Pra’ e i suoi “Cine”

Giuseppe Bruzzone

Recentemente nel mese di Febbraio a Los Angeles (U.S.A.) si è svolta la 91° edizione della cerimonia degli Oscar del cinema. In una intervista televisiva un critico cinematografico ha citato un nome: Cecil B. DeMille. Il nome mi ha riportato indietro nel tempo. Chi era Cecil B. DeMille? Fu uno dei piu grandi registi cinematografici e produttore di film nella prima metà del 1900. Statunitense, nacque in una famiglia di artisti-scrittori, fu il regista di grandi colossal : La conquista del West,I filibustieri, Il più grande spettacolo del mondo, ma famosissimo fu I dieci comandamenti, con gli attori più in auge negli anni 50/60: Chaltron Heston, Yul Brinner, Edward G.Robinson, Anne Baxter, Yvonne de Carlo, un colossal con 20000 comparse! Io vidi il film, ero un ” baletta” di otto anni, e questo filmone ai miei occhi fu ancora più colossal.

Ma dove lo vidi? Lo vidi a Pra’ in quel di Longarello!!!  Ebbene si! In Longarello avevamo un cinematografo; si chiamava Arlecchino, era in un capannone in legno, ubicato nell’ area dove ora sorgono gli uffici dell’ azienda telefonica Telecom. I miei genitori Angela e Benedetto una domenica pomeriggio di inverno mi portarono al cinema per la prima volta. Avevo la berretta con il para orecchi, soffiava un forte vento in via Ratto; per il forte vento(caratteristica tipica della via) feci i cento metri da casa mia al capannone tenendomi avvinghiato ai genitori. Entrammo da una porta scricchiolante, c’era la cassiera, pagati i biglietti mio padre scostò il pesante tendone di velluto ed entrammo in un grande salone con un basso palco e una serie di poltrone in legno con la seduta basculante. Una cosa mai vista!! Mi sedetti (meno male che non avevo nessuno davanti) ed iniziò la magia. Buio assoluto, il cineoperatore (era di Longarello, si chiamava Carassale), fece partire il film, iniziò un caleidoscopio di suoni, colori, voci, azioni, la fuga dall’ Egitto, Mosè che divide le acque, il faraone sconfitto, il monte Sinai, scene che mi sconvolsero ….in bene. Ero entrato per la prima volta nel mondo del cinema a Pra’ nella mia via Ratto incredibile!! Il ghiaccio era rotto, cominciò cosi la mia cavalcata cinematografica,

dopo quel momento vidi film di ogni genere: cartoni animati, di “cavalli e pua”, di pirati, mitologici. A metà degli anni ‘60 il cinema chiuse, la televisione cominciò ad entrare nelle case popolari, e il cinematografo in assi di legno non reggeva più il tempo e il confronto con i cinema più moderni e confortevoli. Ma a Pra’ non era l’ unico cinematografo, ve ne erano diversi: in piazza Sciesa il Garibaldi, situato a pian terreno nella casa del Popolo (ora caserma dei Carabinieri), chiuse forse anch’esso a metà anni ‘60 per dar spazio a uffici della Guardia di Finanza, io non lo frequentai mai.

Un bel cinematografo invece era il cinema Liolà situato nei fondi di un moderno palazzo in via Cordanieri, a lato della Croce Verde. Negli anni ‘70 per noi ragazzi era uno svago proprio sotto casa. Io lo frequentavo quasi tutte le domeniche con i miei amici quindicenni, portavo anche mio cugino Giuseppe più piccolo di me, la nonna Manin pagava il biglietto a tutti e due, e io ero un baby-sitter a mia insaputa. Ho visto i più famosi film anni ‘60-‘70 di Sean Connery, John Wayne, Dustin Hoffman, David Niven, Charles Bronson, Ursula Andress, Audrey Hepburn, Shirley McLine, il meglio del cinema italiano, Sordi-Gassmam-Mastroianni, la Loren, Cardinale la Koscina e anche la Antonelli. Chiuse negli anni ‘80 trasformato in supermercato, ma durò pochi anni.

Noi ragazzi crescendo allargammo gli orizzonti verso i cinematografi delle delegazioni vicine, purtroppo quasi tutti ora trasformati: a Pegli l’ Imperiale poi Carillon (banca), l‘Andrea Doria (ristorante) e l’ estivo Eden (sciagurato progetto di parcheggio privato finito miseramente). A Sestri Ponente il Verdi e il S.G.Battista gli unici in funzione, l’ Italia (chiesa mormone), il Roma (sede Inps), il Vittoria in via Merano (supermercato) non ci sono più. A San Pier d’Arena sono in funzione il Modena (solo teatro) e l’ Eldorado (film osè), non esistono il Massimo (sala da ballo), lo Splendor l’Astoria e l’Excelsior (tutti supermercati), grandi e bei cinematografi con il bar e la maschera; un adetto/a che ci portava nel buio della sala ai posti a sedere illuminando il percorso con la torcia, erano strutture su due livelli, la platea a pianterreno e la galleria al piano rialzato, dove cominciammo a fumare le prime sigarette e a odorar di fumo! Si poteva entrare a spettacolo iniziato e rimanere ad oltranza a rivedere il film.

In Pra’ avevamo pure un cinema all’aperto il Manzoni ; era situato dove ora c’è il club del tennis davanti alla vecchia stazione ferroviaria, animava le serate estive praesi ancora meta di turisti padani fino agli anni ‘70. Dopo il cono gelato di ”Pinollo”(ora gelateria Flora, sua nipote) entravo con i miei genitori in uno spazio all’ aperto sotto via Airaghi con vista sulla facciata della scuola elementare Pietro Thouar. Spente le luci al buio il tichettio della macchina accompagnava la magia del cinema, era piacevole vedere il film nel fresco della sera all’aperto. Quando non andavo al cinema con i miei genitori, uscivo di casa in piazza Sciesa, e con i miei amici si andava a fare i “portoghesi”sul marciapiede in via Airaghi, ci attaccavamo alle griglie, dietro il telone, non vedevamo niente ma il sonoro era tutto nostro, sentivamo le voci giocando a indovinare gli attori : Manfredi, Totò, Tognazzi, la Lollobrigida, gli esteri Henry Fonda, Marlon Brando, Gregory Peck, anni dopo scoprii l’ identità dei doppiatori, erano tutti dei grandi attori: Tina Lattanzi, Andreina Pagnani, Rina Morelli, Rita Savagnone, Corrado Gaipa, Carlo Romano,Nando Gazzolo, Ferruccio Amendola, la loro bravura recitativa fece la fortuna degli attori stranieri. Gino Cervi era la voce narrante nei Dieci Comandamenti. Anche per il cinema all’ aperto arrivò il momento di chiudere; i turisti padani con l’ avanzare della discarica portuale non vennero più a Pra’, i ragazzi praini col motorino o la “500” andavano ad Arenzano a prendere un gelato. Peccato, i seggiolini di legno furono smantellati e il cinema fu sostituito dal campo del tennis A ponente, a Palmaro nell’edificio adiacente la chiesa dell’Assunta, c’era il cinematografo parrocchiale in coabitazione con la scuola elementare ai piani superiori. 

Questa struttura nacque negli anni 50 sulle ceneri della “Palestra”; un capannone in legno, sede dell’ oratorio dove crebbe tutta la gioventù praina dopo gli anni ’30. I miei genitori si conobbero proprio lì, La nuova struttura costruita con le offerte dei parrocchiani aveva un bel cinematografo con platea e galleria; il proiezionista era il Sig. Firpo, imponente figura con occhiali nerissimi e pipa, padrone assoluto della cabina di proiezione.Sul palco del cinema si svolgevano pure le recite scolastiche dei ragazzi praesi delle elementari e medie. Negli anni ‘90 il cinema non essendo più in regola con gli standard di sicurezza chiuse i battenti, ma nel 2004 dopo una ristrutturazione e grazie a finanziamenti di fondazioni bancarie e offerte dei parrocchiani riaprì.  Il cinema fu ristrutturato, diviso in due entità: la platea trasformata in palestra, mentre la galleria rimase cinematografo, con capienza di 99 posti a sedere, equipaggiato di macchinari moderni azionati magistralmente dal Sig. Firpo. Parafrasando un famoso film da Oscar prese il nome di “Nuovo Cinema Palmaro”. Attualmente è l’ unica struttura cinematografica del ponente da Sestri ad Arenzano. Ah dimenticavo, nei primi anni ‘80 per circa un decennio il cinema rimase aperto come cineclub: si chiamava ”Cineclub Marilyn Monroe”, con proiezionista….indovinate chi, il mitico Sig. Firpo, ma questa è un’ altra storia.

 

 

 

 

 

 

 

9 Comments

  1. Che bel tourbillon di ricordi Giuseppe!!!
    A leggerlo, sembrano cose di un altra epoca, eppure siamo più o meno coetaneialtraepoca, ma non frammenti proprio tutti frammenti di questo passato…mai visto il cine di Longarello, vagamente ricordi quello al posto del tennis….invece ho perfettamente afuoco il Liola’, che per noi palmares
    Iappariva un Po più mondano del cinema parrocchiale.
    In quest’ ultimo ci sono cresciuta, con tutti i miei fratelli ed.a che io la sorellina più piccola da sorvegliare.c era il buon Pino Ventura che dirigeva tutto.è si potevano acquistare anche nastri di liquirizia buonissimi fatti a spirale……quanti film, ogni domenica pomeriggio.
    Mi pare si pagassero 100 Lire.
    Invece il Liola l ho frequntato più da ragazzina…per le prime timide ” limonate”con i maschietti, insieme alla mia fidata amica Nuccia
    Non avremmo certo potuto farlo nel cinema Palmaro

  2. Ancora una cosa: adesso, il “Nuovo cinema Palmaro” oltre alla bella ristrutturazione, mantiene un ottima programmazione..
    Vi sono orari per i bimbi e gli adulti, siamo dotatidi app per conoscere Il programma e spesso si fanno
    Cicli culturali, come adesempuo quello in corso Palmaro lectures, organizzati da Remo Rimotti.il presidente.
    La sala di Palmaro è rimasta l unica nel Ponente ed è quindi molto freqiuentata anche dai dintorni.
    Poi, il mitico Firpo è davvero ineffabile!

  3. È vero!!! Anche io mi ricordo del Liola’! Ma le mie domeniche pomeriggio con i miei genitori e mio fratello erano concepite così : prima i Vespri in parrocchia e poi cinema Palmaro con le sue sedie di legno dove mio papà, regolarmente si faceva una bella pisa e mia mamma “avvertiva” gli attori sullo schermo dei pericoli che il copione prevedeva! Certo…Allora al cinema si commentava ad alta voce, si faceva merenda, si intreccivano romantiche storie e soprattutto potevi vedere il film tante volte quante volevi! Era l’unico divertimento che le famiglie degli operai, come la mia si potevano permettere! Adesso i tempi sono cambiati. Presto la mia attività di volontariato come maschera/cassiera allo spettacolo pomeridiano del martedì pomeriggio e ci sono tanti volti nuovi che frequentano il nostro bel cinema che io descrivo con affetto come “una bomboniera ” Un volto è sempre presente ora come allora….Il mitico operatore Firpo! Una colonna anche del “Nuovo Cinema Palmaro”. Se non siete ancora venuti a vederlo non aspettare oltre! L’ottima programmazione di prima visione e la cortesia degli operatori, tutti volontari, che si alternano nei vari turni durante la settimana e festivi, fa di questo impianto un luogo di ritrovo dove non si corre il rischio di diventare sordi come di solito accade nelle multisale, ormai lontane dalla nostra periferia! Vi aspettiamo sempre più numerosi!!!!

  4. Un sorprendente e vivacissimo affresco della vita sociale del nostro paese di qualche decennio fa. Anche io ho ricordi di bambino sia del vecchio cinema parrocchiale di Palmaro che del Liolà. Quello forse più vago e lontano nel tempo mi riporta ad immagini di una partita di calcio probabilmente trasmessa all’interno del Liolà nella prima metà degli anni 70; potrebbe forse essere una partita della nazionale di calcio italiana ai campionati mondiali del 1974 in Germania ? Vorrei chiedere all’autore dell’articolo se anche lui ha qualche ricordo o riscontro di questo episodio. Grazie

    • Caro Luciano, della partita priettata al cinema Liolà,non ho ricordo, ma credo che qualcosa del genere sia stata proiettata,il cinema aveva apparecchiature moderne che potevano ricevere trasmisssioni dalla TV, e forse è probabile che la proiezione fosse la finale dei mondiali di calcio Germania 1974

  5. Altra cosa vivissima nei miei ricordi: il cinema Palmaro era anche teatro ….quindi da bambini facevamo le recite, le feste diCarnevale, i concerti …anche commedie si facevano, e saggi di fine anno scolastico. Persino la premiazione del concorso presepi di ogni anno.
    E chi manteneva l ordine?
    Pino Ventura, un burbero buono che però metteva in riga tutti.
    Poi chiuso il cinema, si dedicò per tanto anni alla terza età, credo lo faccia ancora…ultimamente però, solo ” signore”,.che realizzano anche cosine per la parrocchia ed i panini imbottiti da portare a Genova Principe.
    Bei tempi, però. Come dice Rita, il cinema Palmaro era davvero come unaseconda casa accogliente e famigliare.

  6. Ricordo quasi tutto, soprattutto il cinema in Via Ratto e l’imperiale e l’Andrea Doria a Pegli. Vuol dire che sono abbastanza vecchia. Eppure non mi sembra che sia passato tanto tempo ma le cose sono cambiate ed il modo di vivere e di divertirsi della gente e anche dei ragazzi. Il fatto è che sono passati 50 anni e più, quindi sono io che distorco la realtà. Si tratta di mezzo secolo fa.

    • Cara Giuseppina,non distorci per niente la realtà, i Cinema di Prà’ e dintorni ci hanno rallegrato le domeniche e i giorni liberi per diverse ore. Andare al cinema era un rito mettevamo il vestito della festa come alla domenica mattina.
      Da una ventina di anni il mondo dell’ intrattenimento è cambiato,TV a pagamento,Internet,telefonini proiettano film a ripetizione che non ci danno l’emozionme della visione del film proiettato nel Nuovo Cinema Palmaro o dei pochi cinematografi rimasti nei dimntorni.Ogni tanto andiamo al”Cine”, fa bene. Saluti

  7. Grazie Giuseppe, per questo bellissimo affresco di un tempo ormai lontano, un tempo affascinante che abbiamo avuto la fortuna di poter vivere. Ricordo benissimo tutti i “Cine” che hai ricordato. In quello di via Ratto ho visto parecchi film e anche un intrattenimento musicale, negli anni’60, con cantanti e musicisti “nostrani”…chissà se qualcuno se ne ricorda. ..
    Al Cinema Garibaldi la cassiera era una bellissima signora, la signora Isabella, che era anche la zia di una mia amica e compagna di scuola. Anche lì sono andata molte volte, sempre con i miei genitori. E come dimenticare il mitico cinema all’aperto. ..
    Io, da bambina, abitavo all’inizio di via Rovereto e il sonoro del cinema era il sottofondo musicale di tutte le mie serate estive.
    Per fortuna conserviamo ancora il “Nuovo Cinema Palmaro”, una vera bomboniera, confortevole ed elegante, con una programmazione di eccellenza che consente di poter vedere le prime visioni senza dover per forza prendere l’auto. Il cinema è un’esperienza unica e affascinante soprattutto se è vissuta. …al cinema.

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*