Pra’ in poesia

Guido Barbazza-

Edoardo Firpo (Genova 1889  1957) è stato un grande poeta dialettale genovese. Nato in una famiglia della modesta borghesia si dedicò al poco redditizio mestiere di accordatore di strumenti musicali, che ereditò dal padre. Fu grande nella poesia, ma della sua opera rimangono anche disegni e pastelli veramente pregevoli, visto che fu nominato “Accademico di Merito” dall’Accademia Ligustica di Belle Arti. Fu una persona semplice, schiva, conducendo una vita molto riservata. L’ispirazione poetica di Firpo fu determinata prevalentemente dal paesaggio ligure, ispirata a temi di genere decadentista-simbolista ma anche a momenti significativi del suo travagliato vissuto. Famosa è la poesia “Boccadâze”, dedicata al borgo marinaro di Boccadasse, dove una targa con il testo della poesia lo ricorda sovrastando proprio il “Belvedere Edoardo Firpo”. Tra le sue molte opere ne è spuntata fuori una dedicata proprio a Pra’, scoperta  nel 1997 dal Comitato Culturale Praese che la inserì nell’Antologia Praese, il punto di riferimento bibliografico sulla storia, la cultura, il territorio, l’identità di Pra’. Forse sarà una combinazione, ma è curioso notare come la biblioteca municipale che si trova in quel di Pra’, in via della Benedicta 2, Sestiere di Pra’ – Cà Nuova, attiva dal 1980, sia intitolata proprio a Firpo. Altro collegamento tra il poeta e Pra’ emerge dal fatto di essere il pronipote in via materna del famoso violinista Camillo Sivori, che guarda caso soleva esibirsi proprio in quel di Pra’, nella “Villa Negrone di San Pietro”. Così alla FondAzione PrimA’vera è venuta l’idea di affiggere una targa riportante le parole di Firpo, che così bene descrivono la bella Pra’ dei suoi tempi, della spiaggia, del mare, dei pescatori, e che recita così: «Se te vegnisse quæ de vedde un pö pescâ, de vedde di pescoei ancon de razza antiga, vattene drïto a Pra’. Tanto lazzù in sce-a spiaggia quell’äia mattûtinn-a a fa vagnî a basinn-a; ma che se poi a vista magara a te s’oscùa, no mette tempo in mëzo cöri a mangiâ a frïtûa». Il Municipio VII Ponente ha subito concesso il patrocinio all’iniziativa, e l’idea è piaciuta molto al Signor Salvatore Prato, titolare della “Nuovo Borgo Terminal Container” società specializzata nella riparazione e  manutenzione dei containers che opera presso il Bacino Portuale di Pra’, e che ha gentilmente finanziato l’opera. La targa è stata posizionata il nove giugno sul muro storico della ex-ferrovia che guarda sulla via Pra’, di fronte ai giardini di piazza Bignami e di fianco all’ingresso pedonale che conduce alla piscina ed al campo di calcio della Fascia di Rispetto di Pra’. Una posizione ad elevatissima visibilità che farà sì che la poesia “praese” sia conosciuta ed apprezzata non solo dai cittadini di Pra’, ma anche dal gran numero di frequentatori degli impianti sportivi della Fascia e da tutti coloro che transitano sulla frequentatissima “via Aurelia”.

2 Comments

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*