Pra’ è capitale del remo: Ora trasparenza e rispetto per lo Speranza

ATTUALITA'

F1 Marco Dodero
Marco Dodero Presidente Elpis

Pra’ è stata scelta come sede del nuovo Centro Federale periferico di canottaggio. La notizia è stata data sabato 14 dicembre da Marco Dodero, responsabile nazionale per i centri federali periferici, nonché presidente dell’Elpis, in occasione della premiazione dei migliori canottieri liguri presso la sede del CONI di Genova. Proprio Dodero ha avuto l’onore di annunciare in diretta ciò che, in contemporanea alla manifestazione genovese, era deciso dalla Consulta della Federazione Italiana Canottaggio a Roma. La notizia non ha comunque fatto molto scalpore tra gli addetti ai lavori in quanto di tale ipotesi si parlava e discuteva da tempo. Il Centro Remiero di Pra’ diventerà perciò Centro Federale Periferico e lo stesso Dodero, operando per conto della Federazione Italiana di Canottaggio, gestirà parte dell’area con il fine di creare un nucleo dove atleti ad alto potenziale, siano essi liguri o provenienti da altre regioni, possano partecipare a corsi di perfezionamento di alto livello. E’ sicuramente una decisione epocale per il canottaggio ligure e che premia un movimento che, da quando esiste l’impianto di Pra’, ha saputo

compiere passi da gigante ottenendo risultati prestigiosi. Il campo di regata di Pra’, infatti, ha permesso a nuove generazioni di atleti di potersi allenare in un ambiente perfetto per la pratica della voga, ha consentito alle società liguri di poter ampliare il numero di praticanti, di poter crescere dal punto di vista tecnico e di poter vantare numerosi atleti ai vertici del canottaggio nazionale e non solo. Non è un caso se alla premiazione del 14 dicembre fra i premiati ci fossero molti atleti che hanno vestito la maglia azzurra, attenendo piazzamenti di valore assoluto.  Peccato che nell’occasione siano state nominate e ringraziate tutte le società liguri escluso quella di Pra’, per imperdonabile dimenticanza del Dodero. Lapsus freudiano a parte, tutto ciò non può che riempire di gioia ed orgoglio i praesi, che vedono finalmente valorizzati e premiati i loro sforzi per creare, dal disastro e dalla devastazione conseguenti alla cancellazione della spiaggia per costruire il porto, un campo di regata e delle strutture di eccellenza. Dopo l’entusiasmo bisogna però registrare delle note assai dolenti per la nostra Delegazione. Infatti, Oscar Capocci, presidente del Gruppo Sportivo Speranza, lamenta che «Lo Speranza è stato coinvolto in modo marginale, e solo da Pra’ Viva, durante alcune riunioni preliminari ma, successivamente, quando il progetto è entrato nel concreto, non è più stato più contattato né quanto meno invitato, ufficialmente, ad alcuna riunione. Troviamo sconcertante e anche un  po’ preoccupante – prosegue Capocci – il fatto di avere in casa un Centro Federale che in qualche modo dice di ipotizzare anche attività che non saranno solo di perfezionamento ma anche di avviamento al canottaggio.

F1 Oscar Capocci
Oscar Capocci Presidente GS Speranza

Questo significa che parte dei ragazzi che frequentano i nostri corsi potrebbe essere assorbita da queste attività arrecando notevole danno sia in termini sportivi sia in termini economici alla nostra società». La cosa è quanto meno stupefacente, visto che proprio la storica e gloriosa società sportiva praese è stata  la forza propulsiva per il mantenimento sia del campo di regata sia delle palazzine del canottaggio in tutti questi anni. La Federazione ha agito burocraticamente seguendo i canali istituzionali, coinvolgendo il Comune di Genova, (presso il quale Pra’ è peraltro scarsamente rappresentata), e Pra’ Viva, che gestisce la Fascia di Rispetto. Anche in questo caso pare che il Municipio VII Ponente (Pegli-Pra’-Voltri) non abbia avuto alcun ruolo, né si sia interessato al caso, né abbia tutelato gli interessi di Pra’. Il fatto preoccupante è che la Federazione Nazionale abbia delegato a gestire l’impianto di Pra’, come responsabile dei Centri Periferici, proprio Marco Dodero, che guarda caso è anche il presidente della società remiera Elpis di Genova, da anni dichiaratamente interessata al Centro Remiero di Pra’. Un ulteriore aspetto che pone qualche dubbio in più sull’operazione è che pare che la conduzione tecnico-sportiva del Centro Remiero sarà affidata proprio all’attuale allenatrice dell’Elpis, Marina Plos. Quindi, ben venga il Centro Federale, ma con trasparenza e correttezza nei confronti dei praesi. Se Centro Federale deve essere, Centro Federale sia, a tutti gli effetti, ma se una società deve essere delegata alla gestione, questa non può che essere lo Speranza, e nessun altra. Specie in una situazione in cui l’alternativa sarebbe l’Elpis, con il suo presidente, Dodero, al tempo stesso funzionario della Federazione, che appare operare in un vistoso, imbarazzante ed improponibile conflitto di interessi. Ricordiamo che il campo di canottaggio e le palazzine del canottaggio di Pra’ non possono essere considerati alla stregua di qualunque altra zona o struttura della città, in quanto sono “sacre” ai praesi, che le hanno ottenute lottando con le unghie e con i denti come parziale contropartita alla forzosa rinuncia alla loro spiaggia. Quindi, ben venga il Centro Federale, ma con trasparenza e rispetto per lo Speranza e per Pra’.

Guido Barbazza

4 Comments

  1. Condivido in pieno quanto espresso da Guido Barbazza ed esprimo vero rammarico nel constatare come sia stata ignorata e “scavalcata” la storica società “Speranza Pra'”…che oltretutto e’ anche la padrona di casa!

  2. Forse la dirigenza dello Speranza potrebbe porsi qualche interrogativo e magari fare un po’ di esame di coscienza, non sarebbe il caso?

  3. Egr. Sig Franco,
    come Presidente del gruppo sportivo speranza sono pronto ad accettare le sue critiche, ma non credo Lei sia al corrente della Ns vita associativa! Se volesse eventualmente interessarsi mi contatti. La mail della nostra società è: “grupposportivosperanza@tin.it”
    Cordiali Saluti

  4. Avrei spegato volentieri al sig Franco, ma ahimè latita! Forse sapendo le cose cambierebbe opinione. Poi il mio è anche uno sfogo, poichè essendo di pra’ ho visto questa cittadina martoriata. Dove adesso vi è il canottaggio c’erano i bagni”Elena” Non volete difendere lo Speranza difendete parte del Vs territorio.

Rispondi a Franco Annulla risposta

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*