Pra’ è bello !

Facciamo aumentare il valore degli immobili del Sestiere di Pra’ - Palmaro

Velocifero –

Quando il neo-costituito Comitato Culturale Praese, nel 1995, indubbiamente con un bel coraggio, tirò fuori il motto “Pra’ è bello !” per dare il via all ‘operazione di rilancio di Pra’, della sua identità, della sua immagine,essa stava languendo nella decadenza, nel degrado e nella devastazione ambientale generata dalla costruzione del Bacino Portuale di Pra’. Ci si piangeva ancora addosso, si viveva nello struggente ricordo della bellezza della spiaggia, nella nostalgia degli stabilimenti balneari, delle lampare, degli “scaletti”, dei “bagnanti”. I valori degli immobili erano precipitati, scendendo, sprofondando, ai livelli più bassi tra le zone del ponente genovese. E’ quindi “bello”, per Pra’, scusate il gioco di parole, prendere oggi atto di quanto le cose siano cambiate, in meglio, anche per tale, importante, aspetto. Come noto la realizzazione del porto a Pra’ è stata condotta in maniera ingiusta, indegna, immorale, non solo per la devastazione ambientale senza scrupoli perpetrata per decenni che ha stravolto una intera Delegazione, ma anche e soprattutto per la totale mancanza di risarcimenti e contropartite, anche e soprattutto economiche, per le persone coinvolte, che hanno dovuto subire enormi danni morali e materiali, a partire dal pesante deprezzamento delle loro proprietà, frutto del loro duro lavoro personale e spesso anche di quello dei loro padri e avi. Un danno enorme per la collettività locale, mai risarcito da chi ne è stato responsabile: il Comune e l’Autorità Portuale di Genova. Un conto sempre aperto che, prima o poi, dovrà essere saldato completamente. Per il momento, però, è “bello” prendere atto di come gli ultimi, positivi, sviluppi e risultati della caparbia opera dei praesi, quali la Fascia di Rispetto, il POR Pra’ Marina, la Cittadella dello Sport, le correzioni delle denominazioni di porto, casello autostradale e terminal container, le targhe di benvenuto ed arrivederci, le indicazioni dei monumenti storici, abbiano condotto ad una costante e confortante risalita, in termini relativi, del valore degli immobili in Pra’ rispetto a quelli di altre zone limitrofe. Certo i valori delle case negli ultimi anni sono mediamente scesi per tutta Genova, ma prendendo come riferimento i dati statistici resi disponibili dall’Agenzia delle Entrate per le transazioni di compravendita immobiliare, si vede come i prezzi delle abitazioni nel centro di Pra’ siano ormai superiori del 5-10 % a quelle di Voltri e si siano avvicinati ad un meno 10-20 % a quelle di Pegli. Gli immobili a Pra’ costano mediamente il 12% in più di quelli di Sestri Ponente e dal 30 al 45% in più di quelli di Bolzaneto, Cornigliano e Sampierdarena. Da notare come Pra’ sia perfettamente allineata a Castelletto, zona residenziale signorile e che in passato aveva elevati valori degli immobili. In ambito praese il sestiere di Pra’ – Palmaro denota un valore inferiore alla media, allineandosi con le quotazioni più basse di Voltri. Obiettivo della FondAzione PRimA’vera e del Consiglio di Comunità Praese, che la sostiene e ne condivide la visione, è quello di continuare con determinazione il viaggio verso Pra’ Futura, per farla diventare bella, seppur in modo diverso, come un tempo, ponendo un’attenzione particolare all’estensione dell’opera di recupero e valorizzazione consolidata nella zona centrale di Pra’ anche al sestiere di Palmaro e, proseguendo per quelli di Cà Nuova e Longarello, interessare tutto il litorale praese. Tra gli obiettivi della FondAzione è sempre stata presente, fin dall’inizio, la necessità di influire sull’aumento del valore degli immobili per “restituire il maltolto” e fare giustizia. Non ci si ferma di certo sui risultati raggiunti, anzi ci si deve continuare ad impegnare, attraverso le opere di recupero e valorizzazione di territorio ed identità, al miglioramento della qualità della vita, a fare ulteriormente aumentare i valori degli immobili in tutta Pra’, tendendo a raggiungere quelli di Pegli. In questo senso un Sestiere di Pra’ – Palmaro sempre più unito, collegato, coeso e in sinergia con la sua delegazione, territorio e comunità di appartenenza, Pra’, potrà fare la differenza, portando risultati positivi, nell’interesse e nel vantaggio, anche economico, oltrechè di qualità della vita, degli stessi cittadini del Sestiere Praese, traendo vantaggi dall’indubbio miglioramento dell’immagine e del percepito di tutta Pra’. E’ evidente l’utilità di rimarcare, anche negli annunci e trattative immobiliari, la connotazione e contestualizzazione degli immobili in Pra’ evitando l’utilizzo, a volte improprio, di altri toponimi.

16 Comments

  1. Sempre bello leggere notizie positive e sapere che abbiamo davanti un percorso di miglioramento. Qui a Pra’ – Palmaro si deve superare l’atavico pessimismo e “isolazionismo” che fino ad oggi non hanno condotto a niente. Abitando in Pra’ – Palmaro in “Via alla Chiesa di Pra’ ” non posso che essere felice nel fare squadra tutti insieme noi praesi per risolvere ora e finalmente i problemi del sestiere di Pra’ – Palmaro. forse, lavorando insieme, è finalmente venuto il momento.

  2. Brava Elsa il tuo e’ l atteggiamento gousto, pertanto ti prego di fare opera di informazione presso le tue conoscenze palmaresi, affinche vengano spazzati via tutti i pregiudizi, gli errati comvincimenti, i sospetti infondati che in alcuni abitanti del sextiere di Palmaro si opporgono ad una coesione di TUTTA Pra, dal Castelluccio alla ex Verrina!

    • Saluto Signore Dolcenera,
      Sono Roberto Di Somma presidente Comitato Palmaro e vorrei chiarire una questione con lei. Prima di scrivere qualcosa del genere bisogna capire il contesto di come certe affermazioni vengono dette e dove. Palmaro fa parte di Pra’ e come tale tutti i suoi cittadini si comportano come tale, ma, e dico ma, va da sé che Palmaro si senta la sorella abbandonata un po come succede a Multedo per Pegli. Nessuno rema contro una unione (anche se non ce ne dovrebbe essere bisogno in quanto siamo tutti cittadini Genovesi ) ma se anche un solo cittadino prende come esempio la riqualifica di Pra’ e non di Palmaro allora si parla di secessione, ma davvero è così? No, come Comitato Palmaro tutti i componenti che lo compongono ( 200 persone ad oggi ) hanno contribuito ad unire tutto il Ponente e la Valpolcevera lo sapeva? Voltri, Palmaro, Pra’, Pegli, Valvarenna, Multedo, Sestri, Cornigliano, Sampierdarena, Borzoli, Fegino, Certosa, San Biagio! Le basta? Quindi ponderiamo i commenti d’ora in poi e si, se vi sarà qualche uscita contro Pra’ sarà solo per fare esempi e non per divisione.

      Tanto le dovevo.

      Io mi sono firmato sopra ma lo rifaccio perché quando una persona attacca dovrebbe farlo sempre per capire con chi parla.

      Roberto Di Somma

  3. Ragassi ma uno che abita in via alla Chiesa di Pra’ o in via Antica Romana di Pra’ o guarda le targhe delle vie del sestiere e c’è inciso sopra Prà e dice che non è di Prà non è che è da farsi curare ?

  4. Io sono daccordo con Elsa e penso che se qui a Palmaro siamo ancora ridotti così è proprio per colpa degli scienziatoni che pensano di non essere a Prà magari pensano di essere i più furbi e quindi restano 4 gatti senza l’aiuto della delegazione tutta che mi sembra che qualcosa e anche tanto lo stia ottenendo. Bah.

  5. A me sembra che quelli che dicono queste cose che non sono di Prà e abitano in via Pra’ magari ne vengono da fuori o magari non conoscono le cose e magari sono politicizzati e vogliono farsi belli loro e come al solito per ambizioni e interessi personali magari politici di basso livello e come al solito alla fine ci rimettono i poveri abitanti del sestiere presi in giro e portati sulla cattiva strada da capipopolo capimanipoli di quelli inconcludenti e presuntuosi che ne abbiamo già visto sbraitare a Prà e hanno fatto solo danni

  6. Mi pare che Renato Elsa Giorgio Pietro e gli altri che mi precedano siano sulla mia linea di pensiero sig Di Somma Comitato Palmaro.
    Anche io sono un iscritta nata e vissuta qui ma i miei concittadini dicono e scrivono cose controproducenti ed autolesioniste su pra e su palmaro. Ripeto convinzioni errate frutto di ignoranza nelsenso che ignorano il percorso storico che ha portato il srstiere piu antico di pra ad essere cosi abbandonato.

    I Palmaresi non si sono MAI voluti impegnare.
    Adesso col comitato almeno 200 persone lo famno.
    Ma arriviamo un po tardi….lunghi lunghi.
    Cmq non sta a lei dettare regole sui commenti.
    Ci sonoi moderatori.

  7. Buongiorno signora Dolcenera, io sono sempre Roberto Di Somma e non detto nessuna regola, sta solo nel ben senso di un botta e risposta conoscere chi ho dall’altra parte della tastiera tutto qui. Se poi lei stessa mi dice che è iscritta al Comitato allora la cosa mi duole un poco perché non capisco perché debba rimanere anonima ma se a lei piace così cosa vuole che le dica.
    I Palmaresi non arrivano tardi, i Palmaresi hanno dato ( E mi ripeto ) il loro contributo per Pra’, essendo essa parte del tessuto urbano della stessa Palmaro, quindi inutile portare avanti questo pensiero perché è errato, se viole le do i nomi e cognomi di chi è sempre sceso in piazza per Pra’ e viceversa.
    Poi proprio perché i social non rendono bene un concetto si può cadere in questo tranello, pensare e prodicagare la causa dello scontro detra Palmaro e Pra’, che le assicuro non esiste, solo per qualche commento su una chat.
    Se la si pensa così allora dovremmo prendere sul serio anche i vari commenti come: ” Vorremmo uno tsunami che portasse via tutto il porto “, le sembra?
    Se Palmaro è in queste condizioni la colpa è solo delle istituzioni e non andrei a cercarla in altri luoghi perché si fanno solo discorsi e di questo tipo poi Palmaro e Pra’ ne possono fare a meno.

  8. Pra’ è bello….. Si, e sopratutto è bello vivere a Pra’…
    Qui, in tutti i nostri Sestieri, si respira aria di appartenenza. Sarà perché c’è una antica storia dietro di noi è perché sentiamo che si sta costruendo un futuro migliore, al quale stiamo tutti collaborando.
    Indubbiamente chi è nato qui e ha vissuto i tristissimi anni della devastazione ora fa più fatica a credere pienamente nella “rinascita “, ma solo credendoci e lavorando insieme sarà possibile raggiungere dei buoni risultati. Siamo come una grande orchestra e c’è bisogno di tutte le modalità e le tipologie di suono…
    Sono lieta che le valutazioni dei nostri immobili siano in ripresa, proprio perché sono frutto di sacrifici e sono convinta che risaliranno anche quelle delle zone attualmente più in sofferenza, non appena la riqualificazione diventerà realtà. Quando tanti anni fa fecero di Pra’ ” carne da macello”, trasformando una località balneare in una discarica, giocarono parecchio sulla nostra conformazione geografica. Come diceva il compianto Don Giorgio “Pra’ è un paese lungo lungo… ” e infatti ciò che accade a Longarello non è percepibile a Sapello o a Palmaro e viceversa. Oggi per fortuna siamo tutti solidali e ben consapevoli che il bene di uno è il bene di tutti e questa è la nostra forza!
    Maria Luisa Decotto

  9. Mi piacerebbe leggere che questo fosse anche per Palmaro visto che
    siamo tutta una delegazione purtroppo qualcuno ha pensato al suo orticello e se ne è ben guardato di avvisare cio che sarebbe successo ai suoi vicini le istituzioni dovevano salvaguardare tutto il territorio e sicuramente Palmaro si sarebbe mobilitata come lo ha sempre fatto per tutto il territorio

  10. Tutto quello che di bello e di buono è successo e sta succedendo nella zona centrale di Pra’ (Sestieri Praesi di Borgo Foce, Sapello e parte di quello di Longarello) dovrà succedere anche per lo storico sestiere di Pra’ – Palmaro e anche di Cà Nuova (che va dal Casello al Rio San Giuliano/Verrina di Pra’): bisogna essere tutti coesi noi di Pra’, insieme parte di un’unica, storica, bella, sana, comunità, senza alimentare stupide e masochistiche divisioni senza alcuna connessione con la storia e la realtà. Psicologicamente raccomando e suggerisco di non usare più “la e” tra Pra’ e Palmaro: Pra’ è l’ex Comune, Delegazione, che va dal Castelluccio alla Verrina, di cui il sestiere di Palmaro fa storicamente, intimamente parte, metterci di mezzo “una e” e parlare di Pra’ “e” di Palmaro crea senso di divisione e disunione: esattamente quello di cui non abbiamo proprio bisogno. Siamo tutti praesi e dobbiamo pensare e lavorare insieme e in modo coordinato per tutta Pra’. L’unione fa la forza, la divisione fa il gioco di chi non vuole che accada niente. Adesso è il momento, tutti insieme, per recuperare e valorizzare la parte di ponente del nostro litorale, e in particolare e in primis proprio quella di Pra’ – Palmaro, tra il Rio Branega e il Casello Autostradale, e a seguire poi fino alla Verrina, e poi anche l’estremo di levante, dall’ultima rotonda del POR al Castelluccio. Tutti praesi, tutti per il sestiere di Palmaro. Io ci sono, e siamo in tanti, a Pra’ siamo 28.000, e in media un migliaio leggono ogni giorno le pagine di SuPra’tutto. Ce la faremo, e i valori degli immobili saliranno anche per il sestiere di Pra’ – Palmaro. Usiamo il trattino, e non “la e”, e ci sentiremo più uniti. La “Lunga Marcia” per migliorare Pra’ – Palmaro è iniziata da due anni per iniziativa della FondAzione PRimA’vera, e già nel 2012 “Il Praino” lanciava il progetto “Ridiamo il mare a Pra’ – Palmaro”, benissimo avere anche il Comitato Palmaro che si è aggiunto alle realtà associative locali. Bisogna credere in Pra’ Futura, non dividersi e lavorare insieme pr trasformarla in realtà. Non sarà nè facile nè veloce ma il processo è oramai iniziato, e non ci fermeremo più: MISSION IS POSSIBLE ! Un abbraccio a tutti i praesi, e in modo speciale ai praesi di Palmaro.

  11. Guido ha detto il pensiero conclusivo, sul quale sono d’accordissimo, ancora solo 2 riflessioni per Roberto di Somma: se uso un nick name sono scelte mie, non ti riguarda, qui dentro l’un per cento si firma per esteso, tutti gli altri hanno un alias, e cosi’ e’ anche nei commenti di tutte le testate, Repubblica, Corriere, Giornale.
    2) i nomi di chi si batteva nel passato non me li devi dire, io sono nata qui, ed ho visto ogni evoluzione, mentre tu facevi ancora le vasche in via Cantore…peccato che il primo comitato per Palmaro, dal quale e’ risorto il nuovo da te presieduto, ci abbia lasciato in eredità i problemi tali e quale, per tua stessa ammissione:copertura autostradale, casino del porto, strade sgarrupate. In compenso, abbiamo acquisito Villa de’ Mari, ottima struttura per la popolazione, con manifestazioni artistiche e musicali, ma non BASTA! Qualcuno ha guardato da un altra parte, mentre le cose peggioravano anno dopo anno.
    3)Prendo atto che scrivi “Pra’ e Palmaro sono unite,Palmaro fa parte di Pra’, il problema divisione non esiste”, ma ahime’ i social li leggiamo anche noi,alle assemblee ci siamo, quindi è del tutto persistente l’idea distorta dell’antagonismo, perlomeno in alcuni. Ed è cio’ che tanti di noi( vedi i commenti precedenti) da anni cercano di FAR CAPIRE agli abitanti di Palmaro.
    Certo, la colpa e’ delle istituzioni, ma prima di tutto del territorio: quando il Comune lanciò i POR “solo fino a Via Taggia”, ci sarebbe voluta una sollevazione gigantesca di noi abitanti dimenticati, sostenuta fortemente dal Municipio, invece, non e’ successo nulla! GRAVISSIMO, inconcepibile…io ho trovato risposte solo altrove (Fondazione ed i suoi due magazine).
    4) Adesso c’è il Comitato da un paio d’anni , ci 6 tu , quindi speriamo che, insieme ad altre realtà del sestiere, come Consiglio di Comunità Praese, si vada avanti nei nostri obiettivi: un territorio più sano, pulito, vivibile, riqualificato sottop ogni punto di vista.
    5) infine, permettimi, ma la tua sbandierata unione dei comitato della valpolcevera ed il famoso “ruggito del Ponente”, cui ho partecipato, non mi pare abbia raggiunto quei risultati che rivendichiamo…vabbe’, ci siamo contati, abbiamo fatto una bella manifestazione unitaria, ma poi alla fine, i problemi di Pra’ sono diversi da quelli di Multedo, ecc.ra
    L’unica cosa che ci può unire, ed in questo sono d’accordo, è la protesta che non deve cessare per un Ponente devastato dalle servitù industriali…magari servirebbe di più, chesso’, uno sciopero fiscale, perchè malauguratamente paghiamo le stesse tasse di Albaro e Nervi,ma non abbiamo gli stessi servizi!
    Come dice Giuliani ed anche tu stesso, “Figli di un Dio minore?” ANCHE NOOOOOO!!!!

  12. È molto facile sbandierare unioni ma molto più difficile affermarle. Il Comitato Palmaro sarà sempre per l’unità e vorrei fosse chiaro che se qualcuno scrive il contrario non sarà certo per colpa del Comitato. Se poi vogliamo parlare di manifestazioni neanche quella organizzato da Fondazione ha portato a niente quindi smettiamola di comparare l’uno con l’altro perché se vogliamo fare le pulci a tutto fondazione primavera non ha partecipato al nostro Flash mob…quindi? Parola e solo parole.
    Ma torniamo in carreggiata.
    Mia cara Dolcenera, io credo che tu sia una persona attiva e vorrei veramente che ti facessi conoscere, magari ne parliamo in assemblea o davanti un caffè come ho sempre fatto con Guido Barbazza che si firma e ne sono veramente contento, libera di continuare a fare come vuoi, siamo in un paese democratico, ma mentre io facevo le vasche in via Cantore tu non so cosa facessi, ma sicuramente ora stai picchiettando dall’esterno senza che questo porti ad un senso, forse solo destabilizzare questo post.
    Pra’ e Palmaro saranno unite quando una avrà lo stesso trattamento dell’altra perché in famiglia si usa cosi, se dai a un figlio dai anche all’altro altrimenti uno si sente messo da parte…il resto saranno solo discorsi.
    Ora andiamo avanti mia cara Dolcenera e basta con attacchi Guido ed io abbiamo già chiarito non c’è bisogno di andare avanti attaccano Pra’ o Palmaro.

  13. Troppi hanno frainteso.Palmaro,il Comitato,il suo Presidente,non stanno assolutamente conducendo una battaglia contro PRA.Gli abitanti di Palmaro stanno semplicemente cercando di riprendersi un po di vita.Parliamo di porto quanto di autostrada,le lotte che si stanno facendo sono solo ed esclusivamente per continuare ad abitare a Palmaro dignitosamente.Viene per senso che si cerchi di ottenere spazi vivibili tipo quelli di PRA x portare come esempio quello che si vorrebbe.Il presidente del Comitato Palmaro,il comitato tutto e noi abitanti di Palmaro stiamo conducendo battaglie in modo differente rispetto a chi ci ha preceduto e un po di luce in tutto ottimismo la vediamo.
    Ottimo anche il progetto di unione di tutti i comitati del ponente per far capire che purtroppo esiste una Genova di serie A e una di serie B.
    Basterebbe davvero l unione di intenti e non andare controvento.

  14. Wow che panegirici!!!
    Ma certo finiamola li, che rottura di coglioni!
    Nessun paragone tra i flash mob, abbiamo TUTTI partecipato ad entrambi, almeno io e parecchi palmaresi.
    Sono contenta di constatare che l idea di unione e ormai acquisita, e che la stessa sara’ completa solo quando anche Palmaro e Ca’ Nova saranno riqualificate.
    Guardiamo avanti e stop con questi battibecchi che poi il moderatore ci cazzia.
    Meglio commentare gli articoli che i commenti dei commenti dei commenti!!!!

Rispondi a Paola Dramis Annulla risposta

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*