseguibile penalmente con condanne fino a 15 anni di reclusione.

Ma purtroppo ad oggi, nessuno ci ha dato ascolto e la periferia di Prà vive in una condizione di precaria legalità in cui la Costituzione viene violata e calpestata, in uno dei suoi capisaldi: l’ art. 32 quale tutela della salute come diritto dell’individuo.

Mi consentano di dire che abbiamo paura, paura per la salute dei nostri figli, dei nostri nipoti ai quali vorremmo lasciare un mondo vivibile, non una pattumiera di veleni. Il diritto alla salute e’ un diritto primario ed inalienabile che non può essere sacrificato per un business mortale.. Nel nome del progresso e del profitto si sferrano continui attacchi alla salute, alle libertà individuali, alla dignità personale, all’integrità della natura e dell’ambiente, alla bellezza della gioia di vivere.

Pertanto, mi rivolgo al Sindaco quale cittadino a tutela della salute pubblica affinchè insieme al Presidente della Regione, Autorita’ Portuale, Municipio 7 Ponente, VTE, Autostrade e Ferrovie, si intervenga al più presto a tutela degli abitanti di Pra’/Palmaro ” cercando e trovando” soluzioni che ci restituiscano dignita’ e speranza per una vivibilita’ migliore dell’attuale.

A tale proposito, e per chi lo avesse dimenticato, vi ricordo che Pra’ inizia dal Castelluccio e si estende a Ponente sino alla ex Verrina. Ma se è così chiedo a Loro amministratori perché il progetto di riqualificazione POR/ Prà Marina ha portato vivibilità, verde, giochi per bambini, pista ciclabile, dune alberate di separazione tra fascia di rispetto ed Autorità Portuale ed addirittura una cittadella dello sport (attualmente in costruzione) solo ad un tratto di Aurelia su Prà?.

Il tutto si conclude verso ponente al confine con via Taggia in corrispondenza dell’ultima rotatoria a ponente. E la restante parte di Prà?? Si tratta di un tratto di Aurelia “torrente Branega/Rio San Giuliano” di poche centinaia di metri in cui la ferrovia Genova/ Ventimiglia non è stata sgomberata e spostata come da Piano Regolatore Portuale e sostituita da una passeggiata con un canale d’acqua di mare o “lama di mare” realizzando il concetto “Porto Isola”. Ed il fronte collinare presente nel progetto (le cosidette Dune)?

Ma Voi tutti lo sapete che i bambini a Pra’/Palmaro non hanno spazi dove andare a giocare; una mamma che porta il proprio bambino per una sana passeggiata in carrozzella non saprebbe dove passare sull’Aurelia viste le macchine parcheggiate sul marciapiedi ed il treno che sfreccia stridendo e fischiando a velocità sostenuta proprio in quel tratto di Aurelia?

Giudicate Voi che appartenete al mondo imprenditoriale. Noi abbiamo rispetto per il lavoratori che operano presso il porto container di Prà ma chiediamo rispetto anche per la salute dei cittadini dell’ultimo tratto di Prà attraverso una occulata riqualificazione. E’ uno dei principali obiettivi della Fondazione Primavera, un gruppo di persone che vivono a Pra’, che a Pra’ sono nate e cresciute e che, stanche della decadenza e del degrado che siamo costretti a subire da molti anni a questa parte, hanno deciso di dedicare gratuitamente impegno e capacità per valorizzare il nostro paese, le sue ricchezze e le sue bellezze e per cercare di migliorarlo ponendo al centro la tutela dell’ambiente ed il benessere dei residenti.

Nel 2014 è stato accolta con favore da parte dell’Autorita’ Portuale e Comune la proposta di progetto Pra’ Isola Lunga-Porto Amico e cioe’ ridare il mare a Pra’ creando un cuscinetto tra l’abitato e l’area ferroviaria e portuale costruendo una passeggiata con pista ciclabile, un canale navigabile che colleghi il canale di calma di Pra’ con il mare aperto, alla foce del Rio San Giuliano. Tra il canale e la linea ferroviaria sono previste anche collinette alberate per mitigare sia l’impatto visivo che le emissioni sonore dei treni ed attivita’ portuale.

Il 2 Luglio 2014, nel corso di un incontro tra Ferrovie e Minicipio e’ stata confermata la notizia che il tratto ferroviario Genova-Ventimiglia tra il rio Branega e rio San Giuliano sarebbe stato traslato di 27 metri. Ma di tutto cio’ resta solo il ricordo e non e’ stato mosso neanche un sasso.

Vi ringrazio per il tempo che mi avete dedicato . Spero che stasera tornando a casa, abbracciando i vostri figli, pensaste per un solo istante anche ai nostri figli.

Il nostro comitato resterà in fiduciosa attesa nella speranza che possate onorare gli impegni assunti e quelli da assumere in campagna elettorale

Cordialmente

Dott. Elio Giuliani

Comitato per la salute dei cittadini di Prà/Palmaro

Stasera su  Primocanale 10

http://www.primocanale.it/video/sviluppo-e-compatibilit-tra-porto-e-citt-la-tavola-rotonda-3–97138.html

22 Comments

  1. Ho visto l’intervista a Pra’…personalmente la trovo imbarazzante, per non dir altro, e’ stato scelto un campione non variegato di persone, tutte in via Fusinato, i problemi che abbiamo non si esauriscono col rumore, come ho letto nella mail del Dott Giuliani. Nessuno ha parlato delle pile di containers a Palmaro, ad esempio. A mio parere, da’ della nostra delegazione un ‘immagine parziale, fuorviante ed ho notato anche un certo compiacimento nel cercare l’effetto “televisivo”.

  2. Io mi sono sintonizzata alle 21,00 ma credo di essermela persa. Prendo atto della riflessione di Bellicosa e mi dispiace sinceramente. Questa è veramente un’occasione perduta. Mi mette in allarme (anche se non mi stupisce) l’affermazione secondo cui sarà … come dire … “difficilmente realizzabile” l’elettrificazione delle banchine per costi altrettanto improponibili. Post pubblicita’, a minuti, l’intervento del Presidente Chiarotti sulle problematiche del porto di ponente. Questo dopo aver accennato alle sofferenze di quartieri come Pra’ e CARIGNANO … ??? Permettetemi di sorridere per non fare di peggio.

  3. Non avevo visto il link in calce alla lettera del Dott. Giuliani. Che peraltro ringrazio per l’esposizione dettagliata delle problematiche e dei rischi cui siamo esposti in una situazione ambientale tanto difficile. Potrei anch’io dire la mia a questo proposito e per più di una delle patologie elencate. Detto questo e visto il confronto, concordo con Bellicosa nel sostenere che non solo l’intervista è stata “imbarazzante”, ma l’intera discussione, per quanto riguarda Pra’, ha preso la piega della BEFFA. Non trovo altro termine. Premetto che ho la massima considerazione delle persone intervistate. Quell’accenno alla spiaggia perduta e l’uso di quel dialetto che è musica per le mie orecchie mi hanno centrato il cuore, MA, lasciatemelo dire … AVEVAMO BISOGNO DI ALTRO! Ho ascoltato rassegnazione, quasi una quieta condisciendenza … Un po’ di rumore, si, i motori delle navi, i tonfi dei container, “chi ha il sonno leggero si sveglia” … e tutto il resto che non sia o non possa essere sufficientemente anestetizzato con i marciapiedi e gli oleandri del POR … quisquilie come i veleni che respiriamo, la compressione urbanistica SCELLERATA di un intero quartiere fra binari e autostrada, una qualità di vita che nemmeno può definirsi tale e tanto altro ancora … tutto questo DOVE STA??? Gli aspetti che discutiamo da anni ed era essenziale venissero posti in evidenza sfruttando l’occasione televisiva non sono emersi e non per colpa delle voci che abbiamo ascoltato, ma per il campione di intervistati scelto dalla redazione. Perche’ nessuna intervista a Palmaro? Perché nessuno un po’ più informato e un po’ più addentro alle problematiche evidenziate dal Dott. Giuliani? Ma non basta. Ho dovuto sentire, in sala, che il “rumore” non ha soluzione. Il “rumore” è uno di quegli aspetti che rientrerà nel regime delle compensazioni. Come dire che dovrò continuare a saltare nel letto ogni volta che poseranno una di quelle stramaledette scatole di ferro, ma col sorriso al pensiero che metteranno quattro nuovi alberi nell’aiuola delle compensazioni! Oppure, mi daranno, questi “compensatori”, un ecobonus per installare il condizionatore e chiudere fuori i rumorini del porto! Complimenti, un plauso all’ironia. Questa l’ho vissuta come uno schiaffo personale. Il Presidente Chiarotti avrebbe dovuto saltare sulla seggiola, me lo aspettavo e me lo auguravo. Era lecito aspettarselo. È il nostro rappresentante, il nostro portavoce. Il mio portavoce. Mi aspettavo reagisse e invece niente. Ho sentito grandi discorsi, a volte drammaticamente chiari, a volte abilmente fumosi, qualcuno davvero offensivo della dignità di una comunità cui si chiede di fare buon viso a cattiva sorte perché “Genova non esiste senza il suo porto e il porto ha bisogno della città di cui è linfa vitale”. Non e’ questo il punto. Siamo liguri, siamo genovesi, sappiamo perfettamente che il porto È Genova. Come è vero il contrario. Ma ci vuole rispetto dei ruoli. Da parte di tutti. Ho sentito il Sindaco Bucci affermare che porto e città devono convivere perché POSSONO convivere. E ha portato l’esempio di una New York anche portuale allietata e arricchita da 51 milioni di turisti l’anno. Bene, allora se e’ “YES, WE CAN”, datevi da fare perché la Genova dei bambini, delle donne, degli anziani, degli uomini che hanno diritto ad avere lavoro e salute e il NOSTRO porto possano coesistere. E perché questa convivenza sviluppi opportunità non solo per gli addetti ai lavori ma per l’intera cittadinanza, nel rispetto della stessa, del territorio e dell’ambiente. Io, stasera, non sono uscita da confronto televisivo con l’idea che questo sia un concetto chiaro e perseguito. Tutt’altro. E non mi è piaciuto per niente.

  4. Non ho parole per esprimere la mia ammirazione a Paola per la sua analisi lucidissimo e disincantata di quella che per ora è stata davvero un’ opportunità mancata del tutto o in massima parte!!!
    Vi saranno ancora altri incontri con questo tema: attrezziamoci per evitare simili penose narrazioni irreali.

  5. Ringrazio Bellicosa e Paola per quanto hanno saputo esprimere…finalmente la voce chiara di qualcuno. Siamo stati presi in giro per l’ennesima volta e dovremmo essere tutti incazzati e presenti….j Mi sono permesso di scrivere poche righe alla redazione di primo canale ed al nostro presidente municipio che avrebbe dovuto impegnarsi un pochino a tutela della cittadinanza del ponente visto che ci dovrebbe rappresentare. Ecco il testo: Spett.le Redazione,
    ho assistito alla Vs trasmissione di stamane sul tema : Quale equilibrio tra gli interessi dei porti e le esigenze della città che li ospitano
    Purtroppo non ha risposto alle attese. Si sarebbe dovuto parlare delle importanti e pericolose condizioni di sopravvivenza che la popolazione di Pra’ e di Palmaro è costretta a vivere quotidianamente. E’ stata data parola a cittadini che conoscono solo in parte le gravi problematiche di quartiere e comunque onesti cittadini che appartengono a quella parte di Pra’ adesso migliorata grazie al POR.
    Perche’ non siete venuti ad intervistare persone che abitano in quella parte a ponente di Pra ?
    Vi ho scritto una lettera nella speranza che qualcuno capisse che sarebbe ora di intervenire vista la crescita delle patologie tiroidee, le broncopneumopatie, l’asma persino nei bambini, i tumori. Avete dato voce a chi si lamenta solo del rumore perchè con il POR hanno ottenuto il verde e le dune che mitigano in parte l’ambiente. Avete parlato di aria fritta, di politichese, di compensazione per il rumore attraverso doppie finestre e condizionatori. Ma ci regalate anche la filodiffusione anti rumore???
    Ma stiamo scherzando?????
    Le particelle che quotidianamente si sollevano dal passaggio di oltre 5mila TIR al giorno sul viadotto le respirano i cittadini di Palmaro.
    Mi spiace che Lei come conduttore della trasmissione non abbia letto il contenuto della mia comunicazione.
    Forse avrebbe capito che esiste un grande problema che va ben oltre il business mortale che questo porto determina
    Peccato perche’ era un’occasione importante per ridare la SPERANZA ai cittadini di Palmaro. Ed ancora una volta ci e’ stata tolta.
    Complimenti

  6. La verità è che questa è la scelta tra il lavoro e la nostra salute e qualità della vita! A Pra’ si può scegliere se non dormire per il caldo o non dormire a causa del rumore.

  7. Confusione e retorica. A questi Sigg.ri bisogna stargli sempre addosso senno si perdono e tutto scappa di mano. Siamo noi cittadini a doverli curare altrimenti fra 30 anni ci diranno ….ma voi dove eravate? Quello che alcuni di noi si sentono dire oggi.

  8. Purtroppo non mi aspettavo molto da questa trasmissione.
    Solo parole, promesse, promesse, parole.
    Le cose cambieranno?
    Forse, facendo tabula rasa e riprendendo in mano la nostra piccola grande pra, senza delegare a chi fino ad oggi ha solo pensato al proprio interesse sacrificando i cittadini

  9. lo slogan era:facciamo sentire la nostra voce. Con molta pacatezza devo dire che più che fare sentire la nostra voce abbiamo fatto sentire la tiepida opinione e non del tutto negativa, anzi quasi positiva di come sono ad oggi Pra’ e Palmaro .
    Ma come tutta la rabbia per i container ammucchiati davanti alle nostre case che ci hanno tolto irreversibilmente uno dei più bei litorali e mari della liguria, ora ci stanno bene? Qualcuno nelle interviste ha addirittura detto che quando si e’ fuori non ti accorgi nemmeno del rumore o per lo meno solo qualche volta di notte. Francamente non capisco. C’e forse stata una sorta di timidezza dovuta alle telecamere? o un monito a non esagerare? Insomma a mio parere andrebbe rifatta la trasmissione perché da questa non si evince tutta la rabbia e l’offesa che i residenti hanno dovuto sopportare tutti questi anni, che si e’ tradotta in:
    – inquinamento atmosferico (vogliamo parlare dei veleni che sono serviti per fare i riempimenti? e di tutti quelli che arrivavano di notte coperti completamente da tute bianche come se ci fosse stata una centrale nucleare?.
    – dell’ inquinamento acustico che tutte le notti si subisce senza poter dormire?
    – dei conteiners che oltre ad aver formato un muro alto più degli stessi palazzi, ci porta anche sporcizia, polvere e persino le “cimici” quelle famose bestioline che ormai da anni hanno rovinato le nostre colture?
    Ecco io tutto questo non l’ho avvertito nei discorsi di chi avrebbe dovuto rappresentare i residenti di pra e di palmaro , forse qualche intervista in più fatta a più rappresentanze (giovani, vecchi, operatori, negozianti) avrebbe fatto sentire la nostra voce da più angolazioni.

  10. Brava Antonella. Se la Catalogna si sente perseguitata w chiede l’indipendenza, non dovrebbe Pra’ chiedere a gran voce lo status di comune che ha sempre avuto e l’indipendenza da una Genova inqualificabile matrigna che ha solo portato danni, degrado, ser vitù, sofferenze, disagi, dove c’era la spiaggia più bella della Liguria, con gli stabilimenti balneari, gli scaletti, i pescatori con le lampare, colline coperte di olivi e alberi da frutta ? In Italia ci sono centinaia e più di comuni che sono molto più piccoli di Pra’, perchè dovremmo continuare ad essere dei sudditi di gente che sta a Genova o a Albaro, o a Nervi, ci sfrutta e a noi riserva solo problemi e umiliazioni ? Forse è giunta l’ora di porre la questione.

  11. Sante parole, in Catalogna si lamentano di gamba sana, sono praticamente indipendenti, sono la regione più ricca della Spagna e hanno sempre goduto di favoritismi, a Pra’ al contrario ci hanno devstato, e ora neanche si rendono conto di quello che hanno fatto e ci trattano con superiorità e distacco. E questi sarebbero i nostri rappresentanti democraticamente eletti ? Mi sa che c’è qualcosa che proprio non quadra.

  12. In Catalogna hanno goduto di favoritismi?
    Ma quali?
    Quelli di essere presi a calci e trascinati dalla Policia Civil per impedir loro di votare al loro referendum?
    Mi sa che abbiamo visto due film diversi.
    E poi, perdonate, siamo del tutto fuori tema.

  13. Abito zona Palmaro di pra’. La situazione in questa zona è degradante.Nonostante l’impatto del porto , qui davanti a Palmaro non è stato fatto alcun tipo di lavoro di riqualificazione del quartiere. La zona necessita di lavori urgentissimi, come sono stati fatti nella vicina pra.
    Rivogliamo un quartire dignitoso, con un po’di mare, anche se non sarà mai come negli anni 60′.
    Grazie Andrea

  14. Io ho 21 anni ed ho trascorso tutta la mia vita a Palmaro. Amo la mia casa, e, specialmente ora che sono lontano per gli studi (guardacaso, studio appunto in ambito marittimo/portuale) mi sembra di non ricordare niente di più bello della mia Pra, della mia Palmaro, con la sua bella Pieve e Villa de Mari.
    Voglio tralasciare l’aspetto tecnico del porto che meriterebbe un secolo per essere esposto (basti sapere comunque che il Terminal VTE è comunque uno tra i primi del Mediterraneo per efficienza ed importanza strategica).
    Ho visto la parte verso Levante di Prà svilupparsi in una maniera fantastica, quasi inimmaginabile dai giorni in cui, giovanissimo frequentante dell’asilo, andavo a Genova con mia zia prendendo il treno dalla “stazione vecchia”. Allora non esisteva piscina, parco e Via Fusinato era percorsa da macchine e moto. Pra l’ho vista cambiare radicalmente, Palmaro no.
    Ho sentito molte promesse a cui ho creduto (ed a cui in parte credo ancora) e sono certo che ne sentirò molte altre cui, vuoi per abitudine, vuoi perchè la speranza è l’ultima a morire, crederò.
    Gli spazi di agire ci sono, il mio campo di studi mi porta ogni giorno a scoprire innovazioni e sistemi che non solo aumentano efficienza ed efficacia dei porti, ma li rendono anche più sostenibili per i vicini insediamenti urbani. Progetti ce ne sono a bizzeffe, rimane solo l’imbarazzo della scelta.
    Sarebbe forse facile come direte voi a dare la colpa alla politica, questo grande mostro con mille teste che divora tutti noi bravi cittadini onesti. Certo, la politica i suoi peccatucci li ha, ma, come si suol dire, ce n’è un po’ per l’asino ed un po’ per chi lo mena. Ciò che ha Pra e che Palmaro non ha è la partecipazione popolare. Vuoi per la sua composizione sociale, vuoi per la disillusione, Palmaro non è per nulla vissuta dai suoi abitanti. Sulla carta Palmaro ha circa 7.500 abitanti, circa 1.000 in più di Pra. Ma fondamentalmente la sensibilità ai temi sociali è scarsissima. Vedo ad ogni festività in Villa de Mari che la gente accorsa a sostenere il Consorzio è sempre di meno, tanto per citare un esempio. Poi, sempre tutti a lamentarsi. Alle scorse elezioni la partecipazione di Palmaro al voto è stata di meno del 35%, una cosa sconcertante per me che forse ho una visione troppo mitizzata del voto.
    A Palmaro manca la voce per farsi sentire dalla politica che, in mancanza di altro, o se ne frega sonoramente oppure lascia il contentino come il marciapiede o la pezza sull’asfalto come se fosse tutto dovuto.
    Cittadini di Palmaro, è tempo di unirsi e partecipare. Quando ci saremo fatti sentire, saranno i politici a venire da noi a chiedere cosa potrebbero fare per migliorare e nostre condizioni di vita, e non viceversa.

  15. Scusate, io rispetto tutti gli interventi e ne condivido alcuni. Capisco e avverto in prima persona la nostalgia per la Pra’ di un tempo, sacrificata alla costruzione del porto e alla devastazione urbanistico-edilizia delle colline. Mia nonna era la “Scia Mafalda dei Villini”, sono cresciuta sotto i pergolati d’uva, lassù in cima. E, se chiudo gli occhi, mi rivedo bambina sul bagnasciuga, mentre mio padre salava le acciughe. Sono passati decenni, loro non ci sono più. Quel mondo non c’è più! Lo portiamo nel cuore e di quello, almeno, non finiremo depredati. Ma non possiamo affrontare il presente e discutere il futuro continuando a suonare la bella musica di un tempo! La Pra’ di oggi è un agglomerato urbano che occupa una fascia di litorale, suona come una beffa ma cosi si chiama, stretta fra colline cementificate e la piastra portuale. Nel mezzo, tre servitù di altissimo impatto come ferrovia, Aurelia e autostrada. Una convivenza plurima di elementi estremamente “pesanti”, che generano danni per la salute pubblica e inficiano gravemente la qualità di vita della Delegazione. Questo è il punto, ADESSO. Non la perdita della spiaggia o degli ulivi in collina! Quel treno, a torto o a ragione, l’abbiamo perso 50 anni fa e indietro non si torna. Quindi, mantenere la memoria ma asciugarsi gli occhi e rimboccarsi le maniche! Qui si tratta di capire come portare avanti il cambiamento di cui la Fondazione si è fatta promotrice e quindi spingere per eliminare o ridurre le criticità ancora presenti, guadagnare migliorie sull’esistente, “pretendere” attenzione sulla situazione devastante e inammissibile in cui versa Palmaro. E fatti, rapidi, concreti, tangibili. Ecco perché penso che l’amarcord e le tiepide rimostranze sui malfunzionamenti del porto siano state tutt’altro che proficue in questo senso. E tutt’altro che incisive nei confronti di una “controparte” che tanto opposta non dovrebbe essere ma, nella realtà, questo sembra. Allora, proviamo a farci sentire diversamente. Facciamoci sentire qui, in tanti. Scriviamo al Presidente Chiarotti perché raccolga questo disaccordo e se ne faccia carico più incisivamente di quanto ho visto ieri al convegno. Io lo farò. E scriverò anche alla redazione di Primocanale per manifestare tutto il mio disappunto e sottolineare che la situazione è tutt’altro che blanda come la si è dipinta e che certi siparietti ironici sul benessere psicofisico dei Praesi con tanto di rimedi in pvc NON SONO ACCETTABILI. Né dai Signori del porto, né dalla conduzione del programma, né dalle Istituzioni che ci rappresentano e ci dovrebbero tutelare. Io lo farò. Se saremo in tanti, potremmo avere, forse, una seconda possibilità. Non si può lasciare nulla di intentato. E poi sarebbe dignitoso, punto.

  16. Ho visto il programma e ho trovato le interviste trasmesse (a parte Mauro Rossi) utilizzate a titolo di discredito della voce popolare praese.

    Ho deciso quindi di scrivere alla redazione di Primocanale per esprimere il mio disappunto. Vi riporto di seguito la mia lettera:

    Spett.le redazione,

    Voglio premettere che sono un vostro estimatore ed esprimo il mi più sentito ringraziamento per l’importante (e unico) servizio di informazione locale.
    Devo pero mia voglio esprimere la mia disapprovazione per la vs trasmissione di ieri.

    Il tema era molto importante e sentito e purtroppo ho percepito una fastidiosa superficialità nel trattare argomenti cosi sensibili e delicati come i disagi che devono patire i cittadini di PRA’.

    Da una emittente professionale come voi mi sarei aspettato una maggiore qualità nella scelta del servizio di intervista alla cittadinanza.
    La scelta del campione di intervistati sembrava essere stata fatta per screditare e sminuire il problema.
    Sono stati intervistati in maggioranza anziani (addirittura una signora che non parlava italiano). Purtroppo il messaggio trasmesso è stato interpretato da molti ( non sto parlando a titolo personale) come se PRA’ sia popolata solo da anziani capaci solo a “mugugnare”.

    PRA’ è invece composta da circa 20.000 abitanti che quotidianamente devono subire gli svantaggi del porto senza trarne una minima compensazione.
    La qualità della vita dovrebbe essere un diritto assoluto.

    Il vostro servizio ha dato l’appiglio quindi ad alcuni dei vostri ospiti, per sminuire la problematica facendo passare come pressoché inutile la FONDAMENTALE opera della elettrificazione delle banchine.

    Tale servizio ha inoltre impedito la presentazione e relativa discussione sui progetti di riqualificazione come:

    COSTRUZIONE DUNE ALBERATE
    PROSECUZIONE CANALE DI CALMA VERSO PONENTE (per allontanare i container dal sestiere di PALMARO)
    PROSECUZINE DELLE PASSEGGIATE E CICLABILI VERSO PONENTE.

    Tutti questi progetti sono una parte della visione PRA’ FUTURA della Fondazione PRimAvera.

    Sono pertanto a richiedervi di organizzare un’ulteriore puntata di approfondimento sull’argomento, invitando tra i partecipanti anche rappresentanti della citata Fondazione e rappresentanti dell’associazionismo Praese.

    Certo di vedere accolte le mie (legittime) richieste porgo i piu cordiali saluti

  17. Ringrazio tutti per aver espresso la loro opinione…Sono completamente in sintonia con le osservazioni di Bellicosa, Paola G., Elio Giuliani, Eugenia, AgnesKa ed Arius. Finora non avevo scritto, per non influenzare i gentili lettori, ma ero presente al Convegno in questione, insieme ad altri Fondatori, ed al termine, non ho potuto esimermi dall’esternare al cronista ed al direttore di Primo Canale la mia assoluta riprovazione per l’intervista andata in onda, che consegna un’ immagine di Pra’ e dei suoi cittadini parziale, fuorviante, riduttiva, cercando l’effetto audience e non la completa e corretta informazione. Abbiamo tutti cercato di confrontarci con i maggiori relatori, in merito alle cose ascoltate, talune veramente dirompenti negativamente. Ci e’ stata promessa una replica piu’ equilibrata e rispondente al vero, che tocchi i temi veramente scottanti del degrado nella nostra delegazione, non solo rumore, ma inquinamento dell’aria, sfregio totale nel Sestiere di Pra’-Palmaro, soffocato dall ‘invadenza del district park, dalle pile di containers, torridi in estate, spesso pericolanti nel vento invernale, per non parlare del loro contenuto, che non ci e’ dato conoscere, piu’ volte nocivo se non radioattivo.
    Il tutto a pochi metri dalle case, a fronte di una vasta zona inutilizzata davanti al rettilineo verso Verrina, dove troverebbero la collocazione ideale, perche’ non insisterebbero sull’abitato. Lo chiediamo da anni, e molti lettori, accogliendo il nostro invito, lo hanno rammentato con efficaci mails all’emittente, per proporre argomenti seri e condivisi, del tutto ignorati nel servizio andato in onda.
    Pertanto, non mi sorprendo ad anzi trovo pienamente legittimo che molti di quei cittadini abbiamo scritto le loro osservazioni qui ed a Primocanale, corrette ma giustamente indignate, ed altri, delusi ed inascoltati, continuino a farlo.
    L’evento crossmediale e’ stato il primo di una serie di nove, con cadenza mensile, che Primo Canale proporra’, e quindi, vi sara’ la concreta possibilita’ di “parare il tiro” nei prossimi a seguire, facendo tesoro di questa esperienza.
    Personalmente, vi assicuro tutto il mio impegno in questo senso, affinche’ non si ripeta mai piu’ una simile pagina di discutibile giornalismo.
    Primo Canale ha sempre avuto il merito di essere sempre presente sul territorio, e’ una realta’ professionale accreditata da tempo, per questo mi ha sorpreso questa caduta di stile, ma prendiamola come opportunita’per una nuova occasione, che ci hanno accordato, dimostrandosi disponibili ad un approfondimento ulteriore, di cio’ va dato atto.
    Pra’ merita rispetto ai massimi livelli, per il sacrificio che ha sostenuto e continua a gravare su tutti noi.

  18. Condivido anch’io le opinioni che sono state espresse e pertanto anch’io ho scritto alla redazione di Primocanale, sperando che comprendano il nostro disappunto e possano “raddrizzare il tiro” e fare realmente un servizio alla città. Di seguito il testo della mia mail:

    Spett. Redazione,
    premesso che, come già detto, apprezzo il vostro impegno rivolto a essere una emittente di servizio alla città, vorrei esprimere il mio disappunto per il convegno sulla portualità di lunedì scorso.
    In particolare sono rimasto molto amareggiato dalla superficialità con cui sono state condotte le interviste e dal modo con cui sia stato sminuito l’impatto del porto sugli abitanti di Pra’.
    Ricordo che la delegazione si sviluppa dal Castelluccio di Pra’ fino all’ex-Verrina.
    Il campione scelto comprendeva poche persone pescate nella zona centrale di Pra’ che probabilmente sente meno i disagi del porto.
    Perché non sono state intervistate persone nel sestiere di Pra’ Palmaro, “devastato” dai TIR in transito e dall’impatto visivo e acustico (cicalini e tonfi degli stacker) con il Distripark di Spinelli?
    Nessuno neanche sulle alture, i cui abitanti non possono chiudere dormire per il rumore delle navi e per i tonfi da movimentazione dei container…
    L’immagine che invece ne è scaturita è invece di un piccolo disagio, compensato dai lavori del POR (che non c’entrano nulla con il Porto!).
    A noi abitanti di Pra’ ben poco interessano le sole azioni di compensazione: ciò di cui abbiamo bisogno è tranquillità e garanzia per la nostra salute… e questo si può ottenere, già in primissima battuta con uno sforzo molto limitato: spostare le movimentazioni e i container lato mare, ove sono zone inutilizzate, realizzando dune alberate, regolando o sostituendo i cicalini con strumenti più moderni e meno “invasivi”. Nel medio lungo periodo poi si possono pensare azioni più importanti come il prolungamento del canale di calma ecc.
    Confido che nelle prossime edizioni raddrizziate il tiro, sia nei servizi montati, sia in studio, dove avrei voluto vedere i conduttori incalzare maggiormente gli ospiti, i quali hanno sempre mirato a minimizzare o a ignorare i problemi, senza contradditorio.
    Vi ringrazio dell’attenzione

  19. Dopo la delusione della trasmissione su primo Canale finalmente la speranza si e’ riaccesa in me leggendo i vostri meravigliosi ed utili commenti. Grandi tutti e grazie per essere presenti.
    Da molti anni porto avanti questa battaglia contro i mulini a vento ottenendo solo il blocco della ricostruzione del cavalcavia a 4 corsie Autostrada -Porto di Pra’ (immaginate cosa sarebbe successo con 4 corsie se oggi, con 2 corsie,transitano circa 5000 TIR in entrate ed uscita)
    Troppo poco. Insieme potremmo avere maggiore peso e credibilità.
    Il mio primo obbiettivo sara’ ottenere un incontro con il Presidente Autorita’ Portuale e Presidente Municipio 7 Ponente perche’ credo non abbiano ben chiare le nostre problematiche visto che l’uno si è limitato solo a trovare una irrisolvibile e mortificante soluzione al problema del rumore e l’altro ha fatto solo il diplomatico al cospetto di figurini politici ben piu’ importanti.
    Mi sono riunito insieme ad altri medici del ponente per portare sul tavolo anche l’incremento delle complicazioni cardiache e respiratorie a carico dei cittadini di Palmaro . Vi terro’ informati tramite la gentile cronista di Supra’tutto, che ringrazio per l’ospitalità e l’informazione. Grazie a voi lettori.

  20. Nel servizio di Primocanale sui problemi del porto di Pra’, che si estende su tutto il litorale,dal Castelluccio di Pra’ a ex Verrina, le interviste sono state eseguite in un tratto di via Fusinato, praticamente quasi niente rispetto all’intero sviluppo dell’abitato. Dalle interviste emerge che l’unico problema è quello dei rumori del porto.
    Se avessero attraversato tutto il percorso sicuramente avrebbero appreso di altri problemi altrettanto sentiti ed impellenti, in particolare quello dell’inquinamento da polveri sottili che respiri e te le tieni dentro per tutta la vita, che intanto loro t’accorciano.
    Condivido gli articoli di Paola G. e ringrazio il Dott. Giuliani per avermi portato a conoscenza dei danni pelle polveri sottili, avendo partecipata a una sua conferenza sull’argomento.
    Un grazie pure a Supratutto che ci ospita e ci informa sempre su Prà

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*